E-News, Ultime Notizie, Notizie
L’invasione russa dell’Ucraina ha notevolmente disturbato i mercati agricoli globali, in particolare perché Russia e Ucraina sono stati i principali esportatori di cereali, grano, mais, semi oleosi (in particolare girasoli) e fertilizzanti. Ciò ha aggiunto ulteriore instabilità ai mercati, con conseguente forte aumento dei prezzi per i principali prodotti e fattori di produzione agricoli. Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea.

Nel primo trimestre del 2022 (1° trimestre 2022), il prezzo medio di beni e servizi attualmente consumati in agricoltura (ossia fattori di produzione non correlati agli investimenti) è aumentato del 9,5% rispetto al quarto trimestre del 2021 (4° trimestre 2021), sostenuto da forti aumenti per fertilizzanti e ammendanti (+21,2%), energia e lubrificanti (+17,4%) e mangimi (+9,2%). Nel frattempo, il prezzo medio dei beni agricoli nel suo complesso (produzione) è aumentato del 6,0%.

Queste informazioni provengono dai dati sugli indici dei prezzi agricoli pubblicati oggi 1 luglio da Eurostat.

Gli ultimi aumenti trimestrali dei prezzi si basano sugli aumenti dall’inizio del 1° trimestre 2021. Su base annua, il prezzo medio dei fattori di produzione agricoli non correlati agli investimenti è aumentato del 27,4% per l’UE tra il 1° trimestre 2021 e il 1° trimestre 2022. In particolare, il prezzo di fertilizzanti e ammendanti è quasi raddoppiato in media nell’UE (+96,2%) e il prezzo medio di energia e lubrificanti è aumentato di poco più della metà (+55,6%). Il maggior costo dei cereali e dell’energia è passato anche all’alimentazione animale (+22,9%).



Il prezzo medio della produzione agricola è aumentato del 19,9% per l’UE tra il 1° trimestre 2021 e il 1° trimestre 2022. Si sono verificati aumenti di prezzo particolarmente forti per i cereali (in media +41,5%) e semi oleosi (+51,7%), nonché per i bovini ( +24,2%), pollame (+22,2%) e latte (+21,4%), tra gli altri.

Tra gli Stati membri dell’UE, il maggior tasso di aumento del prezzo medio della produzione agricola è stato registrato in Lituania (+18,1% nel primo trimestre 2022 rispetto al quarto trimestre 2021), seguita da Romania (+14,4%) e i Paesi Bassi (+13,9%). Croazia (-5,8%, trainata dal calo del prezzo delle piante foraggere), Slovacchia (-0,8%) e Grecia (-0,4%) sono stati gli unici paesi con un indice dei prezzi in calo in questo periodo.

Il tasso di aumento più marcato del prezzo medio degli input non legati agli investimenti è stato registrato anche in Lituania (+24,5%), seguita da Lettonia (+18,9%) e Slovacchia (+14,6%). Tutti gli Stati membri hanno registrato aumenti, ma i tassi di aumento più bassi si sono registrati a Malta (+4,7%), Slovenia e Portogallo (entrambi +6,2%).

Per maggiori informazioni:

Sezione Eurostat dedicata all’agricoltura

Banca dati Eurostat sull’agricoltura
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa pubblica la dichiarazione del Presidente del Congresso Leendert Verbeek che condanna il rapimento del sindaco di Kherson.

Condanno fermamente il continuo rapimento di rappresentanti locali in Ucraina, da ultimo quello del sindaco di Kherson, Ihor Kolykhayev, e chiedo il suo rilascio immediato.

La pressione e le offese continue che subiscono gli eletti locali nei territori occupati illegalmente dell’Ucraina sono intollerabili. Sono presi di mira per il ruolo chiave che rivestono nel proteggere i loro cittadini e le loro comunità, e ci tengo a rendere omaggio alla loro resistenza feroce nel difendere l’Ucraina, l’Europa e la democrazia.

