E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La transizione verso un’economia più verde ed efficiente presenta sia opportunità che sfide. Sebbene prometta un futuro libero da gas serra, perdita di biodiversità e inquinamento, richiede anche uno spostamento della nostra forza lavoro.Lo afferma una nota sul sito della Commissione europea.

Sono necessarie nuove competenze per sviluppare e implementare tecnologie pulite come l’energia rinnovabile o lo stoccaggio delle batterie, insieme agli sforzi per trasformare le industrie esistenti verso la sostenibilità. La politica di coesione aiuta le regioni a trasformare le proprie imprese per renderle più competitive e redditizie, soprattutto nelle regioni che ne hanno più bisogno.

Questa storia interattiva di dati approfondisce, esplorando il panorama irregolare affrontato dalle regioni dell’UE. Confronta la quota di occupazione delle regioni dell’UE nei settori economici che sono sistematicamente più competitivi e sostenibili sulla base dell’indicatore di sostenibilità ambientale competitiva regionale.

Questa storia di dati è estratta dal 9° Rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale nell’Unione europea (2024).

Scopri di più sul Rapporto sulla Coesione .
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea comunica sul proprio sito di aver lanciato nei giorni scorsi un invito a presentare proposte del valore di 23 milioni di euro per aiutare gli Stati membri dell’UE a sviluppare nuove modalità per affrontare la disoccupazione di lunga durata e aiutare le persone a reinserirsi nel mercato del lavoro. Ciò è stato annunciato nel recente piano d’azione per affrontare la carenza di manodopera e competenze nell’UEù.

Attraverso questo invito a presentare proposte, finanziato nell’ambito dell’iniziativa “Social Innovation +” del Fondo sociale europeo Plus (FSE+), la Commissione europea mira a basarsi su precedenti iniziative promettenti e a rafforzare il ruolo delle organizzazioni dell’economia sociale. Queste organizzazioni danno priorità agli scopi sociali e ambientali e reinvestono la maggior parte dei guadagni nelle loro iniziative. Hanno una comprovata capacità di sostenere le persone che hanno sofferto di isolamento e povertà a causa della disoccupazione di lunga durata.



Bando per offerte

Relazione: ” Verso zero disoccupazione di lunga durata nell’UE: garanzie di lavoro e altri approcci innovativi “
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I giovani europei avranno una maggiore influenza sulle politiche dell’UE. Basandosi sui risultati dell’Anno europeo della gioventù 2022, la Commissione europea ha annunciato il 10 gennaio diverse azioni che danno ai giovani una maggiore voce in capitolo nelle decisioni che li riguardano e approfondiscono la dimensione giovanile in una serie di politiche dell’UE.

Mettendo al centro le esigenze dei giovani, queste azioni coinvolgono i giovani in modo significativo in vista delle elezioni europee del 2024 e oltre.

Nel progettare le politiche dell’UE, la Commissione applicherà un “controllo dei giovani” che garantirà che si tenga sistematicamente conto del loro impatto sui giovani. Ciò avverrà assicurandosi che siano utilizzati gli strumenti esistenti per legiferare meglio, comprese le consultazioni e le valutazioni d’impatto al loro massimo potenziale.

Questi strumenti saranno integrati con diversi strumenti specifici per la gioventù nell’ambito della strategia dell’UE per la gioventù 2019-2027. Altre iniziative che vanno di pari passo con l’ assegno per i giovani includono dialoghi politici tra giovani e Commissari, una serie di tavole rotonde dedicate all’integrazione della gioventù e una nuova piattaforma per le parti interessate giovanili che faciliterà uno scambio continuo con le organizzazioni giovanili, i ricercatori giovanili, gli Stati membri Rappresentanti statali e altre istituzioni dell’UE.

La Commissione rafforzerà inoltre il dialogo europeo con i giovani, il più grande meccanismo di partecipazione dei giovani in Europa, allineando maggiormente il focus del dialogo con il programma di lavoro della Commissione.

Inoltre, la Commissione europea ha presentato diverse azioni concrete per affrontare le preoccupazioni dei giovani in cinque settori politici che sono di fondamentale importanza per loro: salute e benessere, ambiente e cambiamenti climatici, istruzione e formazione, cooperazione internazionale e valori europei, occupazione e inclusione.

