E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito di IncluCities rende noto di aver partecipato all’International Metropolis Conference a Berlino ed ha pubblicato sul proprio sito una interessante testimonianza che riportiamo integralmente. Ricordiamo che con il progetto IncluCities, al quale partecipano AICCRE ed il Comune di Capaci, otto città europee e associazioni dei governi locali stanno unendo le loro forze per migliorare l’integrazione dei migranti. L’iniziativa, gestita dal CCRE/CEMR, mette in coppia una città esperta con un’altra meno esperta per imparare a trovare e diffondere soluzioni locali sostenibili.

Berlino è conosciuta come una città multiculturale in cui un bambino su due ha un background migratorio. In questa città, la migrazione colpisce tutti i livelli politici e di vita quotidiana poiché hanno una legge che consente la partecipazione sociale dei migranti. I migranti svolgono un ruolo importante nella città.

Le autorità locali lavorano fianco a fianco con le ONG e la società civile e capiscono la situazione sul campo. Ecco perché hanno più voce in capitolo sulla questione. Nella gestione delle crisi, il livello locale è strategico, ha spiegato Katarina Niewiedzial, Commissario del Senato di Berlino per l’Integrazione e la Migrazione.

” Tuttavia, siamo molto lenti e facciamo ancora molte cose sulla carta. C’è ancora molto che possiamo imparare sulle soluzioni digitali in migrazione da altre città, come Varsavia” .

LA CONDIVISIONE DELLA CONOSCENZA È UN PROCESSO A DUE VIE
Al contrario, imparare dalle migliori pratiche e dall’esperienza di Berlino ha aiutato la città di Varsavia a costruire una risposta più efficiente e completa ai flussi migratori. Con oltre 3 milioni di rifugiati ucraini, la Polonia era in pericolo. Tuttavia, con ottocentomila rifugiati che hanno colpito Varsavia, hanno avuto bisogno di meno di 12 ore per mettere a punto un piano per la gestione della crisi che funzionasse. Pur disponendo di risorse minime o assenti e dipendendo dal sostegno di varie organizzazioni, società civile e ONG, si sono concentrati sull’integrazione e sul mercato del lavoro sin dall’inizio. ” Più della metà dei rifugiati adulti, principalmente donne, è riuscita a trovare un lavoro in città in quattro mesi”, ha affermato Tomasz Pactwa, Direttore del Dipartimento Progetti e Affari Sociali della città di Varsavia.

Gli atteggiamenti pubblici sono stati un altro elemento vitale che hanno affrontato per prevenire la propaganda negativa sui rifugiati. Dopo aver condotto un’indagine, hanno identificato ciò di cui le persone hanno paura e affrontato paure, come il sovraffollamento in città o il tasso di criminalità nelle loro campagne di comunicazione. Ha dato i suoi frutti quando la narrativa è cambiata e la solidarietà ha prevalso.

STRUMENTO PER I POPULISTI
Non tutte le città hanno storie positive da raccontare. Il Libano è il Paese con il maggior numero di rifugiati pro capite. Hanno dovuto affrontare una delle peggiori crisi economiche e finanziarie degli ultimi 150 anni, con la maggior parte dei residenti che sono caduti sotto la soglia di povertà e hanno un accesso limitato ai mezzi di sussistenza. I rifugiati nel Paese non sono un problema da risolvere ma piuttosto uno strumento per le élite politiche per ottenere voci populiste e diffondere idee sbagliate. ” È presente un allarmante aumento di discriminazioni, molestie e violenze contro i rifugiati “, ha sottolineato Fatima A. Ibrahim, Direttore Esecutivo del progetto Refugees=Partners (Libano e Siria)

CAMBIARE LA PERCEZIONE DELLA MIGRAZIONE
Dall’altra, Gaziantep, al confine con la Siria, ospita mezzo milione di profughi; un quinto della popolazione della città sono nuovi arrivati. Dal 2015 hanno adattato i loro servizi alla situazione stabilendo principi locali sulla risposta dei rifugiati che non lasciano indietro nessuno e includono una pianificazione sensibile ai conflitti. Hanno aperto un dipartimento di gestione della migrazione, un centro di ricerca sociale, unità sanitarie, centri comunitari, centri artistici e professionali, un centro di solidarietà e responsabilizzazione delle donne, un centro di riabilitazione e aiuti umanitari. “ A Gaziantep crediamo che la migrazione non sia un problema da risolvere, ma una realtà da gestire”, ha spiegato saggiamente Önder Yalçın, Direttore del dipartimento migrazioni per la città di Gaziantep (Turchia).