Il Congresso deplora la guerra illegittima condotta dalla Federazione russa contro l’Ucraina. Continuiamo ad essere solidali con l’Ucraina e il suo popolo fino al giorno in cui vinceranno
.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La pandemia di coronavirus insieme alla crisi economica che ne è scaturita, hanno esercitato un’enorme pressione sulla salute mentale e sul benessere di tutti i cittadini, scrive il sito del Parlamento europeo. Questo ha portato ad un crescente numero di problemi psicosociali legati al lavoro e ai tassi più elevati di stress, ansia e depressione. Tuttavia, la salute mentale non viene ancora considerata come una priorità alla stregua della salute fisica, secondo quanto indicato dalla la commissione per l’occupazione e gli affari sociali (EMPL) del Parlamento europeo, nella sua relazione sulla salute mentale nel mondo del lavoro digitale.

Il rapporto evidenzia che nel 2021 il 64% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 34 anni era a rischio di depressione, a causa della mancanza di occupazione, di prospettive finanziarie ed educative, nonché a causa della solitudine e dell’isolamento sociale.

Le misure dell’UE per la salute pubblica.

La relazione invita le istituzioni dell’Unione europea e gli Stati membri a prendere atto dell’alto livello di problemi di salute mentale legati al lavoro e a trovare modi per aiutare a prevenirli. Il dossier sottolinea inoltre la necessità di sradicare la violenza, la discriminazione e le molestie sul luogo di lavoro.

La commissione parlamentare invoca una normativa che stabilisca requisiti minimi per il telelavoro in tutta l’Unione, senza compromettere le condizioni di lavoro dei telelavoratori. Tale normativa potrebbe riguardare determinate condizioni di lavoro, come ad esempio la garanzia di volontarietà del telelavoro e che i diritti, come l’equilibrio tra lavoro e vita privata, il carico di lavoro e gli standard di prestazione dei telelavoratori siano equivalenti alle condizioni richieste sul posto di lavoro (in presenza).

Nella relazione si chiedono anche orari di lavoro flessibili per contribuire a mitigare lo stress legato al lavoro; educazione alla salute mentale; e formazione per i datori di lavoro. I deputati propongono inoltre che nel 2023 venga istituito l’Anno europeo della buona salute mentale per garantire una maggiore attenzione su questo tema.

L’ultima relazione evidenzia la preoccupazione del Parlamento per la salute mentale. In una risoluzione adottata nel luglio 2020 sulla strategia dell’UE in materia di sanità pubblica dopo la crisi della COVID-19, il Parlamento ha riconosciuto la salute mentale come un diritto umano fondamentale e ha chiesto un piano d’azione dell’UE per tutelare la salute mentale.

Nel 2021 il Parlamento ha chiesto il diritto alla disconnessione dal lavoro al di fuori del normale orario di lavoro, senza conseguenze negative per i lavoratori.

Gli eurodeputati discuteranno e voteranno su questo rapporto sulla salute mentale nel mondo del lavoro digitale durante la sessione plenaria che si terrà a Strasburgo dal 4 al 7 luglio 2022.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea pubblica la Risoluzione del Parlamento europeo sul tema Lotta alla violenza basata sul genere: la violenza online.

La risoluzione ricorda che l’assenza di una definizione comune della violenza di genere online comporta notevoli differenze riguardo alle relative misure preventive e di contrasto degli Stati membri, lasciando tra questi ultimi vaste disparità nella tutela, nel sostegno e nel risarcimento delle vittime; invita pertanto la Commissione e gli Stati membri a elaborare e adottare una definizione comune di violenza di genere online che agevoli il lavoro di analisi delle varie forme di violenza di genere online e che la contrasti, garantendo in tal modo che le vittime di tale violenza negli Stati membri abbiano un accesso effettivo alla giustizia e a servizi di sostegno specializzati;

Il Parlamento europeo sottolinea che il concetto di violenza di genere online non può essere limitato all’utilizzo di sistemi informatici, ma dovrebbe restare ampio, comprendendo l’utilizzo delle TIC per provocare, facilitare o minacciare la violenza nei confronti degli individui.

4. Strasburgo accoglie con favore la strategia dell’Unione per la parità di genere 2020-2025, presentata dalla Commissione come strumento per contrastare la violenza nei confronti delle donne in tutta la loro diversità e per combattere la violenza di genere e affrontarne le cause profonde; sottolinea che la violenza di genere online è profondamente radicata nelle dinamiche di potere, negli squilibri economici e nelle norme di genere; invita gli Stati membri e la Commissione a far fronte alle cause profonde della violenza di genere online e ad affrontare i ruoli di genere e gli stereotipi che rendono accettabile la violenza contro le donne.