Nell’ambito di queste misure, la Commissione, ad esempio, intenderà:

Portare avanti il ​​lavoro verso un titolo europeo congiunto nel 2024, in linea con la strategia europea per le università;

Istituire una piattaforma per il dialogo e le consultazioni regolari con le organizzazioni giovanili di tutto il mondo attraverso la piattaforma di dialogo con i giovani nell’azione esterna dell’UE;

Aggiornare il quadro di qualità per i tirocini nel 2024 per affrontare questioni quali l’equa remunerazione e l’accesso alla protezione sociale;

Preparare linee guida sul benessere nelle scuole, da pubblicare nel 2024;

Raggiungere i giovani attraverso la prossima campagna della Commissione sul clima e la democrazia in vista delle elezioni europee del 2024;

Aumentare le opportunità di volontariato per i giovani per affrontare la transizione verde, integrando l’appello del Corpo europeo di solidarietà 2024 di Orizzonte Europa;

Attuare ulteriormente l’iniziativa ALMA (mirare, imparare, padroneggiare, ottenere) per aiutare i giovani svantaggiati di età compresa tra i 18 e i 29 anni a integrarsi nella società e nel mercato del lavoro attraverso un’esperienza di apprendimento correlato al lavoro all’estero.

Nell’ambito dell’impegno della Commissione per avvicinare l’UE ai giovani, la Settimana europea della gioventù 2024 si svolgerà dal 12 al 19 aprile e si concentrerà sulla partecipazione democratica e sulle elezioni, due mesi prima delle elezioni del Parlamento europeo. La settimana celebrerà e promuoverà l’impegno, la partecipazione e la cittadinanza attiva dei giovani attraverso una serie di attività in tutta Europa.

Le azioni annunciate si basano sugli approfondimenti tratti dall’Anno europeo della gioventù 2022. L’Anno è stato caratterizzato da oltre 13.000 attività organizzate da più di 2.700 portatori di interessi in tutta l’UE e oltre, tra cui istituzioni dell’UE, Stati membri dell’UE, organizzazioni che lavorano con e per i giovani e i giovani stessi. Nell’ambito dell’Anno, la Commissione ha individuato oltre 130 iniziative politiche a favore dei giovani, molte delle quali sono state sviluppate in stretta collaborazione con loro.

L’azione odierna volta a sostenere una dimensione giovanile nelle priorità e nelle politiche dell’UE risponde alle richieste del Parlamento europeo e del Consiglio, nonché delle principali organizzazioni delle parti interessate come il Forum europeo della gioventù.


Per maggiori informazioni

Comunicazione sull’Anno europeo della gioventù 2022

Strategia dell’UE per la gioventù 2019-2027

Anno europeo della gioventù – Video legacy

Infografica – Anno europeo della gioventù

Decisione sull’Anno europeo della gioventù 2022
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nell’UE, il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni si è attestato al 75,3% nel terzo trimestre del 2023, in calo di 0,1 punti percentuali (pp) rispetto al secondo trimestre del 2023. Lo rende noto Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea.

Il ristagno del mercato del lavoro – che comprende coloro che hanno bisogni occupazionali insoddisfatti, gran parte dei quali comprende individui disoccupati – ammontava all’11,3% della forza lavoro estesa di età compresa tra 20 e 64 anni nel terzo trimestre del 2023.

Tra il secondo e il terzo trimestre del 2023 il tasso di occupazione è variato tra i paesi dell’UE. Malta (+1,1 pp) e Belgio (+0,5 pp) hanno registrato gli aumenti più elevati tra gli 11 paesi dell’UE in cui l’occupazione è aumentata. Il tasso di occupazione è rimasto stabile in Lussemburgo e nei Paesi Bassi ed è diminuito in 14 paesi dell’UE, con i maggiori diminuzioni registrate in Croazia (-1,3 pp) e Bulgaria (-1,1 pp).

Articolo Eurostat sul mercato del lavoro dell’UE: statistiche trimestrali

Sezione tematica Eurostat sull’indagine sulla forza lavoro nell’UE

Articolo Eurostat sull’indagine sulla forza lavoro nell’UE

Banca dati Eurostat sull’indagine sulla forza lavoro dell’UE

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2021, l’occupazione di 30,4 milioni di persone nell’UE è stata sostenuta dalle esportazioni verso i paesi extra-UE, in leggero aumento rispetto a 29,9 milioni nel 2020 (+1,7%).

Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Uniine europea.

In termini relativi, l’occupazione sostenuta dalle esportazioni rappresentava il 15% dell’occupazione totale nell’UE (210 milioni), equivalente a poco più di 1 persona su 7 occupata all’interno dell’UE.

