E-News, coesione, vcs, bandi comunitari, footers, cplre, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, politica europea, climate change, UCLG, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La prima 𝗔𝘀𝘀𝗲𝗺𝗯𝗹𝗲𝗮 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗶 𝗦𝗼𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗔𝗜𝗖𝗖𝗥𝗘 si terrà a 𝗡𝗮𝗽𝗼𝗹𝗶 𝗶𝗹 𝟮𝟵 𝗳𝗲𝗯𝗯𝗿𝗮𝗶𝗼 𝟮𝟬𝟮𝟰 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟭.𝟬𝟬

Sarà l’opportunità per partecipare, insieme ai Sindaci dei Comuni italiani, a tavoli di confronto e dibattiti sul futuro dell’Europa e lanciare i nuovi progetti dell’Associazione.

Seguirà il programma dettagliato.

𝗼𝗻 𝗺𝗮𝗻𝗰𝗮𝘁𝗲!

SCARICA IL PROGRAMMA
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Se la democrazia locale verrà rafforzata, se i diritti umani saranno attuati a tutti i livelli, se i giovani riacquisteranno il gusto per il coinvolgimento politico e se le nostre democrazie metteranno in atto nuove forme di partecipazione dei cittadini, ciò significherà che stiamo garantendo un reale seguito rispettare sul campo gli impegni assunti a Reykjavik – e il Congresso è pronto ad accogliere queste grandi sfide”, ha sottolineato il Presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Congresso d’Europa Marc Cools durante il suo scambio di opinioni con i Deputati del Comitato dei Ministri svoltosi nei giorni scorsi a Strasburgo.

Il Presidente ha accolto con favore la maggiore capacità del Congresso di proteggere la democrazia locale monitorando la Carta e osservando le elezioni.

Ha fatto inoltre riferimento al dialogo rafforzato ad alto livello sul decentramento e sulle elezioni locali in Ucraina, nonché alla promozione del Registro dei danni attraverso le sue reti per garantire il contributo delle autorità locali e dei cittadini, che figura anche tra le priorità del Congresso.

Il Presidente ha concluso sottolineando che quest’anno, che segna il 30° anniversario del Congresso e il 10° anniversario dell’iniziativa dei Delegati della Gioventù, si porrà l’accento sull’importanza di un maggiore coinvolgimento di tutte le forze che muovono il livello territoriale: autorità elette, associazioni, società civile, giovani e donne, con l’organizzazione in particolare della conferenza delle associazioni nazionali degli enti locali e regionali per diffondere il lavoro e i valori dell’Organizzazione a tutte le comunità locali e regioni d’Europa.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel terzo trimestre del 2023, le emissioni di gas serra dell’economia dell’UE sono stimate a 787 milioni di tonnellate di CO 2 equivalenti (CO 2 -eq), una diminuzione del -7,1% rispetto allo stesso trimestre del 2022 (847 milioni di tonnellate di CO 2 -eq ). eq). Il prodotto interno lordo (PIL) dell’UE è rimasto stabile, registrando solo una piccola variazione (-0,2% nel terzo trimestre del 2023, rispetto allo stesso trimestre del 2022). Lo rende noto Eurostat, l’ufficio statistio ddell’UE.

Nel terzo trimestre del 2023, i settori economici responsabili delle maggiori riduzioni rispetto al terzo trimestre del 2022 sono stati la fornitura di elettricità e gas (-23,7%), le famiglie (-6,5%) e l’industria manifatturiera (-4,9%).

Nel terzo trimestre del 2023, si stima che le emissioni di gas serra siano diminuite in 23 paesi dell’UE, rispetto al terzo trimestre del 2022. Si stima un aumento per Malta (+7,7%), Cipro (+3,7%), Lettonia (+ 3,4%) e Slovacchia (0,9%). Tra questi 4 membri dell’UE, 3 hanno registrato un aumento del PIL: Malta (+7,1%), Cipro (+2,5%) e Slovacchia (+1,1%).

Le maggiori riduzioni dei gas serra sono stimate per Estonia (-30,7%), Bulgaria (-18,6%) e Germania (-12,2%).

