E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sono state pubblicate sul portale OpenCoesione le tavole relative alle Risorse della politica di coesione nei tre cicli di programmazione 2021-2027, 2014-2020 e 2007-2013 aggiornate alla data del 31 agosto 2022.

I dati rilasciati fanno riferimento alla dotazione complessiva della politica di coesione, che a quest’ultimo aggiornamento è pari a: oltre 148,24 miliardi di euro per il ciclo 2021-2027, a circa 139 miliardi di euro per il ciclo 2014-2020 e ad oltre 74,5 miliardi di euro per il ciclo 2007-2013.

La dotazione è la somma delle risorse comunitarie e nazionali che in relazione a ogni singolo ciclo possono essere assegnate a piani e programmi e quindi a finanziare i progetti i cui dati sono poi oggetto di puntuale monitoraggio e di pubblicazione sul portale OpenCoesione. Dalla homepage è possibile seguire anche la progressiva approvazione dei programmi del ciclo 2021-2027, attraverso un contatore.

OpenCoesione è l’iniziativa di open government sulle politiche di coesione in Italia, coordinata dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri istituito in seguito alla trasformazione del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica (DPS) del Ministero dello sviluppo economico. Si rivolge a cittadini singoli e organizzati, amministratori, tecnici e imprenditori dell’innovazione, ricercatori e giornalisti perché tutti abbiano a disposizione dati e informazioni per valutare l’efficacia e la coerenza dell’impiego delle risorse delle politiche di coesione. Queste politiche intervengono sui territori per rispondere a esigenze specifiche dei diversi luoghi, in termini di infrastrutture o di servizi ma anche di capitale umano e sociale, per eguagliarne le opportunità di sviluppo.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il 6 dicembre, presso il Parlamento europeo a Bruxelles, si terrà la conferenza di chiusura dell’Anno europeo della gioventù, dal tema “Rivendica il futuro”.

Lo rende noto il sito il Portale Gioventù della Commissione europea.
“Con l’avvicinarsi della fine dell’Anno europeo della gioventù 2022, scrive il portale, è tempo di fare il punto sui suoi risultati e di riflettere sull’eredità dell’Anno e su come le politiche per i giovani rimarranno in cima all’agenda politica”.

Durante la giornata di conferenza, circa 700 parti interessate, tra cui un gran numero di giovani, avranno l’opportunità di incontrarsi e prendere parte a sessioni tematiche sull’istruzione e la salute mentale, incontrare i responsabili delle decisioni e discutere i risultati e l’ eredità dell’Anno.

Link per lo streaming web:

9:30-10:45: Sessione di benvenuto – Emiciclo del Parlamento europeo (+ interpretazione)ù

11:30-12:30: Sessioni tematiche

Sessione tematica AEG: Parliamo di futuro: un’Europa inclusiva attraverso l’istruzione (nessuna interpretazione)

Sessione tematica dell’Anno europeo dell’anno scolastico: Parliamo di futuro: benessere europeo attraverso il mainstreaming dell’assistenza sanitaria mentale (nessuna interpretazione)

Sessione tematica dell’Anno europeo dell’anno scolastico: Parliamo di futuro: benessere europeo attraverso un’assistenza sanitaria mentale accessibile (nessuna interpretazione)

Sessione tematica AEG: Parliamo di futuro: l’Europa digitale attraverso l’istruzione (nessuna interpretazione)

14:00-16:00: Sessione di chiusura – Emiciclo del Parlamento europeo (+ interpretazione)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea e la Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa (CEB) hanno firmato un accordo di garanzia InvestEU per un valore massimo di 159 milioni di euro. La CEB diventa in tal modo un partner incaricato dell’attuazione di InvestEU e questo accordo consentirà di mobilitare circa 500 milioni di euro per la concessione di prestiti aggiuntivi a favore di progetti sociali. Rappresenta una tappa importante, poiché è la prima volta che InvestEU sostiene gli investimenti di una banca multilaterale di sviluppo con un mandato esclusivamente sociale.

Il programma InvestEU doterà l’Ue di un importante finanziamento a lungo termine mobilitando ingenti fondi pubblici e privati per sostenere una ripresa duratura. Aiuterà inoltre a mobilitare investimenti privati a favore delle priorità politiche dell’Ue, quale il Green Deal europeo e la transizione digitale.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea rende noto in un comunicato di aver lanciato il 24 novembre l’invito a presentare proposte nell’ambito del Corpo europeo di solidarietà per il 2023. Il Corpo europeo di solidarietà è un programma dell’UE per i giovani che desiderano impegnarsi in attività di solidarietà in vari settori che vanno dall’aiutare le persone svantaggiate al contribuire all’azione sanitaria e ambientale , in tutta l’UE e oltre.