La Germania è stato il paese dell’UE con il più alto livello assoluto di occupazione sostenuto dalle esportazioni dell’UE. Nel 2021, l’occupazione di 6,9 milioni di persone in Germania è stata sostenuta dalle esportazioni dell’UE, inclusa la stessa Germania. Francia e Italia (entrambe con 3,4 milioni di persone) hanno registrato i seguenti livelli più elevati di occupazione sostenuta dalle esportazioni.

Tuttavia, in termini relativi, la quota più elevata di occupazione sostenuta dalle esportazioni verso i paesi extra-UE è stata registrata in Irlanda (27%), seguita da Lussemburgo (25%) e Bulgaria (23%).

La Croazia (10%), insieme a Francia e Grecia (entrambe al 12%), hanno registrato la quota più bassa di occupazione sostenuta dalle esportazioni dell’UE nel 2021.

Valore aggiunto delle esportazioni extra-UE fino a 2,226 miliardi di euro nel 2021 Le esportazioni dell’UE hanno sostenuto 2 226 miliardi di euro di valore aggiunto nel 2021, pari al 17% dei 12 993 miliardi di euro di valore aggiunto totale creato nell’UE.

Rispetto al 2020, quando 1 962 miliardi di euro di valore aggiunto (16%) erano sostenuti dalle esportazioni verso paesi terzi (su un valore aggiunto totale dell’UE di 12 032 miliardi di euro), ciò rappresenta un aumento di 0,264 miliardi di euro (+0,8 %).

Anche in questo caso, in termini di valore aggiunto assoluto sostenuto dalle esportazioni dell’UE, la Germania è stato il paese dell’UE con il valore più alto nel 2021: 583,6 miliardi di euro. Seguono la Germania (287,2 miliardi di euro) e l’Italia (227,8 miliardi di euro).

In termini di percentuale del valore aggiunto totale, i valori più elevati sostenuti dalle esportazioni dell’UE si sono tuttavia riscontrati in Irlanda (47%) e Lussemburgo (33%).

Al contrario, la quota più bassa di valore aggiunto generato dalle esportazioni dell’UE è stata registrata in Croazia (10%) e Portogallo (12%).

Articolo Eurostat sul contenuto occupazionale nelle esportazioni dell’UE

0

E-News, coesione, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea serie C del 29 novembre è stata pubblicata la Raccomandazione del Consiglio dell’Unione del 27 novembre 2023 sullo sviluppo delle condizioni quadro dell’economia sociale

Nel documento, tra l’altro, si raccomanda agli Stati membri di riconoscere e sostenere il valore aggiunto specifico dell’economia sociale agevolando l’accesso al mercato del lavoro e promuovendo posti di lavoro di qualità per tutti, migliorando al contempo l’equità delle condizioni di lavoro, la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro, l’uguaglianza e la non discriminazione. Ciò dovrebbe avvenire nell’ambito di una crescita inclusiva, come messo in evidenza negli orientamenti 2022 per le politiche degli Stati membri a favore dell’occupazione, e in funzione delle rispettive circostanze nazionali, in particolare:

a) istituendo o incoraggiando iniziative di partenariato che coinvolgono soggetti dell’economia sociale nell’elaborazione e nell’attuazione di politiche attive del mercato del lavoro;

b) facendo in modo che le autorità pubbliche sostengano adeguatamente i soggetti dell’economia sociale al fine di integrare meglio nel mercato del lavoro le donne, nonché i gruppi svantaggiati e altri gruppi sottorappresentati (come i disoccupati di lungo periodo, le persone affette da malattie fisiche o mentali, gli inattivi, le persone scarsamente qualificate, con disabilità e provenienti da un contesto migratorio o appartenenti a minoranze razziali o etniche (come i Rom), i lavoratori giovani e anziani) mediante:

i) il riconoscimento dell’esperienza lavorativa acquisita in soggetti dell’economia sociale, comprese le imprese sociali di inserimento lavorativo, che offrono occupazione e sostegno su misura a tali gruppi;

ii) iniziative per aiutare tali gruppi di persone a prepararsi all’occupazione mediante esperienze lavorative presso imprese sociali finalizzate alla loro integrazione nel mercato del lavoro aperto;

