E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, ha ospitato il 29 novembre un forum ad alto livello per promuovere una più stretta cooperazione con i paesi e le organizzazioni partner al fine di ampliare le vie sicure e legali per le persone bisognose di protezione.Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Rappresentanti di alto livello degli Stati membri dell’UE, degli Stati Uniti, del Canada e del Regno Unito hanno partecipato, insieme all’UNHCR e all’OIM, alle organizzazioni della società civile, ai rifugiati e alle imprese coinvolte nei percorsi complementari per il lavoro. Il Forum ha affermato la volontà comune di sostenere la protezione alla luce dei conflitti in corso in tutto il mondo. Le discussioni si sono incentrate sulla creazione di programmi più resilienti e sull’offerta di percorsi innovativi legati al lavoro, oltre al reinsediamento.

16 Stati membri dell’UE hanno promesso più di 29 000 posti per il reinsediamento e l’ammissione umanitaria per il 2023, compreso il sostegno continuato e ampliato agli afgani bisognosi di protezione. Una volta attuati, questi impegni attiveranno il sostegno finanziario dell’UE per i programmi di reinsediamento e ammissione umanitaria degli Stati membri. La Commissione ha stanziato a tal fine 480 milioni di euro nel periodo 2023-2025.

Dal febbraio 2022, le persone in Europa hanno aperto le loro case per ospitare coloro che fuggono dall’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia. Questa è stata una dimostrazione di solidarietà senza precedenti. Per fornire orientamenti mirati nell’organizzazione di iniziative di alloggi privati ​​per coloro che fuggono dall’Ucraina, la Commissione ha pubblicato gli orientamenti Case sicure.

Basandosi su questa esperienza, la Commissione europea “continuerà a lavorare per espandere i programmi di sponsorizzazione della comunità per sostenere il reinsediamento, l’ammissione umanitaria e altri percorsi complementari”. La Commissione fornirà sostegno finanziario tramite il Fondo Asilo, migrazione e integrazione alla Federazione internazionale della Croce Rossa (IFRC) per l’attuazione di un progetto per sostenere gli ospiti e sviluppare buone pratiche che possano essere replicate per esigenze future.

Oltre al reinsediamento, il Forum ha sottolineato le opportunità di percorsi complementari legati al lavoro. Questi offrono ai rifugiati qualificati un percorso innovativo verso la protezione e l’accesso al mercato del lavoro dell’UE, contribuendo così a far fronte allo stesso tempo a gravi carenze di manodopera. Gli Stati membri sono stati incoraggiati a sviluppare tali percorsi complementari. La Commissione fornirà nuovi finanziamenti per i progetti transnazionali legati a questa priorità.

La Commissione continuerà a lavorare per sfruttare l’esperienza dei paesi partner internazionali e di altre parti interessate chiave sui programmi di mobilità del lavoro. Ciò include una collaborazione più stretta con la Global Taskforce on Refugee Labour Mobility, una coalizione di partner che mira a promuovere percorsi di lavoro complementari.

All’inizio del 2023 la Commissione pubblicherà un invito a presentare proposte per azioni transnazionali dell’Unione nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione per sostenere la condivisione delle migliori pratiche e la creazione di partenariati per l’integrazione. Ciò includerà il finanziamento di progetti incentrati sulla sponsorizzazione della comunità e percorsi complementari legati al lavoro. Maggiori informazioni saranno disponibili nel programma di lavoro e sul Portale Finanziamenti e Gare.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel secondo trimestre del 2022, la maggior parte delle persone negli Stati membri dell’UE che hanno partecipato alla raccolta di dati trimestrali sulle condizioni di vita ha segnalato crescenti difficoltà nel far quadrare i conti, rispetto ai trimestri precedenti, riflettendo l’aumento dei prezzi dall’inizio del 2022. Queste informazioni provengono dai dati sull’impatto del COVID-19 sulle condizioni di vita ed è il risultato di una raccolta di dati di nuova concezione con la partecipazione di 11 Stati membri. I primi risultati di questa raccolta sono stati rilasciati a giugno.

Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea.
Nel secondo trimestre del 2022, la quota di popolazione che potrebbe sbarcare il lunario facilmente o molto facilmente variava dal 3,6% in Bulgaria al 40,5% in Finlandia. La quota è diminuita rispetto al trimestre precedente in tutti i nove paesi per i quali sono disponibili i dati, ad eccezione dell’Italia (+0,3 punti percentuali (pp) ). Il calo più elevato della quota di popolazione che potrebbe sbarcare il lunario facilmente o molto facilmente nel secondo trimestre del 2022 rispetto al trimestre precedente è stato registrato in Slovenia (-4,4 pp) e Austria (-4,0 pp).

