E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 21 marzo Label Mission dell’UE è stato assegnato a 23 città che fanno parte della Missione dell’UE per le città intelligenti e neutrali dal punto di vista climatico, una delle missioni dell’UE nell’ambito di Orizzonte Europa. Il Label riconosce i piani delle città per raggiungere la neutralità climatica già entro il 2030 e mira a facilitare l’accesso ai finanziamenti pubblici e privati ​​verso tale obiettivo. Le prime dieci città avevano ricevuto il Label nell’ottobre 2023.

Il Label Mission dell’UE è stato assegnato da Iliana Ivanova, commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, durante una cerimonia con sindaci e rappresentanti delle città in occasione delle Giornate dell’UE per la ricerca e l’innovazione , il più grande forum in Europa per discutere del futuro della scienza e dell’innovazione e co-creare soluzioni con i cittadini e le parti interessate.

Le 23 città che hanno ricevuto il marchio sono: Ioannina, Kalamata, Kozani, Salonicco (Grecia), Heidelberg (Germania), Lovanio (Belgio), Espoo, Lahti, Lappeenranta, Tampere, Turku (Finlandia), Barcellona, ​​Siviglia (Spagna), Pecs (Ungheria), Malmö (Svezia), Guimaraes, Lisbona (Portogallo), Firenze, Parma (Italia), Marsiglia, Lione (Francia), Limassol (Cipro) e Izmir (Türkiye) .

L’etichetta della missione dell’UE rappresenta una pietra miliare importante nel lavoro delle città. Riconosce lo sviluppo di successo dei Contratti delle Città Climatiche, che delineano la visione complessiva delle città per la neutralità climatica e contengono un piano d’azione e una strategia di investimento. Le città co-creano i loro contratti Climate City con le parti interessate locali, tra cui il settore privato e i cittadini.

Missione dell’UE: città climaticamente neutre e intelligenti

Missioni dell’UE in Orizzonte Europa
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha erogato 5,9 miliardi di euro di prefinanziamenti nell’ambito del Fondo per una transizione giusta (JTF) alle regioni europee. Ciò è stato reso possibile dall’entrata in vigore dell’iniziativa Strategic Technologies for Europe Platform (STEP) il 1° marzo, che mira a incrementare gli investimenti nelle tecnologie critiche in Europa, sfruttando e indirizzando le risorse attraverso vari programmi di finanziamento dell’UE.

Ciascuno Stato membro riceverà oltre il 30% della propria dotazione nazionale nell’ambito del JTF per il periodo di bilancio 2021-2027, consentendo un aumento del prefinanziamento per i progetti JTF in 96 territori in tutta l’UE.

Focalizzandosi sulla transizione verde, il JTF sta già contribuendo agli obiettivi di STEP. Ora, con questa iniezione di liquidità, il JTF rafforzerà il suo sostegno a nuove capacità produttive e progetti in settori strategici, come le tecnologie digitali, l’innovazione tecnologica profonda, le tecnologie pulite ed efficienti sotto il profilo delle risorse e le biotecnologie. La possibilità di utilizzare questi fondi per sostenere enti del settore privato nelle regioni con capacità di finanziamento più debole contribuirà inoltre a rafforzare la parità di condizioni nel mercato unico e a rafforzare la coesione territoriale.

Il JTF sta contribuendo allo sviluppo di iniziative di economia circolare nella regione del Nord Savo, in Finlandia, sostenendo un progetto che sta producendo nuovi prodotti privi di fossili con l’utilizzo e la commercializzazione di nuovi materiali a base biologica. Ciò migliorerà l’economia dell’idrogeno a livello locale e amplierà le operazioni di ricerca e sviluppo nella bioeconomia nella regione.

Il JTF è il primo pilastro del meccanismo per una transizione giusta (JTM). È attuato in regime di gestione concorrente, nel quadro generale della politica di coesione, che è la principale politica dell’UE volta a ridurre le disparità regionali e ad affrontare i cambiamenti strutturali nell’UE. Dotato di un bilancio totale di 19,3 miliardi di euro, il JTF contribuisce a garantire che la transizione verso un’economia climaticamente neutra non lasci indietro nessuno, alleviando l’impatto della transizione climatica, sostenendo la diversificazione economica locale, la riqualificazione dei lavoratori e delle persone in cerca di lavoro e la riconversione delle specifiche regioni dell’UE.