Il PE invita gli Stati membri ad assegnare risorse umane e finanziarie idonee agli organismi di governance nazionali, regionali e locali nonché agli istituti per l’assistenza legale, l’assistenza sanitaria, in particolare nell’ambito della salute mentale, e la protezione sociale, comprese le organizzazioni delle donne, per aiutare a prevenire e proteggere efficacemente le donne dalla violenza di genere online;

Nella Risoluzione si invita la Commissione a garantire che anche la violenza online sia affrontata, comprese le forme che assume attraverso l’industria del sesso; invita la Commissione e gli Stati membri a porre fine a un’industria pornografica basata sulla tratta di esseri umani a fini sessuali, sullo stupro e su altre forme di aggressione e abusi nei confronti delle donne e dei minori; invita la Commissione e gli Stati membri a inserire la misoginia tra le forme di incitamento all’odio e gli attacchi misogini tra i reati generati dall’odio;

Il PE sottolinea che la discriminazione sistemica e sociale, compresa la discriminazione basata sul genere, sulla razza e sulle condizioni economiche, si riproduce e viene amplificata online; ricorda che tali forme di discriminazione si intersecano, il che comporta conseguenze più estreme per le persone in situazioni vulnerabili quali le donne migranti, le donne appartenenti a comunità etniche o religiose, le donne con diversità funzionali, le persone LGBTIQ e gli adolescenti;

Strasburgo accoglie con favore l’impegno assunto dalla Commissione nel quadro della strategia per l’uguaglianza LGBTIQ 2020-2025 per estendere l’elenco dei «reati dell’UE» di cui all’articolo 83, paragrafo 1, TFUE, ai reati generati dall’odio e all’incitamento all’odio, anche quando sono mirati alle persone LGBTIQ.

Nel documento si sottolinea che la pandemia di COVID-19 ha portato a un drammatico aumento della violenza e degli abusi da parte dei partner, la cosiddetta «pandemia ombra» comprendente violenza fisica, psicologica, sessuale ed economica, nonché la relativa dimensione online, dal momento la vita sociale delle persone ha assunto una dimensione online molto maggiore e le vittime sono state costrette a trascorrere più tempo con gli autori di tali atti, con una tendenza a essere più isolate dalle reti di sostegno; sottolinea inoltre che durante il confinamento dovuto alla COVID-19 molte persone LGBTIQ sono state oggetto di molestie, abusi o sono state esposte a violenze, anche da parte di familiari, tutori legali o conviventi.

Ancora, si sottolinea che la «pandemia ombra» ha reso difficile per le donne accedere a una tutela efficace, a servizi di sostegno e alla giustizia e ha messo in luce la carenza di risorse e strutture di sostegno, lasciando molte di loro senza una protezione adeguata e tempestiva; invita gli Stati membri a rafforzare l’assistenza offerta attraverso i rifugi, le linee telefoniche di assistenza e i servizi di sostegno specializzati, per proteggere le vittime, facilitare i ricorsi e le segnalazioni dei casi di violenza di genere, nonché la relativa azione penale;

Il Parlamento di Strasburgo esprime preoccupazione per i reati generati dall’odio e i reati che incitano alla discriminazione o alla violenza, verificatisi durante la pandemia di COVID-19, che hanno portato alla stigmatizzazione di alcuni soggetti appartenenti a gruppi vulnerabili.

Si invita quindi la Commissione europea a effettuare un’analisi più approfondita degli effetti della pandemia di COVID-19 su tutte le forme di violenza di genere online e invita gli Stati membri ad adottare misure efficaci con il sostegno delle organizzazioni della società civile e degli organi, uffici e agenzie dell’Unione quali la FRA e Europol; incoraggia inoltre la Commissione a sviluppare un protocollo dell’Unione sulla violenza di genere in tempi di crisi e di emergenza al fine di includere i servizi di protezione delle vittime tra i «servizi essenziali» negli Stati membri.

Un altro punto importante della Risoluzione è quello che invita la Commissione e gli Stati membri ad ampliare la portata dell’incitamento all’odio per includervi l’incitamento all’odio sessista.

Nella Risoluzione è anche sottolineata la natura transnazionale della violenza di genere online; sottolinea che la violenza di genere online ha ulteriori implicazioni transnazionali, considerando che l’uso delle TIC ha una dimensione transfrontaliera; sottolinea che gli autori utilizzano piattaforme online o telefoni cellulari collegati o ospitati da paesi diversi da quelli in cui si trovano le vittime della violenza di genere online; sottolinea che i rapidi sviluppi tecnologici e la digitalizzazione potrebbero far nascere nuove forme di violenza di genere online, portando in ipotesi a non ritenere responsabili coloro che la commettono, e rafforzare la cultura dell’impunità.

LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il portale europeo della gioventù della Commissione europea informa che la campagna di coinvolgimento dei giovani Green Track sulla natura e la biodiversità, la principale iniziativa faro verde nell’ambito dell’Anno europeo della gioventù, si è recentemente conclusa “con successo”.

Basata sui principi dell’Anno di co-creazione, diversità e inclusività, la campagna era incentrata su 32 eventi organizzati in tutta l’UE da giovani, per i giovani. Ha fornito una piattaforma per i giovani per contribuire al dibattito su come mettere la natura sulla strada del recupero, in vista della COP 15, la grande conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità in programma per dicembre di quest’anno.

In un video pubblicato recentemente, i giovani provenienti da tutti gli angoli dell’UE stanno esortando i decisori che si riuniscono alla COP 15 ad agire per proteggere la natura. Anche se la campagna è finita, questo è solo l’inizio del viaggio: i membri della comunità di Green Track sono determinati a continuare i loro sforzi per proteggere la biodiversità e ad impegnarsi in altre iniziative dell’anno.

Puoi condividere il video dei partecipanti al Green Tracksui tuoi social media, ripubblicando uno dei post:  Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn.

La campagna #TheGreenTrack
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Oggi, 1 luglio 2022, entra in vigore il nuovo regolamento migliorato sul Roaming. Proroga “Roam-like-at-home” fino al 2032, il programma grazie al quale i viaggiatori nell’UE e nel SEE possono chiamare, inviare SMS e navigare all’estero senza costi aggiuntivi. Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Le nuove norme “apporteranno vantaggi significativi anche alle imprese e ai cittadini dell’UE, che godranno di una migliore esperienza di roaming, con la stessa qualità del servizio mobile all’estero che hanno a casa“. Le nuove norme migliorano inoltre l’accesso alle comunicazioni di emergenza in tutta l’UE e garantiscono informazioni chiare sui servizi che potrebbero essere soggetti a costi aggiuntivi.

I consumatori ora avranno diritto alla stessa qualità di Internet mobile all’estero, come quello che hanno a casa. Gli operatori che forniscono servizi mobili dovrebbero garantire che i consumatori abbiano accesso all’utilizzo delle reti 4G, o 5G più avanzate, se disponibili nella destinazione che il consumatore sta visitando. I consumatori dovrebbero poter trovare informazioni sulla disponibilità della rete nei loro contratti di servizi mobili e sui siti web degli operatori.

>Domande e Risposte aggiornate sul nuovo Regolamento Roaming
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto attraverso il suo servizio stampa di aver pubblicato il 30 giugno una proposta di raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea sui percorsi per il successo scolastico, che delinea una serie di misure politiche concrete per affrontare l’abbandono scolastico precoce e lo scarso rendimento nelle competenze di base (lettura, matematica e scienze) dei quindicenni, ed in particolare di quelli provenienti da contesti svantaggiati.

Queste misure rispondono alle esigenze degli studenti, degli insegnanti e dei formatori, delle scuole e dei sistemi educativi. Includono monitoraggio, prevenzione, intervento e compensazione, ma con una forte attenzione alla prevenzione e all’intervento precoce.

La proposta richiede inoltre una maggiore attenzione al benessere a scuola, che ha un forte impatto sui risultati educativi ed è una componente chiave del successo scolastico.

