E-News, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, climate change, Agricoltura, Ambiente, SDG, Istruzione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea, attraverso un suo comunicato stampa, informa che il 23 maggio Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea, ha pubblicato il ‘Sustainable development in the European Union — 2022 monitoring report on progress to the SDGs in an EU context’, che fornisce una panoramica statistica dei progressi verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) nell’UE.

I dati inclusi nella relazione mostrano che l’UE ha compiuto progressi verso la maggior parte degli obiettivi negli ultimi cinque anni, in linea con le priorità della Commissione in settori politici chiave come il Green Deal europeo, la strategia digitale e il piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali. Mentre i progressi verso il raggiungimento di alcuni obiettivi sono stati più rapidi rispetto ad altri, l’allontanamento dagli obiettivi di sviluppo sostenibile è avvenuto solo in poche aree specifiche, informa Bruxelles.

Lo strumento senza precedenti di NextGenerationEU adottato dalla Commissione in risposta alla pandemia, e le riforme e gli investimenti previsti dagli Stati membri nei loro piani di ripresa e resilienza, “daranno un importante contributo al raggiungimento degli SDG nell’UE in futuro. La relazione mostra che, negli ultimi cinque anni, l’UE ha compiuto progressi significativi verso cinque SDG e progressi moderati verso la maggior parte degli altri”. In particolare:

Come negli anni precedenti, continua la Commissione, l’UE ha continuato a compiere i maggiori progressi verso la promozione della pace e della sicurezza personale all’interno del suo territorio, migliorando l’accesso alla giustizia e la fiducia nelle istituzioni (OSS 16). La quota della popolazione dell’UE che denuncia reati, violenze e atti vandalici nei propri quartieri è scesa dal 13,2% nel 2015 al 10,9% nel 2020. Inoltre, la quota della popolazione dell’UE che considera sufficientemente indipendente il sistema giudiziario nel proprio paese è aumentata di 4 punti percentuali tra il 2016 e il 2021 (dal 50% al 54%).

Sono stati compiuti progressi significativi anche verso gli obiettivi di riduzione della povertà e dell’esclusione sociale (SDG 1), dell’economia e del mercato del lavoro (SDG 8), dell’energia pulita e a prezzi accessibili (SDG 7), nonché dell’innovazione e delle infrastrutture (SDG 9). Nell’area della povertà (SDG 1), i dati disponibili si riferiscono in parte al periodo pre-pandemia e pertanto non coglie ancora completamente l’impatto della pandemia.

La valutazione favorevole dell’SDG 7 è stata fortemente influenzata da una notevole riduzione dei consumi energetici nel 2020 (meno 8% rispetto al 2019) a seguito delle restrizioni alla vita pubblica legate al COVID-19 e alla minore attività economica. Pertanto, “l’UE è riuscita a raggiungere il suo obiettivo di efficienza energetica per il 2020 e, sulla base dei progressi compiuti finora, sembra essere sulla buona strada verso il suo obiettivo per il 2030”. Inoltre, informa la Commissione, l’uso delle energie rinnovabili è cresciuto costantemente, con il raddoppio della sua quota dal 2005. Entro il 2020, le energie rinnovabili rappresentavano il 22,1% del consumo finale lordo di energia. Tuttavia, informa Bruxelles, le importazioni di combustibili fossili coprono ancora più della metà della domanda energetica dell’UE ed è probabile che il minor consumo di energia registrato nel 2020 sia temporaneo.

Allo stesso modo, i progressi verso l’SDG 8 sull’economia e il mercato del lavoro, per i quali gli ultimi dati disponibili sono il 2021, sono stati positivamente influenzati dalla forte crescita economica e dall’andamento del mercato del lavoro dello scorso anno. Ad esempio, il tasso di occupazione è salito al 73,1% nel 2021, superando addirittura il livello pre-pandemia.

Progressi verso gli obiettivi nei settori della salute e del benessere (SDG 3), vita sott’acqua (SDG 14), uguaglianza di genere (SDG 5), città e comunità sostenibili (SDG 11), riduzione delle disuguaglianze (SDG 10), responsabilità consumo e produzione (SDG 12), istruzione di qualità (SDG 4), azione per il clima (SDG 13) e fame zero (SDG 2) sono stati moderati.

