E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dato il peggioramento del cambiamento climatico, le sfide ambientali sono sempre più viste dal punto di vista dei diritti umani – il diritto alla vita, alla salute o alla vita privata e familiare – e del diritto internazionale. In una relazione adottata il 26 ottobre, il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa (che sta svolgendo in questi giorni la sua 43 esima sessione) ha chiesto una lettura ecologica della Carta europea delle autonomie locali, il trattato di riferimento per la democrazia locale, e che si prenda in considerazione la stesura di un ulteriore protocollo per garantire un adeguato riconoscimento del ruolo degli enti locali e regionali in campo ambientale.



Ciò implica conferire agli enti locali e regionali il potere di assumere un ruolo più attivo nella lotta al cambiamento climatico. Ad esempio, le autorità locali dovrebbero avere una congrua quota dei poteri per affrontare le questioni ambientali a livello locale, insieme ai finanziamenti necessari e a un certo margine di manovra”, ha affermato la correlatore Belinda Gottardi (nella foto), Sindaco di Castel Maggiore (Bologna).

Il Congresso ha anche chiesto una maggiore partecipazione dei cittadini in merito alle questioni ambientali, la cooperazione intercomunale e interregionale e le reti e associazioni di protezione ambientale.

Lo stesso giorno, il Congresso ha adottato una risoluzione sul terzo volume del Manuale sui diritti umani per gli enti locali e regionali sull’ambiente e lo sviluppo sostenibile.

L’INTERVENTO DI BELINDA GOTTARDI

Pagina web della 43a sessione del Congresso
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In occasione della Giornata Mondiale delle Città, che si celebra ogni anno il 31 ottobre, il Presidente della Camera del Congresso dei poteri locali e Regionali del Consiglio d’Europa Bernd Vöhringer ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“La Giornata mondiale delle città istituita nel 2014 non ha mai avuto un così rilievo in Europa, alla luce delle crisi che stiamo attraversando attualmente, tra cui il cambiamento climatico accelerato, le pandemie e la guerra. Penso in particolare alle città ucraine che affrontano sofferenze e distruzioni inimmaginabili. Dalla seconda guerra mondiale non è mai stato richiesto un tale livello di resilienza per affrontare le sfide urbane e garantire la governance locale.

Il tema della Giornata 2022 “Act local to go global” sottolinea l‘importanza degli enti locali e regionali nel fornire risposte alla base. L’ultima sessione del Congresso si è concentrata proprio sulle sfide che devono affrontare le nostre democrazie come l’incitamento all’odio e le fake news, le preoccupazioni ambientali e, naturalmente, l’aggressione militare della Russia contro l’Ucraina. Uno speciale dibattito alla Camera Locale è stato dedicato alla revisione in corso della Carta Urbana Europea per integrare le attuali grandi sfide della vita urbana europea.

Sono fiducioso che la revisione della Carta Urbana Europea sia uno sviluppo notevole da accogliere con favore in occasione della Giornata Mondiale delle Città”.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Negli ultimi anni la vita urbana ha subito una serie di rapide trasformazioni legate al cambiamento climatico accelerato e alla pandemia di Covid-19, all’aggravarsi del divario sociale e all’introduzione di nuove tecnologie. Inoltre, le questioni relative alla democrazia e al coinvolgimento dei cittadini si sono concentrate e nuove modalità di partecipazione politica hanno acquisito importanza, non solo, ma anche nell’ambiente urbano.

Di fronte alle sfide che ciò comporta, il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa propone una revisione della Carta urbana europea II (2008) al fine di sostenere gli enti locali e regionali nella costruzione di società più democratiche, coese, sostenibili e digitali . Nel corso di un dibattito nella seduta della Camera degli enti locali del 26 ottobre 2022, in occasione della 43a Sessione del Congresso, i membri hanno esaminato i diversi aspetti di questo lavoro che riflette anche le priorità del Congresso per il 2021-2026.

Il progetto Urban Charter III mira a offrire soluzioni innovative alle sfide attuali e principi universali di governance etica, futuro equo, sviluppo sostenibile e solidarietà.

Tenendo conto dell’acquis del Congresso, la nuova Carta Urbana riunirà sotto un unico ombrello il lavoro svolto nei diversi comitati, in particolare per promuovere un ambiente salubre, la riduzione delle disuguaglianze sociali, il rafforzamento dell’interazione urbano-rurale come così come città intelligenti e incentrate sull’uomo. Sullo sfondo delle attuali minacce alla democrazia liberale, la Carta Urbana III sottolineerà l’importanza di salvaguardare la democrazia a livello locale migliorando la qualità della democrazia rappresentativa e della partecipazione dei cittadini, in particolare dei giovani, nelle città e nei paesi.

Il progetto di Carta Urbana III sarà presentato per l’adozione al Congresso durante la Sessione di ottobre 2023.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

Il francese Mathieu Mori (nella foto) è stato eletto il 25 ottobre Segretario Generale del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa per un mandato di cinque anni, in occasione della 43a Sessione del Congresso di Strasburgo.

Rivolgendosi ai membri del Congresso, Mori ha evidenziato l’attuale contesto senza precedenti in Europa, segnato dall’aggressione contro l’Ucraina da parte della Federazione Russa. “L’emergere di un nuovo imperialismo in Europa rappresenta una minaccia esistenziale per l’Ucraina e per ciascuna delle nostre democrazie”, ha affermato, impegnandosi a continuare il dialogo per un’Europa pacifica.

Il nuovo Segretario Generale ha anche ricordato la varietà delle questioni locali e regionali che le società europee devono affrontare, che sono tutte aree di azione del Congresso. “Molti paesi hanno grandi aspettative nei confronti del Congresso e avremo bisogno di un’amministrazione sempre più efficiente per affrontare le sfide storiche che ci attendono”, ha concluso.

Il mandato del nuovo Segretario Generale del Congresso entrerà in vigore nel gennaio 2023.

0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 22 ottobre 2022, il portavoce tematico del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa sulla Settimana europea della democrazia locale (ELDW) Bryony Rudkin ha recentemente partecipato al lancio dell’ELDW a Malta, tra cui un seminario sulla creazione di luoghi e una serie di eventi e presentazioni, organizzate dalla Malta Local Councils’ Association, in collaborazione con ONG, consigli regionali, Senglea Local Council e accademici.

Le istituzioni democratiche devono essere reinventate con il coinvolgimento dei cittadini – con il coinvolgimento dei giovani in particolare – per garantire che i cittadini abbiano un accesso costante alla governance e che nessuno si senta escluso dal processo decisionale”, ha sottolineato il Portavoce del Congresso.

La portavoce del Congresso ha richiamato l’attenzione sulle sfide che devono affrontare la partecipazione democratica, come la polarizzazione della società e l’estremismo, sottolineando la necessità di “riprendere il dialogo e il dibattito civico all’interno della società per assicurarsi che l’estremo smetta di essere la corrente principale”. Ha inoltre evidenziato la necessità di una risposta dal basso alla crisi climatica, in linea con il tema ELDW di quest’anno, “Protezione dell’ambiente: le comunità locali agiscono”, sottolineando il ruolo delle città e dei cittadini come “prima linea” di fronte alla l’emergenza climatica La sig.ra Rudkin ha anche sottolineato l’importanza di garantire che le autorità locali e le regioni siano meglio dotate delle competenze e delle risorse necessarie e siano più resilienti al fine di prevenire, resistere, adattarsi e riprendersi rapidamente da molteplici crisi.

Il Portavoce ha riaffermato l’impegno del Congresso a sostenere gli enti locali e regionali nell’organizzazione di eventi ELDW e a sensibilizzare sulla democrazia locale nei propri paesi. Gli eventi di punta dell’ELDW si tengono ogni anno durante la settimana del 15 ottobre, una data scelta come tributo alla Carta europea dell’autonomia locale, aperta alla firma in questa data nel 1985.

La Settimana europea della democrazia locale (ELDW)è un’iniziativa paneuropea coordinata dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa dal 2007. Durante tutto l’anno, i comuni e le loro associazioni nazionali sono invitati a organizzare iniziative in tutta Europa finalizzato a promuovere la partecipazione dei cittadini, favorire il dialogo tra la comunità e le autorità pubbliche, rafforzare la fiducia nei rappresentanti eletti e nelle istituzioni e fornire una dimensione europea alle iniziative locali.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“L’Assemblea delle Regioni europee (AER) è un importante partner strategico del Congresso, con valori e principi comuni”, ha affermato recentemente il Segretario Generale del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Andreas Kiefer, all’Assemblea Generale dell’AER. “Al Congresso, riconosciamo le regioni come partner chiave del progetto europeo, un ponte tra lo Stato e i cittadini all’interno delle loro comunità locali. Per noi, regioni più forti con competenze e autonomia finanziaria più forti sono una parte cruciale del sistema di governance multilivello. Questo è ciò che unisce le nostre due istituzioni”, ha aggiunto.

Kiefer ha sottolineato il ruolo cruciale delle due istituzioni di fronte alle sfide attuali come la guerra della Russia contro l’Ucraina, la pandemia di COVID-19, i cambiamenti climatici, la migrazione, i problemi economici e sociali, la polarizzazione della società e il calo della fiducia pubblica. Ha chiesto di continuare la partnership strategica tra le due istituzioni con l’obiettivo di “reinventare l’Europa e lavorare insieme su priorità comuni” – come il contributo all’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile a livello regionale.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


“La coesione sociale non può essere raggiunta senza offrire alle giovani generazioni l’opportunità di prosperare e senza includerle nei processi decisionali” ha affermato la relatrice sulla gioventù rurale del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa, Aida Jalilzade durante il seminario online dell’Assemblea delle regioni europee (ARE). “Regions4Youth: Rafforzare la coesione attraverso l’empowerment dei giovani” l’11 ottobre 2022.

Jalilzade ha sottolineato l’importanza di rendere le giovani generazioni “parte della governance” in linea con gli standard del Consiglio d’Europa e dell’>Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile
.

“Non esiste una ricetta unica per costruire politiche giovanili di qualità, ma ci sono buone pratiche e linee guida comunemente concordate che aiutano a costruire comunità inclusive e resilienti” ha sottolineato Aida Jalilzade che ha presentato le attività del Congresso in questo campo, incluso il rapporto sul futuro dei giovani nelle zone rurali aree, il rapporto sull’animazione socioeducativa e le linee guida recentemente adottate dal Congresso.

Il relatore del Congresso ha anche menzionato, tra le altre iniziative del Congresso, l’iniziativa Rejuvenating Politics” , un programma che consente ai delegati giovani dei 46 Stati membri di partecipare alle sessioni e agli incontri del Congresso. “Città e villaggi, città e regioni sono nella posizione migliore per coinvolgere i giovani e le organizzazioni giovanili direttamente nel processo decisionale e nel processo democratico in modo che le nostre comunità diventino più forti, più inclusive e più resilienti alle sfide future”, ha concluso.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Leendert Verbeek, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione:

“Sono indignato e condanno inequivocabilmente gli attacchi aerei della Russia su Kiev, Zaporizhzhia e altre numerose città ucraine in tutto il paese che, secondo quanto riferito, hanno preso di mira specificamente civili, aree residenziali e infrastrutture civili.

Questo atto di aggressione è un ulteriore passo dell’inaccettabile escalation di violenza nella guerra non provocata e insensata della Russia contro l’Ucraina.

Deploro la perdita di vite umane, compresi i bambini, e l’alto numero di feriti. Le nostre più sentite condoglianze vanno alle famiglie delle vittime ea coloro che sono sopravvissuti. Non vacilleremo nella nostra solidarietà e nel nostro fermo sostegno al popolo e alle città ucraine in questo momento critico.

Mi unisco ad altri leader del Consiglio d’Europa nell’invitare la Federazione Russa a porre fine agli attacchi mortali immediatamente e incondizionatamente e a fermare gli attacchi deliberati contro i civili e il bombardamento indiscriminato di aree civili in violazione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani. I responsabili degli attacchi devono essere ritenuti responsabili.»
0

PREVIOUS POSTSPage 2 of 9NEXT POSTS