IMPARARE L’UNO DALL’ALTRO
L’inclusione avviene a livello locale e rappresenta un’enorme sfida per le comunità locali che mancano di capacità, conoscenze e risorse finanziarie. ” Questo è il motivo per cui abbiamo iniziato con il progetto EU IncluCities, per consentire un vivido scambio di buone pratiche tra città mentori e mentee per migliorare l’inclusione locale”, ha osservato Maria Grazia Montella, responsabile migrazione del CCRE. La risposta delle parti interessate sul campo, delle città, delle loro reti di supporto e delle associazioni LRG è sorprendentemente buona. In due anni e mezzo le città hanno già avviato un processo di cambiamento: una replica del progetto belga #Amicidirifugiati nella cittadina siciliana di Capaci, un organismo di consulenza per i migranti alla città per costruire insieme a loro politiche nella Levadia greca, e una creazione di una casa delle donne a Saint Jean de la Ruelle in Francia per stabilire l’integrazione dei rifugiati con un approccio sensibile al genere. In risposta alla crisi dei rifugiati ucraini, avendo solo pochi rifugiati e ricevendo improvvisamente oltre un migliaio di rifugiati, Jelgava è riuscita a creare da zero un centro operativo di informazione e accoglienza per i nuovi arrivati.

Ogni città ha dinamiche e strutture diverse, ma i fondamenti per affrontare la migrazione attraverso una lente di inclusione e rispetto dei diritti umani sono stati il ​​fulcro di una gestione di successo a livello locale. E quando le cose funzionano bene, dovremmo assicurarci che vengano replicate o utilizzate come ispirazione in altri contesti locali.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le città e i paesi europei stanno facilitando l’accesso ai professionisti della salute mentale e al supporto psicologico per gli sfollati ucraini, oltre a misure pratiche relative all’istruzione e all’alloggio. Lo scrive il sito del CEMR in un approfondimento della situazione in Ucraina.

Mentre la guerra si avvicina al suo settimo mese, scrive il CEMR, attivisti per i rifugiati ed esperti di salute mentale hanno anche avvertito che il bilancio della salute mentale su coloro che sono fuggiti dal paese non deve essere trascurato.

Secondo gli esperti, informa il CEMR, l’improvviso spostamento causato dal conflitto ha aumentato la prevalenza di condizioni di salute mentale, tra cui disturbo da stress post-traumatico, depressione e ansia.

Ad aprile, la Commissione europea ha mobilitato 9 milioni di euro dal programma EU4Health per aiutare la Croce Rossa e altre ONG a offrire supporto per la salute mentale e i traumi ai rifugiati ucraini.

“È importante vedere la situazione degli sfollati in modo olistico, compreso il bisogno di supporto per la salute mentale”, hanno detto a EURACTIV funzionari della Commissione.

Secondo i funzionari, quattordici paesi dell’UE offrono attualmente servizi di salute mentale e supporto psicosociale ai cittadini ucraini.

Tuttavia, mentre “i nostri governi e le organizzazioni internazionali offrono molte soluzioni, alcuni problemi non possono essere risolti con un approccio dall’alto”, ha affermato Maria Trybus, una giovane attivista del Consiglio polacco della gioventù.

Secondo lei, le città e la società civile possono aiutare i rifugiati “creando spazi sicuri dove poter parlare dei loro bisogni, delle loro preoccupazioni”.

Trybus ha co-fondato “You Have A Friend In Me”, una piattaforma online che collega giovani polacchi e ucraini.

L’idea alla base è quella di “creare un sostituto della normalità e una sorta di rete di sicurezza improvvisata”, ha spiegato durante il World Urban Forum di Katowice.

Alcuni comuni europei hanno anche preso l’iniziativa di fornire supporto psicologico ai rifugiati, sebbene le competenze sanitarie generalmente ricadano sul governo nazionale.

Ad esempio, la città di Milano sostiene i rifugiati ucraini ospitati nelle strutture comunali attraverso squadre di assistenza, tra cui psicologi, per affrontare i bisogni primari e il benessere mentale.