La valutazione complessiva dei progressi dell’UE per i partenariati (SDG 17) e l’acqua pulita e servizi igienico-sanitari (SDG 6) è stata neutra, il che significa che sono stati caratterizzati da un numero quasi uguale di sviluppi sostenibili e non sostenibili.

Infine, negli ultimi cinque anni è stato riscontrato un leggero allontanamento dai rispettivi obiettivi di sviluppo sostenibile per la vita sulla terraferma (SDG 15), indicando che gli ecosistemi e la biodiversità sono rimasti sotto pressione a causa delle attività umane. Sebbene sia la superficie forestale dell’UE che le aree protette terrestri siano leggermente aumentate, “la pressione sulla biodiversità ha continuato ad intensificarsi”, sottolinea la Commissione. Ad esempio, la presenza di uccelli comuni è un indicatore di biodiversità perché molti di loro richiedono habitat specifici per riprodursi e trovare cibo, che spesso ospitano anche molte specie animali e vegetali minacciate. Dal 2000, si stima che il numero di uccelli comuni sia diminuito del 10%. Tuttavia, dopo molti anni di declino, sembra che il numero di uccelli comuni abbia iniziato a stabilizzarsi.

Il set di indicatori dell’UE SDG viene riesaminato ogni anno. L’indicatore fissato per il rapporto 2022 è stato rivisto per allinearlo all’8° Programma d’azione per l’ambiente e ai nuovi obiettivi del piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali. C’è anche un’analisi migliorata degli effetti di spillover che riguardano le emissioni di CO2, l’impronta del suolo, l’impronta dei materiali e il valore aggiunto lordo generato al di fuori dell’UE dal consumo all’interno dell’UE. Infine, il rapporto include un’analisi specifica dell’impatto del COVID-19 sugli SDG.

APPROFONDIMENTI

Sviluppo sostenibile nell’Unione europea: rapporto di monitoraggio 2022 sui progressi verso gli SDG nel contesto dell’UE

Lo sviluppo sostenibile nell’Unione Europea. Panoramica dei progressi verso gli SDG nel contesto dell’UE

Pubblicazione digitale “SDGs & me”

Strumento di visualizzazione “Punteggi Paese SDG”

Statistiche Articoli spiegati sullo sviluppo sostenibile nell’UE

Sezione dedicata agli indicatori di sviluppo sostenibile dell’UE

Database sugli indicatori di sviluppo sostenibile dell’UE

Comunicazione della Commissione: “Prossime tappe per un futuro europeo sostenibile – Azione europea per la sostenibilità”

Documento di lavoro dei servizi della Commissione ” Realing on the Sustainable Development Goals – Un approccio globale
0

E-News, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C184 del 5 maggio pubblica la Risoluzione del Parlamento europeo sulle politiche occupazionali e sociali della zona euro nel 2021.

Il Parlamento europeo sottolinea che, nel contesto dei piani di ripresa e resilienza, a fronte di livelli del debito pubblico che aumentano vertiginosamente e dell’imminente riforma del patto di stabilità e crescita e del processo del semestre, la proposta del Parlamento per l’adozione di un patto per il benessere sostenibile e il progresso sociale che renda obbligatori obiettivi sociali e sostenibili al fine di conseguire gli OSS delle Nazioni Unite sia diventata più pertinente che mai; osserva, a tale proposito, che l’OSS n. 8 sulla crescita sostenibile, l’occupazione e il lavoro dignitoso si è dimostrato un fattore trainante per l’intera Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

L’Assemblea di Strasburgo ritiene che una crescita sostenibile, intelligente e inclusiva debba garantire una politica fiscale sostenibile nel medio termine, e che le politiche sociali ed economiche dell’UE siano improntate al conseguimento di una ripresa duratura che renda “le nostre economie e società più sostenibili, inclusive, resilienti e meglio preparate per le transizioni verde e digitale“; il PE sottolinea, a tale riguardo, che l’attuazione del piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali contribuirà a rafforzare la dimensione sociale di tutte le politiche dell’Unione, garantendo una ripresa inclusiva.

La Risoluzione sottolinea inoltre che una maggiore governance economica e sociale tra gli Stati membri, in particolare in direzione di una maggiore convergenza delle norme fiscali, rappresenterebbe una forza trainante per la ripresa.

Strasburgo sottolinea che un orientamento politico e un approccio di governance che mirino a porre le persone e il loro benessere al centro della politica e del processo decisionale sono fondamentali per il futuro dell’Unione europea; il documento chiede alla Commissione europea di presentare, a tal fine, una proposta completa che specifichi una serie di obiettivi sociali, ecologici ed economici specifici, i quali dovrebbero rispecchiare i pertinenti impegni dell’UE sul piano sia internazionale che interno, compresi quelli derivanti dalla risoluzione del Parlamento europeo del 17 dicembre 2020 su un’Europa sociale forte per transizioni giuste, gli OSS delle Nazioni Unite, l’accordo di Parigi, l’obiettivo della legge europea sul clima di conseguire la neutralità dai gas a effetto serra entro il 2050 e i relativi traguardi intermedi, la Carta europea dei diritti fondamentali e il pilastro europeo dei diritti sociali, nonché l’impegno di eliminare la povertà in Europa entro il 2050 mediante una legge europea contro la povertà.

Il Parlamento concorda con i leader europei sul fatto che, con l’aumento della disoccupazione e delle disuguaglianze a causa della pandemia, è importante incanalare le risorse dove sono maggiormente necessarie in modo da rafforzare le nostre economie e concentrare i nostri sforzi politici sulla parità di accesso a servizi di qualità per migliorare le pari opportunità, sul miglioramento e la creazione di posti di lavoro di qualità, sull’imprenditorialità, sul miglioramento delle competenze e la riqualificazione professionale, nonché sulla riduzione della povertà e dell’esclusione; sottolinea che le risorse straordinarie messe a disposizione per sostenere la ripresa dell’Europa sono un’opportunità che non deve essere sprecata.

Il Parlamento sottolinea l’impatto negativo della crisi COVID-19 sul mercato del lavoro europeo e le conseguenti perdite di posti di lavoro senza precedenti, soprattutto nei settori strategici, così come il conseguente aumento della povertà e le divergenze nel tenore di vita, che colpiscono in particolare i giovani, le donne e i lavoratori in posizioni poco qualificate nonché i lavoratori precari.

Il PE accoglie con favore la proposta della Commissione sul rafforzamento dell’applicazione del principio della parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore mediante la trasparenza delle retribuzioni e meccanismi esecutivi; si compiace per il fatto che la proposta in questione introduca misure vincolanti in materia di trasparenza retributiva; sollecita l’adozione rapida di tali misure al fine di prevenire ulteriori disuguaglianze di genere; invita gli Stati membri e la Commissione a sostenere l’imprenditorialità femminile e ad agevolare l’accesso delle donne ai finanziamenti; invita gli Stati membri a sbloccare con urgenza i negoziati in seno al Consiglio sulla direttiva relativa alla presenza delle donne nei consigli di amministrazione delle società.

Nella Risoluzione si sottolinea tra l’altro l’importanza di garantire che i lavoratori nell’UE siano tutelati mediante salari minimi adeguati definiti per legge o dai contratti collettivi, in linea con le consuetudini e le pratiche nazionali, che assicurino loro un tenore di vita dignitoso a prescindere dal luogo di lavoro; si compiace, a tal proposito, della proposta di direttiva della Commissione europea relativa a salari minimi adeguati nell’Unione europea, che mira ad aumentare la copertura della contrattazione collettiva, a combattere la povertà lavorativa e ad accrescere la convergenza sociale verso l’alto.

SCARICA E LEGGI LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, CEMR NEWS, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR informa che in occasione del Forum regionale per lo sviluppo sostenibile organizzato dalla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE) e nell’ambito del Forum dei sindaci, si è tenuto il 7 aprile un evento sul processo di localizzazione degli SDG nelle città.

L’evento ha consentito a relatori di diversi organismi e paesi di parlare delle loro esperienze in merito all’attuazione degli SDG. “Questo scambio di buone pratiche, scrive il CEMR, ha mostrato l’utilità del Quadro di riferimento per le città sostenibili (RFSC) per diversi tipi di stakeholder, per aiutarli a implementare gli SDG nelle loro città, dove potrebbe non essere sempre popolare”.
0

E-News, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR informa sul Quadro di riferimento per le città sostenibili (RFSC), uno strumento di autovalutazione online di facile utilizzo che aiuta le città ad analizzare, progettare, implementare e monitorare strategie e/o progetti integrati di sviluppo urbano sostenibile. Le città possono rivedere e valutare le loro priorità alla luce dei quadri europei e globali e sviluppare una serie di azioni e un sistema di monitoraggio collegato agli obiettivi di sviluppo urbano integrato e sostenibile.

