E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea ha consegnato il 16 novembre i premi REGIOSTARS 2023 a sette progetti innovativi e di eccellenza realizzati in tutta Europa grazie al sostegno dei fondi della politica di coesione. I progetti illustrano al meglio il modo in cui l’UE, attraverso la politica di coesione, realizza cambiamenti sul campo e rafforza lo sviluppo economico e sociale in tutta l’UE. La cerimonia di premiazione si è svolta a Ostrava, Repubblica Ceca.

Per l’edizione 2023 sono state presentate in totale 228 candidature (un numero record), che concorrevano al premio principale in sei diverse categorie, oltre che a un premio del pubblico. 30 di questi progetti sono stati selezionati come finalisti.

Categoria 1 – Un’Europa competitiva e intelligente: Il progetto spagnolo “Edificio Fundacion Pasqual Maragall” è il vincente per questa categoria. Questa fondazione con sede a Barcellona dispone ora di un’infrastruttura all’avanguardia per la ricerca, la digitalizzazione e la collaborazione con altri paesi dell’UE per combattere il morbo di Alzheimer.

Categoria 2 – Un’Europa verde: Il progetto Interreg “Dalla miniera al fiume. The Water Guardians, attuato nella zona di confine tra Romania e Serbia, è il vincitore per questa categoria. Nasce dalla cooperazione tra due università e una ONG per elaborare una soluzione volta a ridurre l’inquinamento causato dalle attività minerarie e ripristinare l’attrattiva naturale e paesaggistica della zona di confine.

Categoria 3 – Un’Europa più connessa: Il premio per questa categoria è andato a un progetto Interreg realizzato in Germania, Austria, Croazia, Ungheria, Italia e Polonia. “Dynaxibility4CE” punta a migliorare la mobilità a basse emissioni di carbonio e la qualità dell’aria in tutta la regione dell’Europa centrale, dotando le autorità di trasporto pubblico delle strategie di pianificazione e degli strumenti necessari per far fronte alle nuove tendenze in materia di mobilità.

Categoria 4 – Un’Europa sociale e inclusiva: il vincitore è il progetto ceco “ProFem 2.0”. Questo progetto offre sostegno alle vittime di violenza domestica e sessuale attraverso centri dedicati e una piattaforma online. Il progetto si è rilevato efficace nel sostenere le vittime di violenze in tutto il paese istituendo strutture specifiche a livello nazionale.

Categoria 5 – Un’Europa più vicina ai cittadini: “L’EuregioFamilyPass”, una carta per famiglie che offre numerosi vantaggi (accesso a manifestazioni culturali, trasporti pubblici e istruzione) in Trentino, Alto Adige e Tirolo, a cavallo tra Italia e Austria, è risultata la vincente di questa categoria.

Categoria 6 – Tema dell’anno (2023: Anno europeo delle competenze): il progetto “TechGrounds” (Paesi Bassi) ha raggiunto il primo posto in questa categoria. Il progetto punta a superare i frequenti squilibri sul mercato del lavoro nel settore dell’informatica attivando talenti nascosti e offrendo un approccio guidato alle tecnologie dell’informazione e fornendo attività di formazione iniziale e specifica nonché altri tipi di consulenza.

Come ogni anno, il pubblico era invitato a votare per il progetto preferito tra i 30 finalisti selezionati. Quest’anno il progetto preferito dal pubblico – e al contempo quello che ha ricevuto il maggior numero di voti online – è stato il‘Centro artistico culturale: museo e biblioteca” di Burgas, Bulgaria. Grazie ai fondi di coesione, un edificio abbandonato è stato riconvertito in un centro culturale ed educativo e ora ospita un museo, la più grande biblioteca della Bulgaria sudorientale, dotata di 600 000 libri, e uno spazio che può essere utilizzato per eventi e seminari comunitari.

I premi REGIOSTARS sono conferiti a seguito di un concorso che dal 2008 viene organizzato ogni anno dalla Commissione; sono divenuti il marchio di eccellenza dell’Europa per i progetti finanziati dall’UE nell’ambito della politica di coesione che dimostrano approcci innovativi e inclusivi allo sviluppo regionale. Hanno ispirato le regioni a realizzare una politica di coesione dell’UE sempre più incisiva, che risponde alle esigenze dei cittadini a livello locale.

Quest’anno il premio vedeva centinaia di progetti concorrere in cinque categorie, corrispondenti agli obiettivi strategici del periodo di programmazione 2021-2027, con l’aggiunta di una categoria specifica introdotta per questa edizione e ispirata all’Anno europeo delle competenze 2023. Le categorie per le quali era possibile candidarsi erano dunque in tutto sei, integrate da un premio generale assegnato dal pubblico, che ha votato per il proprio progetto preferito tra quelli finalisti.

Tra i 228 progetti candidati sono stati selezionati i 30 finalisti, invitati a condurre una presentazione finale dinanzi a una giuria durante la Settimana annuale delle regioni dell’UE, che si è svolta nell’ottobre 2023.

Premi REGIOSTARS.

Politica di coesione dell’UE

Interreg: Cooperazione territoriale europea
0

E-News, coesione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 30 giugno, il CEMR informa che presenterà il suo nuovo rapporto sull’attuazione e la gestione dei Fondi strutturali e di investimento europei nei paesi europei. In questa occasione, i governi locali e regionali e le loro associazioni sono invitati a un evento formativo ibrido sulla politica di coesione europea.

Con l’inizio del nuovo periodo di finanziamento 2021-2027, i fondi della politica di coesione sono stati programmati in tutti gli Stati membri attraverso accordi di partenariato e la maggior parte sta già iniziando ad essere attuata.

Ma come funziona in pratica? Chi è responsabile dell’attuazione dei fondi? Gli Stati membri privilegiano l’approccio centralizzato o decentralizzato per i fondi destinati ai territori? Come vengono coordinati i diversi fondi a livello centrale per evitare sovrapposizioni e come si coordinano con i fondi non appartenenti alla politica di coesione come il dispositivo per la ripresa e la resilienza?

Tutte queste domande, e altre ancora, saranno trattate durante l’evento.

Programma informativo: 30 giugno – 9.30-16.30 Formato: Evento ibrido ( Casa delle città e delle regioni, 1 Square de Meeus, 1000 Bruxelles e via Webex) I partecipanti di persona riceveranno anche una copia della Panoramica sull’attuazione del fondo della politica di coesione

Il CEMR informa che un nuovo studio che sarà pubblicato in occasione di questo evento.

L’agenda pubblica

Registrati per questo evento
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha pubblicato il 27 marzo l’indice di competitività regionale (RCI), una versione completamente rivista di uno strumento ormai consolidato che misura le diverse dimensioni della competitività per tutte le regioni dell’UE.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

L’RCI 2.0 completamente rivisto mostra che esistono ancora grandi differenze tra le regioni dell’UE, ma anche che le regioni meno sviluppate hanno migliorato la loro competitività . L’indice mostra anche che le regioni di Utrecht, Zuid-Holland e la regione della capitale francese dell’Île-de-France sono le regioni più competitive dell’UE.

Tra le edizioni 2016 e 2022 dell’indice, la competitività regionale è migliorata nelle regioni meno sviluppate, mentre la performance delle regioni in transizione è stata più eterogenea. Le regioni più sviluppate continuano ad essere le migliori.

I valori più bassi sono tuttavia ancora concentrati nelle regioni meno sviluppate degli Stati membri orientali dell’UE.

Tra le edizioni 2016 e 2019, tutte le regioni degli Stati membri orientali dell’UE hanno migliorato le loro prestazioni, mentre le prestazioni delle regioni meridionali dell’UE, che presentano anch’esse livelli di competitività relativamente bassi, sono state contrastanti. Tra le edizioni 2019 e 2022, la maggior parte delle regioni orientali dell’UE ha continuato a recuperare terreno , compresi gli Stati baltici, la Croazia, l’Ungheria, la Polonia e la Slovenia. Tuttavia, parti di Cechia, Romania, Slovacchia e Bulgaria si sono allontanate ulteriormente dalla media dell’UE.

Nell’UE meridionale, le regioni del Portogallo, della Spagna e della maggior parte della Grecia hanno migliorato i propri risultati (sebbene quest’ultima partendo da livelli molto bassi), ma la maggior parte delle regioni dell’Italia e di Cipro si è discostata dalla media dell’UE.

Le regioni delle capitali sono le più competitive in tutti gli Stati membri tranne Germania, Italia e Paesi Bassi. Il divario con le altre regioni può essere ampio ed è particolarmente elevato in Francia, Romania e Slovacchia.

I paesi più competitivi tendono ad avere un divario minore tra la loro regione della capitale e le altre regioni.

Nelle regioni più competitive, il PIL pro capite è più alto. In queste regioni, le donne hanno migliori condizioni quadro, quindi possono ottenere risultati migliori e meno giovani donne non sono né occupate, né istruite o formate (tassi di NEET). Infine, le regioni più competitive sono particolarmente attraenti per i neolaureati, in quanto è più facile trovarvi un lavoro.

I risultati dell’RCI 2.0 mostrano come le regioni dell’UE abbiano ancora bisogno del sostegno dell’UE per migliorare la loro competitività e ridurre i divari tra loro. La politica di coesione è la principale politica di investimento dell’UE per sostenere le regioni in termini di creazione di posti di lavoro, competitività delle imprese, crescita economica, sviluppo sostenibile e per migliorare la qualità della vita dei cittadini.

L’RCI 2.0 si basa sulle regioni statistiche NUTS 2 (Nomenclatura delle unità per le statistiche territoriali). Tutti gli indicatori sono antecedenti alla guerra in Ucraina. Questa è la prima edizione del RCI senza il Regno Unito.

Indice di competitività regionale

Politica di coesione 2021-2027

Piattaforma di dati aperti sulla coesione
0