E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un dibattito urgente congiunto sulle conseguenze politiche dell’aggressione da parte della Russia contro l’Ucraina e sulla partecipazione degli atleti russi e bielorussi alle Olimpiadi di Parigi 2024 rappresenterà uno dei momenti salienti della sessione plenaria estiva dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) che si sta svolgendo a Strasburgo (19-23 giugno). È stato inoltre richiesto un dibattito urgente per garantire un accesso libero e sicuro attraverso il corridoio di Lachin.

Interverranno la Presidente della Slovenia Nataša Pirc Musar e il Ministro degli Affari esteri e del Commercio ungherese Péter Szijjártó. Il Ministro degli Affari esteri lettone e Presidente del Comitato dei Ministri Edgars Rinkēvičs, presenterà la sua comunicazione all’Assemblea e risponderà alle domande dei membri, mentre la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić terrà il consueto scambio di domande e risposte.

L’Assemblea terrà anche un dibattito congiunto sul tema della migrazione per discutere tre relazioni sull’integrazione di migranti e rifugiati; sull’inclusione sociale di migranti, rifugiati e sfollati interni attraverso lo sport; e sulla salute e sulla protezione sociale dei lavoratori senza documenti o in situazione di irregolarità.

Altri temi all’ordine del giorno sono: le sfide specifiche dei bielorussi in esilio (con la partecipazione di Sviatlana Tsikhanouskaya, leader dell’opposizione democratica bielorussa); la riforma della legislazione sui diritti umani nel Regno Unito; la repressione transnazionale come minaccia crescente allo Stato di diritto e ai diritti umani. Si terranno anche dibattiti sulla necessità di un approccio olistico all’assistenza sanitaria durante le emergenze sanitarie e sulla chiusura del divario digitale.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Premio Paweł Adamowicz è stato conferito al comune polacco di Michałowo per l’aiuto prestato ai rifugiati alla frontiera con la Bielorussia. L’esito di questa edizione del Premio, creato per promuovere il lascito ideale di Paweł Adamowicz, è stato annunciato a Danzica – dove Adamowicz è stato sindaco per un ventennio – presso il Centro europeo di solidarietà. Il prestigioso riconoscimento sarà consegnato al sindaco di Michałowo Marek Nazarko nel corso della sessione plenaria del CdR dell’8 febbraio a Bruxelles.

Il Premio Paweł Adamowicz, istituito dal Comitato europeo delle regioni in partenariato con il comune di Danzica e la Rete internazionale delle città rifugio (ICORN), viene conferito ai leader – politici o della società civile – locali che, come Paweł Adamowicz, aiutare con coraggio e integrità per soccorrere chi ha bisogno di aiuto e lottano contro l’intolleranza, la radicalizzazione, l’incitamento all’odio, l’oppressione e la xenofobia.

Questa edizione premia il sostegno di primo soccorso prestato da Michałowo e dai suoi cittadini ai migranti che si sono trovati bloccati tra la Polonia e la Bielorussia dopo che, nel settembre 2021, il governo polacco ha imposto lo stato di emergenza in risposta alla sponsorizzazione della migrazione illegale da parte della Bielorussia.

L’amministrazione locale di Michałowo, un comune il cui territorio è situato a ridosso del confine tra Polonia e Bielorussia, ha infatti fornito ai migranti bisognosi – anche con il sostegno di alcune ONG – vestiti, pasti caldi e una sistemazione per la notte. Inoltre, fin dallo scoppio della guerra, famiglie ucraine in fuga vengono ospitate in un alloggio temporaneo fornito dall’amministrazione locale a Bondary, un villaggio in prossimità del confine.

La giuria del Premio ha anche deciso di dedicare una menzione speciale a Oleksandr Babich, sindaco di Hola Prystan (un piccolo comune dell’Ucraina meridionale), detenuto da sei mesi per aver cercato di proteggere la sua comunità: così facendo, la giuria ha inteso onorare Babich in quanto rappresentante di tutti i sindaci ucraini rapiti o torturati dall’inizio dell’invasione russa.

