E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo (PE) afferma che i camion e gli autobus a emissioni zero potrebbero essere più lunghi e più pesanti per ridurre il numero di viaggi effettuati e per aiutare la transizione climatica.

Il 14 febbraio gli eurodeputati della commissione Trasporti e Turismo hanno adottato la loro posizione sulla revisione delle norme su pesi e dimensioni del trasporto che modifica i limiti di peso e dimensioni applicati ai camion e agli autobus coinvolti nel trasporto stradale internazionale.

I deputati europei vogliono aumentare di quattro tonnellate il peso massimo e la lunghezza dei camion a emissioni zero, per compensare lo spazio e il peso necessari per ospitare batterie o celle a idrogeno e per fornire ulteriore capacità di carico. Questo aggiornamento potrebbe, secondo loro, fungere da incentivo per il settore dei trasporti a passare a veicoli più puliti, poiché la capacità di carico aggiuntiva renderà i camion e gli autobus a zero emissioni più competitivi rispetto alle loro alternative convenzionali. I deputati affermano inoltre che l’installazione di tecnologie a emissioni zero non dovrebbe avvenire a discapito dello spazio sufficiente nell’abitacolo né ridurre il comfort del conducente.

A determinate condizioni, i paesi dell’UE possono ancora consentire la circolazione di mega camion, che sono più lunghi e più pesanti rispetto ai limiti dell’UE. Nel caso in cui gli Stati membri vogliano aggiungere nuove strade sulle quali sono ammessi i mega camion, dovrebbero effettuare una valutazione preventiva dell’impatto di ciò sulla sicurezza stradale, sulle infrastrutture, sulla cooperazione modale e sull’ambiente.

Per migliorare la sicurezza stradale e aiutare gli utenti della strada a identificare i mega camion o altri veicoli di grandi dimensioni, ad esempio prima di sorpassare, i deputati suggeriscono la creazione di un’etichetta UE sulla lunghezza di tali veicoli. Inoltre, la Commissione dovrebbe creare un portale web con informazioni sui limiti di peso e lunghezza applicabili in ciascun paese dell’UE e su quali strade sono designate per i mega camion.

La commissione del PE vuole anche vedere un’applicazione più rigorosa delle norme UE, suggerendo che i paesi dell’UE istituiscano sistemi di controllo automatico lungo le principali strade dell’UE per verificare se camion e autobus rispettano i limiti di peso e dimensione. I deputati europei vogliono anche vedere l’uso di strumenti di applicazione digitale, come la politica di accesso intelligente, che potrebbe garantire che il veicolo giusto con il carico giusto, operi sulla strada giusta e al momento giusto, per garantire un impatto minimo sull’ambiente, infrastrutture, salute umana e sicurezza.

Questo progetto di posizione sarà ora votato da tutti i deputati europei in una prossima sessione plenaria, possibilmente a marzo. Il dossier sarà seguito dal nuovo Parlamento dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il commissario europeo per i trasporti Adina Vălean e il vice primo ministro per il restauro dell’Ucraina e il ministro per le comunità, i territori e lo sviluppo delle infrastrutture Oleksandr Kubrakov, hanno firmato il 6 giugno a Lviv un accordo che associa l’Ucraina al programma Connecting Europe Facility (CEF).

Lo comunica la Commissione europea in una nota stampa.
Questo accordo consentirà ai promotori di progetti ucraini di richiedere finanziamenti dell’UE per progetti di interesse comune nei settori dei trasporti, dell’energia e del digitale, migliorando ulteriormente la connettività dell’Ucraina con i suoi vicini dell’UE. Sosterrà l’integrazione dell’Ucraina nel mercato unico dell’UE, promuoverà la crescita, l’occupazione e la competitività.

L’Ucraina si oppone coraggiosamente all’aggressione immotivata e ingiustificata della Russia e il sostegno e la solidarietà dell’UE rimangono incrollabili. L’accordo odierno avvicina l’Ucraina all’UE ancorandola all’interno di reti transeuropee interconnesse.

Meccanismo per collegare l’Europa

Rete transeuropea dei trasporti
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale ddll’Unione europea C 177 del 17 maggio pubblica la Risoluzione del Parlamento europeo sul piano d’azione per promuovere il trasporto ferroviario transfrontaliero e su lunga di distanza di passeggeri .

La Risoluzione sottolinea che la piena attuazione dell’ERTMS (piano di implementazione del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario), attraverso la realizzazione degli obiettivi della proposta legislativa rivista per il regolamento TEN-T, contribuirà a creare uno spazio ferroviario europeo unico digitale, garantendo l’aumento della capacità della rete e l’ulteriore sviluppo di servizi di trasporto ferroviario sicuri, veloci ed efficienti per i collegamenti a lunga distanza e transfrontalieri.

Il Parlamento europeo evidenzia che la promozione del trasporto ferroviario a lunga distanza deve essere accompagnata da un’integrazione nelle diverse reti ferroviarie interregionali, regionali, urbane e periurbane, nonché con altri modi di trasporto e con la TEN-T, migliorando così la mobilità da porta a porta; sottolinea che ciò sarà fondamentale per rendere i servizi di trasporto ferroviario e multimodale di passeggeri più attraenti.

Nel documento si sottolinea l’importanza di accelerare la costruzione di nuove linee ferroviarie e di promuovere ulteriormente il completamento dei progetti infrastrutturali, compresi i ponti che collegano le isole alla terraferma, al fine di chiudere i collegamenti attualmente esistenti e migliorare l’integrazione delle isole con le autostrade del mare.

LA RISOLUZIONE INTEGRALE IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La sessione plenaria di aprile del Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha visto l’adozione di un parere sui fattori chiave per la transizione verso un sistema di trasporti sostenibile a lungo termine.

Lo rende noto una nota apparsa sul sito del CESE.
Un trasporto sostenibile a lungo termine è possibile, ma la transizione può avvenire solo se i cittadini, l’industria e il settore dei trasporti accettano due obiettivi: una riduzione del 90% delle emissioni nel settore dei trasporti entro il 2050 e un impegno a utilizzare i modi e i mezzi concordati per ottenere al risultato finale.

È questo il forte messaggio inviato dal parere del CESE adottato nella sessione plenaria del 27 aprile 2023.

Per raggiungere l’obiettivo del trasporto verde a lungo termine, secondo il CESE, la transizione deve essere attraente e realistica, e quindi accettabile per i cittadini e le imprese da tre punti di vista: finanziario, sociale e pratico.

Questo è l’unico modo in cui la nostra società può sostenere attivamente la transizione, altrimenti il ​​rischio non è solo il fallimento, ma nel peggiore dei casi disordini sociali.

In particolare, il CESE afferma che, affinché la transizione abbia successo, devono essere soddisfatte determinate condizioni.

Prima di tutto, le imprese devono sentire che non sono gravate da costi eccessivi e che manterranno la competitività, non solo all’interno ma anche all’esterno dell’UE.

In secondo luogo, i dipendenti devono vivere la transizione come accettabile e avere la possibilità di adattarsi alle nuove condizioni di lavoro in modo socialmente accettabile.

In terzo luogo, i cittadini sia degli agglomerati che delle zone rurali devono beneficiare dell’accessibilità e della mobilità a costi ragionevoli e in buone condizioni generali.

Il Comitato sottolinea inoltre che occorre prestare particolare attenzione alle infrastrutture di trasporto, e in particolare alle infrastrutture per la distribuzione di carburanti alternativi, nonché agli investimenti e all’efficienza nell’uso delle infrastrutture, in quanto tutti questi sono un prerequisito per i cambiamenti nei trasporti.

Le questioni chiave qui sono l’accessibilità dei trasporti, l’uso di combustibili puliti, l’integrazione dei modi di trasporto, l’attuazione di innovazioni e nuovi modi di trasporto.

Anche l’efficienza può guidare la transizione. Migliora la sostenibilità dei trasporti e può essere raggiunto attraverso una migliore capacità di carico, un’infrastruttura migliorata che renda il trasporto più rapido e un’infrastruttura terminale migliorata che acceleri il carico/scarico e il passaggio da una modalità all’altra.
0