Potete scoprire di più sullo strumento RFSC in un evento online il 7 aprile dalle 17:15 alle 18:30
Questo evento introdurrà lo strumento RFSC alle parti interessate urbane e dimostrerà il suo valore aggiunto per ricostruire meglio dalla crisi COVID-19.
Le città, lavorando sulla localizzazione degli SDG, e con l’RFSC, condivideranno la loro esperienza di essere partner di una rete URBACT: GG4C (Global Goals for Cities).

Per maggiori informazioni clicca qui.

Registrati
0

E-News, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Venice City Solutions 2030, alla sua terza edizione, è la piattaforma globale di scambio tra governi centrali e locali governi centrali e locali, il settore privato, le università, il terzo settore e la società civile che produce riflessioni e obiettivi comuni basati su esperienze concrete. Nell’ultima edizione, che si è concentrata sulle diverse sfaccettature di “Visualizzare l’Agenda 2030 nelle città”, sono emerse le raccomandazioni all’HLPF che possono essere riassunte in 7 punti che l’AICCRE ha recentemente presentato all’High Level Political Forum di New York (HLPF).

SCARICA LA BROCHURE CON I 7 PUNTI

Venice City Solutions 2030, in its third edition, proves to be the global platform for exchange between central and local governments, the private sector, universities, the third sector and civil society which produce common reflections and objectives based on concrete experiences. In the latest edition, which focused on the different facets of the “Visualizing the 2030 Agenda in the cities”, the recommendations to the HLPF can be summarized in 7 findings (DOWNLOAD HERE)
0

SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


L’8 luglio l’AICCRE ha partecipato all’High Level Political Forum (HLPF) dell’ONU a New York, co-organizzando un importante evento “Visualizzare gli SDGs nella città”.
L’HLPF è il forum politico di alto livello sullo sviluppo sostenibile – è il momento centrale delle Nazioni Unite per il follow-up e la revisione delle strategie attuate per il raggiungimento dell’Agenda 2030 e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.



Per il terzo anno consecutivo, quindi, l’AICCRE è stata invitata ed ha portato a livello mondiale e in un contesto prestigioso, la voce degli enti locali internazionali emersa nel corso dell’edizione 2020 di VeniceCitySolutions2030.

“Prima di 3 anni fa gli enti locali non potevano neanche arrivare all’HLPF, dice con orgoglio Carla Rey, Segretario Generale dell’AICCRE, ora abbiamo a disposizione un Side event tutto nostro, una giornata in cui gli enti locali possono parlare direttamente alle Nazioni Unite”.

Tutto nasce dall’idea vincente di VeniceCitySolutions2030, arrivata nel 2020 alla terza edizione e che nel triennio 2018-2020 ha portato nella città lagunare centinaia di amministratori locali, di rappresentanti dei governi mondiali, di intellettuali, di rappresentanti della società civile, delle università, del mondo imprenditoriale. Nel segno degli SDGs e di Agenda 2030 dell’ONU.

Venice City Solutions 2030 rappresenta il risultato delle attività che si sono sviluppate negli anni e che hanno portato ai seguenti risultati:
– riconoscimento da parte del Governo italiano del ruolo degli enti locali e di AICCRE quale rappresentante di Comuni, Province, Regioni impegnati nell’Agenda 2030; – organizzazione di un side event per l’HLPF di New York sponsorizzato dal Governo italiano sui risultati del dialogo multilivello; – organizzare a Venezia un appuntamento annuale con la collaborazione delle Agenzie delle Nazioni Unite e dell’Associazione mondiale Città Unite e Governi Locali in cui si ritrovino i Governi e gli enti locali di tutto il mondo per finalizzare strategie utili per gli enti locali per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 e per sviluppare progetti di cooperazione decentrata.



