E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha proposto l’11 giugno di prorogare per un altro anno, dal 5 marzo 2025 al 4 marzo 2026, la protezione temporanea per le persone in fuga dall’aggressione della Russia contro l’Ucraina. Lo rende noto uncomunicato stampa della Commissione europea.

Considerati i continui attacchi russi alle infrastrutture civili e critiche in tutta l’Ucraina, attualmente non esistono condizioni sicure e durature per il ritorno delle persone in Ucraina. La Commissione ritiene pertanto che le ragioni della protezione temporanea permangano e che essa dovrebbe essere prorogata per un altro anno come risposta necessaria e adeguata alla situazione attuale.

L’obiettivo finale è garantire che tutti coloro che fuggono dalla guerra di aggressione della Russia possano trovare protezione nell’UE e che ai quasi 4,2 milioni di persone che già beneficiano di protezione temporanea negli Stati membri dell’UE venga fornita la massima stabilità possibile nell’ambito dell’UE. circostanze attuali.

La Direttiva sulla protezione temporanea garantisce protezione immediata e accesso ai diritti nell’UE, compresi i diritti di residenza, l’accesso al mercato del lavoro, all’alloggio, all’assistenza sociale, all’assistenza medica e di altro tipo. Aiuta inoltre gli Stati membri a gestire gli arrivi in ​​modo ordinato ed efficace.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 30 aprile 2024, 4,2 milioni di cittadini di paesi terzi, fuggiti dall’Ucraina a seguito della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina iniziata il 24 febbraio 2022, godevano dello status di protezione temporanea nell’UE. Lo rende noto Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.

Alla fine di aprile 2024, tra i paesi dell’UE che hanno fornito dati volontariamente, la Polonia aveva il maggior numero di beneficiari di protezione temporanea dall’Ucraina (953.930), seguita dalla Repubblica ceca (345.405).

Rispetto alla fine di marzo 2024, sulla base dei dati disponibili, il numero dei beneficiari è aumentato in 19 paesi dell’UE. I maggiori aumenti assoluti sono stati osservati in Romania (+3.275), Svezia (+1.855), Bulgaria (+1.780) e Slovacchia (+ 1.250).

Il numero di beneficiari è diminuito in 6 paesi dell’UE, con la Repubblica Ceca (-18.970) e i Paesi Bassi (-8.415) che hanno registrato le maggiori diminuzioni assolute.

I dati presentati si riferiscono all’attribuzione dello status di protezione temporanea sulla base della decisione di esecuzione 2022/382 del Consiglio del 4 marzo 2022, che stabilisce l’esistenza di un afflusso massiccio di sfollati dall’Ucraina a causa della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, e avente l’effetto di introdurre una protezione temporanea.

Il 28 settembre 2023 il Consiglio europeo ha deciso di estendere la protezione temporanea per queste persone dal 4 marzo 2024 al 4 marzo 2025.

Rispetto alla popolazione di ciascun paese dell’UE, il numero più elevato di beneficiari totali di protezione temporanea per mille persone alla fine di aprile 2024 è stato osservato in Repubblica Ceca (31,9), Lituania (27,0) e Polonia (26,0), mentre il dato corrispondente Il livello dell’UE era di 9,4 per mille persone.

Al 30 aprile 2024 i cittadini ucraini rappresentavano oltre il 98% dei beneficiari di protezione temporanea. Le donne adulte costituivano quasi la metà (45,7%) dei beneficiari di protezione temporanea nell’UE. I bambini rappresentavano quasi un terzo (32,8%), mentre gli uomini adulti costituivano poco più di un quinto (21,5%) del totale.

Articolo Eurostat sulle statistiche mensili sull’asilo

Articolo Eurostat sulle statistiche annuali delle domande di asilo
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto in un comunicato di avere recentemente adottato una proposta di decisione di esecuzione del Consiglio UE che valuta positivamente il piano Ucraina, la strategia globale di riforma e investimento dell’Ucraina per i prossimi quattro anni.

Questo passo, scrive Bruxelles, apre la strada a un sostegno regolare e prevedibile all’Ucraina nell’ambito dello strumento per l’Ucraina fino a 50 miliardi di euro dell’UE.

I finanziamenti nell’ambito dello strumento aiuteranno l’Ucraina a mantenere in funzione la propria amministrazione, a pagare stipendi e pensioni, a fornire servizi pubblici di base e a sostenere la ripresa e la ricostruzione mentre continua a difendersi dall’aggressione della Russia.

I pagamenti saranno erogati subordinatamente all’attuazione delle misure concordate di riforma e investimento indicate nell’allegato della decisione di esecuzione del Consiglio. Inoltre, il sostegno finanziario nell’ambito del piano per l’Ucraina sarà reso disponibile a condizione che l’Ucraina continui a sostenere e rispettare meccanismi democratici efficaci.

Proposta della Commissione per una decisione di esecuzione del Consiglio.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I rappresentanti degli Stati membri dell’UE hanno confermato nei giorni scorsi l’accordo provvisorio raggiunto lo stesso giorno tra la presidenza del Consiglio UE e i rappresentanti del Parlamento europeo volto a prorogare fino al 5 giugno 2025 la sospensione dei contingenti e dei dazi all’importazione sulle esportazioni ucraine verso l’UE.

Con questa proroga, sottolinea il comunicato del Consiglio UE, “l’UE ribadisce il fermo sostegno politico ed economico all’Ucraina, dopo due anni di aggressione militare non provocata e ingiustificata della Russia”.

Allo stesso tempo, l’UE ha deciso di rafforzare la protezione dei prodotti agricoli sensibili attraverso il potenziamento delle salvaguardie già incluse nelle misure commerciali autonome attualmente applicabili, anche tenendo conto di eventuali effetti negativi sul mercato di uno o più Stati membri, anziché sul solo mercato dell’UE nel suo complesso (come avviene attualmente). Sarà inoltre aggiunta una nuova salvaguardia automatica per alcuni prodotti sensibili, come pollame, uova, zucchero, avena, granturco, semole e miele.

>Proposta di regolamento relativo a misure temporanee di liberalizzazione degli scambiù
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 29 febbraio 2024, 4,2 milioni di cittadini di paesi terzi, fuggiti dall’Ucraina a seguito della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina iniziata il 24 febbraio 2022, avevano lo status di protezione temporanea nell’UE.Lo rende noto il sito Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.



Alla fine di febbraio 2024, i paesi dell’UE che ospitavano il maggior numero di beneficiari di protezione temporanea dall’Ucraina erano la Germania (1.286.580 persone; 30,4% del totale dell’UE), Polonia (957.200; 22,6%) e Repubblica ceca (385.075; 9,1%).

Rispetto alla fine di gennaio 2024, i maggiori aumenti assoluti nel numero di beneficiari sono stati osservati in Germania (+16.430; +1,3%), Polonia (+5.640; +0,6%) e Repubblica ceca (+3.885; + 1,0%).

Il numero di beneficiari è diminuito in 5 paesi dell’UE, vale a dire Austria (-1 420 persone; -1,7%), Francia (-685; -1,1%), Estonia (-550; -1,5%), Paesi Bassi (-120; – 0,1%) e Malta (-20; -1,0%).

I dati presentati si riferiscono all’attribuzione dello status di protezione temporanea sulla base della decisione di esecuzione 2022/382 del Consiglio del 4 marzo 2022, che stabilisce l’esistenza di un afflusso massiccio di sfollati dall’Ucraina a causa della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, e avendo l’effetto dell’introduzione della protezione temporanea.

Il 28 settembre 2023 il Consiglio europeo ha deciso di estendere la protezione temporanea per le persone in fuga dalla guerra di aggressione russa contro l’Ucraina dal 4 marzo 2024 al 4 marzo 2025.

Rispetto alla popolazione di ciascun paese dell’UE, il numero più elevato di beneficiari totali di protezione temporanea per mille persone alla fine di febbraio 2024 è stato osservato in Repubblica Ceca (35,6), Lituania (26,5) e Polonia (26,0), mentre il dato corrispondente alla fine di febbraio 2024 Il livello dell’UE era di 9,4 per mille persone.

Al 29 febbraio 2024 i cittadini ucraini rappresentavano oltre il 98% dei beneficiari di protezione temporanea. Le donne adulte costituivano quasi la metà (46,0%) dei beneficiari di protezione temporanea nell’UE. I bambini rappresentavano quasi un terzo (32,9%), mentre gli uomini adulti costituivano poco più di un quinto (21,2%) del totale.

Statistiche e Spiegazione sulla protezione temporanea per le persone in fuga dall’Ucraina

Articolo Eurostat sulle statistiche mensili sull’asilo

Articolo Eurostat sulle statistiche annuali sull’asilo

Sezione tematica Eurostat sull’impatto della guerra in Ucraina

Sezione tematica Eurostat sulle statistiche sull’immigrazione e sull’asilo

Banca dati Eurostat sulle statistiche sull’asilo
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa ha adottato il 26 marzo nel corso della sua 46esima sessione una Dichiarazione sul secondo anniversario della guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina, presentata da Martine Dieschburg-Nickels e Gunn-Marit Helgesen (che è anche Presidente del CCRE/CEMR).

Il Congresso ha ribadito la sua condanna della guerra di aggressione in corso contro l’Ucraina e ha riaffermato il suo fermo impegno a favore dell’indipendenza, della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina entro i suoi confini riconosciuti a livello internazionale.

Nei due anni trascorsi dallo scoppio, questa guerra brutale ha causato la perdita di decine di migliaia di vite innocenti e una massiccia distruzione in tutta l’Ucraina, costringendo milioni di persone ad abbandonare le proprie case e diffondendo violenza e disinformazione, con conseguenze drammatiche a lungo termine. ripercussioni su città e comunità in Ucraina e nel mondo.

Il Congresso ha sottolineato l’importanza fondamentale di cercare giustizia per le vittime e di ritenere la Russia responsabile e ha accolto con favore l’istituzione del Registro dei danni per l’Ucraina, la cui azione sosterrà assicurando che le richieste di risarcimento possano essere prese rapidamente anche attraverso le autorità locali e regionali.

Nella sua Dichiarazione, il Congresso si è unito nuovamente all’appello della comunità internazionale rivolto alla Federazione Russa affinché ponga fine alla sua guerra ingiustificata e immotivata contro l’Ucraina e ritiri le sue truppe dal territorio ucraino immediatamente, pienamente e incondizionatamente, e condanni gli orribili crimini di guerra e gli atti di possibili genocidi commessi dalle forze russe.

Il Congresso ha deplorato in particolare l’impatto della guerra sui bambini ucraini, compresi quelli che sono stati sfollati interni, costretti a fuggire dall’Ucraina, separati dalle loro famiglie e/o deportati con la forza dalle autorità russe, e ha invitato le autorità locali e regionali a dove vivono attualmente questi bambini, per intraprendere azioni globali per proteggerli.

La Dichiarazione condanna inoltre lo svolgimento illegale delle cosiddette elezioni da parte della Federazione Russa nelle regioni all’interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell’Ucraina nell’autunno 2023 e delle elezioni presidenziali russe nel marzo 2024 nelle regioni temporaneamente occupate dell’Ucraina, e sottolinea che tali azioni, che violano palesemente il diritto internazionale, minano la pace e la sicurezza internazionali e violano il diritto dei cittadini a partecipare alla gestione degli affari locali.

Il Congresso ha ribadito la sua solidarietà ai cittadini ucraini e ai loro leader eletti, che continuano a dimostrare straordinario coraggio e resilienza nel difendere il loro Paese dallo Stato aggressore, e ha invitato le città e le regioni europee a continuare a fornire assistenza finanziaria, di sicurezza e umanitaria su larga scala ai cittadini ucraini e ai loro leader eletti. le loro controparti ucraine, anche attraverso possibili partenariati diretti e articolati.

La Dichiarazione ha elogiato la solidarietà e l’unità degli europei e delle loro città e comuni, che hanno accolto milioni di persone in fuga dalla guerra contro l’Ucraina e hanno fornito assistenza e sostegno per soddisfare le loro esigenze fin dall’inizio dell’aggressione su vasta scala, e ha chiesto tale sostegno. da mantenere e incrementare per aiutare l’Ucraina a difendere se stessa e il suo popolo.

Il Congresso ha espresso il suo sostegno agli sforzi di riforma dell’Ucraina nel quadro della sua richiesta di adesione all’Unione europea, nonché la sua ferma convinzione che il decentramento dell’Ucraina e la riforma dell’autogoverno locale contribuiscono in modo significativo alla sua resilienza a livello locale e regionale, e ha sottolineato l’importanza di portare avanti il ​​processo di riforma durante la ripresa postbellica. Il Congresso continuerà a fornire il proprio sostegno a questi sforzi attraverso un gran numero di progetti di cooperazione in Ucraina.

I membri del Congresso hanno ribadito che sono al fianco del popolo ucraino in questo momento storicamente decisivo per l’Ucraina e per il mondo e credono in un futuro comune e democratico basato sul rispetto del diritto internazionale e su una pace giusta. ***
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa sta svolgendo la sua 46a sessione dal 26 al 28 marzo 2024 a Strasburgo. In questa occasione, mercoledì 27 marzo il Congresso terrà una cerimonia speciale per celebrare il suo 30 ° anniversario.

L’ordine del giorno della sessione prevede dibattiti sui due anni di guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina, con l’adozione di una dichiarazione, e sul ruolo degli enti locali e regionali nella tutela dei diritti dei bambini ucraini, con la partecipazione di Daria Herasymchuk, commissaria presidenziale per i diritti dell’infanzia e la riabilitazione dell’infanzia. I membri del Congresso avranno inoltre uno scambio di opinioni con Sviatlana Tsikhanouskaya, leader delle forze democratiche bielorusse, durante un dibattito sul ruolo degli enti locali e regionali nel sostenerle.

Il Congresso discuterà i rapporti di monitoraggio sull’applicazione della Carta europea dell’autonomia locale in Andorra, Croazia, Francia, Italia, Montenegro e Norvegia, nonché sull’osservazione delle elezioni locali nella Repubblica di Moldova (5 novembre 2023).

Saranno discusse e votate anche risoluzioni e raccomandazioni sugli enti locali e regionali come attori e garanti dello Stato di diritto, risposte locali e regionali ai disastri naturali e ai rischi climatici: dalla preparazione ai rischi alla resilienza, e il vertice delle Nazioni Unite sul futuro.

L’aumento dell’antisemitismo e dell’odio anti-musulmano in Europa, le responsabilità locali nella protezione dell’ambiente, il diritto all’acqua in pericolo, l’esodo dei servizi dalle regioni periferiche e rurali, le regioni interculturali e il progetto di convenzione sull’intelligenza artificiale sono tra gli altri temi dei dibattiti della sessione. I membri del Congresso avranno inoltre uno scambio di opinioni con la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović-Burić e la Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa Dunja Mijatović, che presenteranno i risultati dei rispettivi mandati, nonché con la Vice Primo Ministro del Liechtenstein Sabine Monauni a nome della Presidenza del Comitato dei Ministri del suo paese.

Tra gli altri ospiti invitati figurano il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Italiane Roberto Calderoli.

PROGETTO DI ORDINE DEL GIORNO

I rappresentanti dei mass media potranno inoltre seguire la sessione del Congresso in diretta in inglese, francese, tedesco, italiano e turco sul sito https://www.coe.int/en/web/portal/home Dibattiti sulla guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina e sul diritto all’acqua minacciato verrà interpretato anche in ucraino. Il progetto di ordine del giorno e i documenti della Sessione, nonché video e foto sono disponibili nella pagina del Congresso dedicata della Sessione .

SEGUI LA SESSIONE IN DIRETTA STREAMING
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea ha avviato nei giorni scorsi 2 progetti in partenariato con l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) allo scopo di rafforzare la sicurezza sanitaria e la preparazione a gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero, in particolare in relazione a rischi chimici, biologici, radiologici e nucleari.

Il primo progetto si concentra sul rafforzamento delle capacità di sicurezza sanitaria e sul miglioramento delle strategie di prevenzione, preparazione, individuazione e risposta nell’UE, nello Spazio economico europeo (SEE), nei paesi candidati all’adesione all’UE e nei paesi del partenariato orientale. Il progetto contempla un’ampia gamma di rischi potenziali, dalle catastrofi naturali, come terremoti e inondazioni, ai rischi biologici e ai conflitti di origine umana, e si concentra in particolare sul miglioramento del coordinamento e della cooperazione in caso di emergenza, a livello sia nazionale sia internazionale. Il programma EU4Health sosterrà questo progetto con 6,4 milioni di € nel corso dei prossimi 5 anni.

Il secondo progetto accelera gli sforzi volti ad affrontare specificamente i rischi chimici, biologici, radiologici e nucleari (CBRN) nell’UE, in Ucraina, in Moldova e in altri paesi aderenti al programma EU4Health, rafforzando le capacità di prevenzione, preparazione e risposta alle minacce CBRN per la salute pubblica mediante la pianificazione della preparazione e della risposta, nonché rafforzando la preparazione a livello transfrontaliero. Il programma EU4Health finanzierà questo progetto con 5,8 milioni di € nel corso dei prossimi 3 anni.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 27NO NEW POSTS