Basandosi sull’Anno europeo della gioventù, l’invito intende creare maggiori opportunità di solidarietà per i giovani, mettendo a disposizione oltre 142 milioni di euro. Finanzierà il volontariato, i progetti di solidarietà guidati dai giovani, le squadre di volontariato in aree ad alta priorità incentrate sull’assistenza alle persone in fuga da conflitti armati e altre vittime di calamità naturali o non naturali, nonché la prevenzione, la promozione e il sostegno nel campo della salute, e anche la prossima edizione del Corpo volontario europeo di aiuto umanitario.

Questo invito offre inoltre ai partecipanti la possibilità di contribuire alle operazioni di aiuto umanitario in tutto il mondo. Con l’aiuto del Corpo volontario europeo di aiuto umanitario, dovrebbe essere sviluppata la solidarietà tra organizzazioni e volontari degli Stati membri, dei paesi terzi associati al programma e delle persone e delle comunità al di fuori dell’Unione europea. Di conseguenza, i primi volontari saranno impiegati in progetti in lungo e in largo.

Il programma è aperto a persone di età compresa tra i 18 e i 30 anni per attività di solidarietà che affrontano le sfide della società e tra i 18 e i 35 anni per il volontariato a sostegno delle attività di aiuto umanitario internazionale.

I giovani che desiderano partecipare alle attività del Corpo europeo di solidarietà devono registrarsi nel portale del Corpo europeo di solidarietà, dove possono navigare e trovare le organizzazioni che attuano i progetti. I gruppi di giovani registrati nel portale del Corpo europeo di solidarietà possono anche richiedere finanziamenti per progetti di solidarietà da loro stessi condotti.

Qualsiasi ente pubblico o privato può richiedere un finanziamento per svolgere attività nell’ambito del Corpo europeo di solidarietà sulla base di un marchio di qualità, che certifica che è in grado di svolgere attività di solidarietà di alta qualità nel rispetto dei principi, degli obiettivi e dei requisiti del programma. Possono presentare domanda con l’aiuto delle agenzie nazionali del Corpo europeo di solidarietà con sede in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi terzi associati al programma o dell’Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura (EACEA) per le azioni centralizzate.

PER L’ITALIA L’AGENZIA DI RIFERIMENTO E’:
Agenzia nazionale per i giovani (ANG)
Via Sabotino 4
00195 Roma
tel. +39 06 37 59 12 01
direzione@agenziagiovani.it
http://www.agenziagiovani.it/corpo-europeo-di-solidarieta


L’invito a presentare proposte elenca i diversi tipi di azioni, i relativi criteri di ammissibilità e le rispettive scadenze per la presentazione delle domande.

IL BANDO IN ITALIANO SULLA GAZZETTA UFFICIALE DELL’UNIONE EUROPEA (PDF)
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Alla vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), la Commissione europea ha annunciato il 24 novembre il numero armonizzato a livello dell’UE per le linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne : 116 016.

Le donne vittime di violenza potranno chiamare lo stesso numero in tutta l’UE per ottenere consulenza e sostegno. Finora, 15 Stati membri si sono impegnati a collegare a questo numero la loro attuale linea di assistenza per le vittime di violenza contro le donne. Il termine entro il quale gli Stati membri devono riservare il numero comune dell’UE per connettersi alle linee di assistenza nazionali è la fine di aprile 2023.

Per maggiori informazioni

UE: Porre fine alla violenza di genere

Scheda informativa UE– Sostenere la parità di genere

Sito web – Numero europeo di linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto il 29 novembre di aver presentato norme riviste che renderanno più economica, rapida e prevedibile la protezione dei disegni industriali in tutta l’UE.

Un design industriale costituisce l’aspetto esteriore di un prodotto caratterizzato dalle sue linee, contorni o forma. Le proposte di un regolamento e di una direttiva riveduti sui disegni e modelli industriali modernizzano l’attuale quadro comunitario in materia di disegni e modelli ei regimi nazionali paralleli in materia di disegni e modelli, creati e armonizzati 20 anni fa.