Tuttavia, la quota di popolazione in grado di sbarcare il lunario con grande difficoltà o con difficoltà è aumentata nei trimestri. Nel secondo trimestre del 2022, questa quota è aumentata rispetto al primo trimestre del 2022 in tutti i paesi partecipanti, ad eccezione di Slovenia e Finlandia, dove è diminuita rispettivamente di 0,1 punti percentuali e 0,5 punti percentuali. Nello stesso trimestre, i maggiori incrementi di questa quota sono stati registrati in Francia (+5,6 pp) e Austria (+2,7 pp).

La quota di popolazione che riusciva a sbarcare il lunario con grande difficoltà o con difficoltà variava tra l’11,0% in Finlandia e il 39,8% in Bulgaria.

I dati mostrano che più di una persona su cinque ha avuto grandi difficoltà o difficoltà a sbarcare il lunario in Bulgaria, Slovacchia, Italia e Francia.

Statistiche Eurostat sulle condizioni di vita – statistiche trimestrali Sezione Eurostat tematica su COVID-19 Database Eurostat su COVID-19 – condizioni di vita
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Alla vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), la Commissione europea ha annunciato il 24 novembre il numero armonizzato a livello dell’UE per le linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne : 116 016.

Le donne vittime di violenza potranno chiamare lo stesso numero in tutta l’UE per ottenere consulenza e sostegno. Finora, 15 Stati membri si sono impegnati a collegare a questo numero la loro attuale linea di assistenza per le vittime di violenza contro le donne. Il termine entro il quale gli Stati membri devono riservare il numero comune dell’UE per connettersi alle linee di assistenza nazionali è la fine di aprile 2023.

Per maggiori informazioni

UE: Porre fine alla violenza di genere

Scheda informativa UE– Sostenere la parità di genere

Sito web – Numero europeo di linee di assistenza per le vittime di violenza contro le donne
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Per motivi economici, fisiologici e socioculturali, le donne rischiano di trovarsi in condizioni di povertà energetica più facilmente degli uomini. Alla luce delle recenti allarmanti statistiche, dal dibattito tematico organizzato dal Comitato economico e sociale europeo (CESE) è emersa un’esortazione all’UE affinché adotti politiche in cui il genere sia considerato un fattore specifico.

Il dibattito del CESE si è svolto recentemente a Bruxelles, organizzato dalla sezione Trasporti, energia, infrastrutture e società dell’informazione (TEN) del CESE, a seguito dell’iniziativa del Parlamento europeo riguardante la Settimana europea per l’uguaglianza di genere.

La povertà energetica rispecchia la disuguaglianza di genere, e pertanto colpisce le donne in misura maggiore rispetto agli uomini; l’Unione europea può combattere efficacemente questo problema solo adottando un approccio attento alla dimensione di genere in tutte le sue politiche.

Le statistiche relative alle donne in condizioni di povertà energetica in tutto il mondo sono spaventose. Oggi, tenuto conto dell’inizio della stagione invernale e dell’aumento dei prezzi dell’energia, la situazione appare più urgente che mai.

Nel corso del dibattito è stata sottolineata la gravità della questione: La povertà energetica è un problema strutturale. Non riguarda solo i prezzi dell’energia, ma anche il reddito, e colpisce le persone più vulnerabili, che sono per lo più donne.

Perché le donne sono più esposte al rischio di povertà energetica rispetto agli uomini La povertà energetica allarga e aggrava ulteriormente il divario di genere a livello mondiale; nei paesi in via di sviluppo vivono in condizioni di povertà 1,3 miliardi di persone, e circa il 70 % sono donne.

Secondo gli studi più recenti, le donne hanno più probabilità di trovarsi in condizioni di povertà energetica in quanto sono i principali utilizzatori e produttori di energia domestica.

Il dibattito ha fatto emergere che le donne e le famiglie guidate da donne sono colpite in modo sproporzionato dalla povertà energetica per una serie di motivi: fisiologici (sensibilità al caldo e al freddo), legati alla salute (stress mentale, fisico e sociale), economici (divario di genere retributivo, di assistenza e pensionistico, genitori soli) e socioculturali (ruoli di genere, responsabilità di assistenza, processi decisionali e rappresentanza).