La ristretta rosa di candidati scelti per la selezione finale era composta, oltre che dal vincitore, da:

Vadym Boichenko, sindaco di Mariupol (Ucraina), per l’aiuto prestato agli sfollati dopo la prima invasione russa dell’Ucraina nel 2014 e per il lavoro oggi svolto a sostegno dei residenti di Mariupol che hanno lasciato la città a seguito dell’invasione russa più recente;

I sindaci dell’Ucraina (rappresentati dall’Associazione dei comuni ucraini), per tutti i sindaci coraggiosi di tale paese che, durante la brutale e ingiustificata invasione russa, hanno promosso e promuovono la libertà, i valori democratici, la solidarietà e la lotta contro l’intolleranza e contro l’incitamento all’odio;

SOS Méditerranée, in quanto organizzazione umanitaria europea che contribuisce a proteggere la vita dei migranti che attraversano il Mediterraneo, percorrendo la rotta migratoria più pericolosa al mondo.

La giuria del Premio Paweł Adamowicz comprende rappresentanti di Città e governi locali uniti (CGLU), di Eurocities, del Parlamento mondiale dei sindaci (PMS), del Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa(CEMR), dell’Assemblea delle regioni d’Europa ( ARE), della Conferenza delle assemblee legislative regionali europee (CALRE), della Conferenza delle regioni indipendenti marittime d’Europa (CRPM), del Consiglio d’Europa, del comune di Danzica, dell’ICORN e del Comitato europeo delle regioni (CdR) .

.Pagina web del CdR dedicata al Premio Paweł Adamowicz
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha adottato il 14 dicembre una nuova Raccomandazione rivolta agli Stati membri sui principi in materia di diritti umani e sulle linee guida per la determinazione dell’età nel contesto della migrazione.

I minori rifugiati e migranti sono tra le persone più vulnerabili e più esposte ai rischi nel corso della loro migrazione. Il fatto che non siano in grado di dimostrare la loro età effettiva accresce la loro vulnerabilità e il rischio di essere esposti a violenze, sfruttamento, maltrattamenti o di diventare vittime della tratta di esseri umani. La Raccomandazione è il primo strumento giuridico internazionale che stabilisce norme in materia di diritti umani sulla determinazione dell’età nel contesto della migrazione.

La Raccomandazione include, tra gli altri, il principio di presunzione della minore età per le persone sottoposte alle procedure per l’accertamento dell’età e richiede che gli Stati membri applichino procedure multidisciplinari e basate su prove.

Ricorda agli Stati membri che una perizia medica per la determinazione dell’età dovrebbe essere effettuata unicamente qualora permangano ragionevoli dubbi sull’età presunta della persona, dopo avere esaurito le altre procedure appropriate.

La Raccomandazione adottata, che è stata elaborata dal Comitato direttivo del Consiglio d’Europa per i diritti dell’infanzia (CDENF), contribuisce al raggiungimento delle linee di indirizzo strategico fornite sia dalla Strategia per i diritti dei minori (2022-2027) del Consiglio d’Europa che dal Piano d’azione del Consiglio d’Europa sulla protezione delle persone vulnerabili nel contesto della migrazione e dell’asilo in Europa (2021-2025).
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, ha ospitato il 29 novembre un forum ad alto livello per promuovere una più stretta cooperazione con i paesi e le organizzazioni partner al fine di ampliare le vie sicure e legali per le persone bisognose di protezione.Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Rappresentanti di alto livello degli Stati membri dell’UE, degli Stati Uniti, del Canada e del Regno Unito hanno partecipato, insieme all’UNHCR e all’OIM, alle organizzazioni della società civile, ai rifugiati e alle imprese coinvolte nei percorsi complementari per il lavoro. Il Forum ha affermato la volontà comune di sostenere la protezione alla luce dei conflitti in corso in tutto il mondo. Le discussioni si sono incentrate sulla creazione di programmi più resilienti e sull’offerta di percorsi innovativi legati al lavoro, oltre al reinsediamento.

