E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea europea rende noto in un comunicato stampa di aver accolto con favore il 14 dicembre l’accordo politico raggiunto tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea sul finanziamento di REPowerEU e sulla possibilità per gli Stati membri di introdurre capitoli REPowerEU nei loro piani per la ripresa e la resilienza.

Questo accordo si basa sul Recovery and Resilience Facility (RRF) per rispondere ulteriormente alle difficoltà economiche e alle perturbazioni del mercato energetico globale causate dall’invasione russa dell’Ucraina.

Grazie all’accordo odierno, scrive Bruxelles, gli Stati membri saranno in grado di avviare riforme e investimenti , eliminando gradualmente le importazioni di combustibili fossili russi e fornendo energia pulita, economica e sicura alle famiglie e alle imprese in tutta Europa.

L’accordo copre anche le misure SAFE (Supporting Affordable Energy) nell’ambito della politica di coesione, che consentiranno agli Stati membri di utilizzare i fondi non spesi nell’ambito della loro dotazione 2014-2020 per fornire sostegno diretto alle famiglie vulnerabili e alle piccole e medie imprese (PMI) per aiutare devono affrontare un aumento dei costi energetici, come proposto dalla Commissione in ottobre.

Per sostenere REPowerEU, 225 miliardi di euro sono già disponibili in prestiti nell’ambito del RRF. L’accordo, che richiede l’approvazione finale da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, prevede che la dotazione finanziaria del RRF sia aumentata con:

20 miliardi di EUR in nuove sovvenzioni per finanziare misure che gli Stati membri potranno includere nei capitoli REPowerEU nei loro piani per la ripresa e la resilienza. Tali contributi saranno finanziati attraverso la vendita anticipata di quote Emissions Trading System (ETS) e le risorse del Fondo per l’Innovazione, da ricostituire in parte attraverso la Riserva Stabilizzante di Mercato.

5,4 miliardi di euro di fondi della riserva di adeguamento alla Brexit che gli Stati membri potranno trasferire volontariamente alla RRF per finanziare le misure di REPowerEU. Ciò si aggiunge alle possibilità di trasferimento esistenti del 5% dai fondi della politica di coesione (fino a 17,9 miliardi di EUR).

REPowerEU: un piano per ridurre rapidamente la dipendenza dai combustibili fossili russi e accelerare la transizione verde
0

E-News, coesione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2020, di fronte alla pandemia di Covid-19 senza precedenti, i leader dell’Unione europea e la Commissione europea hanno messo in atto un pacchetto di risposta altrettanto senza precedenti: Next Generation EU. Consente all’Unione europea di prendere in prestito ingenti importi di finanziamento dai mercati finanziari e di assegnarli agli Stati membri. Il fulcro di Next Generation EU, il Recovery and Resilience Facility (RRF), fornisce sovvenzioni e prestiti per un periodo di 5 anni, per un totale di 724 miliardi di euro (a prezzi correnti), per sostenere il rimbalzo delle economie dell’UE dopo la pandemia.

Così sintetizza sul proprio sito il CEMR. Gli Stati membri dell’UE sono stati tenuti a presentare piani nazionali di ripresa e resilienza (RRP), che delineano le rispettive strategie di investimento e di riforma per l’utilizzo del finanziamento RRF. Gli RRP dovrebbero delineare una strategia quinquennale di riforma e investimento e stabilire il ritmo di trasformazione necessario per transizioni digitali e sostenibili solide ed eque. Gli Stati membri hanno recentemente avuto l’opportunità di adattare i loro piani nazionali per considerare le nuove sfide poste dalla guerra in Ucraina e il suo impatto sul costo degli approvvigionamenti energetici.

Sin dall’inizio del processo, il CEMR e il Comitato europeo delle regioni (CdR) hanno collaborato per promuovere il coinvolgimento più pieno e significativo dei governi locali e regionali (LRG), sia nella progettazione che nell’attuazione della ripresa e Resilienza. Uno studio iniziale prodotto congiuntamente dal CdR e dal CCRE e pubblicato nel gennaio 2021 ha evidenziato i primi sforzi degli LRG per essere coinvolti nella preparazione dei PRR.

I risultati hanno dimostrato gli ampi problemi incontrati dagli LRG, la mancanza di consultazione sui loro RRP nazionali e anche nelle occasioni in cui sono stati consultati, i loro contributi sono stati spesso trascurati.

Nel maggio 2022 il CCRE e il CdR hanno preparato uno studio di follow-up, per esplorare in che misura la situazione si sia evoluta positivamente e se gli LRG abbiano ritenuto o meno migliorato il loro coinvolgimento nell’attuazione dei PRR. I risultati di questo studio di follow-up sono stati più contrastanti, ma la sensazione generale era che le LGR fossero preoccupate per il fatto che la mancanza di accordi di partenariato nella fornitura degli RRP stesse portando a una consegna meno efficace degli RRP sul campo.

Gli Stati membri stanno portando avanti l’attuazione dei loro piani nazionali di risanamento, definendo sia nuovi investimenti che riforme, e di conseguenza è stata erogata una notevole quantità di fondi RRF. Resta tuttavia da notare che un importo significativo dei prestiti disponibili rimane non richiesto dagli Stati membri. Sebbene vi siano potenziali sinergie tra la politica di coesione e la RRF, esiste anche la possibilità di sovrapposizioni e concorrenza per i finanziamenti a causa dell’insufficiente coerenza tra i diversi strumenti. Crescono i timori sul fatto che l’attribuzione di priorità all’RFF possa portare a una riduzione delle risorse di coesione dopo il 2027. Vi sono crescenti richieste per l’apertura di un serio dibattito su come garantire la coerenza tra i diversi strumenti di coesione dell’UE.

All’inizio dell’estate 2022, la Commissione europea ha pubblicato il suo Rapporto di riesame sull’attuazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza, in cui espone le opinioni della Commissione sulle prestazioni dell’RRF fino ad oggi. Da allora è seguito il primo di una serie di audit sul dispositivo per la ripresa e la resilienza.

Sulla base di un campione selezionato di sei Stati membri (Francia, Germania, Croazia, Grecia, Spagna e Italia), la Corte dei conti europea (ECA) ha valutato l’adeguatezza degli RRF per ciascuno di questi paesi, le linee guida fornite a ciascuno Stato membro e rispetto del regolamento RRF. Nel complesso, la Corte ha ritenuto che la valutazione della Commissione fosse generalmente appropriata, data la complessità del processo e i vincoli di tempo. Tuttavia, l’ECA ha evidenziato una serie di debolezze nel processo e che permangono rischi per l’attuazione dell’RRF.

Anche il CdR sta preparando un parere sull’attuazione dell’RRF dopo i suoi precedenti lavorie la pubblicazione del rapporto di revisione della Commissione europea. Aspettiamo di vedere se, a distanza di un anno dal suo ultimo parere, il CdR ritenga ora che l’attuazione della RRF consentirà a importanti fondi pubblici di soddisfare adeguatamente i bisogni delle nostre comunità, comuni e regioni. Il CdR adotterà il suo parere durante la sessione plenaria del febbraio 2023.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha approvato il 27 settembre una valutazione preliminare positiva della seconda richiesta di pagamento dell’Italia per 21 miliardi di euro, di cui 10 miliardi di euro di sovvenzioni e 11 miliardi di euro di prestiti (al netto del prefinanziamento) nell’ambito del Recovery and Resilience Facility (RRF), lo strumento chiave al centro di NextGenerationEU.

Il 28 giugno 2022 l’Italia ha presentato alla Commissione una richiesta di pagamento basata sul raggiungimento delle 45 tappe e obiettivi selezionati nella decisione di esecuzione del Consiglio per la seconda rata. Riguardano le riforme nei settori del pubblico impiego (nell’ambito di una più ampia riforma della pubblica amministrazione), degli appalti pubblici, della professione docente, dell’amministrazione fiscale e della sanità territoriale.

La richiesta di pagamento include investimenti in aree politiche chiave tra cui banda ultralarga e 5G, ricerca e innovazione, turismo e cultura, idrogeno, rigenerazione urbana e digitalizzazione delle scuole. Questa richiesta di pagamento comprende anche un investimento per sostenere la riforma del sistema giudiziario e ridurre l’arretrato giudiziario.

Con la loro richiesta, le autorità italiane hanno fornito prove dettagliate ed esaurienti che dimostrano il raggiungimento delle 45 tappe e obiettivi. La Commissione ha valutato a fondo queste informazioni prima di presentare la sua valutazione preliminare positiva della richiesta di pagamento.

Il piano italiano per la ripresa e la resilienza prevede un’ampia gamma di investimenti e misure di riforma in sei aree tematiche (le cosiddette “Missioni”). Il piano sarà sostenuto da 191,6 miliardi di euro, 69 miliardi di euro in sovvenzioni e 122,6 miliardi di euro in prestiti, il 13% dei quali (9 miliardi di euro in sovvenzioni e 15,9 miliardi di euro in prestiti) è stato erogato all’Italia in prefinanziamento il 13 agosto 2021. Inoltre, il 13 aprile 2022 è stato erogato all’Italia un primo pagamento del valore di 21 miliardi di euro.

I pagamenti nell’ambito dell’RRF sono basati sui risultati e subordinati all’attuazione da parte degli Stati membri degli investimenti e delle riforme delineati nei rispettivi piani di ripresa e resilienza.

Domande e risposte sul piano di ripresa e resilienza dell’Italia

Scheda informativa sul piano di ripresa e resilienza dell’Italia
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie


RePowerEU, il piano dell’UE per ridurre rapidamente la dipendenza dai combustibili fossili russi, diversificare l’approvvigionamento energetico a livello dell’UE e accelerare la transizione verde, potrebbe dover affrontare sfide pratiche significative, avverte la Corte dei conti europea in un parere pubblicato recentemente. In particolare, secondo la Corte, il successo di REPowerEU dipenderà da azioni complementari a tutti i livelli e dalla garanzia di finanziamenti per circa 200 miliardi di euro.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il Consiglio europeo ha deciso che l’UE dovrebbe eliminare completamente la sua dipendenza dalle importazioni russe di gas, petrolio e carbone il prima possibile. La Commissione Europea ha quindi presentato il piano REPowerEU, volto ad aumentare la resilienza del sistema energetico dell’UE riducendo la sua dipendenza dai combustibili fossili e diversificando gli approvvigionamenti energetici a livello di UE. Questo obiettivo sarà attuato attraverso la Recovery and Resilience Facility (RRF): le misure a sostegno dell’obiettivo saranno incluse nei capitoli REPowerEU dei piani nazionali di ripresa e resilienza.

“L’invasione russa dell’Ucraina ha acceso i riflettori sulla nostra dipendenza dalle importazioni di gas, petrolio e carbone e l’UE aveva assolutamente bisogno di agire e rispondere rapidamente alle crescenti preoccupazioni in materia di sicurezza energetica “, ha affermato Ivana Maletić, membro della Corte dei conti europea responsabile del parere. “Ma la nostra opinione è che REPowerEU, nella sua forma attuale, potrebbe non riuscire a identificare e attuare rapidamente i progetti strategici dell’UE con un impatto immediato e massimo sulla sicurezza e l’indipendenza energetica dell’UE“.

REPowerEU potrebbe non rivelarsiall’altezza delle proprie ambizioni
0

E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha approvato, ai sensi della normativa UE sugli aiuti di Stato, un regime italiano da 1,2 miliardi di euro messo a disposizione attraverso il Recovery and Resilience Facility (“RRF”) per sostenere gli investimenti in pannelli fotovoltaici nel settore agricolo. Il regime contribuirà inoltre agli obiettivi strategici dell’UE relativi al Green Deal dell’UE.

La misura notificata dall’Italia, con una dotazione di 1,2 miliardi di euro, sarà interamente finanziata tramite il RRF, a seguito della valutazione positiva da parte della Commissione del Piano per la ripresa e la resilienza dell’Italia e la sua adozione da parte del Consiglio.

Il regime, che durerà fino al 30 giugno 2026, è volto a sostenere le aziende agricole, allevatorie e agroindustriali a investire nell’uso delle energie rinnovabili. Ciò migliorerà la competitività del settore e avrà effetti positivi sul clima.

Nell’ambito del regime, il sostegno assumerà la forma di sovvenzioni dirette che coprono fino al 90 % dei costi di investimento ammissibili. Tali costi sono soggetti a massimali a seconda della capacità dell’impianto fotovoltaico. I beneficiari possono investire solo in capacità fotovoltaiche non eccedenti il ​​loro fabbisogno energetico.

La Commissione ha valutato il regime in base alle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, e in particolare agli orientamenti per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e all’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) , del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, che consente agli Stati membri di sostenere lo sviluppo di determinate attività economiche a determinate condizioni.

0