Dei 23 membri dell’UE che si stima abbiano ridotto le proprie emissioni, 11 hanno registrato anche un calo del PIL (Irlanda, Estonia, Austria, Lussemburgo, Svezia, Finlandia, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Ungheria). L’Italia ha mantenuto il suo PIL allo stesso livello del terzo trimestre del 2022, riducendo al contempo le emissioni di gas serra. Si stima che gli altri 11 paesi dell’UE (Romania, Croazia, Grecia, Portogallo, Bulgaria, Belgio, Spagna, Slovenia, Polonia, Francia, Lituania) siano riusciti a ridurre le emissioni pur aumentando il loro PIL.

Articolo Eurostat sulle emissioni trimestrali di gas serra

Sezione tematica Eurostat sul cambiamento climatico

Banca dati Eurostat sui cambiamenti climatici
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La commissione per l’ambiente del Parlamento europeo ha adottato nei giorni sorsi le sue proposte per prevenire e ridurre meglio i rifiuti alimentari e tessili in tutta l’UE.

I deputati europei vogliono aumentare gli obiettivi vincolanti di riduzione dei rifiuti proposti dalla Commissione ad almeno il 20% nella trasformazione e produzione alimentare (invece del 10%) e al 40% pro capite nella vendita al dettaglio, nei ristoranti, nei servizi di ristorazione e nelle famiglie (invece del 30%), rispetto alla media annuale generata tra il 2020 e il 2022. I paesi dell’UE dovrebbero garantire che questi obiettivi siano raggiunti a livello nazionale entro il 31 dicembre 2030.

Il PE vuole inoltre che la Commissione europea valuti la possibilità e presenti proposte legislative adeguate per introdurre obiettivi più elevati per il 2035 (almeno 30% e 50% rispettivamente).

Le nuove norme, adottate dai deputati europei, istituirebbero regimi di responsabilità estesa del produttore (EPR), attraverso i quali gli operatori economici che mettono i tessili disponibili sul mercato dell’UE coprirebbero i costi per la loro raccolta differenziata, cernita e riciclaggio.

Stati membri dovrebbero istituire questi regimi 18 mesi dopo l’entrata in vigore della direttiva (rispetto ai 30 mesi proposti dalla Commissione). Parallelamente, i paesi dell’UE dovrebbero garantire, entro il 1° gennaio 2025, la raccolta separata dei tessili per il riutilizzo, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio.

Queste norme riguarderebbero prodotti tessili come abbigliamento e accessori, coperte, biancheria da letto, tende, cappelli, calzature, materassi e tappeti, compresi i prodotti che contengono materiali tessili come pelle, cuoio ricostituito, gomma o plastica.

L’intera Camera voterà sulla sua posizione durante la sessione plenaria del PE di marzo 2024. Il dossier sarà seguito dal nuovo Parlamento dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.

Ogni anno nell’UE vengono generati 60 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari (131 kg a persona) e 12,6 milioni di tonnellate di rifiuti tessili. Solo abbigliamento e calzature rappresentano 5,2 milioni di tonnellate di rifiuti, equivalenti a 12 kg di rifiuti pro capite ogni anno. Si stima che meno dell’1% di tutti i prodotti tessili nel mondo vengano riciclati in nuovi prodotti.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel contesto delle epidemie di morbillo in diversi paesi dell’UE, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha pubblicato nei giorni scorsi un compendio sulla valutazione della minaccia (Threat Assessment Brief).

Lo rende noto la Commissione europea.Secondo la relazione, il numero crescente di casi in Europa desta particolare preoccupazione nelle zone a basso livello di copertura vaccinale, con gruppi di persone non vaccinate. I bambini di età inferiore a 12 mesi, troppo giovani per essere immunizzati, costituiscono il gruppo a maggior rischio, insieme ai bambini non vaccinati di età inferiore a 5 anni, ai bambini immunocompromessi e agli adulti con un rischio più elevato di malattia grave e di aumento della mortalità.

