E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Da ieri è possibile candidarsi al 17° concorso REGIOSTARS i progetti sostenuti dalla politica di coesione.

I candidati possono scegliere tra cinque aree tematiche:

Categoria 1: Un’Europa competitiva e intelligente – Promuovere la competitività, l’innovazione e la resilienza economica;

Categoria 2: Un’Europa verde – La transizione verde come fattore abilitante dello sviluppo regionale;

Categoria 3: Un’Europa connessa – Migliorare la mobilità e la connettività tra le regioni;

Categoria 4: Un’Europa sociale e inclusiva – Realizzare un’Europa più inclusiva sfruttando i talenti regionali;

Categoria 5: Un’Europa più vicina ai cittadini – Promuovere lo sviluppo sostenibile di tutti i tipi di territori.

Come negli anni precedenti, il pubblico avrà la possibilità di votare il finalista preferito per il Public Choice Award. Il periodo di presentazione delle domande è aperto fino al 31 maggio 2024.

Tutti i vincitori saranno annunciati durante la Settimana delle regioni dell’UE a ottobre. Dal 2008, i REGIOSTARS sono i premi annuali europei per progetti finanziati dalla politica di coesione che dimostrano l’eccellenza e il nuovo approccio nello sviluppo regionale. Proponendo soluzioni alle sfide comuni e sfruttando le maggiori opportunità, REGIOSTARS ha ispirato le regioni a realizzare una politica regionale dell’UE sempre più incisiva. Tutti i dettagli del concorso sono disponibili su https://regiostarsawards.eu/ .

Maggiori informazioni

17 ° Concorso REGIOSTARS
0

E-News, coesione, vcs, bandi comunitari, footers, cplre, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, politica europea, climate change, UCLG, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La prima 𝗔𝘀𝘀𝗲𝗺𝗯𝗹𝗲𝗮 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗶 𝗦𝗼𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗔𝗜𝗖𝗖𝗥𝗘 si terrà a 𝗡𝗮𝗽𝗼𝗹𝗶 𝗶𝗹 𝟮𝟵 𝗳𝗲𝗯𝗯𝗿𝗮𝗶𝗼 𝟮𝟬𝟮𝟰 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟭.𝟬𝟬

Sarà l’opportunità per partecipare, insieme ai Sindaci dei Comuni italiani, a tavoli di confronto e dibattiti sul futuro dell’Europa e lanciare i nuovi progetti dell’Associazione.

Seguirà il programma dettagliato.

𝗼𝗻 𝗺𝗮𝗻𝗰𝗮𝘁𝗲!

SCARICA IL PROGRAMMA
0

E-News, coesione, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il 20 febbraio il Gruppo indipendente di specialisti di alto livello sul futuro della politica di coesione ha presentato il suo rapporto, che valuta il funzionamento della politica di coesione e include raccomandazioni su come garantire che la politica continui a promuovere la prosperità e la convergenza in tutta l’UE.

Queste raccomandazioni si aggiungeranno alle riflessioni in corso e al corpus di opinioni di molte parti interessate e istituzioni sul futuro della politica di coesione.

Istituito dalla Commissaria per la Coesione e le Riforme Elisa Ferreira, il Gruppo, che è indipendente dalla Commissione, ha esaminato le modalità per garantire che la politica di coesione continui a sostenere la crescita e la ripresa in tutte le regioni europee, realizzando nel contempo la transizione verde e digitale e aiutare le regioni ad adattarsi alle sfide demografiche, industriali e geopolitiche in corso.

Il Rapporto è strutturato attorno a tre domande chiave per riflettere sul futuro della politica di coesione oltre il 2027:

Perché la politica di coesione è cruciale per il futuro dell’Europa?

Cosa fa la politica di coesione e cosa dovrebbe fare?

In che modo la politica di coesione può adempiere meglio alla sua missione di coesione economica, sociale e territoriale nel contesto della transizione verde e digitale e del cambiamento demografico?

Il Gruppo formula le seguenti raccomandazioni. La politica di coesione dovrebbe:

essere più localizzata, con investimenti orientati al futuro adattati ai punti di forza, alle sfide e alle esigenze specifiche di ciascuna regione;

promuovere un approccio olistico alla politica sociale investendo maggiormente nello sviluppo del capitale umano e nell’integrazione sociale per prevenire e ridurre le disuguaglianze in tutti i territori;

utilizzare le capacità e il potenziale locale per sviluppare opportunità future di crescita inclusiva e sostenibile attraverso la diversificazione e la collaborazione;

costruire istituzioni nazionali e regionali migliori mettendo lo sviluppo delle capacità e l’innovazione alla pari con gli investimenti nelle infrastrutture e nel capitale produttivo;

fornire strategie di sviluppo più efficaci e inclusive utilizzando i principi di un forte partenariato e di una gestione condivisa, riunendo le parti interessate di diversi livelli di governo e della società civile;

connettere le regioni per sfruttare le opportunità globali e fornire un’innovazione più sostenibile e resiliente;

diventare più basata sulla performance, fondendo questo approccio con la sua dimensione territoriale;

essere meglio integrati nel sistema di governance economica;

razionalizzare le procedure amministrative e adottare approcci più efficienti e di facile utilizzo per semplificare i processi;

E rimanere concentrato sulla sua missione originaria di promuovere lo sviluppo sostenibile e stimolare la competitività, mantenendo al tempo stesso la flessibilità necessaria per affrontare le sfide urgenti.

Sfondo Su iniziativa del commissario Ferreira, nel gennaio 2023 la Commissione ha istituito il gruppo di specialisti di alto livello sul futuro della politica di coesione. Il gruppo era presieduto dal professor Andrés Rodriguez-Pose ed era composto da rappresentanti di tutta l’UE del mondo accademico, delle autorità nazionali e regionali e della società civile. I suoi membri sono stati selezionati in base alla loro esperienza nella politica di coesione, nella governance economica e sociale e nell’integrazione europea.

Il Gruppo ha tenuto 10 riunioni su temi legati al futuro della politica di coesione. Le discussioni sono state trasmesse in streaming in diretta e sono disponibili online per garantire che tutte le parti interessate abbiano accesso alla ricchezza di informazioni prodotte e ai ricchi dibattiti tenuti tra i suoi membri.

La riflessione sul futuro della politica di coesione proseguirà in occasione del 9° Forum sulla coesione, che si terrà dall’11 al 12 aprile 2024.

La Commissione pubblicherà il nono rapporto sulla coesione nella primavera del 2024.

Rapporto del gruppo di specialisti di alto livello sul futuro della politica di coesione

Gruppo di specialisti di alto livello sul futuro della politica di coesione
Ottava relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale

0

E-News, coesione, bandi comunitari, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, politica europea, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Si è svolta a Settimo Torinese e Torino, il 30 e 31 Gennaio, la 𝗿𝗶𝘂𝗻𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗶 𝗦𝗲𝗴𝗿𝗲𝘁𝗮𝗿𝗶 𝗥𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗔𝗜𝗖𝗖𝗥𝗘, presieduta dal 𝗦𝗲𝗴𝗿𝗲𝘁𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗡𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 Oreste Ciasullo.

Sono intervenuti a portare i saluti anche la 𝗣𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗡𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 Milena Bertani ed il 𝗩𝗶𝗰𝗲𝗽𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗩𝗶𝗰𝗮𝗿𝗶𝗼 Franco Brussa.



Sono stati presentati i progetti nazionali e le azioni di coordinamento dei progetti regionali che saranno messi in campo nel corso dell’anno.

«Siamo molto soddisfatti della riuscita di questi due giorni» ha dichiarato il Segretario Ciasullo, «per la quale ringrazio sentitamente il Segretario di AICCRE Piemonte Rigallo Davide e la Sindaca di Settimo Torinese Elena Piastra.



I nostri segretari regionali condividono il nuovo spirito di rilancio dell’AICCRE e sono già al lavoro con entusiasmo per sostenere i valori e le prossime sfide europee ».
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha pubblicato il 15 gennaio la sua relazione di sintesi 2023 sull’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE), che illustra alcuni dei risultati generali ottenuti dai fondi SIE allo stato della situazione alla fine del 2022. Questi fondi rappresentano i principali strumenti finanziari strumenti della Politica di Coesione, a sostegno degli investimenti per lo sviluppo regionale del periodo di programmazione 2014 – 2020.

Il Rapporto mostra l’ampia gamma di sostegno disponibile attraverso i diversi programmi per il periodo 2014-2020 e il loro impatto diretto e positivo sulle regioni, sulle imprese e, soprattutto, sulle persone, che sono al centro dei fondi SIE. Mostra anche la flessibilità e l’adattabilità del quadro, per fornire soluzioni agli effetti della pandemia di COVID-19, alla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e alla conseguente crisi energetica.

Pur concentrandosi sulla convergenza e sulla competitività a lungo termine, la solidarietà è sempre stata al centro dei fondi SIE. Hanno aiutato gli Stati membri a prendersi cura dei rifugiati e a superare gli effetti di disastri climatici naturali senza precedenti, alleviando in definitiva la pressione sui bilanci nazionali.

La relazione presenta i risultati ottenuti dai fondi SIE entro la fine del 2022 , dimostrando che la Commissione ha:

supportato più di 5 milioni di imprese;

ha aiutato 64,5 milioni di persone a trovare lavoro, a promuovere l’inclusione sociale e le competenze attraverso la formazione;

servizi sanitari migliorati per più di 63 milioni di persone;

aumento della capacità di produzione di energia proveniente da fonti energetiche rinnovabili di oltre 6 000 MW (l’equivalente di circa 2 400 turbine eoliche);

migliorato il rendimento energetico di oltre 550 000 famiglie;

protetto 17 milioni di persone dalle inondazioni e 15 milioni di persone dagli incendi boschivi;

sostenuto oltre 2,8 milioni di progetti nel settore agricolo e nelle zone rurali;

ha mantenuto oltre 48 000 posti di lavoro e creato oltre 6 500 nuovi posti di lavoro nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

I fondi SIE sono stati motori stabili degli investimenti nell’UE. Con la loro portata a lungo termine e il loro focus tematico, hanno incanalato le risorse nel rafforzamento della coesione territoriale, economica e sociale delle regioni dell’UE. Hanno continuato ad aiutare le regioni e le imprese a superare le sfide della transizione verde e digitale, aiutando nel contempo i lavoratori a migliorare le competenze e incoraggiando la cooperazione territoriale dell’UE. Hanno mantenuto la loro rotta nel contesto di crisi senza precedenti che vanno dalla pandemia di COVID-19 ai disastri climatici naturali.

Essendo il più grande strumento di investimento del bilancio dell’UE, i fondi SIE sostengono la coesione territoriale, economica e sociale delle regioni europee, nonché la loro resilienza e ripresa dalle molteplici crisi degli ultimi anni. I fondi ESI includono:

il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR);

il Fondo Sociale Europeo (FSE);

il Fondo di Coesione (FC);

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP).

Lo scopo di questi fondi è investire nella creazione di posti di lavoro e in un’economia e un ambiente europei sostenibili e sani. Gli obiettivi politici perseguiti nell’ambito dei fondi SIE includono:

ricerca e innovazione

tecnologie digitali

sostenere l’economia a basse emissioni di carbonio

gestione sostenibile delle risorse naturali piccole imprese

una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

occupazione, una migliore istruzione e formazione

rafforzare la capacità istituzionale della pubblica amministrazione

sviluppo urbano e cooperazione territoriale (Interreg).

La relazione annuale di sintesi dei fondi SIE che copre l’attuazione nel periodo 2014-2020 è un requisito ai sensi dell’articolo 53 del regolamento (UE) n. 1303/2013. La relazione di quest’anno presenta l’evoluzione nell’attuazione finanziaria dei fondi SIE del periodo 2014-2020 fino alla fine del 2022.

Maggiori informazioni

Relazione di sintesi 2023 e allegati sull’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei

Piattaforma dati aperti sulla coesione

Scheda informativa: I Fondi strutturali e di investimento europei: sostenute 5 milioni di imprese
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In un parere adottato in una recente sessione plenaria, il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha proposto una strategia per affrontare le sfide socioeconomiche cui devono far fronte le isole, le regioni montane e le aree scarsamente popolate dell’UE.

Il CESE chiede che l’azione dell’UE venga intrapresa attraverso la politica di coesione, sottolineando la necessità di strategie su misura, dati affidabili e meccanismi specifici per la crescita sostenibile.

Le regioni remote dell’UE si trovano ad affrontare sfide molteplici: una serie di ostacoli economici, sociali, ambientali e di governance che ne frenano il progresso. Le isole isolate sono alle prese con costi più elevati dovuti all’isolamento, che influiscono sul loro sviluppo. Il cambiamento climatico comporta rischi ambientali per le aree montane, colpendo settori chiave come il turismo e le industrie. Nel frattempo, le zone scarsamente popolate si confrontano con un calo demografico e un’accessibilità limitata, che richiedono strategie di crescita creative.

Ciascuna classificazione ha le sue caratteristiche geografiche, demografiche e di sviluppo distinte, presentando sfide uniche che richiedono approcci e politiche su misura per la crescita e lo sviluppo sostenibili all’interno dell’UE , spiega la relazione CESE, che chiede un’azione coesa a livello dell’UE per garantire la solidarietà territoriale, riconoscendo l’unicità regionale e mirando a evitare che qualsiasi area venga emarginata.

In questo parere d’iniziativa, il CESE sottolinea che esiste una solida base giuridica nel diritto primario dell’UE ed esorta l’UE ad agire nel quadro della politica di coesione. Il Comitato suggerisce di incorporare obiettivi condivisi nei documenti della politica di coesione dell’UE e di puntare a scambi coordinati di know-how per trasformare i piani in strategie pratiche.

Il CESE propone di stanziare fondi specifici per queste regioni e suggerisce meccanismi come il “Patto per le isole”, il “Patto per le zone montane” o il “Patto per le zone scarsamente popolate”. Tali strategie adatterebbero le strategie alle sfide specifiche di ciascuna area, rispecchiando i patti urbani e rurali di successo.

Per affrontare le sfide economiche, il CESE raccomanda di affrontare i costi operativi aggiuntivi, migliorare la connettività e aumentare la flessibilità degli aiuti di Stato. Le questioni sociali richiedono un focus sulla creazione di posti di lavoro, sullo sviluppo delle competenze e sulla costruzione della comunità, preservando al tempo stesso la cultura locale. Le preoccupazioni ambientali richiedono che venga data priorità alla sicurezza energetica, alla conservazione della biodiversità e alle soluzioni di economia circolare.

Dati accurati e sviluppo di capacità sono fondamentali per prendere decisioni informate e soluzioni su misura. Il CESE incoraggia la partecipazione attiva e il dialogo a livello nazionale e dell’UE, nonché con le parti interessate a livello locale. Ciò garantirà una migliore comproprietà e un’elaborazione politica informata, che rifletta le circostanze specifiche di queste aree distinte all’interno dell’Unione europea.

Leggi il parere del CESE
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


10° Summit europeo delle Regioni e delle Città – 18 e 19 marzo 2024 a Mons in Vallonia

https://cor.europa.eu/en/summits/2024

Nel quadro della Presidenza belga dell’UE, il Comitato europeo delle regioni (CdR) organizza il più grande appuntamento dei rappresentanti eletti a livello locale e regionale.

Il Summit è l’occasione per i rappresentanti eletti a livello locale e regionale di incontrarsi, condividere esperienze e dire la loro su ciò che sta accadendo nell’Unione europea e sul suo futuro.

Il vertice affronterà temi al centro delle preoccupazioni delle regioni e delle città, come la democrazia, lo sviluppo sostenibile, il futuro dell’Unione europea e la il suo allargamento, la necessità di garantire la coesione sociale, economica e territoriale, nonché di affrontare le conseguenze della guerra contro l’Ucraina. Le sfide globali saranno affrontate riunendo diverse prospettive da tutto il mondo. Per registrarsi: https://register.euconf.eu/mons-2024/index.php/en/ù
0

PREVIOUS POSTSPage 4 of 27NEXT POSTS