E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel gennaio 2023 una giuria di cittadini paneuropei ha designato la prima “Capitale europea della democrazia”: Barcellona. Lo rende noto il sito del CEMR.

All’inizio dell’anno, diverse migliaia di cittadini giurati dei 46 Stati membri del Consiglio d’Europa hanno valutato una serie di progetti di tre città finaliste, Barcellona, ​​Braga e Bruxelles. Barcellona ha convinto la giuria con progetti innovativi come Decidim, una piattaforma digitale di partecipazione dei cittadini utilizzata da centinaia di città in tutto il mondo; e Superblock, un’iniziativa per recuperare le strade cittadine dalle auto.

“Il governo locale è sempre stato il livello di autorità pubblica più vicino alle persone”, ha spiegato Marija Pejčinović Burić , segretario generale del Consiglio d’Europa. ‘È qui che le nuove idee e la partecipazione democratica sono nella posizione migliore per fiorire. La Capitale europea della democrazia non solo riconosce l’eccellenza, ma la propone come fonte d’ispirazione per gli altri’.

Da settembre 2023 ad agosto 2024, Barcellona ospiterà un anno programmatico di eventi e attività per rafforzare la democrazia europea. Le attività saranno organizzate in collaborazione con organizzazioni partner e cittadini. I visitatori di tutta Europa sono invitati a partecipare.

Nel febbraio 2023 si aprirà il bando per le città che si candidano per il prossimo titolo di Capitale europea della democrazia. Scopri come candidarsi.

Se si vuole partecipare a Capitale Europea della Democrazia come cittadino, registrati qui .
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Mentre il Consiglio dell’UE ha adottato un nuovo regolamento volto a promuovere la diffusione delle energie rinnovabili attraverso procedure di autorizzazione più rapide e più semplici, il CEMR chiede il pieno coinvolgimento dei comuni e delle regioni in questo processo.

Lo rende noto il CEMR in una nota apparsa sul proprio sito.
Il CEMR apprezza l’adozione di misure di emergenza per accelerare l’autorizzazione delle rinnovabili e considera i governi locali e regionali la forza trainante per il raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo. Esprime tuttavia riserve sostanziali su una serie di punti.

In reazione all’accordo dei ministri dell’Energia dell’UE, il sindaco di Castel Maggiore e portavoce del CEMR per il clima e l’energia, Belinda Gottardi ha evidenziato la necessità di concedere tempo sufficiente ai processi per trovare soluzioni che bilancino adeguatamente i legittimi interessi locali e nazionali.

“È necessario coinvolgere pienamente i comuni e le regioni in tutte le fasi dell’autorizzazione delle energie rinnovabili. Nella maggior parte degli Stati membri dell’UE, i governi locali sono le autorità competenti per la concessione dei permessi per molte delle energie rinnovabili e delle connessioni alla rete ”, ha sottolineato. “ Devono gestire i conflitti spaziali per garantire soluzioni equilibrate con sufficiente accettazione locale.”

I comuni e le regioni dispongono di un patrimonio di esperienze e competenze preziose che fungono da risorsa chiave nella transizione energetica. Bypassarli o dedicare tempo inadeguato a questo processo potrebbe avere effetti controproducenti e ridurre l’accettazione da parte dei cittadini.”, ha concluso Gottardi.

La norma dovrà ora essere interpretata all’interno dei diversi contesti nazionali, con le necessarie modifiche dei processi per il rispetto dei termini. Saranno necessari chiarimenti, in particolare su come saranno influenzate la pianificazione territoriale e le valutazioni ambientali e quali centrali elettriche saranno incluse.

Il 19 dicembre gli Stati membri dell’UE hanno concordato la sostanza di un regolamento del Consiglio che stabilisce un quadro per accelerare la diffusione delle energie rinnovabili. Il presente regolamento fa parte di una serie di regolamenti del Consiglio ai sensi dell’art. 122 del Trattato sul funzionamento dell’UE (TFUE).

Affronta il “carattere emergenziale per accelerare il processo di rilascio dei permessi” per la generazione di energie rinnovabili nell’attuale crisi energetica, provocata dalla guerra della Russia contro l’Ucraina.

Il regolamento è di particolare interesse per il CEMR dato che in molti paesi europei, i governi locali e regionali sono le autorità competenti per la pianificazione territoriale e la concessione delle autorizzazioni per l’installazione di impianti solari fotovoltaici, pompe di calore, eolico, altri impianti di energia rinnovabile, e connessioni alla rete.

I contenuti chiave della normativa sono il concetto di interesse pubblico prevalente per la produzione di energia rinnovabile, la loro connessione alla rete e la concessione di autorizzazioni più brevi entro determinati periodi di tempo. L’interesse pubblico prevalente consente ai nuovi progetti di beneficiare di una valutazione ambientale semplificata ai sensi di specifiche direttive dell’UE.

Generalmente ciò vale anche per i rispettivi allacciamenti alla rete. Le apparecchiature a energia solare dovrebbero ricevere un’autorizzazione entro e non oltre tre mesi o essere accettate dopo 1 mese di “silenzio amministrativo positivo” per capacità inferiori a 50 kW o 10,8 kW. La norma, inoltre, introduce un massimo di sei mesi per l’iter autorizzativo relativo al repowering degli impianti a fonti rinnovabili e alla loro connessione alla rete, e tre mesi se l’incremento è inferiore al 15%. Le pompe di calore inferiori a 50 MW beneficiano di una scadenza di un mese e di un massimo di tre mesi per le pompe di calore geotermiche.

Le posizioni del CEMR

Il contributo dei governi locali e regionali al Green Deal europeo

Fit for 55: consentire transizioni climatiche locali e regionali

Risposta congiunta del CCRE – consultazioni sulla direttiva UE sull’efficienza energetica (DEE)
0

E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Mentre l’UE lotta per trovare modi per pagare la transizione dell’industria verso un’economia senza emissioni di carbonio, le finanze dei governi locali svolgono un ruolo spesso trascurato nel fornire gli investimenti necessari, sostiene un rapporto del Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa (CEMR).

Lo rende noto il sito del CEMR.
Il rapporto ripercorre l’evoluzione delle finanze locali nell’ultimo decennio e come queste possano influenzare la capacità dei comuni di finanziare la transizione verde.

Ad esempio, il rapporto ha rilevato che i paesi con una struttura più decentralizzata hanno ulteriormente decentralizzato le loro finanze pubbliche nell’ultimo decennio, mentre quelli con una spesa pubblica più centralizzata sono diventati ancora più centralizzati.

Secondo il rapporto, questa polarizzazione è rilevante perché i paesi con finanze pubbliche decentralizzate tendono a investire di più nella transizione verde.

Le infrastrutture di trasporto locale o le strutture per la gestione dei rifiuti sono spesso gestite a livello locale e possono avere un impatto ambientale significativo.

Tuttavia, i comuni e le regioni sono spesso limitati nella loro capacità di investire nella transizione verde come regole fiscali e la mancanza di accesso ai mercati finanziari può rendere difficile per i governi regionali intraprendere gli investimenti necessari.

La questione che regole fiscali troppo rigide possono influire sugli investimenti è stata a lungo un argomento di dibattito a livello dell’UE. Tuttavia, questo dibattito di solito si è concentrato sulle finanze nazionali piuttosto che regionali o locali. Poi, nel novembre di quest’anno, la Commissione europea ha annunciato l’intenzione di riformare le regole fiscali nazionali e consentire agli Stati membri di investire di più nella transizione verde.

Tuttavia, il livello locale è spesso dimenticato in queste discussioni. In un documento di posizione, il CEMR ha affermato che le attuali regole fiscali dell’UE vincolano le finanze locali poiché il debito delle amministrazioni locali è incluso nel calcolo del debito nazionale totale.

” Si dovrebbe concedere maggiore flessibilità ai governi locali e regionali, in particolare quando si investe per uno sviluppo sostenibile e a lungo termine “, si legge nel documento.

L’esclusione del debito locale dai calcoli del debito nazionale potrebbe incentivare i governi a riallocare le loro spese e i loro debiti ai governi locali, il che potrebbe dare ai governi locali più margine di manovra per investire, ma potrebbe anche minare l’efficacia delle regole fiscali.

Un altro ostacolo agli investimenti verdi dei governi locali e regionali è la mancanza di accesso ai mercati finanziari. A differenza dei governi nazionali, le amministrazioni locali e regionali non possono contare sulla stessa propensione degli investitori per la loro emissione di debito e hanno maggiori difficoltà ad accedere ai finanziamenti.

E poiché il loro debito è generalmente considerato più rischioso, dovranno anche pagare tassi di interesse più elevati.

Ma un migliore accesso agli strumenti finanziari potrebbe ampliare le possibilità per i governi locali di autofinanziarsi.

Questo articolo, informa il CEMR, è stato pubblicato per la prima volta sul sito web di EURACTIV.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In Norvegia entro il 2040, si stima che un abitante su tre avrà più di 70 anni. Ad oggi, il 17% della popolazione norvegese ha più di 65 anni. Questo sviluppo pone diverse sfide per città, contee e comunità.

Ecco perché l’Associazione norvegese delle autorità locali e regionali (KS) ha pubblicato un nuovo manuale sulle migliori pratiche in termini di progettazione universale e comunità a misura di anziano. Da un giardino fiorito per aiutare ad accedere ai ricordi all’illuminazione esterna che crea un senso di sicurezza, tutte le iniziative partecipano alla costruzione di un senso di sicurezza e appartenenza per tutti.

Lo rende noto il sito del CEMR.

Il design universale riguarda la creazione di comunità valide e inclusive in cui tutti possono partecipare. Imparando gli uni dagli altri, gli enti locali e regionali possono creare comunità migliori che siano inclusive per tutti.

Negli ultimi anni, KS ha sviluppato reti sia nell’area delle comunità locali a misura di anziano che nell’Universal Design. Hanno acquisito una notevole conoscenza dall’apprendimento delle migliori pratiche e degli strumenti pertinenti. Hanno raccolto tutte queste informazioni in una serie di pubblicazioni e video che hanno messo a disposizione della loro rete di comuni e partner.

Nell’opuscolo appena tradotto sul design universale e le comunità a misura di anziano, KS presenta alcune delle numerose iniziative stimolanti e innovative realizzate dai comuni norvegesi e dai consigli di contea. Lo scopo è quello di dare a tutti un migliore accesso agli spazi esterni, ai luoghi di incontro e agli edifici. Inoltre, il progetto mira a creare opportunità per tutti di imparare gli uni dagli altri, in modo che le autorità locali e regionali possano trasformare l’inclusività in realtà.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Premio Paweł Adamowicz è stato conferito al comune polacco di Michałowo per l’aiuto prestato ai rifugiati alla frontiera con la Bielorussia. L’esito di questa edizione del Premio, creato per promuovere il lascito ideale di Paweł Adamowicz, è stato annunciato a Danzica – dove Adamowicz è stato sindaco per un ventennio – presso il Centro europeo di solidarietà. Il prestigioso riconoscimento sarà consegnato al sindaco di Michałowo Marek Nazarko nel corso della sessione plenaria del CdR dell’8 febbraio a Bruxelles.

Il Premio Paweł Adamowicz, istituito dal Comitato europeo delle regioni in partenariato con il comune di Danzica e la Rete internazionale delle città rifugio (ICORN), viene conferito ai leader – politici o della società civile – locali che, come Paweł Adamowicz, aiutare con coraggio e integrità per soccorrere chi ha bisogno di aiuto e lottano contro l’intolleranza, la radicalizzazione, l’incitamento all’odio, l’oppressione e la xenofobia.

Questa edizione premia il sostegno di primo soccorso prestato da Michałowo e dai suoi cittadini ai migranti che si sono trovati bloccati tra la Polonia e la Bielorussia dopo che, nel settembre 2021, il governo polacco ha imposto lo stato di emergenza in risposta alla sponsorizzazione della migrazione illegale da parte della Bielorussia.

L’amministrazione locale di Michałowo, un comune il cui territorio è situato a ridosso del confine tra Polonia e Bielorussia, ha infatti fornito ai migranti bisognosi – anche con il sostegno di alcune ONG – vestiti, pasti caldi e una sistemazione per la notte. Inoltre, fin dallo scoppio della guerra, famiglie ucraine in fuga vengono ospitate in un alloggio temporaneo fornito dall’amministrazione locale a Bondary, un villaggio in prossimità del confine.

La giuria del Premio ha anche deciso di dedicare una menzione speciale a Oleksandr Babich, sindaco di Hola Prystan (un piccolo comune dell’Ucraina meridionale), detenuto da sei mesi per aver cercato di proteggere la sua comunità: così facendo, la giuria ha inteso onorare Babich in quanto rappresentante di tutti i sindaci ucraini rapiti o torturati dall’inizio dell’invasione russa.

La ristretta rosa di candidati scelti per la selezione finale era composta, oltre che dal vincitore, da:

Vadym Boichenko, sindaco di Mariupol (Ucraina), per l’aiuto prestato agli sfollati dopo la prima invasione russa dell’Ucraina nel 2014 e per il lavoro oggi svolto a sostegno dei residenti di Mariupol che hanno lasciato la città a seguito dell’invasione russa più recente;

I sindaci dell’Ucraina (rappresentati dall’Associazione dei comuni ucraini), per tutti i sindaci coraggiosi di tale paese che, durante la brutale e ingiustificata invasione russa, hanno promosso e promuovono la libertà, i valori democratici, la solidarietà e la lotta contro l’intolleranza e contro l’incitamento all’odio;

SOS Méditerranée, in quanto organizzazione umanitaria europea che contribuisce a proteggere la vita dei migranti che attraversano il Mediterraneo, percorrendo la rotta migratoria più pericolosa al mondo.

La giuria del Premio Paweł Adamowicz comprende rappresentanti di Città e governi locali uniti (CGLU), di Eurocities, del Parlamento mondiale dei sindaci (PMS), del Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa(CEMR), dell’Assemblea delle regioni d’Europa ( ARE), della Conferenza delle assemblee legislative regionali europee (CALRE), della Conferenza delle regioni indipendenti marittime d’Europa (CRPM), del Consiglio d’Europa, del comune di Danzica, dell’ICORN e del Comitato europeo delle regioni (CdR) .

.Pagina web del CdR dedicata al Premio Paweł Adamowicz
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il presidente del Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa (CEMR), Gunn Marit Helgesen, ha espresso forte sostegno a Ekrem İmamoğlu, sindaco di Istanbul, condannato a due anni e sette mesi di reclusione. Lo riporta il sito del CEMR.

Il CEMR è profondamente preoccupato nell’apprendere che un tribunale turco ha condannato il sindaco Ekrem İmamoğlu di Istanbul a più di due anni e mezzo di carcere con l’accusa di aver insultato membri del Consiglio elettorale supremo della Turchia, come ampiamente riportato sulla stampa internazionale.

Condanniamo con la massima fermezza questa pena inferta al nostro collega e, inoltre, denunciamo l’interdizione politica che potrebbe comportare la sua rimozione dall’incarico. Il sindaco Imamoglu è un funzionario eletto le cui azioni non giustificano questo verdetto repressivo e sproporzionato.

Il CEMR ha seguito da vicino gli eventi in Turchia negli ultimi anni e trova molto inquietante il trattamento inaccettabile riservato ai politici locali eletti. Questi eventi non hanno posto in una società democratica e vorremmo sollecitare il sistema giudiziario turco a revocare questa decisione ingiusta.

Il CEMR sostiene i politici eletti democraticamente il cui legittimo mandato deriva dalla loro elezione da parte dei loro cittadini. Siamo fermamente solidali con i leader locali in Turchia e in tutto il mondo nella loro lotta per la libertà di parola e la democrazia locale.


Scarica la dichiarazione del CEMR in formato pdf.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il CEMR, attraverso un nota sul proprio sito, invita a consultare le priorità della Commissione Europea (DG JUST) per il 2023 e il 2024 e scoprire le prossime opportunità di finanziamento.

Il programma CERV è il più grande fondo UE, disponibile per promuovere e proteggere i diritti e i valori dell’UE (1,55 miliardi in 7 anni).

Insieme al programma Giustizia (305 milioni di euro in 7 anni), contribuisce a costruire un’Unione di Giustizia, Diritti e Valori.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 8NO NEW POSTS