Tornando all’edizione 2021 dell’HLPF, a New York l’AICCRE e gli altri co-organizzatori (UCLG, Un-Habitat, UNDP e UN Action Campaign) hanno portato le conclusioni dell’edizione 2020 di VeniceCitySolutions2030, focalizzata sul significato di “Visualizzare” l’Agenda 2030 nelle città, cercando di declinare questo termine ed interpretando il significato di questo verbo in un contesto di un percorso che in passato aveva analizzato come raggiungere gli SDGs, che tipo di finanziamento servisse, come coinvolgere la cittadinanza e nutrire con essa un rapporto di fiducia reciproca. Il 2020 è stato incentrato sulla visualizzazione:
Come riusciamo a comunicare, visualizzare, vedere i risultati dell’agenda nelle città?
1. Visualizzare l’agenda nel senso di riconoscere la localizzazione degli SDGs
2. Visualizzare l’agenda per conoscere meglio la dimensione locale degli SDGs
3. Visualizzare l’agenda come un linguaggio comune tra gli enti locali e gli altri attori
Quest’ultimo concetto è stato sottolineato nel suo intervento da Carla Rey, che ha tra l’altro illustrato le conclusioni dell’edizione 2020 di VeniceCitySolutions2030 :”è necessario visualizzare l’Agenda2030 per avere un linguaggio comune tra i vari operatori urbani”.

Le soddisfazioni per la nostra Associazione non finiscono qui: l’AICCRE infatti è stata invitata nel pomeriggio dell’8 luglio all’evento “Accelerating Local Actions” organizzato da UCLG, nel contesto del Local4ActionsHub, nel quale VeniceCitySolutions2030 è l’hub degli hubs.



Il saluto del Presidente Stefano Bonaccini ai partecipanti dell’HLPF: “PRIORITÀ A LAVORO, CRESCITA, SOSTENIBILITÀ”

L’AICCRE ALL’HLPF DEL 2019

L’AICCRE ALL’HLPF 2020
0

E-News, cooperazione, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


E’ on-line dal 23 ottobre ottobre SDG Portal for Italy, il primo portale italiano in grado di fornire lo stato dell’arte sullo sviluppo sostenibile urbano
.

Il Portale italiano, ideato da AICCRE e sviluppato nell’ agreement di Platforma con la Commissione europea, presenta gli indicatori SDG a livello locale, ed è il risultato della partnership tra AICCRE, la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM), la Bertelsmann Stiftung e l’Associazione nazionale degli enti locali tedeschi Deutscher Statetag (DST).

L’obiettivo generale è quello di rafforzare la collaborazione tra enti di diversa natura, mettendo a servizio della comunità gli esiti delle analisi congiunte, nello spirito del Goal 17 dell’Agenda 2030.



Uno dei punti di forza del nuovo portale è che esso presenta gli indicatori SDG sviluppati in ciascuna delle città italiane capoluogo di provincia e mostra a quale livello è stato sviluppato ciascuno dei 17 SDGs di dell’Agenda ONU 2030.

Nelle intenzioni dell’AICCRE il Portale SDG è mezzo per: coinvolgere attivamente le città e la cittadinanza nel processo di definizione strategica degli SDG e nel monitoraggio dei risultati raggiunti; fornire agli amministratori locali uno strumento di monitoraggio delle azioni intraprese in linea con l’Agenda 2030; creare un luogo di scambio di buone pratiche tra le città italiane e sviluppare azioni di partnership tra i governi centrali e locali, il settore privato, il settore della ricerca e il terzo settore per raggiungere obiettivi urbani comuni.

Il Portale SDG non si fermerà alla realtà italiana e tedesca: il portale è già Portale Globale SDGs che comprenderà a breve il Regno del Marocco, ma che sarà aperto a tutte le città del mondo per sviluppare attività di cooperazione decentrata con i paesi in via di sviluppo con l’obiettivo comune di costruire un mondo sostenibile.

All’evento di presentazione del 23 ottobre parteciperanno, tra gli altri, rappresentanti del Ministero dell’Interno italiano e Regno del Marocco, Stefano Bonaccini, Presidente AICCRE e CEMR, Carla Rey, Segretario generale dell’AICCRE, rappresentanti di UNDP, della Commissione europea e Associazioni nazionali di enti locali.

English version



The SDG Portal for Italy, the first Italian portal able to provide the state of the art on sustainable urban development, has been online since 23 October
.

The Italian Portal, conceived by AICCRE and developed in Platforma’s agreement with the European Commission, presents the SDG indicators at local level, and is the result of the partnership between AICCRE, Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM), Bertelsmann Stiftung and the National Association of German Local Authorities Deutscher Statetag (DST).

The general objective is to strengthen the collaboration between different types of institutions, putting at the service of the community the results of the joint analysis, in the spirit of Goal 17 of Agenda 2030.

One of the strengths of the new portal is that it presents the SDG indicators developed in each of the Italian provincial capital cities and shows at what level each of the 17 SDGs of the UN Agenda 2030 has been developed.

In AICCRE’s intentions, the SDG Portal is a means to: actively involve cities and citizens in the process of strategic definition of the SDGs and in the monitoring of the results achieved; provide local administrators with a tool to monitor the actions undertaken in line with Agenda 2030; create a place for the exchange of good practices among Italian cities and develop partnership actions between central and local governments, the private sector, the research sector and the third sector to achieve common urban objectives.

The SDG Portal will not stop at the Italian and German reality: the portal is already Global Portal SDGs that will soon include the Kingdom of Morocco, but it will be open to all cities in the world to develop decentralized cooperation activities with developing countries with the common goal of building a sustainable world.

The presentation event on October 23rd will be attended, among others, by representatives of the Italian Ministry of Interior and the Kingdom of Morocco, Stefano Bonaccini, President of AICCRE and CEMR, Carla Rey, Secretary General of AICCRE, representatives of UNDP, the European Commission and national associations of local authorities.

0

E-News, cooperazione, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


Nessun Paese si salva da solo: noi enti locali lo diciamo da sempre e lo abbiamo visto con le migrazioni, con il cambiamento climatico ed in questi ultimi mesi con la pandemia da covid-19″. Cosi Carla Rey, segretario generale dell’AICCRE a margine del webinar “Localization of SDGs and decentralized cooperation with Covid19”, organizzato il 3 giugno dall’Associazione.

“L’unica soluzione è la cooperazione allo sviluppo. La legislazione italiana non riconosce le autorità locali come soggetti alla cooperazione internazionale e lo stesso la Commissione europea, pur permettendo che gli enti locali siano soggetti attuatori della cooperazione”.

E’ cruciale invece, ha sottolineato Carla Rey “che le città del mondo possano intraprendere direttamente attività di scambio e di apprendimento reciproco. La fragilità del nostro sistema, le diseguaglianze nel mondo, le vulnerabilità sociali richiedono necessariamente l’ interdipendenza tra i governi ed i Paesi del mondo”.

Con i sindaci intervenuti al webinar dell’AICCRE, ha ha continuato la dirigente AICCRE, “abbiamo parlato delle visioni delle politiche urbane nei mesi a venire mantenendo come faro l’Agenda 2030 dell’ONU e i suoi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Chiediamo inoltre che, “nella prossima programmazione dei fondi europei, i poteri locali possano usufruire di fondi diretti per la cooperazione, con le associazioni nazionali che rappresentano gli enti locali pronte a seguirli in questo processo di accompagnamento. Occorre convogliare in questo senso le energie affinché i poteri territoriali possano far sentire la loro voce univoca in questa fase di programmazione dei fondi europei”, ha concluso la Rey.



“No country saves itself: we local authorities have always said so and we have seen it with migration, climate change and in recent months with the covid-19″ pandemic. So Carla Rey, Secretary General of AICCRE at the webinar “Localization of SDGs and decentralized cooperation with Covid19”, organized on June 3 by the Association.

“The only solution is development cooperation. The Italian legislation does not recognise local authorities as subjects of international cooperation and the European Commission itself”.

It is crucial, Carla Rey stressed, “that cities of the world can directly undertake exchange and mutual learning activities. The fragility of our system, inequalities in the world, social vulnerabilities necessarily require interdependence between governments and countries of the world”.

With the mayors who attended the AICCRE webinar, continued the AICCRE leader, “we talked about the visions of urban policies in the coming months while maintaining as a flagship the UN Agenda 2030 and its 17 sustainable development objectives”.

We also ask that, “in the next programming of European funds, local authorities can benefit from direct funds for cooperation, with national associations representing local authorities ready to follow them in this accompanying process. Energy must be channelled in this direction so that local authorities can make their voice heard at this stage of the programming of European funds”, concluded Ms Rey.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 7NO NEW POSTS