E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha erogato 5,9 miliardi di euro di prefinanziamenti nell’ambito del Fondo per una transizione giusta (JTF) alle regioni europee. Ciò è stato reso possibile dall’entrata in vigore dell’iniziativa Strategic Technologies for Europe Platform (STEP) il 1° marzo, che mira a incrementare gli investimenti nelle tecnologie critiche in Europa, sfruttando e indirizzando le risorse attraverso vari programmi di finanziamento dell’UE.

Ciascuno Stato membro riceverà oltre il 30% della propria dotazione nazionale nell’ambito del JTF per il periodo di bilancio 2021-2027, consentendo un aumento del prefinanziamento per i progetti JTF in 96 territori in tutta l’UE.

Focalizzandosi sulla transizione verde, il JTF sta già contribuendo agli obiettivi di STEP. Ora, con questa iniezione di liquidità, il JTF rafforzerà il suo sostegno a nuove capacità produttive e progetti in settori strategici, come le tecnologie digitali, l’innovazione tecnologica profonda, le tecnologie pulite ed efficienti sotto il profilo delle risorse e le biotecnologie. La possibilità di utilizzare questi fondi per sostenere enti del settore privato nelle regioni con capacità di finanziamento più debole contribuirà inoltre a rafforzare la parità di condizioni nel mercato unico e a rafforzare la coesione territoriale.

Il JTF sta contribuendo allo sviluppo di iniziative di economia circolare nella regione del Nord Savo, in Finlandia, sostenendo un progetto che sta producendo nuovi prodotti privi di fossili con l’utilizzo e la commercializzazione di nuovi materiali a base biologica. Ciò migliorerà l’economia dell’idrogeno a livello locale e amplierà le operazioni di ricerca e sviluppo nella bioeconomia nella regione.

Il JTF è il primo pilastro del meccanismo per una transizione giusta (JTM). È attuato in regime di gestione concorrente, nel quadro generale della politica di coesione, che è la principale politica dell’UE volta a ridurre le disparità regionali e ad affrontare i cambiamenti strutturali nell’UE. Dotato di un bilancio totale di 19,3 miliardi di euro, il JTF contribuisce a garantire che la transizione verso un’economia climaticamente neutra non lasci indietro nessuno, alleviando l’impatto della transizione climatica, sostenendo la diversificazione economica locale, la riqualificazione dei lavoratori e delle persone in cerca di lavoro e la riconversione delle specifiche regioni dell’UE.

STEP è la risposta dell’Europa per rispondere alle esigenze dell’industria dell’UE e stimolare gli investimenti nelle tecnologie critiche in Europa. STEP mira a rafforzare, sfruttare e indirizzare i fondi dell’UE verso l’innovazione deep-tech, le tecnologie digitali, biologiche, pulite ed efficienti sotto il profilo delle risorse, nell’UE e nelle persone che possono implementare tali tecnologie nell’economia.

A tal fine, STEP introduce priorità dedicate al Fondo europeo di sviluppo regionale, al Fondo di coesione e al Fondo sociale europeo+ . Queste priorità possono aprire il sostegno alle grandi imprese nelle regioni meno sviluppate e in transizione, e alle regioni più sviluppate negli Stati membri con un PIL pro capite inferiore alla media dell’UE. Le priorità di STEP possono beneficiare di maggiori cofinanziamenti e prefinanziamenti da parte dell’UE, che contribuiranno ad accelerare l’attuazione dei progetti.

Inoltre, gli Stati membri potranno includere progetti STEP nella revisione dei loro piani di ripresa e resilienza e contribuire al fondo InvestEU per raggiungere gli obiettivi STEP.

Il Regolamento istitutivo dello STEP è entrato in vigore il 1° marzo 2024.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha proposto nei giorni scorsi il Net-Zero Industry Act per aumentare la produzione di tecnologie pulite nell’UE e garantire che l’Unione sia ben attrezzata per la transizione verso l’energia pulita. Questa iniziativa è stata annunciata dal presidente della Commissione europea von der Leyen come parte del piano industriale del Green Deal.

La legge rafforzerà la resilienza e la competitività della produzione di tecnologie net-zero nell’UE e renderà il nostro sistema energetico più sicuro e sostenibile.

Creerà condizioni migliori per avviare progetti net-zero in Europa e attrarre investimenti, con l’obiettivo che la capacità di produzione di tecnologie net-zero strategiche complessive dell’Unione si avvicini o raggiunga almeno il 40% del fabbisogno di diffusione dell’Unione entro il 2030.