“Ciò permette di monitorare la situazione e identificare possibili situazioni di malessere e disagio che richiedono un’assistenza specifica”, ha detto a EURACTIV Lamberto Bertolé, assessore al welfare e salute del comune di Milano.

Inoltre, la città ha organizzato attività con un teatro locale per aiutare gli ucraini a elaborare il trauma causato dalla guerra nel loro paese d’origine. Il comune si avvale di una rete di associazioni per raggiungere quelle ospitate da famiglie.

L’ articolo completo di EurActiv
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
A Murcia, il progetto europeo “SEFCARM” offre formazione e consulenza ai rifugiati svolta da ONG e dal Servizio di occupazione e formazione spagnolo.

Ogni rifugiato beneficiario del progetto ha un unico punto di contatto e può beneficiare di un piano di formazione su misura che tenga conto delle sue competenze linguistiche e matematiche. Il progetto ha vinto un RegioStars Award nel 2018 e nel contesto attuale aiuta anche i rifugiati ucraini nelle regioni

. I rifugiati nella regione spagnola di Murcia stanno ricevendo piani personali e supporto “sportello unico” per trovare lavoro e stabilirsi nella comunità locale.

Un programma di integrazione e inclusione del Servizio regionale per l’occupazione e la formazione (SEF) di Murcia offre corsi, aiuto per ottenere documenti e abbinamenti di lavoro adatti alle esigenze di ciascun rifugiato. Anche il Servizio spagnolo per le politiche sociali, la SEF e quattro ONG contribuiscono con personale e servizi esperti, mentre le imprese partecipanti ricevono consigli su come assumere i rifugiati. I rifugiati possono integrarsi più facilmente, mentre la regione può sfruttare appieno le loro competenze.

Progetto per integrazione personalizzata nel mercato del lavoro e inclusione sociale per i rifugiati a Murcia

Attraverso il progetto un assistente sociale prepara prima un piano per ogni rifugiato partecipante per aiutarlo a superare le barriere alla vita in Spagna. Il supporto pratico può includere lezioni di spagnolo, corsi sulla vita spagnola e l’aiuto di un consulente del lavoro SEF per candidarsi per un lavoro che corrisponda alle proprie competenze.

L’assistente sociale, in stretto contatto con il consulente del lavoro, è l’unico punto di contatto del rifugiato per tutte le organizzazioni del piano e aiuta i rifugiati a rimanere sulla buona strada nella loro ricerca di lavoro. Quasi la metà di tutti i rifugiati in età lavorativa si trova ora in questo programma, migliorando le loro possibilità di successo.
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La politica di coesione è fondamentale per superare la crisi del COVID-19, per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 e per ridurre le disparità in Europa. La sfida più seria per il prossimo futuro, tuttavia, è la guerra in Ucraina, avverte il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) in un recente parere.Lo rende noto il sito del CESE. “È necessaria un’azione rapida per aiutare i rifugiati e garantire l’integrazione europea del paese”.

Nel suo parere, il CESE sottolinea il suo forte sostegno all’adesione dell’Ucraina all’UE senza indugio e chiede che la politica di coesione e i suoi strumenti finanziari siano adeguati di conseguenza. In termini pratici, suggerisce di creare un fondo UE separato per facilitare la ricostruzione e lo sviluppo del dopoguerra.

Approvato nella sessione plenaria del CESE di maggio, il parere analizza una comunicazione della Commissione europea sulla sua relazione Coesione in Europa verso il 2050 . Un’ampia fonte di informazioni, il rapporto è stato pubblicato due settimane prima dell’invasione russa dell’Ucraina e quindi non ha tenuto conto delle sue ramificazioni, puntualizza il Comitato.

Mentre a lungo termine, la coesione sociale, economica e territoriale è fondamentale per raggiungere un continente a impatto climatico zero entro il 2050, a breve e medio termine la sfida più grande per la politica di coesione è l’aggressione della Russia contro l’Ucraina, che di fatto è anche un atto di aggressione contro l’Unione europea , ha affermato la relazione CESE.

