E-News, In Evidenza, Ultime Notizie
Il 9 maggio il Parlamento europeo ha deciso di occuparsi urgentemente di un disegno di legge per aumentare la produzione europea di munizioni e missili.

Il Parlamento europeo nominerà una squadra negoziale e procederà con il voto in plenaria sul disegno di legge durante la prossima sessione plenaria, che si terrà dal 31 maggio al 1° giugno a Bruxelles. I deputati inizieranno quindi i negoziati con il Consiglio, con l’obiettivo di raggiungere un accordo politico, che i deputati voteranno poi in plenaria a luglio.

La legge a sostegno della produzione di munizioni (ASAP) mira a fornire urgentemente munizioni e missili all’Ucraina e ad aiutare gli Stati membri a rifornire le loro scorte. Con l’introduzione di misure mirate, tra cui un finanziamento di 500 milioni di euro, la legge mira ad aumentare la capacità produttiva dell’UE e ad affrontare l’attuale carenza di munizioni, missili e loro componenti. Maggiori informazioni sono disponibili nel comunicato stampa della Commissione europea.

Parallelamente, i deputati stanno lavorando al rafforzamento industriale della difesa europea attraverso il Common Procurement Act (EDIRPA)ù, per sostenere la collaborazione tra gli Stati membri nella fase di appalto per colmare le lacune più urgenti e critiche.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


“La democrazia deliberativa è un metodo per promuovere ulteriormente la partecipazione dei cittadini, costruire la fiducia e migliorare la salute delle nostre democrazie”, ha sottolineato la presidente della commissione per la governance del Congresso dei poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa, Jelena Drenjanin, rivolgendosi a circa 100 partecipanti durante il recente evento volto a favorire i processi deliberativi a livello locale in Ucraina.

La presidente ha elogiato le autorità locali ucraine per aver sostenuto le iniziative di governo aperto e per il loro impegno e la co-creazione con le organizzazioni della società civile. “Il Congresso è pronto a sostenervi coinvolgendo ulteriormente tutti gli abitanti delle vostre comunità nella vita politica, sociale e culturale locale”, ha sottolineato.

Il portavoce del Congresso per l’osservazione delle elezioni, Stewart Dickson, ha sottolineato che le pratiche deliberative si sono dimostrate efficaci nel rafforzare la costruzione della democrazia inclusiva e il processo decisionale collaborativo. “Ciò porta a una maggiore responsabilità e legittimità e, in ultima analisi, a una maggiore fiducia nelle istituzioni pubbliche locali”, ha aggiunto.

Il vicesindaco di Danzica (Polonia) Monika Chabior e il primo vicedirettore delle comunicazioni pubbliche della città di Kyiv Dmytro Ruban, hanno contribuito all’evento presentando buone pratiche di approcci innovativi complementari alle forme tradizionali di partecipazione dei cittadini.

A seguito degli scambi, le autorità locali ucraine hanno espresso forte interesse e disponibilità a introdurre modelli di democrazia deliberativa nelle loro comunità locali. Lo scambio ha permesso ai partecipanti di conoscere meglio gli ingredienti chiave che un processo deliberativo dovrebbe incorporare, vale a dire trasparenza e inclusività. Hanno anche discusso i modi per introdurre questo approccio pionieristico in tempo di guerra e le crescenti sfide che devono affrontare.

L’evento è stato organizzato nell’ambito del progetto “Rafforzare la governance multilivello, la democrazia e i diritti umani a livello locale in Ucraina” attuato dal Congresso dei poteri locali e regionali nell’ambito del Piano d’azione del Consiglio d’Europa per l’Ucraina “Resilienza, ripresa e ricostruzione” per il 2023-2026 . Il progetto mira a rafforzare il dialogo, il partenariato e la consultazione tra i diversi livelli di governo; rafforzare la governance collaborativa e la partecipazione dei cittadini in linea con i principi della democrazia locale e del governo aperto; e promuovere e garantire il diritto all’uguaglianza e alla non discriminazione a livello locale, per il recupero e la ricostruzione dell’Ucraina.

Relazione del Congresso “Oltre le elezioni: l’uso di metodi deliberativi nei comuni e nelle regioni europee” ENG / UKR

Opuscolo sulla democrazia deliberativa ENG / UKR
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In occasione del primo anniversario dell’inizio dell’aggressione russa in Ucraina, il Consiglio dei Comuni e delle regioni d’Euroopa (CEMR) chiede il rilascio di cinque sindaci ucraini rapiti.

