E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa in un comunicato stampa di aver accolto con favore il lancio del sistema di brevetto unitario, che renderà più semplice e facile per le imprese proteggere le proprie innovazioni in Europa e capitalizzare la propria proprietà intellettuale. Il sistema unitario dei brevetti rafforzerà l’innovazione e la competitività dell’UE e completerà il mercato unico dei brevetti. Inizialmente coprirà 17 Stati membri, che rappresentano circa l’80% del PIL dell’UE. La partecipazione è aperta ad altri Stati membri in futuro.

Il sistema dei brevetti unitari fornisce uno sportello unico per la registrazione e l’applicazione dei brevetti in Europa. Ciò significa minori costi, meno pratiche burocratiche e minori oneri amministrativi per gli innovatori, in particolare per le PMI . Consente alle imprese e ad altri innovatori di ricevere un unico brevetto “unitario” per le loro invenzioni, valido in tutti gli Stati membri partecipanti. Ciò sostituisce la necessità di navigare in un complesso mosaico di leggi e procedure nazionali sui brevetti e mette da parte i più costosi requisiti nazionali di convalida applicabili ai brevetti europei.

Inoltre, un nuovo tribunale unificato dei brevetti (UPC), con giurisdizione sui brevetti unitari e sui brevetti europei esistenti, consentirà alle aziende di far valere i propri diritti di brevetto in modo più efficace. L’UPC fornirà un quadro giuridico più coerente per le controversie sui brevetti e ridurrà il rischio di sentenze incoerenti. Concretamente, un’unica azione dinanzi all’UPC sostituirà molteplici procedimenti paralleli dinanzi ai tribunali nazionali.

Scheda informativa sul Brevetto Unitario

Tutela brevettuale unitaria Normativa: Reg. n. 1257/2012 e reg. 1260/2012

Accordo sul tribunale unificato dei brevetti

Pagina web della Commissione Brevetti Unitari
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il sito Sviluppo regionale e urbano dell’UE informa che la Commissione europea ha recentemente lanciato due nuovi bandi per lo strumento per gli investimenti interregionali nell’innovazione (I3), con un budget di 62 milioni di EUR. Questi bandi sono aperti a consorzi di candidati provenienti da organizzazioni private (PMI, start-up), istituzioni pubbliche e accademiche (università, enti di ricerca).

Lo strumento I3 mira a promuovere la collaborazione interregionale. Si rivolge a consorzi di attori dell’innovazione, promuovendo investimenti coordinati per rafforzare le catene del valore esistenti o nuove. Si concentra sul portare le innovazioni a un livello maturo, pronte per la commercializzazione e lo scale-up, con l’obiettivo particolare di sviluppare nuove catene del valore nelle regioni meno sviluppate e integrarle nelle più ampie catene del valore dell’UE.

I consorzi che si candidano agli inviti I3 devono essere costituiti da un minimo di tre a cinque soggetti giuridici indipendenti provenienti da diverse regioni, sottolineando in particolare il coinvolgimento attivo e rispondendo alle esigenze dei partecipanti provenienti dalle regioni meno sviluppate.

Gli inviti danno la priorità alle aree tematiche sulla transizione digitale, la transizione verde e la produzione intelligente, in linea con le sfide scottanti delineate nella nuova agenda europea per l’innovazione, come l’aumento della sicurezza alimentare globale, il miglioramento dell’assistenza sanitaria e il raggiungimento della circolarità.

Nell’ambito della transizione digitale, gli investimenti dovrebbero creare soluzioni digitali innovative per le imprese, la pubblica amministrazione e la sanità.

Nell’ambito della transizione verde, il sostegno è rivolto a soluzioni sostenibili innovative nelle catene del valore, nella tecnologia verde, nell’industria, nei trasporti e nella mobilità, nei sistemi alimentari, nell’agricoltura, nell’energia pulita e nella riduzione dell’inquinamento.

La produzione intelligente si concentra su soluzioni innovative per prodotti, processi e servizi che promuovono un’economia circolare e il passaggio a una produzione più sostenibile dal punto di vista ambientale.


I bandi sono aperti fino al 17 ottobre 2023

Investimenti Interregionali Innovazione Filone 1 (I3-2023-INV1)

Investimenti interregionali per l’innovazione Sezione 2a (I3-2023-INV2a)

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il sito del Dipartimento per le Politiche europee informa che sono aperte le votazioni per lo “European Ombudsman Award 2023 for Good Administration”, il concorso che assegna il premio al miglior progetto dell’anno nel settore della ‘buona Amministrazione’. E’ possibile esprimere la propria preferenza entro il 14 giugno sul sito del Mediatore europeo.

La cerimonia di premiazione si svolgerà a Bruxelles il 28 giugno e riconoscimenti saranno assegnati anche ai vincitori delle seguenti categorie:

Consegna orientata al cittadino

Comunicazione

Diversità ed inclusione

Innovazione

Amministrazione aperta
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea, attraverso il sito della Rappresentanza italiana rende noto di aver messo a disposizione 122 milioni di € nell’ambito dell’iniziativa “Ecosistemi europei dell’innovazione”, parte di Orizzonte Europa, e dello strumento di investimento interregionale per l’innovazione (I3), parte del Fondo europeo di sviluppo regionale.

Questi inviti a presentare proposte mirano a rafforzare e promuovere gli ecosistemi europei dell’innovazione, collegando tutti i territori dell’UE allo scopo di rispondere alle sfide sociali e promuovere una maggiore coesione. Contribuiscono inoltre a un’iniziativa chiave della “nuova agenda europea per l’innovazione”, volta a promuovere “valli regionali dell’innovazione” interconnesse in tutta l’UE.

La Commissaria per la Coesione e le riforme, Elisa Ferreira, ha dichiarato a proposito: “Questi inviti costituiscono uno sforzo congiunto dei fondi della politica di coesione e di Orizzonte Europa per sostenere gli attori dell’innovazione nelle regioni con livelli diversi di sviluppo economico e di risultati in termini di innovazione. Questa opportunità consente alle regioni europee di unire le forze e di proporre progetti di innovazione interregionali nel quadro di strategie di specializzazione intelligente, allo scopo di colmare il divario in termini di innovazione e apportare benefici tangibili a tutte le regioni.”
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea, ha pubblicato il 15 maggio il quadro riveduto di monitoraggio dell’economia circolare dell’UE.

Il nuovo quadro di monitoraggio include una nuova dimensione sulla sostenibilità globale e la resilienza, che si aggiunge alle quattro dimensioni già esistenti del precedente quadro di monitoraggio (produzione e consumo; gestione dei rifiuti; materie prime secondarie; competitività e innovazione). Il nuovo quadro di monitoraggio include nuovi indicatori, in particolare: impronta materiale, produttività delle risorse, impronta dei consumi, emissioni di gas serra da attività produttive e dipendenza materiale.

Il framework di monitoraggio rivisto presenta un nuovo look, scrive Eurostat, con una presentazione più elegante ed è disponibile anche in inglese, francese e tedesco.

Mostra ad esempio che il numero di brevetti registrati nell’UE sul riciclaggio e sulle materie prime secondarie è aumentato del 14% tra il 2000 e il 2019. O che nel 2021 c’erano 4,3 milioni di posti di lavoro nei settori economici rilevanti per l’economia circolare, un aumento del 11% rispetto al 2015 e che le emissioni di gas serra dell’UE derivanti dalle attività produttive sono diminuite di circa il 25% tra il 2008 e il 2021. Quindi, assicurati di visitare il quadro di monitoraggio e saperne di più sull’economia circolare dell’UE.

Nel gennaio 2018 la Commissione europea ha adottato il primo quadro di monitoraggio dell’UE per l’economia circolare , volto a monitorare i progressi dell’UE e degli Stati membri. A seguito del lancio del nuovo piano d’azione per l’economia circolare per un’Europa più pulita e più competitiva, è stato appena adottato un quadro rivisto per cogliere le aree di interesse dell’economia circolare e le interconnessioni tra circolarità, neutralità climatica e l’ambizione di “inquinamento zero”.

Il quadro di monitoraggio riveduto si basa sulle priorità dell’economia circolare nel contesto del Green Deal europeo, dell’ottavo programma d’azione per l’ambiente, dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e degli obiettivi dell’UE in materia di sicurezza dell’approvvigionamento e resilienza.

Per maggiori informazioni

Quadro di monitoraggio dell’economia circolare

Sezione tematica sull’economia circolare

Banca dati sull’economia circolare

Statistiche per il quadro di monitoraggio del Green Deal europeo
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Su oltre 1450 candidature, 61 proposte sono state selezionate da tutta Europa per essere le finaliste dei New European Bauhaus Prizes 2023. Lo rende noto il sito della DG Sviluppo regionale e urbano della Commissione europea.

L’elenco dei finalisti comprende 61 progetti e idee provenienti da tutti i 27 stati membri dell’UE e da 6 paesi partner dei Balcani occidentali, a dimostrazione di creatività e innovazione eccezionali. Inoltre, nell’elenco dei finalisti, 8 progetti hanno una dimensione transfrontaliera.

Fino al 24 maggio tutti possono votare online i premi preferiti. Il voto pubblico stabilirà un vincitore del voto pubblico per ciascuno dei tre filoni: New European Bauhaus Champions, New European Bauhaus Rising Stars e New European Bauhaus Education Champions.

I Premi assegneranno fino a 30.000 euro a iniziative esemplari che uniscano sostenibilità, estetica e inclusività, i tre valori complementari del Nuovo Bauhaus europeo. I vincitori saranno annunciati alla cerimonia dei New European Bauhaus Awards il 22 giugno 2023 a Bruxelles.

Il New European Bauhaus è un’iniziativa creativa e interdisciplinare che collega il Green Deal europeo ai nostri spazi abitativi e alle nostre esperienze.

Nuovi premi europei Bauhaus 2023
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Una nota apparsa sul sito del Comitato europeo delle Regioni informa che La Commissione europea ​ha lanciato la nona edizione dei premi della Capitale europea dell’innovazione (iCapital). Il premio viene assegnato alle città europee che sono all’avanguardia nelle innovazioni a vantaggio dei propri cittadini.

Gli European Capital of Innovation Awards (iCapital), sostenuti dal Consiglio europeo per l’innovazione (EIC) nell’ambito di Horizon Europe, riconoscono quelle città europee che aprono le loro pratiche di governance alla sperimentazione e mirano a essere modelli di ruolo per altre città, spingendo i confini della tecnologia a vantaggio dei propri cittadini.

Il concorso assegnerà un totale di sei premi per due categorie: Capitale europea dell’innovazione e Città innovativa in ascesa.

La città vincitrice del titolo di Capitale europea dell’innovazione 2023 riceverà 1 milione di euro. Inoltre, i primi due classificati di questa categoria saranno premiati con 100.000 euro ciascuno. Nella categoria Rising Innovative City, il vincitore sarà premiato con € 500.000 accompagnato da due secondi classificati che riceveranno € 50.000 ciascuno.

Inoltre, tutti i vincitori e i secondi classificati saranno invitati a unirsi alla rete EIC Prizes Alumni, un prestigioso gruppo di precedenti vincitori di iCapital, per scambiare conoscenze, best practice e cercare soluzioni a sfide comuni.

Il concorso è aperto alle città con un minimo di 50.000 abitanti degli Stati membri dell’UE e dei paesi associati a Orizzonte Europa.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
la Commissione europea ha lanciato il 30 marzo il terzo invito a presentare progetti su piccola scala nell’ambito del Fondo per l’innovazione, uno dei maggiori programmi di finanziamento al mondo per la diffusione di tecnologie innovative a basse emissioni di carbonio. Finanziato dai proventi della vendita all’asta delle quote di emissione del sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (EU ETS), questo bando per progetti su piccola scala stimolerà ulteriormente la diffusione di soluzioni industriali per decarbonizzare l’Europa.

Il nuovo bando metterà a disposizione 100 milioni di euro di sovvenzioni per progetti su piccola scala con una spesa in conto capitale compresa tra 2,5 e 7,5 milioni di euro nei settori delle energie rinnovabili, della decarbonizzazione delle industrie ad alta intensità energetica, dello stoccaggio di energia e della cattura del carbonio, dell’uso e stoccaggio. Queste tecnologie dovrebbero essere sufficientemente mature e avere un forte potenziale per conseguire significative riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra rispetto alle tecnologie convenzionali.

Il fondo per l’innovazione può finanziare fino al 60% della spesa totale in conto capitale di un piccolo progetto. Ciò aiuterà le tecnologie innovative pionieristiche a superare i rischi solitamente legati alla commercializzazione e ad entrare nel mercato. I progetti saranno valutati in base al loro potenziale di evitare le emissioni di gas a effetto serra, all’innovazione, alla loro maturità finanziaria, tecnica e operativa e al loro potenziale di crescita, nonché alla loro efficienza in termini di costi. I bandi precedenti hanno selezionato progetti per promuovere processi unici nel loro genere, come la dimostrazione dell’uso di forni ibridi per elettrificare parte della produzione di lana di vetro e di vetro, che tradizionalmente utilizza combustibili fossili.

Progetti di piccola scala del Fondo per l’innovazione

Progetti premiati nell’ambito del primo bando di piccola scala

Sito web del Fondo per l’innovazione
0

PREVIOUS POSTSPage 4 of 7NEXT POSTS