Le norme riviste contribuiranno a migliorare ulteriormente le condizioni in cui le imprese possono innovare. Allo stesso tempo, le norme introducono anche un approccio più equilibrato alla protezione del design. Ciò garantisce che i disegni possano essere riprodotti per i pezzi di ricambio, consentendo ai consumatori una maggiore scelta nella riparazione di prodotti complessi come le automobili in particolare.

Le due proposte:

Semplificare e snellire la procedura per la registrazione di un disegno o modello in tutta l’UE: semplificando la presentazione di disegni e modelli in una domanda di registrazione (ad esempio inviando file video) o combinando più di un disegno o modello in un’unica domanda, nonché abbassando le tasse da pagare per i primi dieci anni di protezione, le nuove norme renderanno più accessibile, efficiente e conveniente la tutela dei disegni e modelli comunitari registrati, in particolare per i singoli progettisti e le PMI.

Armonizzare le procedure e garantire la complementarità con i sistemi di design nazionali: il nuovo quadro mira a garantire una maggiore complementarità tra le norme di protezione dei design a livello dell’UE e nazionali, ad esempio sui requisiti per la registrazione dei design o sulla semplificazione delle regole per l’annullamento dei design registrati. Ciò contribuirà a creare condizioni di parità per le imprese in tutta Europa.

Consentire la riproduzione di progetti originali a fini di riparazione di prodotti complessi: introducendo una “clausola di riparazione” a livello di UE nella direttiva sui disegni e modelli, le nuove norme contribuiranno ad aprire e ad aumentare la concorrenza nel mercato dei pezzi di ricambio. Ciò è particolarmente importante nel settore dell’autoriparazione, dove dovrebbe diventare legalmente possibile in tutti i paesi dell’UE riprodurre parti di carrozzeria identiche “devono corrispondere” per la riparazione per ripristinare il loro aspetto originale. La “clausola di riparazione” proposta dovrebbe avere effetti giuridici immediati solo per i disegni futuri, mentre i disegni già tutelati dovrebbero rimanere coperti per un periodo transitorio di dieci anni.

Le proposte del 29 novembre fanno seguito al piano d’azione sulla proprietà intellettuale adottato nel novembre 2020, in cui la Commissione ha annunciato che rivedrà la legislazione dell’UE sulla protezione dei disegni e modelli, a seguito della riuscita riforma della legislazione dell’UE in materia di marchi.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa in un comunicato stampa di aver proseguito la sua risposta alla crisi energetica in corso proponendo il 22 novembre un meccanismo di correzione del mercato per proteggere le imprese e le famiglie dell’UE da episodi di prezzi del gas eccessivamente elevati nell’UE. Ciò integra le misure per ridurre la domanda di gas e garantire la sicurezza dell’approvvigionamento attraverso la diversificazione degli approvvigionamenti energetici. Il nuovo meccanismo mira a ridurre la volatilità sui mercati del gas europei salvaguardando la sicurezza dell’approvvigionamento di gas.

Lo strumento proposto consiste in un prezzo massimo di sicurezza di 275 euro sui derivati ​​TTF mese prima. Il Title Transfer Facility (TTF), che è il parametro di riferimento per i prezzi del gas più comunemente utilizzato nell’UE, svolge un ruolo chiave nel mercato europeo del gas all’ingrosso. Il meccanismo verrebbe attivato automaticamente quando sono soddisfatte entrambe le seguenti condizioni:

il prezzo di liquidazione del derivato TTF front-month supera € 275 per due settimane;
I prezzi TTF sono superiori di 58 € rispetto al prezzo di riferimento del GNL per 10 giorni di negoziazione consecutivi nelle due settimane.

Quando queste condizioni sono soddisfatte, l’Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell’energia (ACER) pubblicherà immediatamente un avviso di correzione del mercato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e informerà la Commissione, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) e la Banca centrale europea (BCE). Il giorno successivo entrerà in vigore il meccanismo di correzione del prezzo e non saranno accettate proposte di derivati ​​TTF front-month eccedenti il ​​tetto del prezzo di sicurezza. Il meccanismo può essere attivato dal 1° gennaio 2023.

La proposta di regolamento del Consiglio contiene salvaguardie per evitare perturbazioni dei mercati energetici e finanziari. Per evitare problemi di sicurezza dell’approvvigionamento, il plafond di prezzo è limitato a un solo prodotto futures (prodotti TTF mese prima) in modo che gli operatori del mercato possano comunque soddisfare le richieste della domanda e approvvigionarsi di gas sul mercato spot e fuori borsa.