STEP è la risposta dell’Europa per rispondere alle esigenze dell’industria dell’UE e stimolare gli investimenti nelle tecnologie critiche in Europa. STEP mira a rafforzare, sfruttare e indirizzare i fondi dell’UE verso l’innovazione deep-tech, le tecnologie digitali, biologiche, pulite ed efficienti sotto il profilo delle risorse, nell’UE e nelle persone che possono implementare tali tecnologie nell’economia.

A tal fine, STEP introduce priorità dedicate al Fondo europeo di sviluppo regionale, al Fondo di coesione e al Fondo sociale europeo+ . Queste priorità possono aprire il sostegno alle grandi imprese nelle regioni meno sviluppate e in transizione, e alle regioni più sviluppate negli Stati membri con un PIL pro capite inferiore alla media dell’UE. Le priorità di STEP possono beneficiare di maggiori cofinanziamenti e prefinanziamenti da parte dell’UE, che contribuiranno ad accelerare l’attuazione dei progetti.

Inoltre, gli Stati membri potranno includere progetti STEP nella revisione dei loro piani di ripresa e resilienza e contribuire al fondo InvestEU per raggiungere gli obiettivi STEP.

Il Regolamento istitutivo dello STEP è entrato in vigore il 1° marzo 2024.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
E’ aperta la votazione del pubblico per i Nuovi Premi Europei Bauhaus 2024. Lo rende enoto il sito DG Regio.



La votazione del pubblico rimarrà aperta fino al 27 marzo sul sito dei Nuovi Premi Europei Bauhaus dove ognuno potrà votare online il proprio progetto preferito.

l voto del pubblico stabilirà un vincitore per ciascuno dei due filoni dei Nuovi Premi Europei Bauhaus 2024. Su oltre 500 candidature, 50 progetti e concetti provenienti da tutti i 27 Stati membri dell’UE, 6 partner dei Balcani occidentali e l’Ucraina sono stati selezionati come finalisti del New European Bauhaus 2024.

I finalisti dimostrano un’eccezionale creatività e capacità di innovazione in tutta Europa, incarnando lo spirito dei valori fondamentali del Nuovo Bauhaus europeo di sostenibilità, estetica e inclusività.

I Nuovi Premi Europei Bauhaus riconoscono e danno visibilità ai progetti e ai concetti innovativi dei cittadini europei e non solo. L’edizione del 2024 sarà caratterizzata dal premio “Riconoscimento speciale per lo sforzo di ricostruzione e ripresa dell’Ucraina” e punterà i riflettori sulle regioni dell’UE che si trovano ad affrontare vincoli socioeconomici più intensivi, nonché sui luoghi maggiormente sfidati dalla necessità di evolvere verso un carbonio economicamente neutrale.

I premi 2024 verranno assegnati a 20 vincitori che riceveranno premi fino a 30.000 euro, oltre a un pacchetto di comunicazione per aiutarli a sviluppare e promuovere ulteriormente i loro progetti e concetti.

I vincitori saranno annunciati durante una cerimonia che si svolgerà il 12 aprile 2024 durante il New European Bauhaus Festival a Bruxelles. Dal 9 al 13 aprile 2024, il Festival riunirà persone di ogni ceto sociale per partecipare a numerosi workshop, attività e discussioni che si svolgeranno a Bruxelles, così come in tutta Europa e oltre.

Nuovo sito web dei Premi Europei Bauhaus
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Orizzonte 2020, il programma di ricerca e innovazione dell’UE che va dal 2014 al 2020 con un bilancio di quasi 80 miliardi di euro, ha dato un contributo importante alla costruzione di una società e di un’economia dell’UE radicate nella conoscenza e nell’innovazione e ha apportato benefici agli europei ben oltre ciò che si sarebbe potuto ottenere a livello livello nazionale o regionale. Lo afferma un comunicato stampa della Commissione europea.

Consentire una risposta rapida alle epidemie di COVID-19, Ebola e Zika e dare un contributo decisivo alla scienza del clima sono solo alcuni esempi dell’impatto tangibile di Orizzonte 2020. Ogni euro di costi legati al programma porterà, in definitiva, cinque euro di benefici all’UE. cittadini europei entro il 2040, dimostrando l’elevato rapporto qualità-prezzo degli investimenti in ricerca e innovazione per la società europea. Queste sono alcune delle principali conclusioni della valutazione ex post di Orizzonte 2020 pubblicata il 29 gennaio.

