E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 20 maggio entra in vigore il nuovo regolamento relativo alle spedizioni di rifiuti, che stabilisce norme più rigorose per l’esportazione di rifiuti verso paesi terzi. Il nuovo regolamento sosterrà l’economia circolare e garantirà che i rifiuti esportati dall’Unione europea siano trattati in modo sostenibile dal punto di vista ambientale. Migliorerà la tracciabilità e agevolerà le spedizioni di rifiuti destinati al riciclaggio nell’UE e nel resto del mondo.

Nell’ambito del nuovo regolamento, da maggio 2027 saranno consentite ad esempio le esportazioni di rifiuti dell’UE verso paesi non appartenenti all’OCSE solo se tali paesi informano la Commissione europea della loro disponibilità a importare rifiuti e dimostrano di essere in grado di gestirli in modo sostenibile. La Commissione monitorerà inoltre le esportazioni di rifiuti verso i paesi OCSE e prenderà provvedimenti qualora tali esportazioni causino problemi ambientali nel paese di destinazione.

Il nuovo regolamento prevede anche un’osservanza più rigorosa e una maggiore cooperazione nella lotta contro il traffico di rifiuti, uno dei reati ambientali più gravi, integrando così la nuova direttiva sulla tutela penale dell’ambiente, anche questa in vigore dal 20 maggio.

Maggiori informazioni sono disponibili online.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2022, l’ UE ha esportato 32,1 milioni di tonnellate di rifiuti verso paesi extra-UE. Si tratta di un leggero calo del 3% rispetto al 2021. Le importazioni di rifiuti da paesi extra-UE sono diminuite del 5% dal 2021, attestandosi a 18,7 milioni di tonnellate.

Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE. La Turchia è stata la principale destinazione dei rifiuti esportati dall’UE nel 2022
. Con un volume di 12,4 milioni di tonnellate, rappresentava il 39% del totale delle esportazioni di rifiuti. La seconda destinazione più grande è stata l’India, che ha ricevuto 3,5 milioni di tonnellate di rifiuti dall’UE nel 2022, seguita da Regno Unito (2,0 milioni di tonnellate), Svizzera (1,6 milioni), Norvegia (1,6 milioni), Egitto (1,6 milioni), Pakistan (1,2 milioni), Indonesia (1,1 milioni), Marocco e Stati Uniti (entrambi 0,8 milioni).

Nel 2022, l’UE ha esportato 17,8 milioni di tonnellate di rifiuti di metalli ferrosi (ferro e acciaio), pari al 55% di tutte le esportazioni di rifiuti dall’UE. La destinazione principale è stata la Turchia, che ha ricevuto 10,7 milioni di tonnellate, quasi due terzi (60%) di tutti i rifiuti metallici ferrosi esportati dall’UE.

Sono state esportate anche quantità considerevoli di rifiuti di carta, pari a 4,9 milioni di tonnellate, pari al 15% delle esportazioni di rifiuti dell’UE nel 2022. La destinazione principale era l’India (30% delle esportazioni totali di rifiuti di carta).

Dal lato delle importazioni, l’UE ha ricevuto 4,2 milioni di tonnellate di metalli ferrosi (il 22% di tutte le importazioni di rifiuti) e 2,4 milioni di tonnellate di carta (il 13% di tutte le importazioni di rifiuti). La maggior parte di questi rifiuti proveniva dal Regno Unito: 1,3 tonnellate o il 33% del totale dei rifiuti di metalli ferrosi e 1,2 tonnellate o il 49% del totale delle importazioni di rifiuti di carta.

Sezione tematica Eurostat sui rifiuti

Sezione tematica Eurostat sull’economia circolare

Banca dati Eurostat sui rifiuti
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto di aver accolto con favore l’accordo politico raggiunto la scorsa notte tra il Parlamento europeo e il Consiglio sulle spedizioni di rifiuti, che garantirà che l’UE si assuma una maggiore responsabilità dei rifiuti che produce e non esporti le proprie sfide ambientali in paesi terzi. Le norme agevoleranno inoltre l’uso dei rifiuti come risorsa. L’accordo contribuisce all’obiettivo del Green Deal europeo di ridurre l’inquinamento e promuovere l’economia circolare.

Sarà vietata l’esportazione di rifiuti di plastica dall’UE verso paesi non appartenenti all’OCSE. Solo se sono soddisfatte rigorose condizioni ambientali, i singoli paesi potranno ricevere tali rifiuti cinque anni dopo l’entrata in vigore delle nuove norme. Alla luce dei problemi globali legati all’aumento della quantità di rifiuti di plastica e alle sfide per una loro gestione sostenibile, con questa misura i legislatori dell’UE mirano a prevenire nei paesi terzi il degrado ambientale e l’inquinamento causati dai rifiuti di plastica prodotti nell’UE.

Altri rifiuti idonei al riciclaggio saranno esportati dall’UE in paesi non appartenenti all’OCSE solo se questi ultimi garantiranno di poterli smaltire in modo sostenibile. Al tempo stesso, grazie a moderne procedure digitalizzate, sarà più facile spedire rifiuti destinati al riciclaggio all’interno dell’UE. Saranno inoltre rafforzate l’applicazione delle norme e la cooperazione nella lotta contro il traffico di rifiuti.

Per ulteriori informazioni consultare il comunicato stampa.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2021, l’UE ha generato 188,7 kg di rifiuti di imballaggio per abitante, 10,8 kg in più per persona rispetto al 2020, l’aumento maggiore in 10 anni, e quasi 32 kg in più rispetto al 2011.

Lo rende noto Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.

In totale, l’UE ha generato 84 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio, di cui il 40,3% erano carta e cartone. La plastica rappresentava il 19,0%, il vetro il 18,5%, il legno il 17,1% e il metallo il 4,9%.

Nel 2021, ogni persona che vive nell’UE ha generato in media 35,9 kg di rifiuti di imballaggio in plastica. Di questi sono stati riciclati 14,2 kg . Rispetto al 2020, sono aumentati sia la produzione di rifiuti di imballaggio in plastica che il riciclo: la produzione è aumentata di 1,4 kg pro capite (+4,0%) e il riciclo di +1,2 kg pro capite (+9,5%).

Tra il 2011 e il 2021, la quantità pro capite di rifiuti di imballaggio in plastica generata è aumentata del 26,7% (+7,6 kg/pro capite). La quantità riciclata di rifiuti di imballaggio in plastica è aumentata nello stesso periodo del 38,1% (+3,9 kg/pro capite).

A seguito di norme più rigorose, implementate nel 2020 per consentire agli Stati membri di segnalare il proprio riciclaggio, il tasso di riciclaggio è passato dal 41,1% nel 2019 al 37,6% nel 2020. Nel 2021, il tasso di riciclaggio è tornato su un percorso crescente, raggiungendo il 39,7%.

Nel 2021, Slovenia (50,0%), Belgio (49,2%) e Paesi Bassi (48,9%) hanno riciclato la metà, o quasi, dei rifiuti di imballaggio in plastica generati. Al contrario, meno di un quarto dei rifiuti di imballaggio in plastica è stato riciclato a Malta (20,5%), Francia (23,1%) e Svezia (23,8%).

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea rende noto che è stata pubbcata l’ edizione 2023 di Key figures on Europe. Con visualizzazioni intuitive e testo conciso, questa pubblicazione fornisce statistiche e approfondimenti sulla situazione attuale e sui recenti sviluppi nell’UE, sulle persone e sulla società, sull’economia e le imprese, sull’ambiente e sulle risorse naturali. Con questa pubblicazione, si può anche vedere come sta andando l’Italia in diverse aree e come si confronta con altri Stati membri.

Si possono trovare risposte a domande come:

Qual è il divario retributivo di genere nel tuo paese?

Quali beni di consumo sono stati maggiormente colpiti dall’inflazione?

La famiglia media dell’UE spende di più per cibo e bevande analcoliche o per l’alloggio, l’acqua e l’energia?

Quanto dipende il tuo paese dall’energia importata?

Quanti chilogrammi di rifiuti generano i cittadini dell’UE?

Quanta dell’energia utilizzata nel tuo paese proviene da fonti rinnovabili, come eolico, solare e biomasse?

Quanta parte della superficie agricola totale nel tuo paese è utilizzata per l’agricoltura biologica?

Cifre chiave sull’Europa – Edizione 2023
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha adottato il 22 marzo una nuova proposta sulle norme comuni che promuovono la riparazione dei beni, che comporterà risparmi per i consumatori e sosterrà gli obiettivi del Green Deal europeo riducendo, tra gli altri, i rifiuti. Lo rende noto un comunicato della Commissione.

Negli ultimi decenni, la sostituzione è stata spesso privilegiata rispetto alla riparazione ogni volta che i prodotti diventano difettosi e sono stati dati incentivi insufficienti ai consumatori per riparare i propri beni alla scadenza della garanzia legale.

La proposta renderà più semplice ed economicamente vantaggioso per i consumatori riparare anziché sostituire i beni. Inoltre, una maggiore domanda si tradurrà in una spinta al settore delle riparazioni, incentivando nel contempo produttori e venditori a sviluppare modelli di business più sostenibili.

La proposta odierna garantirà che un maggior numero di prodotti venga riparato nell’ambito della garanzia legale e che i consumatori dispongano di opzioni più semplici ed economiche per riparare prodotti tecnicamente riparabili (come aspirapolvere o, presto, tablet e smartphone) quando la garanzia legale è scaduta o quando il bene non è più funzionante a causa dell’usura.

Proposta di direttiva relativa a norme comuni che promuovono la riparazione dei beni
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea, sul sito della Rappresentanza italiana, informa di aver pubblicato il 20 marzo la relazione di attuazione del regolamento sulla spedizione di rifiuti per il periodo 2016-2019, che riporta dati e analisi sul controllo delle spedizioni di rifiuti nell’UE e verso paesi terzi.

La relazione dimostra due tendenze principali.
Innanzitutto, la quantità totale di rifiuti pericolosi spediti all’interno e al di fuori dell’UE è più che raddoppiata, passando da 3,9 milioni di tonnellate nel 2001 a 8,1 milioni di tonnellate nel 2019, nonostante la quantità di rifiuti segnalati sia rimasta stabile durante il periodo preso in considerazione dalla relazione. La grande maggioranza di queste spedizioni avviene entro i confini dell’UE e il volume limitato esportato dall’UE verso paesi terzi riguarda paesi dell’OCSE. In secondo luogo, aumentano le spedizioni illegali individuate dalle ispezioni degli Stati membri.

Ogni tre anni la Commissione stila queste relazioni, basandosi sulle relazioni fornite dagli Stati membri sull’attuazione della convenzione di Basilea sui rifiuti pericolosi, cui l’UE aderisce. Le considerazioni sostengono le conclusioni della valutazione della normativa in vigore, pubblicata dalla Commissione nel gennaio 2020, che ha portato alla proposta della Commissione di rivedere le regole attuali sulle spedizioni di rifiuti. La proposta, in fase di discussione al Parlamento e al Consiglio europeo, ha tre obiettivi principali:
far sì che l’UE non esporti in paesi terzi i propri problemi legati ai rifiuti,
facilitare il trasporto dei rifiuti a fini di riciclo e riuso nell’UE, e
fronteggiare meglio le spedizioni illegali di rifiuti.

0

E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Mentre l’UE lotta per trovare modi per pagare la transizione dell’industria verso un’economia senza emissioni di carbonio, le finanze dei governi locali svolgono un ruolo spesso trascurato nel fornire gli investimenti necessari, sostiene un rapporto del Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa (CEMR).

Lo rende noto il sito del CEMR.
Il rapporto ripercorre l’evoluzione delle finanze locali nell’ultimo decennio e come queste possano influenzare la capacità dei comuni di finanziare la transizione verde.

Ad esempio, il rapporto ha rilevato che i paesi con una struttura più decentralizzata hanno ulteriormente decentralizzato le loro finanze pubbliche nell’ultimo decennio, mentre quelli con una spesa pubblica più centralizzata sono diventati ancora più centralizzati.

Secondo il rapporto, questa polarizzazione è rilevante perché i paesi con finanze pubbliche decentralizzate tendono a investire di più nella transizione verde.

Le infrastrutture di trasporto locale o le strutture per la gestione dei rifiuti sono spesso gestite a livello locale e possono avere un impatto ambientale significativo.

Tuttavia, i comuni e le regioni sono spesso limitati nella loro capacità di investire nella transizione verde come regole fiscali e la mancanza di accesso ai mercati finanziari può rendere difficile per i governi regionali intraprendere gli investimenti necessari.

La questione che regole fiscali troppo rigide possono influire sugli investimenti è stata a lungo un argomento di dibattito a livello dell’UE. Tuttavia, questo dibattito di solito si è concentrato sulle finanze nazionali piuttosto che regionali o locali. Poi, nel novembre di quest’anno, la Commissione europea ha annunciato l’intenzione di riformare le regole fiscali nazionali e consentire agli Stati membri di investire di più nella transizione verde.

Tuttavia, il livello locale è spesso dimenticato in queste discussioni. In un documento di posizione, il CEMR ha affermato che le attuali regole fiscali dell’UE vincolano le finanze locali poiché il debito delle amministrazioni locali è incluso nel calcolo del debito nazionale totale.

” Si dovrebbe concedere maggiore flessibilità ai governi locali e regionali, in particolare quando si investe per uno sviluppo sostenibile e a lungo termine “, si legge nel documento.

L’esclusione del debito locale dai calcoli del debito nazionale potrebbe incentivare i governi a riallocare le loro spese e i loro debiti ai governi locali, il che potrebbe dare ai governi locali più margine di manovra per investire, ma potrebbe anche minare l’efficacia delle regole fiscali.

Un altro ostacolo agli investimenti verdi dei governi locali e regionali è la mancanza di accesso ai mercati finanziari. A differenza dei governi nazionali, le amministrazioni locali e regionali non possono contare sulla stessa propensione degli investitori per la loro emissione di debito e hanno maggiori difficoltà ad accedere ai finanziamenti.

E poiché il loro debito è generalmente considerato più rischioso, dovranno anche pagare tassi di interesse più elevati.

Ma un migliore accesso agli strumenti finanziari potrebbe ampliare le possibilità per i governi locali di autofinanziarsi.

Questo articolo, informa il CEMR, è stato pubblicato per la prima volta sul sito web di EURACTIV.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS