E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nei giorni scorsi è entrato in vigore il nuovo quadro di governance economica dell’Unione europea, concepito per rafforzare la sostenibilità del debito degli Stati membri e promuovere una crescita sostenibile e inclusiva di questi ultimi. Lo comunica in una nota la Commissione europea. Secondo Bruxelles, si tratta della riforma più significativa, ampia e ambiziosa delle norme di governance economica dell’UE dall’inizio della crisi finanziaria, poiché ridefinisce le norme economiche dell’Unione.

Il nuovo quadro promuoverà politiche di bilancio sane, oltre a riforme e investimenti che stimolino la crescita, in linea con le priorità europee. Contribuirà a rendere l’UE più competitiva e meglio preparata alle sfide future, sostenendo i progressi verso un’economia verde, digitale, inclusiva e resiliente e consolidando la capacità di sicurezza dell’Europa. Affronta inoltre le carenze del quadro precedente rendendolo più semplice, trasparente ed efficace, garantendo una maggiore titolarità nazionale e una migliore applicazione delle norme. Le norme tengono conto della necessità di ridurre gradualmente e in modo duraturo l’aumento dei livelli di debito pubblico, compreso quello derivante dalla pandemia di COVID-19.

Dopo un lungo periodo di riflessione e consultazioni, la Commissione aveva presentato recentemente le proposte legislative di riforma del quadro. Nell’aprile 2024 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno formalmente adottato la legislazione, che è ora in vigore.

La prossima tappa fondamentale di transizione al nuovo quadro sarà la presentazione del pacchetto di primavera del semestre europeo il 19 giugno, quando la Commissione fornirà orientamenti agli Stati membri per l’elaborazione dei rispettivi piani strutturali nazionali di bilancio a medio termine. Tali piani, che definiranno gli obiettivi di bilancio degli Stati membri, le riforme prioritarie e gli investimenti, dovranno essere presentati alla Commissione entro il 20 settembre 2024.

Maggiori informazioni sul nuovo quadro sono disponibili nella sezione domande e risposte.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha approvato uno schema italiano da 100 milioni di euro a sostegno della produzione di elettrolizzatori per favorire la transizione verso un’economia net-zero, in linea con il Piano Industriale Green Deal. Il regime è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo di crisi e transizione per gli aiuti di Stato, adottato dalla Commissione il 9 marzo 2023 per sostenere misure in settori fondamentali per accelerare la transizione verde e ridurre la dipendenza dai combustibili. Il nuovo Quadro modifica e prolunga in parte il Quadro Temporaneo di Crisi, adottato il 23 marzo 2022 per consentire agli Stati membri di sostenere l’economia nel contesto dell’attuale crisi geopolitica, già modificato il 20 luglio 2022 e il 28 ottobre 2022.

Il 7 agosto 2023 l’Italia ha notificato alla Commissione, nell’ambito del quadro temporaneo di crisi e transizione, un regime da 100 milioni di euro a sostegno della produzione di elettrolizzatori per favorire la transizione verso un’economia a zero emissioni nette.

Nell’ambito di questa misura, l’aiuto assumerà la forma di sovvenzioni dirette. Lo scopo del regime è quello di rafforzare le capacità per la produzione di attrezzature strategiche necessarie per la diversificazione delle fonti energetiche. La misura sarà aperta a tutti i settori, ad eccezione delle istituzioni finanziarie.

La Commissione ha ritenuto che il regime italiano sia in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo di crisi e transizione. In particolare, gli aiuti incentivino la produzione di attrezzature necessarie per la transizione verso un’economia a zero emissioni nette; e sarà concesso entro e non oltre il 31 dicembre 2025.

La Commissione europea ha concluso che il regime italiano è necessario, appropriato e proporzionato per accelerare la transizione verde e facilitare lo sviluppo di alcune attività economiche, che sono importanti per l’attuazione del piano REPower EU e del piano industriale Green Deal.

Su questa base, la Commissione ha approvato la misura di aiuto ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.

