E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Alla vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), la Commissione europea ha annunciato il 24 novembre il numero armonizzato a livello dell’UE per le linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne : 116 016.

Le donne vittime di violenza potranno chiamare lo stesso numero in tutta l’UE per ottenere consulenza e sostegno. Finora, 15 Stati membri si sono impegnati a collegare a questo numero la loro attuale linea di assistenza per le vittime di violenza contro le donne. Il termine entro il quale gli Stati membri devono riservare il numero comune dell’UE per connettersi alle linee di assistenza nazionali è la fine di aprile 2023.

Per maggiori informazioni

UE: Porre fine alla violenza di genere

Scheda informativa UE– Sostenere la parità di genere

Sito web – Numero europeo di linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Dopo la Settimana europea per l’uguaglianza di genere organizzata dal Parlamento europeo (24-30 ottobre), il Comitato economico e sociale europeo (CESE) rende noto sul proprio sito che sta pianificando una serie di dibattiti tematici organizzati dal varie sezioni.

Questi eventi sono programmati per ottobre, novembre e dicembre 2022 presso il CESE e toccano la parità di genere nell’economia sociale e nell’UE, le donne in condizioni di povertà energetica, il potenziale delle donne nell’imprenditorialità e nell’accesso ai finanziamenti, la situazione delle donne in aree geografiche come l’America Latina e l’Iran.

Al giorno d’oggi, scrive il CESE, parità di retribuzione a parità di lavoro, parità di accesso all’istruzione, pari responsabilità familiari, equilibrata rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione delle aziende e nella vita politica “possono sembrare logici ma non vengono messi in pratica”.

Se si vuole davvero migliorare la situazione, continua il Comitato, soprattutto laddove sussistono ancora discriminazione, povertà, violenza contro le donne, disparità di retribuzione nelle posizioni dirigenziali, il coinvolgimento della società civile è fondamentale.

La parità di genere, sottolinea il CESE, non è una “questione femminile”. È un prerequisito per costruire società giuste, resilienti e prospere. Ecco perché è così importante che donne e uomini percorrano questo percorso insieme, mano nella mano, con rispetto e sostegno reciproci.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Trentotto Stati membri del Consiglio d’Europa si sono impegnati il 30 settembre in una “Dichiarazione di Dublino” che delinea una serie di misure per promuovere l’uguaglianza di genere al fine di aiutare a prevenire la violenza domestica, sessuale e di genere.

La dichiarazione è stata adottata da Albania, Andorra, Armenia, Austria, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo , Malta, Repubblica di Moldova, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Norvegia, Portogallo, Romania, San Marino, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ucraina e Regno Unito a seguito di una conferenza di due giorni dei ministri della giustizia organizzata da Presidenza irlandese del Consiglio d’Europa.

Ispirandosi alla Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa sulla violenza contro le donne e ai risultati degli esperti sull’attuazione della Convenzione fino ad ora, afferma appoggiando la dichiarazione impegnata a:

1. promuovere attivamente, al più alto livello, una cultura istituzionale e politica che rifiuti la discriminazione e la violenza di genere, il sessismo, gli stereotipi di genere e le dinamiche di potere di genere nel settore pubblico e privato

2. garantire che le strategie volte a prevenire e combattere la violenza contro le donne affrontino anche il ruolo specifico di uomini e ragazzi nella prevenzione della violenza contro le donne

3. includere sistematicamente campagne di sensibilizzazione come parte integrante e interamente finanziata dei piani d’azione a lungo termine sulla violenza contro le donne

4. adottare misure per includere nel curriculum ufficiale, di tutti i livelli di istruzione, materiale didattico su temi quali il principio di uguaglianza tra donne e uomini, ruoli di genere non stereotipati, rispetto reciproco, risoluzione non violenta dei conflitti nelle relazioni interpersonali, violenza di genere contro le donne e diritto all’integrità personale

5. fornire linee guida per il materiale educativo in questo settore e la formazione di professionisti dell’istruzione, nonché la creazione di piattaforme di conoscenza per condividere le migliori pratiche

6. incoraggiare la formazione iniziale e continua di tutti i professionisti interessati, anche all’interno del sistema di giustizia penale

7. adottare tutte le misure possibili per garantire che gli episodi di violenza siano presi in considerazione dai tribunali nel decidere in merito ai diritti di custodia e visita

8. aumentare la fornitura di programmi per autori di violenza domestica e sessuale che operano secondo gli standard e i principi stabiliti nella Convenzione di Istanbul

9. chiedere al Consiglio d’Europa di condurre uno studio comparativo negli Stati membri sui modelli esistenti e sugli approcci adottati per i programmi degli autori di reati e i loro risultati

10. invitare gli Stati che non l’hanno ancora fatto a firmare e ratificare la Convenzione di Istanbul e rafforzare gli sforzi per attuare gli standard giuridici internazionali esistenti nell’area dell’uguaglianza di genere e della violenza contro le donne

Ad oggi, 37 Stati membri del Consiglio d’Europa hanno ratificato la Convenzione di Istanbul, consentendone l’entrata in vigore in quei paesi. Armenia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania, Repubblica Slovacca – e Unione Europea nel suo insieme – hanno firmato, ma non ancora ratificato, la Convenzione. L’Azerbaigian non ha ancora firmato la convenzione e Türkiye l’ha denunciata nel marzo 2021.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


In questi giorni (4-5 luglio), oltre cento rappresentanti e amministratori di autorità locali e regionali europee si ritrovano nella sede della Regione Emilia-Romagna, a Bologna, per la riunione della Commissione politica del CEMR, presieduta da Stefano Bonaccini, Presidente CEMR e della Regione Emilia-Romagna.

A loro si aggiungono una cinquantina di membri collegati online. Tra i presenti anche due ospiti in rappresentanza dell’Ucraina: il sindaco di Zhytomyr, Serhyi Sukhomlyn, e il sindaco di Khmelnitskiy, Oleksandr Symchyshyn. Una presenza significativa a seguito dell’adesione del CEMR all’Alleanza europea per la Ricostruzione dell’Ucraina, insieme al Comitato delle Regioni.

Proprio la guerra sarà al centro dei numerosi temi sul tavolo: al primo posto quindi la priorità di arrivare presto a un cessate il fuoco e alla pace, il sostegno ai Comuni e ai sindaci ucraini e quello all’ingresso nell’Unione Europea del Paese vittima dell’aggressione armata della Russia. Poi il contrasto ai cambiamenti climatici anche attraverso big data e intelligenza artificiale, con la visita al Tecnopolo di Bologna degli ospiti europei, cuore della Data Valley dell’Emilia-Romagna; fino alla violenza sulle donne, dramma diffuso negli Stati del vecchio continente che richiede un impegno condiviso sempre maggiore.

Il ruolo dei territori e dei governi locali, che più di ogni altro sono a contatto coi cittadini ogni giorno, deve essere centrale– afferma Bonaccini-. Soprattutto nella fase che stiamo attraversando, che richiede coesione sociale e ascolto delle comunità. Il lavoro del CEMR non si è mai fermato, nonostante la pandemia, ma il fatto di tornare a vederci di persona rappresenta un bel segnale di recuperata fiducia”.

“Abbiamo deciso di incontrarci qui perché la nostra Data Valley rappresenta un ecosistema dell’innovazione e delle nuove tecnologie unico in Europa: al Tecnopolo di Bologna, che visiteremo, ospitiamo il Data Center del Centro meteo europeo e presto arriverà il supercomputer europeo Leonardo, in entrambi i casi grazie a investimenti della Ue, statali e regionali”.

“L’Unione Europea è fondamentale, lo ha dimostrato proprio durante l’emergenza pandemica, ma deve coinvolgere le sue comunità locali se vuole davvero ripartire. E adesso- chiude il presidente della Regione e del CEMR- deve varare misure straordinarie per fronteggiare la crisi energetica e l’aumento dei prezzi, per interventi di garanzia sociale e di sostegno al lavoro. Guai tornare ora all’austerity, che colpirebbe le famiglie e le imprese che creano lavoro”.

La prima sessione di lavori è si è svolta il 4 luglio. Il presidente Bonaccini ha fatto un punto coi cronisti e gli operatori dell’informazione presenti.

Il 5 luglio, gli amministratori invitati visiteranno il Tecnopolo all’ex Manifattura Tabacchi, spazi oggi ristrutturati dove è installato il Data Center del Centro meteo europeo.

Gli Stati e i governi locali sono chiamati alla salvaguardia del pianeta e al contrasto dei cambiamenti climatici, già ora causa di eventi estremi: ecco che diventano fondamentali informazioni e dati affidabili, sia per sviluppare modelli predittivi sempre più precisi sia per poter analizzare serie storiche necessarie a completare i passaggi verso la transizione ecologica.

Capitolo guerra in Ucraina. Il CEMR ha fornito supporto ai membri ucraini sin dall’inizio del conflitto: oltre 800 amministratori locali hanno firmato una dichiarazione in loro sostegno subito nel febbraio 2022, mentre si sono intensificati gli scambi di informazioni con i rappresentanti ucraini sia per il supporto immediato sia per la futura ricostruzione, per la quale è fondamentale dare spazio a una prospettiva locale. Attraverso la Cities4Cities platform i Governi possono assistere le comunità ucraine che qui inseriscono le loro richieste e necessità.