In una dichiarazione rilasciata dal Segretariato del CEMR, il presidente del CEMR Gunn Marit Helgesen condanna fermamente la violazione della sovranità dell’Ucraina: “Un anno dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, permettetemi di ribadire il mio fermo sostegno ai nostri coetanei ucraini.”

Gunn Marit Helgesenci ricorda il rapimento di rappresentanti del governo locale ucraino: “Nell’ultimo anno, 35 sindaci ucraini sono stati rapiti e cinque sono ancora detenuti dalle forze russe. Prendere di mira i rappresentanti eletti locali è un attacco alle fondamenta stesse della nostra Europa, un’Europa radicata nel rispetto dello stato di diritto e della libertà. Non ci può essere un’Europa libera senza un’Ucraina libera”.

Alla luce dell’anniversario, il CEMR ha anche rilasciato una dichiarazione (EN , FR, UA) ribadendo il suo pieno sostegno all’Ucraina e al suo popolo. L’organizzazione denuncia le violenze contro civili innocenti, ma anche i rappresentanti eletti locali e regionali tenuti prigionieri: “Riaffermiamo il nostro pieno impegno a sostenere il popolo ucraino e i rappresentanti eletti locali e regionali nel loro cammino verso la vittoria e la ricostruzione”. Il CCRE si unisce quindi alla comunità internazionale che sostiene fermamente la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina e invita la Federazione Russa a porre fine alla sua guerra illegale.

Nell’ultimo anno, il CEMR e altre organizzazioni partner hanno costantemente dimostrato il loro sostegno all’Ucraina. Per farlo, hanno intrapreso molte azioni. Tra questi c’è la mobilitazione degli aiuti umanitari. Una delle organizzazioni partner, l’ Associazione delle città e delle comunità della Slovacchia (ZMOS), ha stanziato 50.000 euro in aiuti umanitari. ZMOS ha anche inviato migliaia di pacchi di varie forniture mediche, come bende, cerotti, compresse di garza e disinfettanti, oltre a migliaia di pacchi di kit per l’igiene personale e sacchi a pelo di emergenza.

Anche altri membri del CEMR, comuni e regioni, organizzazioni non governative e cittadini hanno offerto il loro aiuto finanziario. Uno dei comuni più piccoli dell’Estonia, il comune di Tõrva, ha trasferito 10.000 euro dal suo bilancio locale e ha raccolto più di 2.000 euro dai cittadini per sostenere la loro città gemella in Ucraina, Baranivka.

I comuni hanno contribuito anche accogliendo i rifugiati provenienti dall’Ucraina dilaniata dalla guerra. Il CEMR e i comuni e le regioni europee hanno coordinato i loro sforzi per assisterli nel modo più efficace possibile. Fornire alloggi, aprire scuole ai bambini ucraini, destreggiarsi tra i processi amministrativi e insegnare nuove lingue ai rifugiati si è rivelato essenziale.

La città di Tbilisi ha reso gratuiti i trasporti pubblici per tutti i cittadini ucraini, insieme a tutti i servizi comunali e ai centri culturali, sportivi ed educativi. Inoltre, il comune ha organizzato una campagna per la donazione del sangue.

Mostrare sostegno mantenendo i partenariati esistenti e creandone di nuovi è stato un altro passo compiuto da alcuni comuni europei. Nell’ambito dell’iniziativa Bridges of Trust, il comune distrettuale di Ukmergė in Lituania ha firmato un accordo di partenariato con il comune ucraino di Korosten per rafforzare il loro rapporto.

Il sindaco di Korosten Volodymyr Moskalenko ha elogiato la partnership : “Ognuna delle nostre conversazioni si riduce alla domanda ‘Come possiamo aiutarti?’” Secondo lui, la città “ha trovato veri amici”.

Poiché l’attacco russo ha lasciato in rovina molte città ucraine, la ricostruzione sarà fondamentale negli anni a venire. Alcuni sforzi sono già in corso, ma poiché la maggior parte di essi è organizzata a livello regionale, il CEMR chiede ai suoi membri sostegno e ulteriore aiuto per l’Ucraina.

Sostenendo pienamente l’iniziativa faro del partenariato del CEMR con i comuni ucraini, attualmente attuata con il sostegno del programma U-Lead with Europe, altre associazioni locali possono contribuire al processo di ricostruzione in Ucraina e sviluppare ulteriormente la cooperazione internazionale a livello municipale.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Democrazia, diritti umani e libertà di parola sono essenziali per i cittadini dell’UE, e proprio da loro arriva la richiesta al Parlamento europeo di difendere questi valori fondanti della nostra Unione. Questi sono alcuni dei principali dati emersi dall’indagine Eurobarometro dell’autunno 2022 commissionata dal Parlamento europeo, di cui sono stati pubblicati il 14 dicembre alcuni risultati. L’indagine completa sarà pubblicata a gennaio.

Secondo l’indagine condotta tra il 12 ottobre e il 7 novembre 2022, il tasso di approvazione per il sostegno dimostrato dall’Unione europea all’Ucraina in seguito all’invasione russa è al 74% a livello europeo. In tutti gli Stati membri, la maggior parte dei cittadini approva il sostegno dell’UE: le percentuali più alte sono state registrate in Svezia (97%), Finlandia (95%), Paesi Bassi (93%), Portogallo (92%) e Danimarca (92%). In Italia, si sono detti favorevoli il 63%.

Dieci mesi dopo l’inizio della guerra in Ucraina, il consenso per le misure concrete adottate dall’Unione, quali le sanzioni contro il governo russo o il sostegno economico, militare e umanitario all’Ucraina, continua a essere anch’esso alto, al 73% (media UE), e al 62% in Italia.

L’ultima indagine Eurobarometro conferma il deciso sostegno dei cittadini europei all’Ucraina e ai valori su cui si fonda l’Unione. Alla domanda su quali valori il Parlamento europeo dovrebbe difendere in via prioritaria, al primo posto si attesta la democrazia (36% il dato a livello l’UE, 39% per l’Italia), seguita dalla protezione dei diritti umani nell’UE e nel mondo (29%) e dalla libertà di parola e di pensiero (28%). I cittadini vogliono che i valori fondanti dell’UE siano protetti e difesi all’interno e all’esterno dell’Unione. Questi sono gli stessi valori che il popolo ucraino difende quotidianamente da quando le truppe russe hanno lanciato un’invasione non provocata e ingiustificata dell’Ucraina.

sono circa due terzi i cittadini dell’UE che ritengono che la loro vita cambierà (65%), in aumento di quattro punti percentuali rispetto all’indagine di aprile/maggio 2022.

Allo stesso tempo, i cittadini UE riconoscono il valore reale dell’appartenenza all’Unione europea: il 72% ritiene infatti che il proprio paese abbia beneficiato della condizione di Stato membro dell’UE (stessa opinione per il 61% per gli intervistati italiani). Rispondendo alla domanda sul perché il loro paese abbia tratto vantaggio dall’appartenenza all’UE, gli intervistati hanno spesso fatto riferimento al contributo dell’Unione al mantenimento della pace e al rafforzamento della sicurezza (36%, +6 punti percentuali rispetto all’indagine di novembre/dicembre 2021). Gli incrementi maggiori sono stati registrati in Lettonia (+16 punti percentuali), Lituania (+15 punti percentuali). Estonia (+12 punti percentuali), Paesi Bassi (+13 punti percentuali), Malta (+11 punti percentuali) e Polonia (+11 punti percentuali). Questi risultati sono indicativi degli effetti della guerra russa in Ucraina. Tra le altre motivazioni, spiccano i vantaggi della cooperazione tra paesi dell’UE (35%, +3 punti percentuali) e il contributo dell’Unione alla crescita economica del proprio paese (stabile al 30%).

Sondaggio PE autunno 2022: primi risultati – Il sostegno dei cittadini dell’UE all’Ucrainaù
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
A seguito della riunione del Consiglio europeo del 20 e 21 ottobre 2022, la Commissione ha proposto il 9 novembre un pacchetto di sostegno “senza precedenti” per l’Ucraina fino a 18 miliardi di EUR per il 2023. Questo avverrà sotto forma di prestiti altamente agevolati, erogati in rate regolari a partire dal 2023.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione.
Questa assistenza finanziaria stabile, regolare e prevedibile – con una media di 1,5 miliardi di euro al mese – contribuirà a coprire una parte significativa del fabbisogno di finanziamento a breve termine dell’Ucraina per il 2023, che le autorità ucraine e il Fondo monetario internazionale stimano da 3 a 4 miliardi di euro per mese. Il sostegno proposto dall’UE dovrebbe essere accompagnato da sforzi simili da parte di altri importanti donatori al fine di coprire tutte le esigenze di finanziamento dell’Ucraina per il 2023.

Grazie a questo pacchetto, l’Ucraina potrà continuare a pagare salari e pensioni e mantenere attivi i servizi pubblici essenziali , come ospedali, scuole e alloggi per le persone ricollocate. Consentirà inoltre all’Ucraina di garantire la stabilità macroeconomica e di ripristinare le infrastrutture critiche distrutte dalla Russia nella sua guerra di aggressione, come le infrastrutture energetiche, i sistemi idrici, le reti di trasporto, le strade e i ponti.

Il sostegno nell’ambito dello strumento sarà accompagnato da riforme per rafforzare ulteriormente lo stato di diritto, il buon governo, le misure antifrode e anticorruzione in Ucraina. Pertanto, pur tenendo conto dell’evoluzione sul campo, il sostegno finanziario sarà inquadrato da condizioni politiche, orientato al rafforzamento delle istituzioni ucraine e alla preparazione del terreno per uno sforzo di ricostruzione di successo, oltre a sostenere l’Ucraina nel suo percorso europeo.

Basandosi sui precedenti pacchetti di assistenza macrofinanziaria, questo strumento di assistenza macrofinanziaria+ (AMF+) offre un’elevata flessibilità e condizioni molto favorevoli per l’Ucraina , tenendo conto della situazione attuale del paese e garantendo un’azione rapida a sostegno del popolo ucraino.

I fondi saranno erogati attraverso prestiti altamente agevolati, rimborsabili nell’arco di un massimo di 35 anni, a partire dal 2033. In un’ulteriore manifestazione di solidarietà, l’UE propone inoltre di coprire i costi dei tassi di interesse dell’Ucraina, attraverso pagamenti aggiuntivi mirati da parte degli Stati membri nel bilancio dell’UE. Anche gli Stati membri dell’UE e i paesi terzi potranno aggiungere più fondi allo strumento, da utilizzare come sovvenzioni, se lo desiderano. I fondi verranno quindi convogliati attraverso il bilancio dell’UE, consentendo all’Ucraina di ricevere il sostegno in modo coordinato.

Lo strumento AMF+ sarà accompagnato da riforme per aiutare l’Ucraina ad avanzare nel suo cammino verso l’adesione all’UE. Ciò significa che il governo ucraino dovrà integrare il sostegno finanziario con riforme settoriali e istituzionali, comprese la lotta alla corruzione e le riforme giudiziarie, il rispetto dello stato di diritto, il buon governo e la modernizzazione delle istituzioni nazionali e locali.

Per garantire questo prestito all’Ucraina, la Commissione propone di utilizzare il margine di manovra del bilancio dell’UE 2021-2027 in modo mirato per l’Ucraina, limitato nel tempo. L’headroom è la differenza tra il massimale delle risorse proprie (ossia l’importo massimo di risorse che la Commissione può chiedere agli Stati membri di contribuire in un dato anno) e i fondi di cui ha effettivamente bisogno per coprire le spese previste dal bilancio. L’headroom, che è già utilizzato per garantire il prestito per i programmi di assistenza finanziaria agli Stati membri, garantirà agli investitori obbligazionari che gli importi prestati all’UE per finanziare i prestiti in prestito ucraini saranno rimborsati in ogni circostanza.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un comunicato stampa del 15 settembre della Commissione europea informa che i primi pagamenti di 500 milioni di euro di assistenza immediata all’Ucraina hanno raggiunto il paese per far fronte ai suoi bisogni più urgenti.

Questi fondi fanno parte del secondo pacchetto da 1,59 miliardi di euro della risposta urgente di solidarietà in Ucraina della BEI, sviluppato in stretta collaborazione con la Commissione europea.

Il primo pacchetto di sostegno di emergenza di 668 milioni di euro è stato interamente erogato entro un mese dall’inizio della guerra di aggressione non provocata della Russia contro l’Ucraina.

Il 14 settembre la Banca europea per gli investimenti (BEI), la banca dell’UE, ha erogato le prime tranches del pacchetto da 1,59 miliardi di euro della Risposta urgente di solidarietà dell’Ucraina, supportata da una garanzia dell’UE.

Il finanziamento erogato di 500 milioni di euro aiuterà il governo ucraino a coprire le esigenze di finanziamento prioritarie a breve termine, a garantire riparazioni urgenti di strade, ponti e infrastrutture ferroviarie danneggiati. Sosterrà anche società statali strategiche: Ukravtodor, l’agenzia stradale ucraina e la compagnia ferroviaria ucraina Ukrzaliznytsya. Le riparazioni della rete ferroviaria, delle strade e dei ponti aiuteranno l’Ucraina a mantenere in movimento persone, merci e grano. Poiché l’Ucraina è uno dei maggiori esportatori di grano al mondo, questi interventi vitali aiuteranno la sua economia a riprendersi e a migliorare la connettività con l’UE.

Il pacchetto di sostegno da 1,59 miliardi di euro nell’ambito della risposta urgente di solidarietà Ucraina della BEI, sostenuto dalle garanzie del bilancio dell’UE, si compone di due blocchi di interventi:

1,05 miliardi di euro di assistenza immediata, di cui mezzo miliardo interamente erogato oggi. Ulteriori pagamenti sono previsti per i prossimi giorni. e 540 milioni di euro per la ripresa dei progetti finanziati dalla BEI in Ucraina, dove la BEI continua a sostenere l’Ucraina finanziando i suoi progetti esistenti man mano che avanzano.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto in un comunicato destinato alla stampa di aver proposto il 7 settembre all’Ucraina ulteriori 5 miliardi di euro in prestiti di assistenza macrofinanziaria (AMF) come seconda parte del pacchetto eccezionale di assistenza macrofinanziaria fino a 9 miliardi di euro annunciato nella comunicazione della Commissione del 18 maggio 2022 e approvato dal Consiglio europeo del 23-24 giugno 2022. La Commissione ha erogato il primo miliardo di euro di questo pacchetto di AMF all’inizio di agosto. I restanti fino a 3 miliardi di euro saranno forniti il ​​prima possibile.

La proposta fa parte “dello straordinario sforzo dell’UE, insieme alla comunità internazionale, per aiutare l’Ucraina a far fronte alle crescenti esigenze finanziarie in seguito all’aggressione non provocata e ingiustificata da parte della Russia. È un elemento chiave delle misure generali di sgravio della liquidità a breve termine, come annunciato dalla Commissione nel maggio 2022, e contribuisce in misura considerevole a colmare il divario di finanziamento in sospeso per il quarto trimestre al fine di garantire il mantenimento della stabilità”, scrive Bruxelles. La proposta integrerà il sostegno già fornito dall’UE, compreso un prestito di emergenza AMF di 1,2 miliardi di euro erogato nella prima metà dell’anno. Presi insieme, i due filoni del programma porterebbero il sostegno totale dell’AMF all’Ucraina dall’inizio della guerra a 7,2 miliardi di euro.

In base alla proposta, i fondi dell’AMF saranno messi a disposizione dell’Ucraina sotto forma di prestiti a lungo termine a condizioni favorevoli, da erogare in un numero limitato di rate. In un’ulteriore manifestazione di solidarietà, il bilancio dell’UE coprirà i costi per interessi e le spese amministrative legate ai prestiti. Come per tutti i precedenti prestiti AMF, la Commissione prenderà in prestito i fondi sui mercati internazionali dei capitali e trasferirà i proventi alle stesse condizioni in Ucraina.

I prestiti all’Ucraina saranno assistiti da garanzie fornite dagli Stati membri che integreranno la dotazione disponibile dal bilancio dell’UE. Tra le disposizioni di bilancio dell’UE e le garanzie degli Stati membri, i prestiti saranno interamente garantiti per il 70% del loro valore.

Non appena il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione, rende noto la Commissione, approveranno la proposta e il corrispondente memorandum d’intesa e accordo di prestito con le autorità ucraine sarà firmato, la Commissione metterà rapidamente a disposizione i 5 miliardi di euro.

Questa assistenza finanziaria si aggiunge al sostegno senza precedenti fornito dall’UE fino ad oggi, in particolare l’assistenza umanitaria e allo sviluppo dal bilancio dell’UE e l’assistenza militare attraverso il Fondo europeo per la pace, la sospensione di tutti i dazi all’importazione sulle esportazioni ucraine per un anno o altro iniziative di solidarietà, ad esempio per affrontare le strozzature dei trasporti in modo da garantire le esportazioni, in particolare di cereali.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In vista del Consiglio di associazione UE-Ucraina previsto per il 5 settembre, l’Unione europea ha pubblicato il 26 luglio la sua relazione annuale sull’attuazione dell’associazione sull’Ucraina. Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

La relazione delinea l’attuazione da parte dell’Ucraina delle riforme nell’ambito dell’accordo di associazione UE-Ucraina che copre il periodo dall’ultima relazione pubblicata il 1° dicembre 2020 e fino all’inizio dell’aggressione militare russa il 24 febbraio 2022.

Il rapporto rileva che nel periodo coperto dal rapporto, l’Ucraina è stata sfidata dalle azioni destabilizzanti della Russia, dal conflitto a est e dalla pandemia di coronavirus. La relazione sottolinea che l’Ucraina ha comunque continuato a dare priorità all’associazione e all’ulteriore integrazione con l’UE e che, nonostante queste sfide, le riforme chiave hanno acquisito nuovo slancio.

In materia di giustizia, stato di diritto e lotta alla corruzione, si sono verificati numerosi sviluppi positivi, in particolare l’adozione di leggi chiave volte a riformare il Consiglio superiore della giustizia (HCJ) e il rilancio della Commissione dei giudici per le alte qualifiche (HQCJ). Tra le sfide in sospeso significative figurano la riforma urgente della Corte costituzionale (CCU). È stata adottata una nuova legge sull’Ufficio nazionale anticorruzione (NABU) che stabilisce un quadro giuridico chiaro tanto necessario per l’ufficio. Il processo di selezione per un nuovo capo della Procura Specializzata Anticorruzione (SAPO) non si è concluso. L’Alta Corte anticorruzione (HACC) ha continuato a costruire un solido track record ed è stata adottata una legge sulla protezione degli informatori. Un altro passo significativo è stato compiuto nella riforma dell’Ucraina’.

Il governo ha adottato una nuova strategia di riforma della pubblica amministrazione in linea con i principi dell’OCSE e della pubblica amministrazione europea ed è stata ripristinata l’assunzione basata sul merito nella funzione pubblica.

L’intervento del governo nella gestione della società energetica statale Naftogaz ha sollevato preoccupazioni per il proseguimento della riforma del governo societario delle imprese di proprietà statale (SOE). Un nuovo disegno di legge sul governo societario delle SOE ha approvato la prima lettura parlamentare nel luglio 2021. Mira ad allineare la legislazione ucraina alle linee guida dell’OCSE.

Il settore finanziario ucraino è rimasto redditizio nonostante l’impatto della crisi del Covid-19. Tuttavia, gli sviluppi presso la Banca nazionale ucraina (NBU) hanno sostenuto le preoccupazioni sull’indipendenza della banca centrale e sulla vigilanza bancaria.

Nel settore energetico, il mercato all’ingrosso dell’elettricità in Ucraina ha continuato a funzionare con alcuni segnali di distorsione e manipolazione del mercato. L’obiettivo strategico di collegare la rete elettrica ucraina alla rete dell’Europa continentale CEN (sincronizzazione della rete) era una priorità assoluta per l’Ucraina nel settore elettrico e ha consentito l’eventuale connessione alla rete il 16 marzo 2022.

Nel 2021 si sono registrati complessivamente scarsi progressi nelle riforme ambientali . Tuttavia, nel settore dell’azione per il clima, l’Ucraina ha adottato e presentato il suo contributo definito a livello nazionale all’accordo di Parigi e alla strategia nazionale sull’adattamento ai cambiamenti climatici. È stato avviato un dialogo incentrato tra l’ UE e l’Ucraina sul Green Deal dell’UE e sulla trasformazione verde dell’Ucraina e si sono tenute due sessioni di lavoro estese a Bruxelles e Kiev.

L’Ucraina ha continuato a compiere progressi significativi nel settore della trasformazione digitale. L’Ucraina ha adottato la legge sull’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni, un passo importante nell’allineamento della sua legislazione con l’acquis dell’UE. La trasformazione digitale ha già contribuito a un governo più efficiente e trasparente e alla lotta alla corruzione.

La quarta relazione nell’ambito del meccanismo di sospensione dei visti del 4 agosto 2021 ha concluso che nel complesso l’Ucraina ha continuato a rispettare i parametri di riferimento per la liberalizzazione dei visti e ha adottato misure per dare seguito alle raccomandazioni precedenti. Tuttavia, sono stati necessari ulteriori sforzi, tra l’altro, nei settori della lotta alla corruzione, del riciclaggio di denaro e della prevenzione e della lotta alla criminalità organizzata.

Rapporto sull’attuazione dell’associazione 2021 per l’Ucraina

Accordo di associazione UE-Ucraina
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS