E-News, In Evidenza, Ultime Notizie


RePowerEU, il piano dell’UE per ridurre rapidamente la dipendenza dai combustibili fossili russi, diversificare l’approvvigionamento energetico a livello dell’UE e accelerare la transizione verde, potrebbe dover affrontare sfide pratiche significative, avverte la Corte dei conti europea in un parere pubblicato recentemente. In particolare, secondo la Corte, il successo di REPowerEU dipenderà da azioni complementari a tutti i livelli e dalla garanzia di finanziamenti per circa 200 miliardi di euro.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il Consiglio europeo ha deciso che l’UE dovrebbe eliminare completamente la sua dipendenza dalle importazioni russe di gas, petrolio e carbone il prima possibile. La Commissione Europea ha quindi presentato il piano REPowerEU, volto ad aumentare la resilienza del sistema energetico dell’UE riducendo la sua dipendenza dai combustibili fossili e diversificando gli approvvigionamenti energetici a livello di UE. Questo obiettivo sarà attuato attraverso la Recovery and Resilience Facility (RRF): le misure a sostegno dell’obiettivo saranno incluse nei capitoli REPowerEU dei piani nazionali di ripresa e resilienza.

“L’invasione russa dell’Ucraina ha acceso i riflettori sulla nostra dipendenza dalle importazioni di gas, petrolio e carbone e l’UE aveva assolutamente bisogno di agire e rispondere rapidamente alle crescenti preoccupazioni in materia di sicurezza energetica “, ha affermato Ivana Maletić, membro della Corte dei conti europea responsabile del parere. “Ma la nostra opinione è che REPowerEU, nella sua forma attuale, potrebbe non riuscire a identificare e attuare rapidamente i progetti strategici dell’UE con un impatto immediato e massimo sulla sicurezza e l’indipendenza energetica dell’UE“.

REPowerEU potrebbe non rivelarsiall’altezza delle proprie ambizioni
0

E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha approvato, ai sensi della normativa UE sugli aiuti di Stato, un regime italiano da 1,2 miliardi di euro messo a disposizione attraverso il Recovery and Resilience Facility (“RRF”) per sostenere gli investimenti in pannelli fotovoltaici nel settore agricolo. Il regime contribuirà inoltre agli obiettivi strategici dell’UE relativi al Green Deal dell’UE.

La misura notificata dall’Italia, con una dotazione di 1,2 miliardi di euro, sarà interamente finanziata tramite il RRF, a seguito della valutazione positiva da parte della Commissione del Piano per la ripresa e la resilienza dell’Italia e la sua adozione da parte del Consiglio.

Il regime, che durerà fino al 30 giugno 2026, è volto a sostenere le aziende agricole, allevatorie e agroindustriali a investire nell’uso delle energie rinnovabili. Ciò migliorerà la competitività del settore e avrà effetti positivi sul clima.

Nell’ambito del regime, il sostegno assumerà la forma di sovvenzioni dirette che coprono fino al 90 % dei costi di investimento ammissibili. Tali costi sono soggetti a massimali a seconda della capacità dell’impianto fotovoltaico. I beneficiari possono investire solo in capacità fotovoltaiche non eccedenti il ​​loro fabbisogno energetico.

La Commissione ha valutato il regime in base alle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, e in particolare agli orientamenti per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e all’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) , del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, che consente agli Stati membri di sostenere lo sviluppo di determinate attività economiche a determinate condizioni.

0