c) sostenendo progetti di collaborazione tra servizi pubblici per l’impiego, autorità locali, soggetti dell’economia sociale, erogatori di istruzione e formazione e imprese tradizionali per offrire un orientamento professionale su misura e opportunità di apprendimento e formazione ai NEET. Tali opportunità possono comprendere apprendistati, programmi di immersione professionale, affiancamento personale e incontri con modelli di riferimento e possono essere finalizzate ad agevolare l’integrazione nel mercato del lavoro in linea con la garanzia per i giovani rafforzata;

d) promuovendo l’imprenditoria nell’economia sociale, compreso tramite le start-up, come mezzo per favorire il lavoro autonomo e altre forme di occupazione, sviluppare localmente l’attività economica e affrontare le sfide sociali tramite modelli imprenditoriali innovativi e inclusivi.

LA RACCOMANDAZIONE INTEGRALE IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2022, 1,51 milioni di persone erano impiegate nel settore sportivo nell’UE , pari allo 0,8% dell’occupazione totale. Ciò rappresenta un aumento del 10,9% del numero di persone occupate nel settore sportivo rispetto al 2021 (1,36 milioni). Il settore sportivo comprende attività economiche e occupazioni quali squadre e club sportivi, allenatori, atleti indipendenti, centri fitness e attività per la promozione e la gestione di eventi sportivi. Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea.

Tra i membri dell’UE, la Svezia ha la quota più alta di persone che lavorano nel settore dello sport (1,4% dell’occupazione totale), seguita da Finlandia, Danimarca (entrambe 1,2%), Spagna e Francia (entrambe 1,1%). Al contrario, le quote più basse di persone occupate nel settore sportivo sono state registrate in Romania (0,2% dell’occupazione totale), Bulgaria (0,3%), Polonia e Slovacchia (entrambe 0,4%) e Croazia e Lituania (entrambe 0,5%). Per quanto riguarda l’occupazione nel settore sportivo, erano rappresentati più uomini che donne (55% e 45%, rispettivamente), determinando un divario occupazionale di genere leggermente maggiore rispetto all’occupazione complessiva (rispettivamente 54% e 46%).

L’occupazione nello sport differisce dall’occupazione totale in termini di fasce di età. Più di un terzo (35%) delle persone impiegate nello sport aveva un’età compresa tra 15 e 29 anni, più del doppio della quota osservata nell’occupazione complessiva (17%) nel 2022.

La fascia di età 30-64 anni ha la quota più alta di persone impiegate nello sport, rappresentando il 62% di tutti i lavoratori dello sport, ovvero 18 punti percentuali in meno rispetto alla percentuale riportata per l’occupazione totale (80%). Le persone di età superiore ai 65 anni rappresentano il 3% sia nel settore sportivo che nell’occupazione totale.

Quasi la metà (46%) degli occupati nel settore sportivo aveva un livello di istruzione medio ( International Standard Classification of Education (ISCED) livelli 3-4 ), seguita da quelli con istruzione superiore (terziaria) (ISCED livelli 5-8) a quasi il 40%, ovvero 2,4 punti percentuali in più nello sport rispetto all’occupazione totale. Le persone che hanno conseguito un’istruzione inferiore (livelli ISCED 0-2) rappresentano il 14% dell’occupazione nello sport.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La relazione 2023 della Commissione sull’occupazione e gli sviluppi sociali in Europa (ESDE) rivela che, nonostante l’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina, che ha provocato un rallentamento economico nella seconda metà del 2022, i mercati del lavoro dell’UE hanno dimostrato una notevole resilienza nel 2022. L’economia dell’UE è cresciuta del 3,5% in termini reali nel 2022. I tassi di occupazione hanno raggiunto un livello record al 74,6% con 213,7 milioni di persone occupate nel 2022 e i tassi di disoccupazione al minimo storico al 6,2%.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione.
Tuttavia, la relazione rileva anche che permangono problemi con una bassa rappresentanza nel mercato del lavoro di alcuni gruppi, come le donne o le persone con disabilità. La disoccupazione giovanile è scesa dal 16,7% nel 2021 al 14,5% nel 2022, ma rimane una sfida importante. Inoltre, le imprese devono far fronte a carenze di manodopera ed è necessario che sia i datori di lavoro che i lavoratori si adattino all’evoluzione delle esigenze di competenze, nel contesto delle transizioni verde e digitale.

Occupazione e sviluppi sociali in Europa 2023 (ESDE)

Occupazione e analisi sociale

Precedenti relazioni ESDE

Anno europeo delle competenze
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 5NO NEW POSTS