Per garantire che la domanda di gas non aumenti, la proposta impone agli Stati membri di notificare entro due settimane dall’attivazione del meccanismo di correzione del mercato quali misure hanno adottato per ridurre il consumo di gas ed elettricità. Una volta adottata dal Consiglio la proposta per un meccanismo di correzione del mercato, la Commissione proporrà anche di dichiarare un’allerta dell’UE ai sensi del regolamento Risparmia gas per un inverno sicuro adottato a luglio, attivando risparmi obbligatori di gas per garantire la riduzione della domanda.

Per reagire a possibili conseguenze negative indesiderate del limite di prezzo, la proposta prevede che il meccanismo possa essere sospeso immediatamente in qualsiasi momento. Questo può accadere:

Automaticamente, con una disattivazione, quando il suo funzionamento non è più giustificato dalla situazione del mercato del gas naturale, ovvero quando il divario tra il prezzo TTF e il prezzo del GNL non è più soddisfatto per 10 giorni di negoziazione consecutivi.

Mediante una decisione di sospensione della Commissione quando vengono individuati rischi per la sicurezza dell’approvvigionamento dell’Unione, per gli sforzi di riduzione della domanda, per i flussi di gas all’interno dell’UE o per la stabilità finanziaria. Esiste inoltre la possibilità per la Commissione di impedire l’attivazione del meccanismo nel caso in cui le autorità competenti, compresa la BCE, avvertano del concretizzarsi di tali rischi.

Proposta di regolamento del Consiglio che istituisce un meccanismo di correzione del mercato per proteggere i cittadini e l’economia da prezzi eccessivamente elevati

Domande e risposte

Ulteriori proposte per combattere i prezzi elevati dell’energia e garantire la sicurezza dell’approvvigionamento

Azione dell’UE per affrontare i prezzi elevati dell’energia
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le iniziative dei rappresentanti degli enti locali e regionali italiani raccoolte da AICCRE in occasione degli European Days of Loca Solidarity (EDLS), evento in programma dal 15 al 30 novembre 2022 in tutta Europa.

Le Giornate europee della solidarietà locale sono state lanciate nel 2016 e sono coordinate da PLATFORMA, con il sostegno finanziario dell’Unione Europea. PLATFORMA è la coalizione europea dei governi locali e regionali e delle loro associazioni attive nella cooperazione allo sviluppo da città a città e da regione a regione, nota come “cooperazione decentrata”. Dalla sua creazione nel 2008, PLATFORMA rappresenta più di 100.000 governi locali e regionali. Tutti sono attori chiave della cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile.

L’AICCRE, per gli EDLS, ha raccolto videomessaggi di rappresentanti italiani di enti locali e regionali:

Manuela Bora, consigliere regionale delle Marche, spiega in un video che le Giornate Europee della Solidarietà Locale sono un’occasione straordinaria per promuovere la solidarietà tra le città e le regioni d’Europa. “Una solidarietà vera e concreta, come abbiamo visto durante la pandemia o, più recentemente, il 15 e 16 settembre quando tanti volontari si sono uniti per aiutare le Marche a riprendersi dall’alluvione”.

Anche Eleonora Rappa, Assessore di Partinico ha sostenuto la campagna EDLSin un videomessaggioo.

Ilaria Bugetti, Consigliere Regionale della Regione Toscana, parla di “costruire un’Europa dei popoli” in un messaggio video. “Oggi dobbiamo […] far capire ai cittadini e alle istituzioni che ora non è il momento di alzare muri ma di cooperare insieme. Il destino di ognuno di noi dipende da come ci uniamo”.
Spiega che ciò che si può fare nella cooperazione allo sviluppo può cambiare il mondo per le generazioni future. “Ecco perché queste Giornate Europee della Solidarietà Locale sono così importanti”.

Belinda Gottardi, sindaco di Castel Maggiore (Italia) e portavoce del CCRE sul clima informa in un video come il suo comune sta intraprendendo azioni locali per lo sviluppo sostenibile, attraverso una rete di cittadini attivi, il consiglio locale dei bambini o la promozione del decalogo sulla sostenibilità ambientale.
0

PREVIOUS POSTSPage 2 of 195NEXT POSTS