Per interrompere la trasmissione di questa malattia altamente contagiosa è necessario vaccinare almeno il 95% della popolazione con due dosi. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie incoraggia le autorità sanitarie pubbliche a mantenere un’alta copertura vaccinale, a garantire le capacità di monitoraggio, rilevamento precoce, diagnosi e controllo delle epidemie, e a sensibilizzare maggiormente gli operatori sanitari e il pubblico.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dopo la crescita modesta dello scorso anno, l’economia dell’UE è entrata nel 2024 su una base più debole del previsto. Le Winter Interim Forecast della Commissione europea rivedono la crescita sia nell’UE che nell’area euro allo 0,5% nel 2023, dallo 0,6% previsto nelle previsioni d’autunno, e allo 0,9% (dall’1,3%) nell’UE e allo 0,8% (da 1,2). %) nella zona euro nel 2024. Nel 2025, si prevede che l’attività economica crescerà ancora dell’1,7% nell’UE e dell’1,5% nella zona euro.

Nell’UE, si prevede che l’inflazione dell’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) scenderà dal 6,3% nel 2023 al 3,0% nel 2024 e al 2,5% nel 2025. Nella zona euro, dovrebbe decelerare dal 5,4% nel 2023 al 2,7. % nel 2024 e al 2,2% nel 2025.

Nel 2023, la crescita è stata frenata dall’erosione del potere d’acquisto delle famiglie, dalla forte stretta monetaria, dal ritiro parziale del sostegno fiscale e dal calo della domanda esterna. Dopo aver evitato per un pelo una recessione tecnica nella seconda metà dello scorso anno, le prospettive per l’economia dell’UE nel primo trimestre del 2024 rimangono deboli.

Tuttavia, si prevede che l’attività economica accelererà gradualmente quest’anno. Poiché l’inflazione continua a diminuire, la crescita dei salari reali e la resilienza del mercato del lavoro dovrebbero sostenere una ripresa dei consumi. Nonostante il calo dei margini di profitto, gli investimenti dovrebbero beneficiare di un graduale allentamento delle condizioni creditizie e della continua attuazione del Recovery and Resilience Facility. Inoltre, si prevede che il commercio con i partner esteri si normalizzerà, dopo la debole performance dello scorso anno.

Il ritmo di crescita dovrebbe stabilizzarsi a partire dalla seconda metà del 2024 fino alla fine del 2025.

Il calo dell’inflazione complessiva nel 2023 è stato più rapido del previsto, in gran parte determinato dal calo dei prezzi dell’energia. Con lo stallo dell’attività, l’attenuazione delle pressioni sui prezzi nella seconda metà dello scorso anno si è estesa ad altri beni e servizi.

Negli ultimi mesi i risultati dell’inflazione inferiori alle attese, i prezzi più bassi delle materie prime energetiche e lo slancio economico più debole hanno portato l’inflazione su un percorso discendente più ripido di quanto previsto nelle previsioni autunnali. Nel breve termine, tuttavia, la scadenza delle misure di sostegno energetico negli Stati membri e l’aumento dei costi di spedizione a seguito delle perturbazioni commerciali nel Mar Rosso sono destinati a esercitare alcune pressioni al rialzo sui prezzi, senza far deragliare il processo di calo dell’inflazione. Entro la fine dell’orizzonte di previsione, si prevede che l’inflazione complessiva dell’area euro si collocherà appena al di sopra del target della BCE, con l’inflazione nell’UE leggermente più alta.

Questa previsione è circondata dall’incertezza a causa delle prolungate tensioni geopolitiche e del rischio di un ulteriore ampliamento del conflitto in Medio Oriente. Si prevede che l’aumento dei costi di spedizione a seguito delle interruzioni del commercio nel Mar Rosso avrà solo un impatto marginale sull’inflazione. Ulteriori interruzioni potrebbero, tuttavia, provocare nuovi colli di bottiglia nell’offerta che potrebbero soffocare la produzione e far salire i prezzi.

A livello nazionale, i rischi per le proiezioni di base per la crescita e l’inflazione sono legati al fatto se i consumi, la crescita dei salari e i margini di profitto sottoperformano o superano le aspettative, e a quanto elevati rimangono i tassi di interesse e per quanto tempo. Anche i rischi climatici e la crescente frequenza di eventi meteorologici estremi continuano a rappresentare una minaccia.