Maggiori informazioni sul quadro temporaneo di crisi e transizione e sulle altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l’impatto economico della guerra della Russia contro l’Ucraina e favorire la transizione verso un’economia a zero emissioni nette possono essere trovate qui.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La guerra in Ucraina ha rafforzato l’opportunità per l’UE di adattare la cooperazione alle diverse priorità dei vicini dell’UE a est, sostiene il Comitato europeo delle regioni (CdR) in una nota sul proprio sito.

La guerra in Ucraina dovrebbe indurre l’Unione europea ad adattare il modo in cui opera con i paesi ai suoi confini orientali, sostiene il Comitato europeo delle regioni in un parere che invita l’UE ad adottare un approccio più flessibile nei confronti di ciascuno dei sei paesi della partenariato orientale e a collaborare più strettamente con gli enti locali e regionali.

Il parere sul futuro del partenariato orientale in una prospettiva locale e regionale è stato elaborato dal Comitato europeo delle regioni su propria iniziativa, ma integra un dibattito più ampio all’interno dell’Unione europea sulla scia del tentativo della Russia di impadronirsi dell’intera dell’Ucraina su come adattare il quadro del partenariato orientale a un contesto più impegnativo.

L’UE aveva già differenziato la sua cooperazione con i sei membri del partenariato orientale (PO) – Ucraina, Bielorussia, Moldavia, Armenia, Azerbaigian e Georgia – prima dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, ma le strade scelte dai paesi del partenariato orientale si sono ulteriormente differenziate negli ultimi 12 mesi, con gli Stati membri dell’UE che concordano nel giugno 2022 per conferire all’Ucraina e alla Moldavia lo status di candidati all’adesione. Hanno inoltre confermato la loro disponibilità a concedere alla Georgia uno status analogo, fatte salve ulteriori riforme.

Il parere del CdR, adottato il 15 marzo, suggerisce inoltre che l‘UE guardi alla regione in modo più globale, individuando forme di cooperazione potenziale – attraverso il partenariato orientale (PO) – con i paesi dei Balcani e dell’Europa centrale Asia.

Il parere del CdR sostiene l’agenda fissata per il partenariato orientale sulla scia della pandemia di COVID – ripresa, resilienza e riforma – ma sostiene che, a seguito dell’invasione della Russia, occorre porre maggiormente l’accento sulla resilienza dell’energia e dei trasporti e sull’avanzamento della transizione verso un’economia verde e digitale. Il parere sostiene inoltre che le autorità regionali e locali dovrebbero avere una maggiore influenza sulla definizione delle priorità del partenariato orientale in aree in cui le regioni e le città hanno generalmente responsabilità significative.

Il 16 marzo il CdR ha ospitato una riunione dei politici dei paesi del partenariato orientale. La riunione della Conferenza degli enti regionali e locali per il partenariato orientale (CORLEAP) è stato copresieduta dal vicepresidente dell’Assemblea della città di Tbilisi, Zurab Abashidze, e dal Presidente del CdR Vasco Alves Cordeiro e ha preso in esame alcune delle nuove iniziative per cooperazione a livello locale e regionale nel partenariato orientale, nonché ha discusso il sostegno alle regioni e alle città in Ucraina. Il CdR ha creato CORLEAP nel 2011 per sostenere la dimensione locale e regionale del partenariato orientale, istituito nel 2009.
0

E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Italia riceverà un miliardo di € nell’ambito del Fondo per una transizione giusta a seguito dell’approvazione del suo piano territoriale per una transizione giusta. Questo sostegno dell’UE contribuirà al conseguimento di una transizione climatica giusta a Taranto (Puglia) e nel Sulcis Iglesiente (Sardegna) in quanto incoraggerà la diversificazione economica e la creazione di posti di lavoro in settori verdi, tra cui quello dell’energia rinnovabile. Lo rende noto il sito della Rappresentanza italiana della Commissione europea.