Negli ultimi anni, scrive la Commissione, i sistemi scolastici europei hanno dovuto affrontare situazioni difficili, inclusa la pandemia di COVID-19. Oggi più di 3,2 milioni di giovani nell’UE tra i 18 e i 24 anni abbandonano prematuramente l’istruzione e la formazione e solo l’84,3% dei giovani tra i 20 e i 24 anni ha completato l’istruzione secondaria superiore.

Gli ultimi risultati PISA (Programma dell’OCSE per la valutazione internazionale degli studenti) in epoca pre-pandemica (2018) ha rivelato che un quindicenne europeo su cinque non disponeva di adeguate competenze in lettura, matematica o scienze.

I risultati di PISA hanno anche mostrato che il senso di appartenenza degli alunni a scuola stava diminuendo e che il bullismo e il cyberbullismo erano diffusi. Da allora, la chiusura di scuole e università a causa della pandemia ha contribuito a significative perdite di apprendimento per alunni e studenti. L’evidenza mostra che gli alunni con un background socioeconomico svantaggiato corrono il rischio più elevato di affrontare tali problemi.

La raccomandazione invita gli Stati membri ad attuare la misura proposta per affrontare queste sfide. La Commissione sosterrà l’attuazione della raccomandazione attraverso l’apprendimento e gli scambi tra Stati membri, partner e paesi partner.

Un gruppo di esperti dedicato, istituito nell’ambito dello Spazio europeo dell’istruzione, si concentrerà e aumenterà la consapevolezza sul benessere e la salute mentale a scuola. La Commissione “sosterrà le opportunità di sviluppo professionale per il personale educativo e altri partner attraverso progetti Erasmus+ e scambi di personale, nonché attraverso le accademie per insegnanti Erasmus+ e attraverso le piattaforme online dell’UE, tra cui la nuova piattaforma europea per l’istruzione scolastica e eTwinning“.

L’UE e gli Stati membri sono chiamati a utilizzare fondi nazionali e comunitari – in particolare Erasmus+ , Recovery and Resilience Facility , Fondo Sociale Europeo+, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, Strumento di Supporto Tecnico, Fondo Migrazione e Integrazione – per investimenti in infrastrutture , formazione, strumenti e risorse per aumentare l’inclusione, l’uguaglianza e il benessere nell’istruzione.

La proposta della Commissione sarà discussa dagli Stati membri e poi adottata dai ministri dell’Istruzione dell’UE. La Commissione sosterrà quindi l’attuazione della raccomandazione attraverso l’apprendimento e gli scambi tra Stati membri, partner e paesi partner.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha adottato il 1 luglio una decisione che consente agli Stati membri di rinunciare temporaneamente ai dazi doganali e all’IVA sull’importazione da paesi terzi di cibo, coperte, tende, generatori elettrici e altri mezzi di salvataggio destinati agli ucraini colpiti dalla guerra. Tale misura, richiesta dagli Stati membri, si applicherà retroattivamente dal 24 febbraio 2022 e sarà in vigore fino al 31 dicembre 2022.

Lo rende noto il servizio stampa della Commissione europea.

Sulla scia dell’invasione non provocata e ingiustificata dell’Ucraina da parte della Russia, scrive la Commissione, si stima che oltre 14 milioni di persone, ovvero il 30% della popolazione ucraina, siano state sfollate. Più di 6,2 milioni di ucraini si sono diretti verso l’UE e quasi 8 milioni hanno dovuto abbandonare le proprie case ma sono rimasti in Ucraina. Ciò sta esercitando molta pressione sugli Stati membri, che devono fornire assistenza umanitaria a un gran numero di persone in fuga dalla guerra, sostenendo anche gli sfollati interni ucraini a rischio di fame e malattie.

L’esenzione da dazio e IVA si applica alle merci importate da:

Organizzazioni statali (enti pubblici ed enti di diritto pubblico inclusi ospedali, organizzazioni governative, governi regionali, comuni, ecc.)

Organizzazioni di beneficenza o filantropiche riconosciute dalle autorità competenti degli Stati membri.

La decisione odierna si aggiunge alle nuove norme sull’IVA adottate ad aprile, che consentono agli Stati membri di estendere questa esenzione alle forniture nazionali di beni e servizi, comprese le donazioni, a beneficio delle vittime di calamità.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 117NO NEW POSTS