Ciò accelererà i progressi verso gli obiettivi climatici ed energetici dell’UE per il 2030 e la transizione verso la neutralità climatica, rafforzando nel contempo la competitività dell’industria dell’UE, creando posti di lavoro di qualità e sostenendo gli sforzi dell’UE per diventare indipendenti dal punto di vista energetico.

Insieme alla proposta di una legge europea sulle materie prime critiche e alla riforma dell’assetto del mercato dell’elettricità, la legge sull’industria netta zero stabilisce un quadro europeo chiaro per ridurre la dipendenza dell’UE da importazioni altamente concentrate. Attingendo alle lezioni apprese dalla pandemia di Covid-19 e dalla crisi energetica innescata dall’invasione russa dell’Ucraina, contribuirà ad aumentare la resilienza delle catene di approvvigionamento di energia pulita in Europa.

Scheda informativa sul Net-Zero Industry Act
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In risposta alla comunicazione della Commissione euroea su “Un piano industriale del Green Deal per l’era a zero emissioni nette”, il Parlamento europeo (PE) ha adottato una risoluzione che invita la Commissione a elaborare una strategia efficace per ridistribuire, trasferire e rilocalizzare le industrie in Europa. Sottolineano l’importanza di rafforzare la forza produttiva dell’UE in tecnologie strategiche come l’energia solare ed eolica, le pompe di calore e le batterie.

Il PE chiede l’espansione e la commercializzazione di tecnologie strategiche per colmare il divario fra innovazione e diffusione sul mercato. Secondo il testo, sono necessarie procedure di autorizzazione rapide e una certa prevedibilità al fine di porre in atto nuovi progetti volti a utilizzare fonti di energia pulita e rinnovabile il più rapidamente possibile.

L’obiettivo generale della politica dell’UE deve essere quello di garantire la leadership europea nelle tecnologie energetiche pulite per migliorare la base industriale esistente e sostenerne la trasformazione in futuro, nell’ottica di creare posti di lavoro di qualità e una crescita economica per tutti gli europei ai fini del conseguimento degli obiettivi del Green Deal.

Per raggiungere questo obiettivo, l’Assemblea di Strasburgo sostiene che l’UE debba adottare tutte le misure necessarie per accelerare le capacità di produzione di energia sicura, pulita e a prezzi accessibili, da mettere a disposizione delle industrie, e per aumentare il risparmio energetico e le misure di efficienza energetica.

Per il Parlamento è inoltre prioritario un accesso sicuro alle materie prime critiche, fondamentali per realizzare la trasformazione ecologica e digitale e chiedono autorizzazioni più rapide e trasparenti per i progetti strategici europei in questo settore.

Il PE insiste che l’istituzione di un Fondo europeo per la sovranità potrebbe evitare la frammentazione causata dalle diverse strategie nazionali e garantire una risposta europea alla crisi attuale veramente coesa. Il Fondo dovrebbe rafforzare l’autonomia strategica aperta e le transizioni verde e digitale in modo globale, essere integrato nel bilancio pluriennale dell’UE e mobilitare investimenti privati.

Il Parlamento si oppone a qualsiasi tentativo di allentare le norme sugli aiuti di Stato senza fornire una soluzione europea a tutti i Paesi UE che non dispongono di ampie capacità di bilancio per poter fare affidamento su massicci aiuti di Stato.

Le norme dell’UE sugli aiuti di Stato dovrebbero essere semplificate solo per consentire una flessibilità mirata, temporanea, proporzionata e coerente con gli obiettivi politici dell’UE.

Strasburgo invita la Commissione ad adottare una posizione più decisa nella lotta alla concorrenza globale sleale causata da aiuti di Stato ingiustificati. Inoltre, esprimono preoccupazione per le disposizioni dell’IRA (Inflation Reduction Act), che discriminano le imprese dell’UE. La Commissione dovrebbe collaborare con gli Stati Uniti per garantire che l’UE rientri nelle eccezioni previste dall’IRA per i Paesi che partecipano a una cooperazione di libero scambio e che i prodotti europei siano ammissibili ai crediti d’imposta allo stesso modo dei prodotti statunitensi.

Il 1° febbraio, la Commissione europea ha presentato il piano industriale Green Deal per l’economia verde per stimolare lo sviluppo delle tecnologie pulite nell’UE e garantire l’autonomia strategica riducendo la sua dipendenza dai Paesi terzi.
0