La transizione climatica della provincia di Taranto è condizionata dalla presenza della più grande acciaieria d’Europa: Acciaierie d’Italia (ex Ilva). Per trasformare la produzione dell’acciaio è indispensabile introdurre nuovi modelli imprenditoriali, garantire una maggiore disponibilità di energia rinnovabile e di idrogeno verde e riqualificare la forza lavoro.

Poiché nella provincia di Taranto un terzo dei lavoratori dell’industria è impiegato nel settore siderurgico, scrive la Commissione, il Fondo supporterà la riqualificazione di 4 300 lavoratori in vista di un loro reimpiego in posti di lavoro verdi connessi alla transizione verso l’energia pulita e all’economia circolare. Rafforzerà anche i servizi di cura, al fine di valorizzare il potenziale delle donne attualmente escluse dal mercato del lavoro e garantire un’assistenza alle persone più vulnerabili.

Il Fondo sosterrà la costruzione di turbine eoliche, lo sviluppo di idrogeno verde e la produzione di impianti geotermici per gli edifici della provincia, al fine di assicurare la disponibilità di energia rinnovabile per le attività economiche e residenziali a prezzi accessibili.

Finanzierà la realizzazione di centri servizi che aiuteranno le PMI a diversificare, nonché di hub e di acceleratori di impresa per lo sviluppo di competenze, la specializzazione intelligente e un supporto alla transizione industriale. Saranno finanziati progetti volti a introdurre soluzioni innovative per sfruttare il potenziale delle imprese culturali e creative, dell’aerospazio e di altri settori di eccellenza dell’economia locale.

Il Fondo concorrerà infine alla creazione di una cintura verde intorno alla città di Taranto: questa infrastruttura verde costituita da parchi urbani e aree naturalistiche contribuirà al ripristino dei terreni degradati e alla riduzione delle emissioni di CO2.

L’Italia si è impegnata a eliminare gradualmente la produzione di energia elettrica dal carbone entro il 2025. Questo impegno inciderà sull’area del Sulcis Iglesiente (Sardegna), sede dell’ultima miniera di carbone italiana, che presenta tuttavia un forte potenziale per la produzione di energia rinnovabile.

Il Fondo investirà in tale regione per stimolare la diversificazione economica negli ambiti dell’economia verde, dell’agricoltura, del turismo e dell’economia del mare. Il supporto sarà destinato in particolare alle microimprese per introdurre innovazioni di processo, di prodotto, organizzative e di marketing, mentre le PMI e le start-up beneficeranno di progetti di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico, soprattutto in chiave di economia circolare.

Il Fondo aiuterà 2 250 lavoratori ad acquisire nuove competenze attraverso corsi di formazione e rafforzerà il sostegno alle persone in cerca di lavoro e ai servizi dedicati alla creazione di nuove imprese.

Sarà agevolata la creazione di comunità energetiche rinnovabili volte a ridurre la povertà energetica. Il Fondo concorrerà anche a ridurre e ottimizzare il consumo energetico delle PMI incoraggiando l’uso di tecnologie pulite per la produzione di energia eolica, solare e marina. I siti contaminati saranno bonificati, riabilitati e destinati a nuove attività economiche.

Il Fondo per una transizione giusta garantisce che la transizione verso un’economia climaticamente neutra avvenga in modo equo, senza lasciare indietro nessuno, in particolare nelle regioni per cui la transizione è più difficile. I territori in questione sono individuati nel corso dei negoziati tra le autorità italiane e la Commissione per gli accordi di partenariato 2021-2027 e i programmi associati. La Commissione ha approvato l’accordo di partenariato con l’Italianel luglio 2022.

Per ulteriori informazioni

Il meccanismo per una transizione giusta: per non lasciare indietro nessuno

La piattaforma per una transizione giusta: accompagnare gli Stati membri e le regioni verso una transizione giusta

Ripartizione delle dotazioni per Stato membro a titolo del Fondo per una transizione giusta

Domande e risposte sul pacchetto legislativo sulla politica di coesione UE 2021-2027

Piattaforma Open Data Coesione

0