E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Al terzo incontro tematico della Piattaforma per il dialogo nazionale – locale in Ucraina, tenutosi online il 9 dicembre in occasione della Giornata internazionale contro la corruzione, il direttore del Congresso dei poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Euroopa Rafael Benitez ha elogiato l’impegno delle autorità locali ucraine come “bastione per la difesa democratica valori” e ha accolto con favore l’esito del bando di buone pratiche sul governo aperto lanciato dall’Associazione delle città ucraine (AUC) con il sostegno del Congresso che ha portato a 120 candidature da parte delle autorità locali ucraine. “In un contesto di crisi straordinaria, è è stimolante vedere le autorità locali mettere sempre sistematicamente la trasparenza, la responsabilità e la partecipazione dei cittadini al centro della loro governance quotidiana”, ha aggiunto, ribadendo il sostegno del Congresso all’Ucraina.

Oleksandr Yarema, Segretario di Stato del Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina, ha sottolineato che “il coinvolgimento della società civile e il lavoro congiunto tra autorità centrali e locali è fondamentale per difendere l’Ucraina”. Ha sottolineato l’importanza della cooperazione e del partenariato con l’UAC per migliorare i principi di governo aperto e affrontare le sfide attuali e future per una riuscita ripresa dell’Ucraina.

L’incontro ha riunito autorità locali, membri dell’UAC, rappresentanti del governo e del gabinetto dei ministri dell’Ucraina al fine di rafforzare ulteriormente il governo aperto e promuovere sinergie di governance multilivello in una situazione di emergenza e in un contesto di guerra. Sono stati inoltre proposti meccanismi collaborativi di coinvolgimento dei cittadini e in particolare dei giovani e dei gruppi vulnerabili nella co-creazione del nuovo piano d’azione per l’attuazione dell’Open Government Partnership Initiative 2023-2024.

Ai partecipanti è stato inoltre presentato il tema della democrazia deliberativa come approccio per rinnovare la partecipazione dei cittadini, che contribuisce ad aumentare la responsabilità e la trasparenza. Tale approccio sarà ulteriormente promosso tra gli enti locali e regionali in Ucraina, che hanno confermato la loro disponibilità a innovare ea creare solide alleanze locali.

Il terzo incontro della Piattaforma per il dialogo nazionale-locale sul governo aperto è stato organizzato nell’ambito del progetto “Rafforzare la governance democratica locale in Ucraina” attuato dal Congresso dei poteri locali e regionali nell’ambito degli adeguamenti prioritari del Piano d’azione del Consiglio d’Europa per Ucraina 2018‑2022ù . Il progetto mira a contribuire a rafforzare la consultazione istituzionale e il dialogo tra le autorità locali e nazionali e a costruire autorità locali inclusive e responsabili che rispondano alle esigenze e alle aspettative dei cittadini, aumentando così la loro fiducia nelle istituzioni pubbliche.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Vertice Mondiale per l’Ucraina si terrà a Rzeszow, in Polonia, dal 7 al 9 dicembre 2022, sotto il patrocinio della Segretaria Generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić, e con la partecipazione della Presidente del Congresso dei Poteri Locali e regionali, Leendert Verbeek.

Il vertice affronterà aspetti chiave dell’assistenza umanitaria internazionale all’Ucraina e mira a rafforzare la cooperazione tra organizzazioni non governative, autorità locali, imprese e istituzioni governative.

Riunirà più di 70 ONG, rappresentanti delle autorità nazionali, nonché sindaci di città ucraine di piccole e medie dimensioni desiderose di stabilire partenariati con città europee al fine di sviluppare progetti di ricostruzione e rafforzamento delle capacità.

Il Congresso del Consiglio d’Europa sul proprio sito incoraggia i suoi membri a partecipare a questo evento e ad impegnarsi in partenariati con le città ucraine.

0

E-News, cooperazione, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Come già annunciato ieri sul nostro sito, la Commissione europea ha lanciato l’invito a presentare proposte per il 2023 nell’ambito del programma Erasmus+. Con un budget annuale di 4,2 miliardi di euro, Erasmus+ sta aumentando il suo sostegno all’inclusione, alla cittadinanza attiva e alla partecipazione democratica e alle trasformazioni verdi e digitali nell’UE e a livello internazionale.

La caratteristica principale di Erasmus+ è la mobilità, il prossimo anno il programma continuerà a sostenere la circolazione transfrontaliera di alunni, studenti dell’istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale (IFP), discenti adulti, giovani in programmi di apprendimento non formale, educatori e personale e verso un’esperienza educativa e formativa europea.

A partire dal 2023, il programma includerà una nuova azione per sostenere gli allenatori sportivi attraverso la loro partecipazione a progetti di mobilità, estendendo le opportunità di cooperazione transeuropea e l’apprendimento direttamente alle organizzazioni sportive di base locali e al loro personale.

Il programma sarà all’altezza delle sfide che prevediamo di affrontare nel 2023 fornendo un sostegno significativo agli studenti e al personale educativo in fuga dalla guerra in Ucraina, continuando a lottare per un programma più inclusivo e basandosi sull’eredità dell’Anno europeo della gioventù.

Il sostegno di Erasmus+, precisa la Commissione, è rivolto ad attività che rientrano nelle priorità del programma nei settori delle scuole, dell’istruzione superiore e degli adulti, dell’IFP, della gioventù e dello sport. Sulla base di inviti aperti a presentare candidature per progetti, qualsiasi ente pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può presentare domanda di finanziamento, con l’aiuto delle agenzie nazionali Erasmus+ con sede in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi terzi associati al programma e l’ Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura.

Agenzia Erasmus per l’Italia:
Agenzia nazionale per i giovani (ANG) Gioventù, Italia
Codice Ente Nazionale: IT03
Indirizzo: Via Sabotino, 4 00195, Roma
Numero di telefono: +390637591201
E-mail: direzione@agenziagiovani.it

Sito web: http://www.agenziagiovani.it/


L’intero programma Erasmus+ si concentra su quattro priorità chiave, tra cui l’inclusione e la diversità. Le organizzazioni e gli stessi partecipanti con minori opportunità sono al centro di questa priorità. Il programma continua quindi a supportare meccanismi di inclusione dei partecipanti e risorse dedicate per rimuovere eventuali ostacoli alla loro partecipazione.

Anche nel 2023, facendo seguito all’Anno europeo della gioventù, il programma continuerà a garantire che le voci dei giovani siano ascoltate nell’Unione europea e oltre, in particolare attraverso un aumento delle attività giovanili finanziate tramite Erasmus+. Oltre a incoraggiare in tutti i diversi settori dell’istruzione progetti che cercano di sostenere la transizione verde, il programma continua a lottare per la neutralità in termini di emissioni di carbonio promuovendo modalità di trasporto sostenibili e comportamenti più responsabili dal punto di vista ambientale.

Inoltre, il programma continuerà a sostenere la dimensione giovanile nelle iniziative e nelle politiche esistenti. Allo stesso tempo, i progetti e le attività nell’ambito dell’invito Erasmus+ 2023 continueranno ad alimentare l’impegno dell’UE per il miglioramento delle competenze e la riqualificazione, fornendo così un prezioso contributo alla proposta di fare del 2023 l’ Anno europeo delle competenze.

Creato 35 anni fa, Erasmus+ è uno dei programmi più emblematici dell’UE e finora vi hanno partecipato quasi 13 milioni di persone. Con un budget totale disponibile per Erasmus+ dal 2021 al 2027 pari a 26,2 miliardi di euro, integrato da circa 2,2 miliardi di euro provenienti dagli strumenti esterni dell’UE, il programma è destinato a sostenere ancora più partecipanti e idee in Europa e oltre.

La Commissione europea ha lanciato l’invito a presentare proposte nell’ambito del bando Erasmus+ per il 2023 a seguito dell’adozione del programma di lavoro 2023.

Programma di lavoro annuale 2023

Bando Erasmus+ 2023

Guida al programma Erasmus+ 2023

Scheda informativa sul nuovo programma Erasmus+ 2021-2027
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C444 del 23 novembre è stato pubblicato il bando relativo al Programma Erasmus+ il programma dell’Unione per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport e che copre il periodo dal 2021 al 2027.

Il bilancio totale destinato al presente invito a presentare proposte è stimato in 3 393,17 milioni di EUR.

SCARICA IL BANDO DALLA GAZZETTA UFFICIALE

Le condizioni dettagliate in italiano del presente invito a presentare proposte, comprese le priorità, sono disponibili nella guida 2023 del programma Erasmus+
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Al Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa crediamo che il patrimonio culturale possa essere uno strumento educativo per sostenere i nostri valori democratici. Senza tutelare questi valori a livello locale, la pace e la stabilità sono impossibili”, ha dichiarato Barbara Toce, Relatrice del Congresso sulla Gestione dei Beni Culturali, al Primo Forum Annuale per l’Educazione alla Storia “Siti della Memoria: Spazi di apprendimento per la democrazia”, a Belgrado, in Serbia, il 4 novembre 2022.

“Gli enti locali e regionali hanno un ruolo chiave nel contribuire al potenziale dinamico della storia”, ha affermato il portavoce del Congresso, sottolineando la loro posizione unica in prossimità dei cittadini che possono essere utilizzati per ascoltare le preoccupazioni e condurre discussioni su come gestire al meglio il patrimonio culturale . “Le nostre democrazie non sono stabilite una volta per tutte, ma dobbiamo sforzarci di sostenerle ogni giorno, continuamente, in tutte le parti d’Europa e a tutti i livelli di governo”, ha aggiunto.

Il relatore del Congresso ha fatto riferimento al rapporto del Congresso 2021 “Cultura senza frontiere”, che si concentra sulla gestione del patrimonio culturale per lo sviluppo locale e regionale e riconosce il patrimonio culturale come strumento per rafforzare i valori democratici tra le giovani generazioni. La relazione sottolinea inoltre la necessità di partenariato e cooperazione transfrontaliera. Il relatore del Congresso ha esortato le autorità locali a “pensare oltre i confini dei loro territori” quando sviluppano strategie per il patrimonio culturale, poiché la cultura va oltre i confini.

Il Forum ha riunito settanta partecipanti provenienti da tutta Europa, comprese autorità pubbliche, insegnanti, sviluppatori di programmi di studio e accademici, con l’obiettivo di sviluppare raccomandazioni per il miglioramento dell’Educazione alla Storia. È stato organizzato con la cooperazione congiunta dell’Unione Europea e dell’azione del Consiglio d’Europa Educazione di qualità per tutti.
0

E-News, coesione, politica europea, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


I partner della Cohesion Alliance – la coalizione europea di 12.000 firmatari che si batte per una politica di coesione più forte – si sono riuniti a Bruxelles il 13 ottobre durante la 20a edizione della Settimana europea delle regioni e delle città per riaffermare il loro impegno a rafforzare la politica di coesione e aumentare l’impatto territoriale di tutti gli investimenti dell’UE per renderli idonei alle sfide a lungo termine dell’Europa.

Lo rende noto il sito del CEMR che scrive: “le conseguenze dell’emergenza climatica in corso, la pandemia di Covid-19, la guerra della Russia contro l’Ucraina e gli attuali tassi di inflazione record innescati dall’aumento dei prezzi di generi alimentari ed energetici rendono più urgente che mai il rafforzamento della coesione come valore fondamentale dell’Unione Europea“.

Attraverso una dichiarazione congiunta firmata il 13 ottobre, alla presenza del commissario Ue per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, e del presidente della commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento europeo, Younous Omarjee, il Comitato europeo delle regioni insieme alle principali associazioni europee di città e regioni (tra le quali il CEMR) si è condivisa la volontà comune di mantenere la politica di coesione come:

la più importante politica di investimento dell’UE;

lo strumento più visibile dell’UE a livello locale e regionale;

una politica di sviluppo a lungo termine basata su principi di gestione condivisa, partenariato e governance multilivello;

​una politica che segue un approccio basato sul luogo e affronta la diversità territoriale dell’Unione;​​

uno strumento chiave per sostenere la cooperazione territoriale e promuovere la solidarietà e l’integrazione.
0

E-News, UCLG, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto il 12 settembre in un comunicato stampa di aver firmato accordi di partenariato quadro con cinque associazioni mondiali di enti locali tra le quali Platforma/Council of European Municipalities and Regions (CEMR), the United Cities e Governi Locali (UCLG) e Città Unite e Governi Locali d’Africa (UCLGA). Sostenuto da 50 milioni di euro dallo strumento NDICI-Global Europe, gli accordi sostengono il ruolo degli enti locali e delle loro associazioni nella formulazione di politiche per promuovere lo sviluppo sostenibile a livello locale, regionale e globale.

I cinque rinnovati accordi di partenariato, che saranno in vigore fino al 31 aprile 2026, riconoscono il contributo dei governi locali e regionali alla progettazione e all’attuazione delle politiche necessarie per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, in particolare per rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuro, resiliente e sostenibile.

Gli accordi formalizzano una serie di interessi e obiettivi comuni e offrono l’opportunità di:

Rafforzare la voce dei governi locali e regionali dell’UE e delle loro associazioni nella politica di sviluppo dell’UE e nelle agende globali;

rafforzare l’impegno dei governi locali e regionali dell’UE e delle loro associazioni nella cooperazione decentrata, concentrandosi sulle priorità dell’UE e sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, in collaborazione con i colleghi dei paesi partner;

Migliorare le pratiche attuali nella cooperazione decentrata, attraverso l’efficienza e l’innovazione;

Sensibilizzare e sviluppare le capacità dei governi locali e regionali e delle loro associazioni come attori della governance e della politica di sviluppo;

Rafforzare la capacità delle associazioni degli enti locali di coordinare le voci di tutti i partner, creare sinergie e aggiungere valore come rete, garantendo una buona governance e partenariati sostenibili.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio d’Europa ha inaugurato un nuovo sito per fornire informazioni necessarie per lavorare al suo fianco. Lo rende noto il servizio stampa del Consiglio d’Europa. “Essendo una grande organizzazione cresciuta nel corso degli anni, a prima vista può sembrare complessa. Ma ci sono molti modi in cui la società civile e le ONG – in particolare le ONG internazionali (INGO) – possono essere coinvolte, dal partenariato vero e proprio, alla fornitura di informazioni a diversi organismi come la Corte europea dei diritti dell’uomo o il Commissario per i diritti umani, all’aiuto alla lavoro degli organismi di monitoraggio mentre svolgono il loro lavoro in diversi paesi. Fornisce inoltre indicazioni sulle risorse disponibili e descrive i modi in cui i difensori dei diritti umani possono chiedere aiuto se sono minacciati”.

Navigando nel nuovo sito, si troveranno tutte le informazioni sulla cooperazione del Consiglio d’Europa con la società civile nei suoi settori chiave di protezione dei diritti umani, costruzione di società democratiche e garanzia del rispetto dello stato di diritto. Unisciti a noi per costruire un’Europa migliore.
0

PREVIOUS POSTSPage 2 of 3NEXT POSTS