Il genere dovrebbe essere un fattore chiave nell’elaborazione delle politiche dell’UE Nell’Unione europea sono disponibili dati limitati sull’impatto della povertà energetica sugli uomini e sulle donne.

Nel 2016 il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione specifica sull’accesso all’energia, chiedendo politiche energetiche sensibili al genere e un’attenzione particolare per le donne con esigenze specifiche. Purtroppo questo invito ad agire è stato in gran parte ignorato.

Di conseguenza, solo pochi Stati membri hanno adottato definizioni e indicatori, ma questi di solito non prendono in considerazione il genere.

Esistono tuttavia statistiche che confermano come le donne siano più colpite dalla povertà energetica rispetto agli uomini. Da uno studio realizzato a Barcellona nel 2016 è emerso che il 70 % delle sovvenzioni ai servizi sociali per combattere la povertà energetica è stato concesso a donne.

Le madri sole sono particolarmente vulnerabili. Il rischio di povertà energetica è più elevato per le famiglie monoparentali, e l’80 % di queste è costituito da donne.

Anche le donne anziane hanno maggiori probabilità di trovarsi in condizioni di povertà energetica a causa dell’aspettativa di vita più elevata e di pensioni inferiori rispetto agli uomini.

Non vi è dubbio che le donne siano le prime a soffrire per le conseguenze dei tagli ai bilanci pubblici a livello locale, ad esempio una minore illuminazione stradale e la riduzione dei trasporti pubblici, in quanto sono gli utenti più frequenti di questi servizi.

La sezione TEN riunirà ora tutti questi contributi e li trasformerà in proposte concrete della società civile per contribuire ad affrontare la povertà energetica attraverso una prospettiva di genere. La questione sarà discussa ulteriormente in occasione del prossimo convegno del CESE sulla povertà energetica, che si terrà nel luglio 2023.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Si stima che 5,7 milioni di bambini in età scolare in Ucraina siano stati colpiti dall’aggressione ingiustificata della Russia e migliaia di scuole e strutture siano state danneggiate.

Lo rende noto il sito della Rappresentanza italiana della Commissione europea.

La Commissione europa invita le entità pubbliche e private nell’UE e oltre a unire le forze e mostrare solidarietà, donando nei prossimi mesi autobus che sono essenziali per riportare i bambini ucraini nelle loro scuole in sicurezza
.

I potenziali donatori possono farlo attraverso il meccanismo di protezione civile dell’UE (UCPM), che è già stato fondamentale nel fornire un sostegno vitale all’Ucraina e alla sua popolazione, tra cui alloggi, cibo, attrezzature ospedaliere, ambulanze, camion dei pompieri e molto altro.

Se si è un ente pubblico o un’azienda privata con sede nell’UE e si desidera donare autobus, contattare il punto focale del meccanismo nazionale di protezione civile dell’UE (UCPM): Punti focali dell’UCPM nei paesi dell’UE: Italia

Si può anche contattare la Rappresentanza della Commissione UE in Italia che può fornire ulteriori informazioni.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Comitato europeo delle regioni (CdR) informa sul proprio sito di essersi unito a Orange The World per mostrare l’impegno delle città e delle regioni europee a fermare questa violazione dei diritti delle donne. Progettando spazi pubblici più sicuri per le donne, aprendo centri di accoglienza per le donne o integrando l’uguaglianza di genere in tutte le politiche, compiamo sforzi concreti per porre fine alla violenza che colpisce ancora così tante donne e ragazze nell’UE.

“Chiediamo alle istituzioni dell’UE, scrive il CdR, di adottare rapidamente misure legislative per porre fine alla violenza contro le donne e a tutti gli Stati membri di aderire alla Convenzione di Istanbul“.

Come mostrato dalla relazione annuale del Comitato europeo delle regioni sullo stato delle città e delle regioni, sono necessarie misure specifiche per affrontare la violenza contro le donne in politica.

Nella giornata della violenza internazionale contro le donne, il presidente del Comitato europeo delle regioni, Vasco Alves Cordeiro, ha condiviso una dichiarazione sulla necessità che le autorità locali e regionali, i governi nazionali e le istituzioni dell’UE ne facciano una priorità e adottino misure legislative per prevenire e combattere ogni forma di violenza contro le donne e le ragazze.​​
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C 450 del 28 novembre pubblica l’avviso relativo alla Mediatrice europea che ha presentato la sua relazione annuale per l’anno 2021 al Presidente del Parlamento europeo.