La rapida istituzione di strumenti specifici nel quadro della politica di coesione, come un fondo separato dell’UE per la ricostruzione postbellica e la modernizzazione dell’Ucraina , sarà un elemento chiave per garantire l’adesione dell’Ucraina all’UE il più rapidamente possibile, ha aggiunto la relazione.

Per aiutare gli ucraini in fuga dalla guerra, il CESE esorta gli Stati membri, le regioni dell’UE e la società civile organizzata a sfruttare nel modo più efficace e rapido le opportunità create dall’azione della politica di coesione per i rifugiati in Europa (CARE) e dall’assistenza alla ripresa per la coesione e il Strumenti dei Territori d’Europa (REACT-EU). Questo sostegno dovrebbe essere distribuito principalmente dalle organizzazioni della società civile, comprese le ONG specializzate.

Visti i massicci contributi allo sforzo di soccorso dei profughi da parte di tali organizzazioni dei paesi confinanti con l’Ucraina, il CESE invita inoltre gli Stati membri a “rafforzare in modo significativo il loro sostegno, sia organizzativo che finanziario, a questi gruppi, anche attraverso i fondi dell’UE”.

Il superamento dell’attuale crisi della Covid-19 rappresenta anche una sfida molto seria per la politica di coesione, ma è fondamentale per garantire che l’UE emerga più forte, sottolinea il CESE, aggiungendo che è assolutamente essenziale evitare la creazione di un'”Europa a due velocità”.

La politica di coesione rimane ancora uno strumento fondamentale per la ripresa e la resilienza dell’economia europea e l’attenzione particolare dovrebbe essere rivolta alle PMI, afferma la relazione.

In futuro, il CESE ritiene pertanto particolarmente importante investire di più nelle competenze, stimolare la creatività e l’imprenditorialità delle persone, migliorare l’istruzione formale e promuovere l’apprendimento permanente, prestando particolare attenzione alle PMI, per aiutare i lavoratori ad adattarsi alla transizione verde e digitale.

In termini di decarbonizzazione dell’economia, il CESE osserva che il passaggio a un modello di produzione più rispettoso dell’ambiente e socialmente vantaggioso sarà raggiunto solo promuovendo la transizione ecologica delle imprese, dei metodi di lavoro e del mercato del lavoro in generale.

Il parere invita inoltre gli Stati membri e le regioni dell’UE a coinvolgere le parti sociali e le altre organizzazioni della società civile nel modo più ampio e genuino possibile nell’elaborazione della politica di coesione e nel monitoraggio dei suoi effetti.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato consultivo della Convenzione-quadro del Consiglio d’Europa per la protezione delle minoranze nazionali (FCNM) ha condannato con la massima fermezza l’aggressione della Federazione russa contro l’Ucraina e “deplora l’utilizzo da parte delle autorità russe delle questioni associate ai diritti delle minoranze come pretesto per l’invasione”. Lo rende noto un comunicato stampa del Consiglio d’Europa.

Il Comitato esprime profonda preoccupazione per il fatto che la guerra abbia esacerbato la situazione delle relazioni interetniche in Ucraina.

In una dichiarazione adottata durante la sua sessione plenaria la scorsa settimana, il Comitato ha espresso costernazione per la perdita di vite umane e le sofferenze causate dalla guerra, che colpisce anche le persone appartenenti a minoranze nazionali nelle aree interessate dal conflitto, gli sfollati interni e i rifugiati.

“L’Ucraina è un paese multietnico e nelle regioni più devastate a est e a sud del paese vivono molte minoranze nazionali”, ha osservato il Comitato consultivo, unendosi alla Segretaria generale del Consiglio d’Europa nel condannare le barbare violenze commesse contro donne e bambini.

“Il Comitato consultivo esprime profonda preoccupazione per il fatto che la guerra abbia esacerbato la situazione delle relazioni interetniche in Ucraina, accentuando la sfiducia tra le persone che si identificano etnicamente come russe e la maggior parte della popolazione. Questo avrà un impatto anche sulle persone che si identificano come appartenenti ad altre minoranze nazionali o come ucraine ma utilizzano il russo come principale lingua di comunicazione”, si legge nella dichiarazione.