Altro tema di drammatica attualità quello della violenza domestica e contro le donne. In Europa una donna su tre ha conosciuto questo fenomeno mentre una ragazza su due subisce episodi di violenza online. Il CEMR ha analizzato punti di forza e debolezza della proposta di una direttiva da parte della Commissione Europea da sottoporre al Parlamento Europeo: secondo il Consiglio, occorre in rinforzare un approccio collaborativo multilivello che riconosca il ruolo delle autorità locali, salvaguardare la vita democratica ostacolando la violenza contro le donne in politica, introdurre protocolli comuni per la raccolta di dati tra i diversi Stati a livello locale e regionale.

Discussa anche la Carta delle autorità locali per l’uguaglianza in Africa, che il CEMR ha contribuito a realizzare in cooperazione con la rete delle donne elette in Africa, l’Unione delle città e dei governi locali e la corrispondente associazione africana. La carta, ufficializzata lo scorso maggio, è dedicata all’uguaglianza di genere e alle proposte per renderla sempre più concreta.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dalla pandemia ombra della violenza domestica durante il blocco del COVID-19 al cyber stalking, la violenza contro donne e ragazze è endemica nella società, scrive sul proprio sito il Comitato economico e sociale europeo (CESE): “per essere veramente olistica, la proposta della Commissione europea di affrontare la questione in tutta l’UE deve concentrarsi maggiormente sui diritti umani, adottare un approccio sensibile al genere e includere le donne in situazioni vulnerabili in modo più efficace”.

L’8 marzo 2022, Giornata internazionale della donna, ricorda il CESE, la Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva che stabilisce norme minime a livello dell’UE contro tutte le forme di violenza online e offline contro donne e ragazze. La proposta integra l’acquis dell’UE esistente e la legislazione nazionale degli Stati membri nei settori coperti dalla Convenzione di Istanbul, firmata dall’UE nel 2017.

La recente audizione del CESE Verso un’Europa libera dalla violenza contro le donne ha raccolto contributi per la preparazione del suo parere sul progetto di direttiva. L’incontro ha riunito parti sociali, accademici e rappresentanti delle istituzioni dell’UE e delle organizzazioni internazionali.

Nel corso dei lavori il CESE ha sottolineato che “La violenza contro le donne e le ragazze non ha assolutamente posto nell’UE o altrove”. Si è reso omaggio al lavoro svolto dalle organizzazioni della società civile che sensibilizzano sulla violenza di genere e forniscono sostegno quotidiano alle vittime. “Abbiamo bisogno di un quadro completo per combattere efficacemente questa violenza”.

Nella relazione per il parere, il CESE ha affermato che le proposte della Commissione dovrebbero andare oltre in settori come la violenza domestica e dovrebbero inquadrare esplicitamente la violenza come una questione di genere: è di vitale importanza porre fine a questo terrorismo maschilista. La direttiva non può essere neutrale rispetto al genere. Il sostegno alle vittime non può essere neutrale. “Abbiamo bisogno di una prospettiva di genere sulla violenza da parte degli uomini”.

Si è chiesta inoltre la prevenzione attraverso l’istruzione, spazi sicuri per denunciare le violenze e che la polizia e i tribunali comprendano il legame tra violenza e controllo coercitivo. Abbiamo anche bisogno di risorse finanziarie e umane affinché le vittime abbiano accesso alla giustizia e agli strumenti per proteggere se stesse e i loro figli.

Diversi oratori hanno deplorato la mancata inclusione della violenza contro le donne e le ragazze nell’elenco dei crimini dell’UE nel trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Un’osservazione frequente è stata la necessità di adattare le misure alle donne con disabilità e ad altre donne e ragazze in situazioni vulnerabili, come i migranti privi di documenti.

Proposta della Commissione sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un servizio per le donne che affrontano situazioni di violenza fisica, economica e psicologica è stato creato da Chieri, Comune di 36mila abitanti in provincia di Torino. Inaugurato nel marzo del 2018, ed ancora pienamente attivo, il centro InRete unisce gli spazi di ascolto contro la violenza diffusi nel chierese: quelli dell’Associazione Scambiaidee presso i comuni di Chieri e di Pino, la Casa delle donne del Comune di Poirino e l’esperienza di Amaryllus a Santena. L’obiettivo è quello di aiutare le donne a prendere coscienza e ad accompagnarle nell’attivazione di percorsi individuali di soluzione del problema. Insomma, un ottimo esempio di impegno corale contro il triste fenomeno della violenza di genere.

Fonte: Le buone pratiche in Italia della Carta europea dell’uguaglianza (a cura dell’AICCRE)
0