Orizzonte 2020 ha finanziato più di 35.000 progetti in sette anni e i bandi hanno attirato oltre un milione di candidature individuali da 177 paesi. Il programma ha svolto un ruolo cruciale nella lotta al cambiamento climatico e ha visto il 64,4% del suo budget investito nello sviluppo sostenibile. Orizzonte 2020, insieme al suo predecessore 7° PQ, è il secondo maggiore fornitore di scienze climatiche al mondo.

Il programma ha finanziato soluzioni concrete in vari settori, come nuovi trasporti alimentati a idrogeno, vaccini a mRNA, fotonica e micro e nanoelettronica. Quasi 4.000 brevetti e marchi sono il risultato dei finanziamenti di Orizzonte 2020. Il Consiglio Europeo per l’Innovazione si è distinto per il suo sostegno senza precedenti alle innovazioni tecnologiche potenzialmente rivoluzionarie e alle aziende deep tech.

Orizzonte 2020 ha alimentato una notevole crescita aggiuntiva del 20% nell’occupazione e un aumento del 30% del fatturato e del totale delle attività per le imprese partecipanti rispetto a quelle che non hanno avuto successo nonostante le domande di alta qualità. Nel lungo termine, si stima che il programma contribuirà con un aumento medio annuo di 15,9 miliardi di euro al PIL dell’UE, per un totale di 429 miliardi di euro nel periodo 2014-2040.

Gli scienziati finanziati da Orizzonte 2020 hanno contribuito a oltre 276.000 pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria. Orizzonte 2020 ha inoltre sostenuto 33 vincitori del Premio Nobel. Orizzonte 2020 è stato fondamentale anche per diversificare e migliorare le competenze e le conoscenze dei ricercatori. Orizzonte 2020 ha sostenuto la mobilità di quasi 50.000 ricercatori in diversi settori e paesi. Inoltre, il programma ha consentito all’UE di sviluppare e aggiornare infrastrutture di ricerca su larga scala sia a livello europeo che globale: oltre 24.000 ricercatori e organizzazioni hanno avuto accesso a queste infrastrutture, ampliando le opportunità di lavoro collaborativo e di progressi scientifici.

La valutazione ha individuato le seguenti aree di miglioramento:

una partecipazione più ampia,

ulteriore semplificazione e riduzione degli oneri amministrativi,

rafforzamento della diffusione, valorizzazione e diffusione dei risultati,

sostegno alla partecipazione delle donne e rafforzamento delle sinergie con altre iniziative a livello comunitario, nazionale e regionale.

Le intuizioni e le principali conclusioni di questa valutazione finale di Orizzonte 2020 svolgeranno un ruolo cruciale non solo nel plasmare l’attuazione in corso di Orizzonte Europa, ma anche nell’influenzare lo sviluppo delle politiche per le future iniziative di ricerca e innovazione. Ciò garantisce che le lezioni apprese siano effettivamente integrate nei programmi attuali e futuri, migliorandone l’efficienza, la pertinenza e l’impatto per gli europei.

Orizzonte 2020 è stato l’ottavo programma di finanziamento della ricerca e dell’innovazione dell’Unione Europea, operativo dal 2014 al 2020 con un budget di quasi 80 miliardi di euro. Gli obiettivi di Orizzonte 2020 erano stimolare la crescita economica, creare posti di lavoro, promuovere la collaborazione nella ricerca e nell’innovazione, sostenere l’eccellenza scientifica e la leadership industriale e affrontare le sfide sociali in Europa.

La valutazione finale è stata elaborata su un’ampia base di prove con oltre 1.000 interviste con beneficiari di progetti, autorità nazionali e organismi di attuazione, nonché sondaggi sui partecipanti vincitori e non, combina ampie analisi quantitative e qualitative e si basa su un’ampia consultazione pubblica aperta con quasi 2000 risposte.


Documento di lavoro del personale

Rapporto della Commissione sulla valutazione finale di Orizzonte 2020

Allegati 1-6 della valutazione finale di Orizzonte 2020

Sintesi esecutiva della valutazione finale di Orizzonte 2020

Orizzonte Europa
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha pubblicato il 15 gennaio la sua relazione di sintesi 2023 sull’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE), che illustra alcuni dei risultati generali ottenuti dai fondi SIE allo stato della situazione alla fine del 2022. Questi fondi rappresentano i principali strumenti finanziari strumenti della Politica di Coesione, a sostegno degli investimenti per lo sviluppo regionale del periodo di programmazione 2014 – 2020.

Il Rapporto mostra l’ampia gamma di sostegno disponibile attraverso i diversi programmi per il periodo 2014-2020 e il loro impatto diretto e positivo sulle regioni, sulle imprese e, soprattutto, sulle persone, che sono al centro dei fondi SIE. Mostra anche la flessibilità e l’adattabilità del quadro, per fornire soluzioni agli effetti della pandemia di COVID-19, alla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e alla conseguente crisi energetica.

Pur concentrandosi sulla convergenza e sulla competitività a lungo termine, la solidarietà è sempre stata al centro dei fondi SIE. Hanno aiutato gli Stati membri a prendersi cura dei rifugiati e a superare gli effetti di disastri climatici naturali senza precedenti, alleviando in definitiva la pressione sui bilanci nazionali.

La relazione presenta i risultati ottenuti dai fondi SIE entro la fine del 2022 , dimostrando che la Commissione ha:

supportato più di 5 milioni di imprese;

ha aiutato 64,5 milioni di persone a trovare lavoro, a promuovere l’inclusione sociale e le competenze attraverso la formazione;

servizi sanitari migliorati per più di 63 milioni di persone;

aumento della capacità di produzione di energia proveniente da fonti energetiche rinnovabili di oltre 6 000 MW (l’equivalente di circa 2 400 turbine eoliche);

migliorato il rendimento energetico di oltre 550 000 famiglie;

protetto 17 milioni di persone dalle inondazioni e 15 milioni di persone dagli incendi boschivi;

sostenuto oltre 2,8 milioni di progetti nel settore agricolo e nelle zone rurali;

ha mantenuto oltre 48 000 posti di lavoro e creato oltre 6 500 nuovi posti di lavoro nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

I fondi SIE sono stati motori stabili degli investimenti nell’UE. Con la loro portata a lungo termine e il loro focus tematico, hanno incanalato le risorse nel rafforzamento della coesione territoriale, economica e sociale delle regioni dell’UE. Hanno continuato ad aiutare le regioni e le imprese a superare le sfide della transizione verde e digitale, aiutando nel contempo i lavoratori a migliorare le competenze e incoraggiando la cooperazione territoriale dell’UE. Hanno mantenuto la loro rotta nel contesto di crisi senza precedenti che vanno dalla pandemia di COVID-19 ai disastri climatici naturali.

Essendo il più grande strumento di investimento del bilancio dell’UE, i fondi SIE sostengono la coesione territoriale, economica e sociale delle regioni europee, nonché la loro resilienza e ripresa dalle molteplici crisi degli ultimi anni. I fondi ESI includono:

il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR);

il Fondo Sociale Europeo (FSE);

il Fondo di Coesione (FC);

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP).

Lo scopo di questi fondi è investire nella creazione di posti di lavoro e in un’economia e un ambiente europei sostenibili e sani. Gli obiettivi politici perseguiti nell’ambito dei fondi SIE includono:

ricerca e innovazione

tecnologie digitali

sostenere l’economia a basse emissioni di carbonio

gestione sostenibile delle risorse naturali piccole imprese

una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

occupazione, una migliore istruzione e formazione

rafforzare la capacità istituzionale della pubblica amministrazione

sviluppo urbano e cooperazione territoriale (Interreg).

La relazione annuale di sintesi dei fondi SIE che copre l’attuazione nel periodo 2014-2020 è un requisito ai sensi dell’articolo 53 del regolamento (UE) n. 1303/2013. La relazione di quest’anno presenta l’evoluzione nell’attuazione finanziaria dei fondi SIE del periodo 2014-2020 fino alla fine del 2022.

Maggiori informazioni

Relazione di sintesi 2023 e allegati sull’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei

Piattaforma dati aperti sulla coesione

Scheda informativa: I Fondi strutturali e di investimento europei: sostenute 5 milioni di imprese
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha lanciato il 20 dicembre tre nuove iniziative che promuovono la cooperazione dell’UE in materia di ricerca e innovazione con l’Ucraina:

Ufficio del Nuovo Orizzonte Europa a Kiev;

Nuova azione del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC) a sostegno della comunità tecnologica ucraina;

Nuovo polo comunitario dell’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT).

Ufficio Orizzonte Europa

Il nuovo Ufficio Orizzonte Europa aumenterà la consapevolezza sulle opportunità di partecipazione dell’Ucraina a progetti collaborativi di ricerca e innovazione (R&I) nell’ambito di Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell’UE. Lo farà promuovendo Orizzonte Europa in Ucraina e sostenendo l’integrazione dell’Ucraina nello Spazio europeo della ricerca, fornendo al contempo sostegno ai punti di contatto nazionali dell’Ucraina per Orizzonte Europa. La Fondazione nazionale di ricerca dell’Ucraina ospita l’Ufficio Horizon Europe.

Azione del CEI a sostegno della comunità deep tech dell’Ucraina

L’azione del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC4Ukraine) sostiene la comunità ucraina del deep tech con 20 milioni di euro per le start-up ucraine, per aiutarle a crescere e integrarsi nell’ecosistema dell’innovazione europeo. L’iniziativa, implementata da una rete europea di associazioni di start-up, sosterrà almeno 200 start-up ucraine del deep tech con un massimo di 60.000 euro ciascuna per sviluppare ulteriormente le loro attività di innovazione e business.

Polo comunitario dell’EIT

L’hub della comunità EIT a Kiev fungerà da sportello unico per le informazioni sulle opportunità offerte dall’intera comunità EIT in tutto il mondo Unione Europea e oltre. Darà agli innovatori ucraini rimasti nel loro paese d’origine l’accesso a partner, mercati, banchi di prova, formazione e investimenti. L’Hub è ospitato dal Fondo startup ucraino.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europa ha adottato il 12 dicembre il programma di lavoro 2024 del Consiglio europeo per l’innovazione (CEI). Apre opportunità di finanziamento per un valore di oltre 1,2 miliardi di euro nel 2024. La maggior parte è dedicata alle PMI e alle start-up per sviluppare e ampliare le innovazioni “deep tech” in settori critici come l’intelligenza artificiale generativa (AI), lo spazio, le materie prime critiche, semiconduttori e tecnologie quantistiche. Ciò va di pari passo con la decisione della Commissione che completa la ristrutturazione del Fondo EIC, che riceverà un’iniezione di capitale di 585 milioni di euro da investire in società selezionate dall’EIC, mobilitando oltre 2 miliardi di euro in nuovi investimenti.

Sebbene la maggior parte dei finanziamenti del CEI sia aperta a tutti i campi della tecnologia, 420 milioni di euro sono destinati alle nuove tecnologie e alle PMI e alle startup per affrontare le sfide sostenendo direttamente il Green Deal europeo, REPowerEU, il Chips Act, il futuro AI Act, Net Zero Industry Act e altre politiche dell’UE, inclusa la nuova agenda europea per l’innovazione.

In linea con la strategia della Commissione sulla sicurezza economica, le applicazioni in settori critici come l’intelligenza artificiale e la quantistica saranno esaminate per la proprietà straniera e le garanzie sugli investimenti che saranno applicate dal Fondo CEI.

Il programma di lavoro del CEI 2024 dettaglia il finanziamento in tre schemi principali:

EIC Pathfinder (256 milioni di euro) per gruppi di ricerca multidisciplinari che intraprendono ricerche visionarie con il potenziale di portare a scoperte tecnologiche (sovvenzioni fino a 4 milioni di euro).

EIC Transition (94 milioni di euro) per trasformare i risultati della ricerca in opportunità di innovazione, dando seguito ai risultati generati dai progetti EIC Pathfinder e dai progetti Proof of Concept del Consiglio europeo della ricerca e aprendosi per la prima volta ai risultati dei progetti di collaborazione Horizon del Pilastro 2/sociale sfide (sovvenzioni fino a 2,5 milioni di euro).

Acceleratore CEI (675 milioni di euro) per start-up e PMI per sviluppare e ampliare innovazioni con il potenziale di creare nuovi mercati o sconvolgere quelli esistenti (sovvenzioni inferiori a 2,5 milioni di euro, investimenti da 0,5 a 15 milioni di euro). 405 milioni di euro sono destinati agli investimenti che saranno gestiti dal Fondo CEI, che riceverà ulteriori 180 milioni di euro per far seguito agli investimenti in società selezionate nell’ambito dei precedenti bandi EIC Accelerator.

Programma di lavoro del CEI 2024 e schede informative
0

PREVIOUS POSTSPage 2 of 7NEXT POSTS