L’aggressione viola non solo gli obblighi della Russia previsti dallo Statuto del Consiglio d’Europa, ma è inoltre contraria ai principi della Convenzione-quadro e questa contraddizione “è estremamente netta”, ha sottolineato il Comitato. Secondo la Convenzione-quadro, la protezione delle minoranze nazionali è parte integrante della protezione internazionale dei diritti umani e le disposizioni della Convenzione “devono essere applicate in buona fede, in uno spirito di comprensione e tolleranza e in conformità ai principi di buon vicinato, relazioni amichevoli e cooperazione tra gli Stati”.

Come conseguenza dell’aggressione, la Federazione russa è stata esclusa dal Consiglio d’Europa. Essendo la Convenzione-quadro aperta a Stati non membri, la Federazione russa rimane parte contraente di tale convenzione ed è pertanto vincolata dai relativi obblighi e soggetta alla relativa procedura di monitoraggio. In questo contesto e se le circostanze lo permettono, il Comitato consultivo continuerà a seguire da vicino le ripercussioni di questi sviluppi sulle minoranze nazionali nella Federazione russa.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR affronta il tema del ruolo dei governi locali e regionali nell’accoglienza dei rifugiati ucraini.

Molte donne, minori e uomini anziani si stanno insediando all’interno dei confini dell’Unione Europea. Ad oggi, informa il CEMR, oltre 5,5 milioni di ucraini sono stati costretti a lasciare il proprio Paese. Cercano rifugio soprattutto nei paesi di confine dell’UE, come Polonia e Romania.

L’attivazione da parte dell’UE della sua direttiva sulla protezione temporanea (TPD) all’inizio di marzo 2022 ha dimostrato la volontà unanime dei governi nazionali di accogliere i rifugiati ucraini. Garantisce protezione immediata e temporanea alle persone in fuga dalla guerra in Ucraina per un anno, prorogabile automaticamente per periodi di sei mesi fino a un massimo di tre anni.

Ma quali sono le responsabilità dei governi locali e regionali, in particolare in settori quali la salute, l’alloggio e l’occupazione?

L’analisi del ruolo degli enti locali nella Direttiva Protezione Temporanea dal sito del Progetto IncluCities.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio d’Europa informa in un comunicato stampa che le nuove linee guida dell’organismo antitratta del Consiglio d’Europa, GRETA, forniranno ai paesi europei gli orientamenti necessari per proteggere i rifugiati ucraini dai trafficanti e per individuare potenziali vittime.

Questa iniziativa fa seguito a segnalazioni di sospetti casi di tratta in un contesto in cui la guerra causa uno spostamento senza precedenti di persone, il 90% delle quali è composto da donne e bambini.

Le linee guida coprono questioni come:

garantire che le persone siano registrate in ogni punto di transito, soprattutto se non sono in possesso di documenti di identità o residenza;

impiegare presso i valichi di frontiera e gli snodi dei trasporti personale appositamente formato, tra cui funzionari donne;

controllare e registrare i volontari per garantire che le persone vengano accolte in un ambiente sicuro;

fornire informazioni chiare in diverse lingue;

istituire o potenziare linee di assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7;

monitorare i settori ad alto rischio come ospitalità, agricoltura, pulizie, consegne di cibo, autolavaggi o centri massaggi.

Le linee guida offrono orientamenti specifici su come tutelare i minori e sottolineano la necessità di un approccio che tenga conto del genere, ad esempio mettendo a disposizione strutture separate per uomini e donne.
0

In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Associazione delle città polacche ha preparato un questionario affinché i suoi membri abbiano una panoramica generale della condizione dei rifugiati ucraini in Polonia e degli aiuti forniti dalle città polacche all’Ucraina, comprese le città gemellate. Lo rende noto il sito del CEMR.

Le informazioni raccolte contribuiranno alla pianificazione a medio e lungo termine per rispondere ai bisogni dei rifugiati, ad esempio per quanto riguarda il nuovo anno scolastico, l’alloggio durante l’autunno-inverno e l’accesso a posti di lavoro permanenti.

L’ONU stima che oltre 5,3 milioni di ucraini siano fuggiti dal loro paese a causa dell’invasione russa. Di questi oltre la metà, quasi 3 milioni, sono andati in Polonia. L’accoglienza e l’integrazione di questa popolazione vulnerabile è, per le sue dimensioni, una grande sfida per il paese dell’Europa centrale.

PAGINA AICCRE SULL’UCRAINA
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS