E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha aperto il 9 aprile la seconda edizione del New European Bauhaus Festival. La cerimonia di apertura ha riunito relatori di alto livello, tra cui il primo ministro belga Alexander De Croo; le curatrici Elisa Ferreira e Iliana Ivanova; il Segretario di Stato belga per la ripresa economica e gli investimenti strategici, Thomas Dermine; nonché il direttore generale dell’Istituto internazionale per l’analisi dei sistemi applicati, Hans-Joachim Schellnhuber.

Le attività principali si svolgeranno al Parc du Cinquantenaire e al Museo d’Arte e Storia di Bruxelles, fino al 13 aprile. Il Festival invita i visitatori a partecipare ad un programma variegato suddiviso in quattro tipologie di attività: il “Forum”, che affronterà diversi temi legati al nuovo Bauhaus europeo; la “Fiera”, che presenterà i progetti; il “Fest”, in onore di una celebrazione culturale; ed eventi satellite organizzati in modo indipendente a Bruxelles e in altre località in Europa e nel mondo. Tutte le sessioni del Forum saranno trasmesse in diretta sulla pagina web del Festival.

All’evento parteciperanno personalità di spicco nel campo dell’arte, dell’architettura, del design, della sostenibilità, dell’innovazione, oltre a ministri ed eurodeputati, ma non solo. Tra questi figurano Paola Antonelli, curatrice senior del Dipartimento di Architettura e Design e direttrice fondatrice della ricerca e sviluppo del Museo di Arte Moderna (MoMA); l’architetto e vincitore del Premio Pritzker Shigeru Ban; la stimata stilista, artista e professoressa associata Mária Štraneková; e il co-fondatore della MGA Michael Green.

Il Festival mira a illustrare come vari creatori, organizzazioni e progetti, che fanno parte della comunità del Nuovo Bauhaus europeo, stanno portando avanti il ​​Green Deal europeo sul campo. Fornirà inoltre un aggiornamento sui progressi compiuti dalla NEB dalla sua creazione tre anni fa. Diverse tavole rotonde esploreranno il ruolo della partecipazione dei cittadini, delle politiche territoriali e dell’innovazione a favore della trasformazione locale. Esamineranno inoltre il potenziale delle soluzioni basate sulla natura per migliorare la qualità della vita urbana e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici sulle città, o il ruolo dell’architettura nell’azione per il clima.

Il Festival si concentrerà anche su come la NEB sta promuovendo la sostenibilità all’interno dell’industria europea della moda, allineandosi con gli obiettivi della strategia dell’UE per i tessili sostenibili e circolari. Più nel dettaglio, l’ 11 aprile, nell’ambito del Forum , i visitatori sono invitati a una giornata speciale dedicata alla moda sostenibile, con una sfilata e il lancio dell’Accademia del Nuovo Bauhaus europeo. Numerose mostre del progetto forniranno esempi tangibili di questi vari concetti in azione.

Il 12 aprile, il Festival ospiterà la cerimonia di premiazione del New European Bauhaus 2024, che riconoscerà 20 progetti esemplari, nonché i migliori concetti di giovani talenti provenienti da tutta Europa, incluso, per la prima volta, dall’Ucraina.

Troverete il programma dettagliato del Festival e una cartella stampa sul sito NEB
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo (PE) ha approvato in via definitiva il 10 aprile nuove norme per la raccolta, il trattamento e lo scarico delle acque reflue urbane.

Il PE ha adottato l’accordo raggiunto con il Consiglio nel gennaio 2024 sulla revisione delle norme dell’UE in materia di gestione delle acque e di trattamento delle acque reflue urbane per una migliore protezione della salute pubblica e dell’ambiente.

La nuova direttiva prevede che, entro il 2035, le acque reflue urbane saranno sottoposte a trattamento secondario (cioè la rimozione di materia organica biodegradabile), prima di essere scaricate nell’ambiente, in tutti gli agglomerati delle dimensioni di 1.000 abitanti equivalenti (ad esempio, unità di misura standard che descrive l’inquinamento medio rilasciato da una persona al giorno) o più.

Entro il 2039, il trattamento terziario (ossia l’eliminazione dell’azoto e del fosforo) sarà applicato in tutti gli impianti di trattamento delle acque reflue che coprono 150,000 a.e. e oltre, ed entro il 2045 in quelli che coprono 10.000 a.e. e oltre.