Le previsioni economiche dell’inverno 2024 forniscono un aggiornamento delle previsioni economiche dell’autunno 2023, concentrandosi sugli sviluppi del PIL e dell’inflazione in tutti gli Stati membri dell’UE.

Le previsioni invernali si basano su una serie di ipotesi tecniche riguardanti tassi di cambio, tassi di interesse e prezzi delle materie prime con una data limite fissata al 29 gennaio 2024. Per tutti gli altri dati in arrivo, comprese le ipotesi sulle politiche governative, questa previsione prende in considerazione le informazioni fino fino al 1° febbraio 2024 compreso.

La Commissione europea pubblica ogni anno due previsioni globali (primavera e autunno) e due previsioni intermedie (inverno ed estate). Le previsioni intermedie coprono il PIL annuale e trimestrale e l’inflazione per l’anno in corso e quello successivo per tutti gli Stati membri, nonché gli aggregati dell’UE e della zona euro.

La prossima previsione della Commissione saranno le previsioni economiche della primavera 2024, la cui pubblicazione è prevista per maggio
.

Documento completo: Previsioni economiche inverno 2024
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa sul sito Portale Europeo Gioventù che sta lanciando la nuova piattaforma per il coinvolgimento dei cittadini: uno spazio online aperto e democratico in cui puoi esprimere le tue idee su diverse questioni e scambiare idee con altri cittadini dell’UE.

I cittadini hanno chiesto questo strumento durante la Conferenza sul futuro dell’Europa. La piattaforma mira a consentire ai cittadini, in particolare ai giovani, di far sentire la propria voce in modo collaborativo, dinamico e digitale. Inoltre, la tecnologia della traduzione consentirà ai cittadini di leggere e impegnarsi nella propria lingua.

Il primo dibattito della Piattaforma riguarda l’efficienza energetica. I contributi online dei cittadini confluiranno nelle deliberazioni in loco del Comitato dei cittadini europei a partire dal 23 febbraio. Le raccomandazioni del Gruppo informeranno l’imminente Raccomandazione dell’UE sul principio “L’efficienza energetica innanzitutto”.

Dal 15 febbraio è possibile registrarsi sulla Piattaforma
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa in un omunicato stampa di aver accolto con favore l’accordo politico raggiunto nei giorni scorsi tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE sulla modifica della direttiva 2005/35/CE sull’inquinamento provocato dalle navi e sull’introduzione di sanzioni per i reati di inquinamento. I colegislatori hanno deciso di allineare la direttiva alla Convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento provocato dalle navi (Marpol) e di estendere il campo di applicazione della direttiva per coprire più tipi di sostanze inquinanti scaricate in mare, come liquami e rifiuti.

Le nuove norme, scrive Bruxelles, miglioreranno la trasparenza rendendo disponibili online le informazioni relative ai reati di inquinamento nei mari europei e alle sanzioni imposte. Inoltre, saranno disponibili online informazioni su come le autorità costiere hanno verificato una potenziale fuoriuscita dopo un allarme tramite sorveglianza satellitare.

L’emendamento chiarisce l’applicazione delle sanzioni amministrative per renderle più efficaci: ad esempio, l’entità dello scarico illegale, il suo impatto sull’ambiente o la capacità finanziaria dell’entità responsabile saranno presi in considerazione quando gli Stati membri imporranno le sanzioni. Ci saranno strumenti e piattaforme più forti per lo scambio di informazioni ed esperienze per le autorità degli Stati membri. Ad esempio, la sorveglianza satellitare dell’inquinamento provocato dalle navi (CleanSeaNet), la banca dati di sorveglianza e condivisione delle informazioni dell’EMSA) sarà migliorata e avrà una migliore risoluzione.

Tutte le nuove misure, assicura Bruxelles, rafforzano l’effetto deterrente e contribuiscono alla prevenzione dell’inquinamento nei mari europei.

L’accordo politico raggiunto deve ora essere adottato formalmente. Una volta completato questo processo da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea ed entreranno in vigore 20 giorni dopo. Gli Stati membri avranno 30 mesi per recepire la direttiva nel diritto nazionale.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 359NO NEW POSTS