16 Stati membri dell’UE hanno promesso più di 29 000 posti per il reinsediamento e l’ammissione umanitaria per il 2023, compreso il sostegno continuato e ampliato agli afgani bisognosi di protezione. Una volta attuati, questi impegni attiveranno il sostegno finanziario dell’UE per i programmi di reinsediamento e ammissione umanitaria degli Stati membri. La Commissione ha stanziato a tal fine 480 milioni di euro nel periodo 2023-2025.

Dal febbraio 2022, le persone in Europa hanno aperto le loro case per ospitare coloro che fuggono dall’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia. Questa è stata una dimostrazione di solidarietà senza precedenti. Per fornire orientamenti mirati nell’organizzazione di iniziative di alloggi privati ​​per coloro che fuggono dall’Ucraina, la Commissione ha pubblicato gli orientamenti Case sicure.

Basandosi su questa esperienza, la Commissione europea “continuerà a lavorare per espandere i programmi di sponsorizzazione della comunità per sostenere il reinsediamento, l’ammissione umanitaria e altri percorsi complementari”. La Commissione fornirà sostegno finanziario tramite il Fondo Asilo, migrazione e integrazione alla Federazione internazionale della Croce Rossa (IFRC) per l’attuazione di un progetto per sostenere gli ospiti e sviluppare buone pratiche che possano essere replicate per esigenze future.

Oltre al reinsediamento, il Forum ha sottolineato le opportunità di percorsi complementari legati al lavoro. Questi offrono ai rifugiati qualificati un percorso innovativo verso la protezione e l’accesso al mercato del lavoro dell’UE, contribuendo così a far fronte allo stesso tempo a gravi carenze di manodopera. Gli Stati membri sono stati incoraggiati a sviluppare tali percorsi complementari. La Commissione fornirà nuovi finanziamenti per i progetti transnazionali legati a questa priorità.

La Commissione continuerà a lavorare per sfruttare l’esperienza dei paesi partner internazionali e di altre parti interessate chiave sui programmi di mobilità del lavoro. Ciò include una collaborazione più stretta con la Global Taskforce on Refugee Labour Mobility, una coalizione di partner che mira a promuovere percorsi di lavoro complementari.

All’inizio del 2023 la Commissione pubblicherà un invito a presentare proposte per azioni transnazionali dell’Unione nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione per sostenere la condivisione delle migliori pratiche e la creazione di partenariati per l’integrazione. Ciò includerà il finanziamento di progetti incentrati sulla sponsorizzazione della comunità e percorsi complementari legati al lavoro. Maggiori informazioni saranno disponibili nel programma di lavoro e sul Portale Finanziamenti e Gare.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“A nove mesi dall’inizio della guerra in Ucraina, leggiamo sempre più segnalazioni di presunti crimini di guerra, compresa la violenza sessuale contro donne e ragazze. Lo stupro e altre forme di violenza sessuale commessi dai soldati durante i conflitti sono antichi come la guerra stessa”, così esordisce una dichiarazione di Marija Pejčinović Burić, Segretaria generale del Consiglio d’Europa.

“Pertanto, ha continuato la Segretaria generale, quest’anno celebriamo la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre) con una nota triste. Tuttavia, la straordinaria assistenza offerta da molti dei nostri Stati membri a milioni di persone forzatamente sfollate ci dà speranza. L’espressione di sostegno da parte delle autorità nazionali e locali e delle persone è rincuorante. Degli oltre sette milioni di rifugiati finora, il 90% è composto da donne, ragazze e minori, che sono particolarmente vulnerabili alla violenza sessuale e alla tratta di esseri umani. Per le persone che sono già state vittime di tali reati, dobbiamo raddoppiare gli sforzi al fine di migliorare l’assistenza che viene loro offerta. E dobbiamo essere preparati per l’assistenza futura”.