Un trattamento aggiuntivo che elimina un ampio spettro di microinquinanti (“trattamento quaternario”) sarà obbligatorio per tutti gli impianti superiori a 150,000 a.e. (e oltre 10,000 a.e. sulla base di una valutazione del rischio) entro il 2045.

Il monitoraggio di vari parametri di salute pubblica (come virus noti e agenti patogeni emergenti), inquinanti chimici, comprese le cosiddette “sostanze chimiche eterne” (sostanze per- e polifluoroalchiliche o PFAS), microplastiche e resistenza antimicrobica sarà rigorosamente monitorato.

La legge introduce inoltre la responsabilità estesa del produttore (in inglese extended producer responsability – EPR) per i medicinali per uso umano e i prodotti cosmetici, che dovrà cosi coprire i costi del trattamento quaternario (per rimuovere i micro-inquinanti dalle acque reflue urbane). Almeno l’80% dei costi sarà coperto dai produttori, integrati da finanziamenti nazionali.

I Paesi dell’UE saranno tenuti a promuovere il riutilizzo delle acque reflue trattate provenienti da tutti gli impianti di trattamento delle acque reflue urbane, se opportuno, in particolare nelle zone soggette a stress idrico.

Prima che la legge possa entrare in vigore, il testo dovrà essere approvato formalmente anche dal Consiglio dell’Unione.

Nell’ottobre 2022 la Commissione ha presentato una proposta di revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane, allineandola agli obiettivi politici dell’UE in materia di azione per il clima, economia circolare e riduzione dell’inquinamento. La legislazione è una delle iniziative chiave nell’ambito del piano d’azione dell’UE sull’inquinamento zero per l’aria, l’acqua e il suolo.
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


L’imminente sesta edizione del Cities Forum nel 2025 è alla ricerca di una città ospitante dinamica. Si tratta di un’opportunità unica per le città di contribuire alle discussioni chiave sulla dimensione urbana della politica di coesione e di dimostrare il proprio impegno per lo sviluppo urbano sostenibile. Tutte le città dell’UE interessate sono invitate a presentare domanda.

Lo rende noto il sito Sviluppo regionale e urbano dell’UE.

L’Iniziativa Urbana Europea lancia questo invito a presentare candidature a tutte le città dell’UE con la “capacità e l’entusiasmo per sostenere l’organizzazione della prossima edizione del Forum delle Città”. L’obiettivo è selezionare una città che ospiterà l’evento nel 2025. Il Cities Forum è l’evento chiave della Direzione generale della Politica regionale e urbana della Commissione europea (DG REGIO) incentrato sulla dimensione urbana della politica di coesione dell’UE e sulle iniziative a livello dell’UE a sostegno dello sviluppo urbano sostenibile. sviluppo.

Visita la pagina dei bandi .

Periodo di candidatura: la finestra di candidatura è aperta dal 4 aprile 2024 al 13 maggio 2024. I documenti di base per i candidati e il pacchetto di candidatura sono disponibili sulla pagina del bando

Procedura di candidatura: le città devono presentare la propria candidatura tramite un modulo online, descrivendo in dettaglio la propria capacità e il proprio entusiasmo nell’ospitare l’evento.

Processo di selezione: il Segretariato Permanente dell’IUE valuterà le candidature pervenute.

La Commissione Europea – DG Regio selezionerà quindi i candidati per la selezione finale in occasione della riunione dei direttori generali per gli affari urbani del 26 giugno 2024.

Principali motivi per ospitare il Cities Forum 2025

Mettere in mostra la città: ospitare è un’importante opportunità per evidenziare le peculiarità della città e il contributo allo sviluppo urbano sostenibile.

Contribuire alle discussioni chiave: svolgere un ruolo attivo nelle discussioni essenziali sulla dimensione urbana della politica di coesione dell’UE.

Ottenere il riconoscimento dell’UE: aumenta il profilo della città sulla scena europea e si può attirare l’attenzione sui risultati e aspirazioni in termini di sviluppo urbano.

Espandere la rete: creare connessioni preziose con i decisori politici urbani, i professionisti e le parti interessate in tutta Europa, rafforzando la rete e la base di conoscenze della città.

Il Segretariato Permanente dell’IUE supporta i richiedenti. Questo supporto viene fornito tramite:

Pacchetto di domanda: il documento di base per i candidati e il documento di cortesia del modulo di domanda.

Supporto e-mail: contattaci con le tue domande tramite communications@urban-initiative.eu

Cliccare qui per candidarsi
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Per migliorare la salute dei suoli dell’UE, il Parlamento europeo (PE) sostiene gli sforzi volti a monitorare e migliorare lo stato ecologico del suolo nell’UE.

Il 10 aprile il PE ha adottato la sua posizione sulla proposta della Commissione per una legge sul monitoraggio del suolo, il primo atto legislativo dell’UE dedicato al suolo.

I deputati europei sostengono l’obiettivo generale di avere suoli sani entro il 2050, in linea con l’ ambizione dell’UE sull’inquinamento zero e la necessità di una definizione armonizzata di salute del suolo, nonché di un quadro di monitoraggio completo e coerente per promuovere la gestione sostenibile del suolo e risanare i siti contaminati.

La nuova legge obbligherà i paesi dell’UE a monitorare prima e poi a valutare lo stato di salute di tutti i suoli sul loro territorio. Le autorità nazionali possono applicare i descrittori del suolo che meglio illustrano le caratteristiche del suolo di ciascun tipo di suolo a livello nazionale.

Il PE propone una classificazione a cinque livelli per valutare la salute del suolo (stato ecologico elevato, buono, moderato, suoli degradati e criticamente degradati). I suoli con uno stato ecologico buono o elevato sarebbero considerati sani.



Il Parlamento ha ora adottato la sua posizione in prima lettura. Il dossier sarà seguito dal nuovo Parlamento dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.

Si stima che circa il 60-70% dei suoli europei si trovi in ​​uno stato malsano a causa di problemi quali l’espansione urbana, i bassi tassi di riciclaggio dei terreni, l’intensificazione dell’agricoltura e il cambiamento climatico. Secondo la Commissione europea, il degrado dei suoli è uno dei principali motori della crisi climatica e della biodiversità e riduce la fornitura di servizi ecosistemici chiave che costano all’UE almeno 50 miliardi di euro all’anno.

Questa legislazione risponde alle aspettative dei cittadini di proteggere e ripristinare la biodiversità, il paesaggio e gli oceani e di eliminare l’inquinamento, come espresso nelle proposte 2(1), 2(3), 2(5) delle conclusioni della Conferenza sul futuro dell’Europa .
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie




La riduzione delle disparità territoriali è un caposaldo dell’integrazione europea e risale al Trattato di Roma del 1957, che si poneva l’obiettivo di “ridurre le differenze esistenti tra le varie regioni e l’arretratezza delle regioni meno favorite”. La politica di coesione non è solo l’espressione più visibile della solidarietà dell’UE, ma anche un pilastro centrale del suo modello di crescita.

Lo afferma una nota sul sito della DG Sviluppo regionale e urbano dell’UEU.

Una nuova storia di dati fornisce una breve panoramica dello stato della “coesione economica” nell’UE valutando la convergenza economica a lungo termine tra le regioni negli ultimi 20 anni.

Si concentra sulla convergenza delle regioni dell’Europa centrale e orientale. E sottolinea che alcune parti d’Europa, tuttavia, hanno trovato più difficile la convergenza, soprattutto in un contesto di crescita complessivamente inferiore nelle economie avanzate.

La storia presenta anche variazioni regionali all’interno dei paesi e la ripresa del PIL regionale dopo una profonda recessione indotta dalla pandemia.

Tendenze di convergenza regionale

Questa storia di dati è estratta dal 9° Rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale nell’Unione europea (2024).

Scopri di più sul Rapporto sulla Coesione .
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato il 10 aprile la selezione di 42 nuovi progetti per la realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi, che riceveranno oltre 424 milioni di € da fondi unionali. I progetti contribuiranno all’installazione di punti di ricarica elettrica e di stazioni di rifornimento di idrogeno, come pure all’elettrificazione degli aeroporti, avvicinando l’Europa agli obiettivi del Green Deal. I finanziamenti proverranno dallo strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi, che fa parte del meccanismo per collegare l’Europa (MCE).

Lo strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi, operante sulla base di un invito permanente a presentare progetti, finanzia la realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi lungo la rete transeuropea di trasporto (TEN-T) dell’UE. Il finanziamento rientra nella seconda fase dello strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi (2024-2025), che sostiene in particolare gli obiettivi stabiliti dal nuovo regolamento sull’infrastruttura per i combustibili alternativi (AFIR), oltre agli obiettivi stabiliti nei regolamenti ReFuelEU Aviation e FuelEU Maritime.

Attualmente, informa la Commissione, è aperto un invito a presentare candidature nell’ambito dello strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi, con una dotazione di un miliardo di € per il periodo 2024-2025. Il primo termine per la presentazione delle candidature è il 24 settembre 2024.

Ulteriori informazioni disponibili qui.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Molti giovani non sono ancora in grado di contribuire in modo significativo ai dibattiti politici o possono farlo solo nell’ambito di programmi che non hanno elaborato da soli”, ha sottolineato il Segretario generale del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Mathieu Mori, elogiando a questo proposito l’importante lavoro svolto dal Consiglio congiunto sulla gioventù superare tali carenze nella partecipazione dei giovani.

Rivolgendosi al Consiglio in occasione della sua 50a riunione presso il Centro europeo della gioventù di Budapest il 9 e 10 aprile 2024, ha sottolineato che esistono già numerose interazioni tra le attività giovanili intraprese dal Congresso e gli organismi intergovernativi sulla gioventù, e ha sottolineato le opportunità per rafforzare questo partenariato in vista della Presidenza del Comitato dei Ministri di Malta nel 2025, che mirava a mettere le politiche giovanili al centro della scena.

Grande interesse nel perseguire una stretta collaborazione con il Congresso è stato espresso dai membri sia del Comitato direttivo europeo per la gioventù che del Consiglio consultivo per i giovani che partecipano regolarmente al Consiglio congiunto sotto la struttura di cogestione del settore giovanile del Consiglio d’Europa. In uno scambio dinamico sono stati ricordati i risultati di precedenti attività di cooperazione, ad esempio nei settori della gioventù rurale o del lavoro giovanile nei quartieri svantaggiati.

In questa occasione, il Segretario Generale ha annunciato la nuova revisione della Carta europea riveduta sulla partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale – un processo appena avviato dal Congresso nell’anno del 10 ° anniversario della propria Iniziativa dei delegati “Ringiovanire la politica” .
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto attraverso un comunicato aver deciso il 10 aprile di registrare un’iniziativa dei cittadini europei (ICE) dal titolo “La mia voce, la mia scelta: per un aborto sicuro e accessibile”.

Gli organizzatori dell’iniziativa chiedono alla Commissione di presentare una proposta di sostegno finanziario agli Stati membri per consentire l’interruzione sicura della gravidanza per chiunque in Europa non abbia accesso all’aborto sicuro e legale.

L’iniziativa non riguarda la concessione del diritto all’aborto a livello comunitario e la decisione di registrazione deve essere vista entro i limiti dell’articolo 168, paragrafo 7, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e entro i limiti entro i quali l’UE ha solo competenza di sostegno dell’azione degli Stati membri nel campo della politica sanitaria e dell’organizzazione e fornitura di servizi sanitari, compresa la salute sessuale e riproduttiva. La decisione di registrarsi è di natura giuridica eciò non pregiudica le conclusioni giuridiche e politiche finali della Commissione su questa iniziativa e le azioni che essa intraprenderebbe, se del caso, nel caso in cui l’iniziativa ottenga il sostegno necessario.

Poiché l’iniziativa dei cittadini europei soddisfa le condizioni formali stabilite nella legislazione pertinente, la Commissione europea ritiene che sia giuridicamente ammissibile. La Commissione non ha analizzato il merito delle proposte in questa fase.

A seguito della registrazione odierna, gli organizzatori hanno sei mesi di tempo per aprire la raccolta firme. Se un’iniziativa dei cittadini europei riceve un milione di dichiarazioni di sostegno entro un anno da almeno sette diversi Stati membri, la Commissione dovrà reagire. La Commissione dovrà decidere se dare seguito o meno alla richiesta e sarà tenuta a motivare le proprie ragioni.

L’iniziativa dei cittadini europei è stata introdotta con il trattato di Lisbona come strumento di definizione dell’agenda nelle mani dei cittadini. È stata lanciata ufficialmente nell’aprile 2012. Una volta formalmente registrata, un’iniziativa dei cittadini europei consente a un milione di cittadini di almeno sette Stati membri dell’UE di invitare la Commissione europea a proporre atti giuridici nei settori in cui ha il potere di agire. Le condizioni di ammissibilità sono: (1) l’azione proposta non esula manifestamente dall’ambito dei poteri della Commissione di presentare una proposta di atto giuridico, (2) non è manifestamente abusiva, futile o vessatoria e (3) è non manifestamente contrario ai valori dell’Unione.

Dall’avvio dell’iniziativa dei cittadini europei, la Commissione ha registrato 111 iniziative.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 392NO NEW POSTS