E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Alla vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), la Commissione europea ha annunciato il 24 novembre il numero armonizzato a livello dell’UE per le linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne : 116 016.

Le donne vittime di violenza potranno chiamare lo stesso numero in tutta l’UE per ottenere consulenza e sostegno. Finora, 15 Stati membri si sono impegnati a collegare a questo numero la loro attuale linea di assistenza per le vittime di violenza contro le donne. Il termine entro il quale gli Stati membri devono riservare il numero comune dell’UE per connettersi alle linee di assistenza nazionali è la fine di aprile 2023.

Per maggiori informazioni

UE: Porre fine alla violenza di genere

Scheda informativa UE– Sostenere la parità di genere

Sito web – Numero europeo di linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea, insieme all’impresa comune europea per il calcolo ad alte prestazioni (EuroHPC JU), al ministero italiano dell’Università e della ricerca e al consorzio CINECA, ha inaugurato il 24 novembre l’ultimo supercomputer europeo: LEONARDO, situato presso il Tecnopolo di Bologna.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissine europea.
LEONARDO è un sistema di supercalcolo di livello mondiale, sviluppato e assemblato in Europa. Quando sarà completamente operativo, avrà una potenza di calcolo di quasi 250 petaflop (250 milioni di miliardi di calcoli al secondo). LEONARDO è attualmente classificato come il quarto supercomputer più potente al mondo Si tratta di un investimento congiunto di 120 milioni di euro, metà dei quali provenienti dalla Commissione e l’altra metà dal Ministero dell’Università e della Ricerca italiano e dal consorzio CINECA composto da altri cinque paesi EuroHPC partecipanti (Austria, Grecia, Ungheria, Slovacchia e Slovenia).

LEONARDO è il secondo dei supercomputer pre-esascala europei ad essere messo in funzione, dopo LUMI a Kajaani, in Finlandia. Combina componenti di calcolo ad alte prestazioni all’avanguardia e l’uso dell’intelligenza artificiale per eseguire compiti altamente complessi . In quanto tale, consentirà una ricerca senza precedenti sul cancro e la scoperta di farmaci, la comprensione del funzionamento del cervello umano, la scoperta di tecnologie energetiche pulite, l’elaborazione di modelli climatici più precisi, nonché l’aiuto nella previsione e nel monitoraggio di disastri naturali e pandemie.

Il sistema di supercalcolatore LEONARDO punta sulla sostenibilità ambientale ed è dotato di strumenti che consentono un adeguamento dinamico del consumo energetico, garantendo così un equilibrio intelligente e ottimale tra risparmio energetico e prestazioni . Inoltre, utilizza un sistema di raffreddamento ad acqua per una maggiore efficienza energetica.

I servizi informatici forniti da CINECA con LEONARDO saranno ulteriormente potenziati dall’integrazione di un computer quantistico, poiché CINECA è stata selezionata anche come entità ospitante per uno dei primi computer quantistici costruiti in Europa.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Vertice Mondiale per l’Ucraina si terrà a Rzeszow, in Polonia, dal 7 al 9 dicembre 2022, sotto il patrocinio della Segretaria Generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić, e con la partecipazione della Presidente del Congresso dei Poteri Locali e regionali, Leendert Verbeek.

Il vertice affronterà aspetti chiave dell’assistenza umanitaria internazionale all’Ucraina e mira a rafforzare la cooperazione tra organizzazioni non governative, autorità locali, imprese e istituzioni governative.

Riunirà più di 70 ONG, rappresentanti delle autorità nazionali, nonché sindaci di città ucraine di piccole e medie dimensioni desiderose di stabilire partenariati con città europee al fine di sviluppare progetti di ricostruzione e rafforzamento delle capacità.

Il Congresso del Consiglio d’Europa sul proprio sito incoraggia i suoi membri a partecipare a questo evento e ad impegnarsi in partenariati con le città ucraine.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“A nove mesi dall’inizio della guerra in Ucraina, leggiamo sempre più segnalazioni di presunti crimini di guerra, compresa la violenza sessuale contro donne e ragazze. Lo stupro e altre forme di violenza sessuale commessi dai soldati durante i conflitti sono antichi come la guerra stessa”, così esordisce una dichiarazione di Marija Pejčinović Burić, Segretaria generale del Consiglio d’Europa.

“Pertanto, ha continuato la Segretaria generale, quest’anno celebriamo la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre) con una nota triste. Tuttavia, la straordinaria assistenza offerta da molti dei nostri Stati membri a milioni di persone forzatamente sfollate ci dà speranza. L’espressione di sostegno da parte delle autorità nazionali e locali e delle persone è rincuorante. Degli oltre sette milioni di rifugiati finora, il 90% è composto da donne, ragazze e minori, che sono particolarmente vulnerabili alla violenza sessuale e alla tratta di esseri umani. Per le persone che sono già state vittime di tali reati, dobbiamo raddoppiare gli sforzi al fine di migliorare l’assistenza che viene loro offerta. E dobbiamo essere preparati per l’assistenza futura”.

“Le vittime affrontano una terribile umiliazione e un’ampia serie di rischi, dalle gravidanze indesiderate e le infezioni sessualmente trasmissibili ai traumi psicologici e fisici, ha continuato Marija Pejčinović Burić. Gli ospedali e i medici devono avere gli strumenti necessari per affrontare lo stupro nell’ambito di una risposta multi-agenzia coordinata e devono essere garantiti esami medici e forensi, come anche un’assistenza per i traumi immediata e a lungo termine. I rifugiati vittime di violenza di genere hanno bisogno di accedere a questo tipo di sostegno e consulenza in una lingua che padroneggiano e che capiscono”.

Come constatato in conflitti precedenti, “una consulenza specializzata sarà necessaria per affrontare i traumi persistenti al fine di ridurre la stigmatizzazione e una vittimizzazione secondaria che si possono sviluppare nel tempo. Infatti, la violenza sessuale nelle aree di conflitto ha delle conseguenze sia immediate sia a lungo termine, come evidenziato ad esempio nei rapporti pubblicati questo mese dal GREVIO, l’organismo di esperti indipendenti del Consiglio d’Europa responsabile del monitoraggio dell’attuazione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, nota anche come Convenzione di Istanbul)”, ha concluso la segretaria generale.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo ha approvato il 24 novembre un prestito di 18 miliardi di euro per sostenere l’Ucraina durante la guerra della Russia contro il paese.

I 18 miliardi di euro copriranno circa la metà dei 3-4 miliardi di finanziamenti mensili stimati di cui l’Ucraina ha bisogno nel 2023. Il denaro andrà a sostenere i servizi pubblici essenziali, come la gestione di ospedali, scuole e la fornitura di alloggi per le persone trasferite, la stabilità macroeconomica e il ripristino delle infrastrutture critiche distrutte dalla Russia, secondo la proposta della Commissione europeaù.

Il prestito, ottenuto dall’UE dai mercati finanziari, sarà erogato in rate trimestrali, con una continuità e una prevedibilità essenziali per mantenere a galla l’Ucraina durante la guerra.

Il prestito è condizionale per l’Ucraina. Richiede riforme per rafforzare le istituzioni del paese e prepararlo sia alla ricostruzione che al suo percorso verso l’adesione all’UE. Riviste dalla Commissione prima di ogni rata, le condizioni comprendono misure per la lotta alla corruzione, la riforma giudiziaria, il rispetto dello stato di diritto, il buon governo e la modernizzazione delle istituzioni.

Il prestito deve ora essere approvato all’unanimità dal Consiglio dell’Unione europea il 6 dicembre prima che la Commissione possa attingere ai mercati ed erogare il sostegno all’inizio del 2023.
0

E-News, cooperazione, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Come già annunciato ieri sul nostro sito, la Commissione europea ha lanciato l’invito a presentare proposte per il 2023 nell’ambito del programma Erasmus+. Con un budget annuale di 4,2 miliardi di euro, Erasmus+ sta aumentando il suo sostegno all’inclusione, alla cittadinanza attiva e alla partecipazione democratica e alle trasformazioni verdi e digitali nell’UE e a livello internazionale.

La caratteristica principale di Erasmus+ è la mobilità, il prossimo anno il programma continuerà a sostenere la circolazione transfrontaliera di alunni, studenti dell’istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale (IFP), discenti adulti, giovani in programmi di apprendimento non formale, educatori e personale e verso un’esperienza educativa e formativa europea.

A partire dal 2023, il programma includerà una nuova azione per sostenere gli allenatori sportivi attraverso la loro partecipazione a progetti di mobilità, estendendo le opportunità di cooperazione transeuropea e l’apprendimento direttamente alle organizzazioni sportive di base locali e al loro personale.

Il programma sarà all’altezza delle sfide che prevediamo di affrontare nel 2023 fornendo un sostegno significativo agli studenti e al personale educativo in fuga dalla guerra in Ucraina, continuando a lottare per un programma più inclusivo e basandosi sull’eredità dell’Anno europeo della gioventù.

Il sostegno di Erasmus+, precisa la Commissione, è rivolto ad attività che rientrano nelle priorità del programma nei settori delle scuole, dell’istruzione superiore e degli adulti, dell’IFP, della gioventù e dello sport. Sulla base di inviti aperti a presentare candidature per progetti, qualsiasi ente pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può presentare domanda di finanziamento, con l’aiuto delle agenzie nazionali Erasmus+ con sede in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi terzi associati al programma e l’ Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura.

Agenzia Erasmus per l’Italia:
Agenzia nazionale per i giovani (ANG) Gioventù, Italia
Codice Ente Nazionale: IT03
Indirizzo: Via Sabotino, 4 00195, Roma
Numero di telefono: +390637591201
E-mail: direzione@agenziagiovani.it

Sito web: http://www.agenziagiovani.it/


L’intero programma Erasmus+ si concentra su quattro priorità chiave, tra cui l’inclusione e la diversità. Le organizzazioni e gli stessi partecipanti con minori opportunità sono al centro di questa priorità. Il programma continua quindi a supportare meccanismi di inclusione dei partecipanti e risorse dedicate per rimuovere eventuali ostacoli alla loro partecipazione.

Anche nel 2023, facendo seguito all’Anno europeo della gioventù, il programma continuerà a garantire che le voci dei giovani siano ascoltate nell’Unione europea e oltre, in particolare attraverso un aumento delle attività giovanili finanziate tramite Erasmus+. Oltre a incoraggiare in tutti i diversi settori dell’istruzione progetti che cercano di sostenere la transizione verde, il programma continua a lottare per la neutralità in termini di emissioni di carbonio promuovendo modalità di trasporto sostenibili e comportamenti più responsabili dal punto di vista ambientale.

Inoltre, il programma continuerà a sostenere la dimensione giovanile nelle iniziative e nelle politiche esistenti. Allo stesso tempo, i progetti e le attività nell’ambito dell’invito Erasmus+ 2023 continueranno ad alimentare l’impegno dell’UE per il miglioramento delle competenze e la riqualificazione, fornendo così un prezioso contributo alla proposta di fare del 2023 l’ Anno europeo delle competenze.

Creato 35 anni fa, Erasmus+ è uno dei programmi più emblematici dell’UE e finora vi hanno partecipato quasi 13 milioni di persone. Con un budget totale disponibile per Erasmus+ dal 2021 al 2027 pari a 26,2 miliardi di euro, integrato da circa 2,2 miliardi di euro provenienti dagli strumenti esterni dell’UE, il programma è destinato a sostenere ancora più partecipanti e idee in Europa e oltre.

La Commissione europea ha lanciato l’invito a presentare proposte nell’ambito del bando Erasmus+ per il 2023 a seguito dell’adozione del programma di lavoro 2023.

Programma di lavoro annuale 2023

Bando Erasmus+ 2023

Guida al programma Erasmus+ 2023

Scheda informativa sul nuovo programma Erasmus+ 2021-2027
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea in forma di aver approvato oltre 380 milioni di euro di finanziamenti per 168 nuovi progetti in tutta Europa nell’ambito del programma LIFE per l’ambiente e l’azione per il clima.

Al centro del Green Deal europeo, i progetti LIFE possono aiutare l’UE a diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050 e raggiungere obiettivi climatici, energetici e ambientali. Sostengono la biodiversità, il ripristino della natura e un’economia circolare, contribuendo nel contempo alla transizione verso l’energia pulita in tutto il continente.

Il finanziamento rappresenta un aumento del 27% rispetto al finanziamento dello scorso anno e mobiliterà un investimento totale di oltre 562 milioni di euro. I progetti di quasi tutti i paesi dell’UE beneficeranno di questo finanziamento dell’UE in quattro temi (sottoprogrammi): natura e biodiversità, economia circolare e qualità della vita, mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici e transizione verso l’energia pulita.

Un progetto sulla natura migliorerà la gestione della biodiversità in tutta la città a Tartu (Estonia), Aarhus (Danimarca) e Riga (Lettonia) per ripristinare la connettività e migliorare la salute dell’ecosistema. Le misure pianificate includono il ripristino degli habitat e il coinvolgimento delle comunità in queste città per partecipare ai lavori di conservazione e restauro.

Per promuovere un’economia più circolare, un progetto spagnolo promuoverà trattori ibridi e completamente elettrici per l’uso in vigneti e frutteti e l’elettrificazione dei macchinari di supporto. Questo mostrerà come ridurre il consumo di carburante del 45% e l’uso di olio lubrificante del 30%.

In Italia, un progetto mira a sviluppare un nuovo modello di business dell’economia circolare basato sulla raccolta, lo smistamento e il riciclaggio di scarpe da esterno usate per ottener
e materie prime secondarie per la produzione di nuove scarpe di alta qualità.

Sostenendo l’ adattamento ai cambiamenti climatici nel settore agricolo, un progetto cipriota e greco svilupperà, dimostrerà e promuoverà tecniche innovative per ridurre i rischi associati alla desertificazione, alle pratiche agricole insostenibili e agli incendi. Nel frattempo, in Lettonia e Finlandia un progetto attuerà misure di mitigazione del cambiamento climatico nelle torbiere. Dimostrerà strumenti innovativi per il monitoraggio delle emissioni di gas a effetto serra e il ripristino delle torbiere, compresi il telerilevamento e la modellazione.

Per quanto riguarda la transizione verso l’energia pulita, sette progetti istituiranno 16 nuovi sportelli unici che faciliteranno la ristrutturazione energetica per migliaia di proprietari di case in cinque paesi dell’UE. Tre progetti aiuteranno le famiglie a ridurre le loro bollette energetiche attraverso il rinnovamento energetico per i quartieri vulnerabili e roadmap di rinnovamento su misura nell’Europa meridionale e orientale. Sei progetti stimoleranno le comunità energetiche a livello locale e regionale a investire nella transizione energetica. Si impegneranno inoltre in progetti di efficienza energetica e generazione di energia rinnovabile, compreso il riscaldamento e il raffreddamento della comunità in tutta Europa.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
la Commissione europea ha deciso di registrare un’iniziativa dei cittadini europei (ICE) intitolata “Giornata europea del “qualunque cosa serva”.

L’Iniziativa chiede l’istituzionalizzazione della Giornata Europea del “Qualunque cosa serva” come ‘atto simbolico di paneuropeismo’. Gli organizzatori mirano a segnare un capitolo della resilienza funzionale dell’UE e delle capacità fondamentali per le istituzioni, le nazioni e le società per guidare il progresso durante i tempi di gestione delle crisi multiple.

Poiché questa iniziativa dei cittadini europei soddisfa le condizioni formali, la Commissione la ritiene giuridicamente ammissibile.

Dopo la registrazione odierna, gli organizzatori hanno sei mesi di tempo per aprire la raccolta firme. Se un’iniziativa dei cittadini europei riceve un milione di dichiarazioni di sostegno entro un anno, da almeno sette diversi Stati membri, la Commissione dovrà reagire. La Commissione potrebbe decidere di portare avanti o meno la richiesta e sarà tenuta a spiegarne le ragioni.

0