“Le vittime affrontano una terribile umiliazione e un’ampia serie di rischi, dalle gravidanze indesiderate e le infezioni sessualmente trasmissibili ai traumi psicologici e fisici, ha continuato Marija Pejčinović Burić. Gli ospedali e i medici devono avere gli strumenti necessari per affrontare lo stupro nell’ambito di una risposta multi-agenzia coordinata e devono essere garantiti esami medici e forensi, come anche un’assistenza per i traumi immediata e a lungo termine. I rifugiati vittime di violenza di genere hanno bisogno di accedere a questo tipo di sostegno e consulenza in una lingua che padroneggiano e che capiscono”.

Come constatato in conflitti precedenti, “una consulenza specializzata sarà necessaria per affrontare i traumi persistenti al fine di ridurre la stigmatizzazione e una vittimizzazione secondaria che si possono sviluppare nel tempo. Infatti, la violenza sessuale nelle aree di conflitto ha delle conseguenze sia immediate sia a lungo termine, come evidenziato ad esempio nei rapporti pubblicati questo mese dal GREVIO, l’organismo di esperti indipendenti del Consiglio d’Europa responsabile del monitoraggio dell’attuazione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, nota anche come Convenzione di Istanbul)”, ha concluso la segretaria generale.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il numero di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati in tutto il mondo non è mai stato così alto come nel 2022 e donne e bambini affrontano maggiori vulnerabilità e violenze nel corso della migrazione. È quanto emerge dal rapporto sull’accoglienza delle donne e dei bambini rifugiati nelle città e nelle regioni europee, adottato recentemente dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa.

Il rapporto sottolinea i limiti delle strutture di accoglienza di massa, spesso inadatte, e propone buone pratiche per le autorità locali in materia di alloggi, assistenza sanitaria e istruzione, al fine di garantire un’accoglienza sicura e il rispetto dei diritti umani delle donne e dei bambini in fuga dai propri paesi.

Si stima che donne e bambini costituiscano il 90% degli ucraini fuggiti all’estero dall’inizio dell’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina. Il rapporto tiene conto in particolare dei risultati di una visita effettuata in Polonia a luglio per raccogliere le esperienze delle città polacche che accolgono migliaia di donne e bambini ucraini.

Per garantire la protezione a lungo termine delle donne, dei bambini rifugiati e dei richiedenti asilo, il Congresso incoraggia le autorità locali e regionali a cooperare con gli altri livelli di governance e le organizzazioni della società civile e a sviluppare politiche di accoglienza rispettose del genere e a misura di bambino.

Il Congresso esorta le autorità nazionali a istituire meccanismi di finanziamento chiari e trasparenti in modo che le autorità locali e regionali possano fornire strutture di accoglienza di alta qualità per donne e bambini rifugiati e anche per facilitare la raccolta e la condivisione di dati rilevanti sui rifugiati in arrivo.

La Rappresentante speciale del Segretario generale del Consiglio d’Europa su migrazione e rifugiati, Leyla Kayacik, ha condiviso i risultati delle sue missioni conoscitive in diversi paesi europei. Ha chiesto che gli enti locali e regionali in Europa non siano lasciati soli nel garantire la protezione delle donne e dei bambini rifugiati. “È necessario il coinvolgimento di tutte le parti interessate”, ha concluso.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, ha oggi annunciato che Angela Merkel, ex Cancelliere federale della Germania, riceverà il Premio Nansen per i Rifugiati dell’UNHCR 2022. Ogni anno questo premio – che prende il nome dal norvegese Fridtjof Nansen, esploratore, scienziato, diplomatico e umanitario – viene assegnato ad un individuo, un gruppo o un’organizzazione per il loro straordinario impegno per proteggere i rifugiati, gli sfollati interni e le persone apolidi.

Lo rende. noto il servizio stampa del Consiglio d’Europa.

Sotto la guida dell’allora Cancelliere federale Merkel, la Germania ha accolto più di 1,2 milioni di rifugiati e richiedenti asilo nel 2015 e nel 2016, all’apice del conflitto in Siria e mentre terribili violenze si scatenavano in altri luoghi.

All’epoca, lallora Cancelliere disse: “Era una situazione che metteva alla prova i nostri valori europei come raramente era accaduto prima. Era né più né meno un dovere umanitario”. L’allora Cancelliere invitò i suoi concittadini tedeschi a rifiutare il nazionalismo divisivo e li esortò invece a essere “sicuri di sé e liberi, compassionevoli e di larghe vedute”.

Filippo Grandi, Alto Commissario ONU per i Rifugiati, ha lodato la determinazione dell’ex Cancelliere federale Merkel nel proteggere i richiedenti asilo e nel difendere i diritti umani, i principi umanitari e il diritto internazionale. “Aiutando più di un milione di rifugiati a sopravvivere e a ricostruire le loro vite, Angela Merkel ha dato prova di grande coraggio morale e politico”, ha dichiarato Grandi. “È stata una vera leader, che ha fatto appello alla nostra comune umanità, opponendosi fermamente a coloro che predicavano la paura e la discriminazione. Ha dimostrato cosa si può ottenere quando i politici intraprendono la giusta linea d’azione e lavorano per trovare soluzioni alle sfide del mondo, invece di scaricare semplicemente la responsabilità su altri”.

La commissione selezionatrice ha dichiarato di riconoscere la “leadership, il coraggio e la compassione” dell’ex Cancelliere federale Merkel “nell’assicurare la protezione di centinaia di migliaia di persone disperate”, nonché i suoi sforzi per trovare “soluzioni praticabili a lungo termine” per le persone in cerca di sicurezza.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito di IncluCities rende noto di aver partecipato all’International Metropolis Conference a Berlino ed ha pubblicato sul proprio sito una interessante testimonianza che riportiamo integralmente. Ricordiamo che con il progetto IncluCities, al quale partecipano AICCRE ed il Comune di Capaci, otto città europee e associazioni dei governi locali stanno unendo le loro forze per migliorare l’integrazione dei migranti. L’iniziativa, gestita dal CCRE/CEMR, mette in coppia una città esperta con un’altra meno esperta per imparare a trovare e diffondere soluzioni locali sostenibili.

Berlino è conosciuta come una città multiculturale in cui un bambino su due ha un background migratorio. In questa città, la migrazione colpisce tutti i livelli politici e di vita quotidiana poiché hanno una legge che consente la partecipazione sociale dei migranti. I migranti svolgono un ruolo importante nella città.

Le autorità locali lavorano fianco a fianco con le ONG e la società civile e capiscono la situazione sul campo. Ecco perché hanno più voce in capitolo sulla questione. Nella gestione delle crisi, il livello locale è strategico, ha spiegato Katarina Niewiedzial, Commissario del Senato di Berlino per l’Integrazione e la Migrazione.

” Tuttavia, siamo molto lenti e facciamo ancora molte cose sulla carta. C’è ancora molto che possiamo imparare sulle soluzioni digitali in migrazione da altre città, come Varsavia” .

LA CONDIVISIONE DELLA CONOSCENZA È UN PROCESSO A DUE VIE
Al contrario, imparare dalle migliori pratiche e dall’esperienza di Berlino ha aiutato la città di Varsavia a costruire una risposta più efficiente e completa ai flussi migratori. Con oltre 3 milioni di rifugiati ucraini, la Polonia era in pericolo. Tuttavia, con ottocentomila rifugiati che hanno colpito Varsavia, hanno avuto bisogno di meno di 12 ore per mettere a punto un piano per la gestione della crisi che funzionasse. Pur disponendo di risorse minime o assenti e dipendendo dal sostegno di varie organizzazioni, società civile e ONG, si sono concentrati sull’integrazione e sul mercato del lavoro sin dall’inizio. ” Più della metà dei rifugiati adulti, principalmente donne, è riuscita a trovare un lavoro in città in quattro mesi”, ha affermato Tomasz Pactwa, Direttore del Dipartimento Progetti e Affari Sociali della città di Varsavia.

Gli atteggiamenti pubblici sono stati un altro elemento vitale che hanno affrontato per prevenire la propaganda negativa sui rifugiati. Dopo aver condotto un’indagine, hanno identificato ciò di cui le persone hanno paura e affrontato paure, come il sovraffollamento in città o il tasso di criminalità nelle loro campagne di comunicazione. Ha dato i suoi frutti quando la narrativa è cambiata e la solidarietà ha prevalso.

STRUMENTO PER I POPULISTI
Non tutte le città hanno storie positive da raccontare. Il Libano è il Paese con il maggior numero di rifugiati pro capite. Hanno dovuto affrontare una delle peggiori crisi economiche e finanziarie degli ultimi 150 anni, con la maggior parte dei residenti che sono caduti sotto la soglia di povertà e hanno un accesso limitato ai mezzi di sussistenza. I rifugiati nel Paese non sono un problema da risolvere ma piuttosto uno strumento per le élite politiche per ottenere voci populiste e diffondere idee sbagliate. ” È presente un allarmante aumento di discriminazioni, molestie e violenze contro i rifugiati “, ha sottolineato Fatima A. Ibrahim, Direttore Esecutivo del progetto Refugees=Partners (Libano e Siria)

CAMBIARE LA PERCEZIONE DELLA MIGRAZIONE
Dall’altra, Gaziantep, al confine con la Siria, ospita mezzo milione di profughi; un quinto della popolazione della città sono nuovi arrivati. Dal 2015 hanno adattato i loro servizi alla situazione stabilendo principi locali sulla risposta dei rifugiati che non lasciano indietro nessuno e includono una pianificazione sensibile ai conflitti. Hanno aperto un dipartimento di gestione della migrazione, un centro di ricerca sociale, unità sanitarie, centri comunitari, centri artistici e professionali, un centro di solidarietà e responsabilizzazione delle donne, un centro di riabilitazione e aiuti umanitari. “ A Gaziantep crediamo che la migrazione non sia un problema da risolvere, ma una realtà da gestire”, ha spiegato saggiamente Önder Yalçın, Direttore del dipartimento migrazioni per la città di Gaziantep (Turchia).

IMPARARE L’UNO DALL’ALTRO
L’inclusione avviene a livello locale e rappresenta un’enorme sfida per le comunità locali che mancano di capacità, conoscenze e risorse finanziarie. ” Questo è il motivo per cui abbiamo iniziato con il progetto EU IncluCities, per consentire un vivido scambio di buone pratiche tra città mentori e mentee per migliorare l’inclusione locale”, ha osservato Maria Grazia Montella, responsabile migrazione del CCRE. La risposta delle parti interessate sul campo, delle città, delle loro reti di supporto e delle associazioni LRG è sorprendentemente buona. In due anni e mezzo le città hanno già avviato un processo di cambiamento: una replica del progetto belga #Amicidirifugiati nella cittadina siciliana di Capaci, un organismo di consulenza per i migranti alla città per costruire insieme a loro politiche nella Levadia greca, e una creazione di una casa delle donne a Saint Jean de la Ruelle in Francia per stabilire l’integrazione dei rifugiati con un approccio sensibile al genere. In risposta alla crisi dei rifugiati ucraini, avendo solo pochi rifugiati e ricevendo improvvisamente oltre un migliaio di rifugiati, Jelgava è riuscita a creare da zero un centro operativo di informazione e accoglienza per i nuovi arrivati.

Ogni città ha dinamiche e strutture diverse, ma i fondamenti per affrontare la migrazione attraverso una lente di inclusione e rispetto dei diritti umani sono stati il ​​fulcro di una gestione di successo a livello locale. E quando le cose funzionano bene, dovremmo assicurarci che vengano replicate o utilizzate come ispirazione in altri contesti locali.
0

PREVIOUS POSTSPage 2 of 4NEXT POSTS