“Il mio ufficio, scrive la Mediatrice Emily O’Reilly, ha continuato ad attuare la strategia «Verso il 2024» mediante una gestione efficiente delle denunce e l’avvio di indagini strategiche in settori di interesse generale, anche per quanto riguarda l’impatto della pandemia sul lavoro delle istituzioni. Quest’anno ho posto nuovamente l’accento sul modo in cui le istituzioni dell’Unione europea (UE) gestiscono il passaggio del personale dalla pubblica amministrazione dell’UE al settore privato, il fenomeno delle cosiddette «porte girevoli». Senza un adeguato controllo dei rischi, gli effetti possono essere dannosi e minare la fiducia dei cittadini”.

VAI Alla RELAZIONE ANNUALE
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo ha adottato il 24 novembre una risoluzione sulla situazione dei diritti umani nel contesto della Coppa del mondo FIFA in Qatar. Il PE sottolinea che il Qatar ha vinto la procedura di gara della Coppa del mondo FIFA in un contesto di accuse credibili di corruzione e concussione, e deplora la morte e gli infortuni di migliaia di lavoratori migranti, principalmente nel settore delle costruzioni, che hanno aiutato il paese a prepararsi per il torneo.

Nel descrivere la corruzione all’interno della FIFA come “dilagante, sistemica e profondamente radicata”, il PE deplora la mancanza di trasparenza e la chiara mancanza di una valutazione responsabile dei rischi che ha caratterizzato la scelta del Qatar come paese ospitante della Coppa del mondo FIFA nel 2010, sottolineando come la FIFA abbia seriamente danneggiato l’immagine e l’integrità del calcio mondiale.

Il Parlamento esorta i Paesi UE, in particolare quelli con grandi leghe nazionali di calcio, come la Germania, la Francia, l’Italia e la Spagna, a esercitare pressioni sulla UEFA e sulla FIFA affinché quest’ultima si impegni a realizzare riforme fondamentali. Tra queste, l’introduzione di procedure democratiche e trasparenti per l’assegnazione dei mondiali di calcio e la rigorosa applicazione dei diritti umani e dei criteri di sostenibilità per i paesi ospitanti.

Per proteggere atleti e tifosi e porre fine alla pratica del cosiddetto “sportswashing”, gli eventi sportivi internazionali non dovrebbero essere assegnati ai paesi che violano i diritti fondamentali e umani e dove la violenza di genere è sistematica.

Secondo le stime, in Qatar vi sono più di due milioni di cittadini stranieri che costituiscono circa il 94% della forza lavoro del paese. I deputati europei hanno accolto con favore il fatto che, secondo l’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) il governo del Qatar abbia rimborsato 320 milioni di dollari alle vittime di abusi salariali attraverso il Fondo di sostegno e assicurazione ai lavoratori.

Tuttavia, deplorano l’esclusione di milioni di lavoratori e delle loro famiglie dalla sua applicazione e chiedono di ampliare il fondo in modo da includere tutte le vittime dall’inizio dei lavori correlati alla Coppa del mondo FIFA del 2022, compresi tutti i casi di morte e le altre violazioni dei diritti umani. Chiedono inoltre alla FIFA di contribuire a un programma di risarcimento completo per le famiglie dei lavoratori, come indennizzo per le condizioni di lavoro subite.

Riconoscendo l’importante contributo dei lavoratori migranti all’economia del Qatar e alla Coppa del Mondo FIFA 2022, il Parlamento europeo ha esortato le autorità del Qatar a condurre un’indagine esaustiva sulle loro morti. Sostiene inoltre gli sforzi del Qatar tesi a migliorare le condizioni di lavoro e i diritti dei lavoratori, come evidenziato dalla comunità internazionale, ma chiede la piena attuazione delle riforme adottate.

L’Assemblea di Strasburgo ha deplorato anche gli abusi perpetrati dalle autorità del Paese nei confronti della comunità LGBTQ+, incluso l’uso di leggi nazionali che consentono la custodia cautelare delle persone LGBTQ+ senza capi d’imputazione o processo fino a sei mesi. Nella risoluzione, si esorta il Qatar a rafforzare le misure volte a garantire la parità di genere, anche abolendo quel che resta del sistema di tutela delle donne, e a intensificare gli sforzi per conseguire un’equa rappresentanza delle donne nel mercato del lavoro formale.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 35NO NEW POSTS