E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La mappa europea dei progetti dei Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza (PNRR) presenta esempi di investimenti finanziati in tutti gli Stati Membri dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza. Senza pretesa di esaustività, la mappa fornisce un’informazione diretta ai cittadini europei sui risultati concreti dei fondi PNRR, mostrando una selezione di progetti completati o in stato avanzato di attuazione.

Tutti gli enti attuatori del PNRR in Italia possono proporre i progetti PNRR di cui sono responsabili per l’inserimento nella mappa europea. Le proposte possono essere inviate per tutta la durata del PNRR e saranno considerate negli aggiornamenti periodici della mappa.

NB: Per essere inseriti nella mappa europea, i progetti devono essere completati o in uno stato avanzato di attuazione, ovvero presentare dei risultati già fruibili per i cittadini o, nel caso di progetti infrastrutturali, corrispondere ad un cantiere avviato.

Le proposte per la mappa europea devono essere inserite qui:

progetti PNRR per mappa europea

In caso di domande rivolgersi a COMM-REP-IT-ESO@ec.europa.eu

Fonte: Commissione europea, Rappresentanza in Italia
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Marc Cools, ha rilasciato la dichiarazione seguente:

“Il 24 febbraio 2024, sono trascorsi due anni dall’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Federazione russa. In tale contesto, l’Ufficio del Congresso ha adottato una Dichiarazioneù in cui condanna nuovamente l’attuale guerra di aggressione contro l’Ucraina e riafferma il suo incrollabile impegno a favore dell’indipendenza, della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale.

Dal suo inizio, due anni fa, questa guerra brutale ha causato decine di migliaia di vittime innocenti, nonché massicce distruzioni in tutta l’Ucraina, costringendo milioni di persone a fuggire dalle loro case e diffondendo la violenza e la disinformazione, con drammatiche ripercussioni a lungo termine sulle città e sulle comunità in Ucraina e in tutto il mondo.

Nella sua dichiarazione, l’Ufficio ha sottolineato l’importanza cruciale di rendere giustizia alle vittime e di riconoscere le responsabilità della Russia e ha accolto con favore l’istituzione del Registro dei danni per l’Ucraina, a cui darà sostegno assicurando che i reclami vengano trattati rapidamente, anche attraverso le autorità locali e regionali.

L’Ufficio ha aderito nuovamente all’appello della comunità internazionale affinché la Federazione russa ponga fine alla sua guerra ingiustificata e non provocata contro l’Ucraina e ritiri le sue truppe dal territorio ucraino in modo immediato, completo e incondizionato e ha condannato gli orribili reati di guerra e gli atti di possibile genocidio che sono stati commessi dalle forze russe.

L’Ufficio ha deplorato in particolar modo l’impatto della guerra sui bambini ucraini, compresi i bambini sfollati all’interno del loro paese, costretti a fuggire dall’Ucraina, separati dalle loro famiglie e/o deportati con la forza dalle autorità russe e ha chiesto agli enti locali e regionali dei luoghi in cui vivono attualmente questi minori di prendere misure globali per proteggerli.

L’Ufficio ha ribadito la sua solidarietà ai cittadini ucraini e ai loro rappresentanti eletti, i quali continuano a dimostrare un coraggio e una resilienza straordinari nella difesa del loro paese contro lo Stato aggressore, e ha chiesto alle città e alle regioni europee di continuare a fornire aiuti finanziari, di sicurezza e umanitari su larga scala ai loro omologhi ucraini, anche attraverso possibili partenariati diretti e multidimensionali.

L’Ufficio ha espresso sostegno alle iniziative di riforma dell’Ucraina nell’ambito della relativa richiesta di adesione all’Unione europea, nonché la sua ferma convinzione che la riforma del decentramento e dell’autonomia locale dell’Ucraina contribuisca in modo significativo alla sua resilienza a livello locale e regionale e ha sottolineato l’importanza di perseguire il processo di riforma durante la ripresa postbellica.

L’Ufficio è al fianco del popolo ucraino in questo momento storico decisivo per l’Ucraina e per tutto il mondo e crede in un futuro democratico comune fondato sul rispetto del diritto internazionale e in una pace giusta.”
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato nei giorni scorsi i risultati del suo invito annuale a presentare proposte per creare partenariati tra media europei al fine di rafforzare la resilienza del settore dei mezzi di informazione e il pluralismo dei media. Selezionati tra 74 proposte, 8 consorzi di agenzie di stampa hanno ricevuto un totale di quasi 12 milioni di €, da utilizzare per le loro attività nei prossimi due anni.

L’invito mira a sostenere 2 tipi di progetti: collaborazioni tra media per sviluppare modelli commerciali ed editoriali più innovativi, e progetti che offrono finanziamenti e sostegno per i media di particolare importanza per la democrazia. I vincitori provengono da 17 paesi dell’UE e da altri 3 paesi (Albania, Bosnia-Erzegovina e Ucraina).

L’elenco completo e la descrizione di ciascun partenariato.

Gli inviti annuali a presentare proposte per i partenariati giornalistici pubblicati nell’ambito del programma Europa creativa hanno suscitato crescente interesse da parte della comunità dei mezzi di informazione: mentre il primo invito, pubblicato nel 2021, ha permesso di selezionare 7 progetti tra 32 proposte, il secondo ha ricevuto il doppio delle proposte, 12 delle quali sono state selezionate. Il quarto invito è attualmente in fase di valutazione.

Fonte: Commissione europea, Rappresentanza in Italia
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 23 febbraio ha preso il via a Bruxelles un nuovo Panel di cittadini europei. 150 cittadini selezionati in modo casuale provenienti da tutti i 27 Stati membri discutono dei vantaggi e delle sfide derivanti dall’aumento dell’efficienza energetica e di come dovrebbero agire le famiglie, le imprese e le comunità.

Il risparmio energetico ha svolto un ruolo chiave nell’affrontare la crisi energetica e costituisce una componente importante del Green Deal europeo e del nostro piano per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Nel corso di tre fine settimana, i cittadini formuleranno raccomandazioni che influenzeranno le future politiche dell’UE e alimentare una raccomandazione della Commissione sul principio “l’efficienza energetica innanzitutto” da indirizzare agli Stati membri.

Il panel sarà integrato da una nuova piattaforma di coinvolgimento dei cittadini, una piattaforma online facilmente accessibile che consente a tutti i cittadini dell’UE di partecipare al dibattito e sedersi al tavolo.

Costituirà un forum in cui tutti i cittadini dell’UE potranno condividere le proprie idee e scambiare idee con altri su argomenti di importanza europea, in tutte le 24 lingue ufficiali dell’UE. Le sessioni plenarie del Panel dei cittadini europei saranno trasmesse in web streaming il 23 e 25 febbraio sulla piattaforma. Altri Panel di Cittadini seguiranno nel 2024.

Il Comitato dei cittadini europei e la nuova piattaforma online per il coinvolgimento dei cittadini rispondono alle richieste di un maggiore coinvolgimento dei cittadini nel processo decisionale dell’UE avanzate durante la Conferenza sul futuro dell’Europa. Seguendo la priorità della presidente Ursula von der Leyen di costruire una democrazia europea adatta al futuro, i gruppi di cittadini europei e gli strumenti online di coinvolgimento dei cittadini sono diventati parte integrante della vita democratica nell’UE.

I gruppi di cittadini europei consentono ai partecipanti di lavorare insieme in gruppi di 12 e in sessioni plenarie. Un team di facilitatori fornisce supporto, insieme a un comitato di esperti che fornisce ulteriori input. I partecipanti ai gruppi di cittadini europei vengono reclutati attraverso una selezione casuale con reclutatori che utilizzano strumenti per generare numeri di telefono di rete fissa e mobile validi in modo casuale. Per garantire che i gruppi riflettano la composizione socio-demografica dell’Europa, il processo garantisce che il reclutamento sia rappresentativo della diversità dell’UE. Un sistema di quote garantisce un panel equilibrato dal punto di vista del genere e specifica che i giovani di età compresa tra 16 e 25 anni devono rappresentare un terzo del panel. Altre caratteristiche socio-demografiche riguardano il livello di istruzione, la posizione geografica e l’occupazione
.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto im un comunicato di aver accolto con favore l’adozione da parte del Consiglio del tredicesimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. A due anni da quando la Russia ha brutalmente invaso l’Ucraina, il sostegno dell’UE all’Ucraina e al suo popolo rimane più forte che mai. “L’Europa è unita e determinata a continuare a difendere i suoi valori e i suoi principi fondanti”, scrive Bruxelles.

Questo pacchetto si concentra sull’ulteriore limitazione dell’accesso della Russia alle tecnologie militari, come i droni, e sull’elenco di ulteriori società e individui coinvolti nello sforzo bellico russo. Con questo nuovo pacchetto il numero di singoli elenchi ha raggiunto oltre 2000, infliggendo un duro colpo a coloro che consentono la guerra illegale della Russia contro l’Ucraina.

Tuttavia, continua la Commissione, “non c’è spazio per l’autocompiacimento. La piena attuazione delle sanzioni è fondamentale per negare a Mosca le entrate, i beni e la tecnologia di cui ha bisogno per alimentare la sua guerra”. La Commissione europea sottolinea che continuerà a sostenere gli Stati membri per garantire l’effettiva applicazione delle misure, oltre a collaborare strettamente con i paesi terzi per contrastare i tentativi di elusione.

Link alla Gazzetta Ufficiale

Scheda informativa sull’impatto delle sanzioni

Maggiori informazioni sulle sanzioni
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha inviato il 22 febbraio alla presidenza belga un documento in cui delinea le prime possibili azioni per contribuire a ridurre gli oneri amministrativi che gravano sulle spalle degli agricoltori.

Il documento, che sarà discusso con gli Stati membri nel Consiglio Agricoltura di oggi 26 febbraio, elenca una serie di azioni a breve e medio termine che possono essere intraprese per raggiungere la semplificazione. Ciò servirà come base per le discussioni e l’azione congiunta con i paesi dell’UE.

Le azioni elencate nel documento tengono conto dei contributi delle amministrazioni nazionali, delle principali organizzazioni agricole dell’UE e della commissione agricoltura del Parlamento europeo. Il documento di semplificazione mantiene l’impegno assunto dalla presidente von der Leyen al Consiglio europeo del 1° febbraio 2024.
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dichiarazione del CEMR nel secondo anniversario dello scoppio della guerra russa contro l’Ucraina

I leader locali e regionali europei, riuniti sotto il Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa (CEMR), celebrano il secondo anniversario dell’ingiustificata invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa con una sonora dichiarazione di sostegno all’Ucraina e al suo popolo.

In questa solenne occasione, noi, leader locali e regionali europei, condanniamo la guerra su vasta scala scatenata dalle forze russe contro l’Ucraina. Questa invasione illegale ha preso di mira civili innocenti, compresi i rappresentanti eletti, mentre occupava illegalmente i territori ucraini. Il recente rapimento di sindaci ucraini da parte delle forze russe aggrava ulteriormente la violazione dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale.

Esprimiamo la nostra solidarietà con l’Associazione delle città ucraine e ci uniamo alla loro richiesta per il rilascio immediato dei sindaci illegalmente detenuti, tra cui:

Oleksandr Babych – Sindaco della città di Hola Prystan (regione di Kherson)

Oleksii Vynnychenko – Responsabile del distretto di Hrebenykivka starosta del comune del villaggio di Boromlia (regione di Sumy)

Ihor Kolykhaiev – sindaco della città di Kherson

Yevhenii Matvieiev – sindaco della città di Dniprorudne (regione di Zaporizhzhia)

Anatolii Siryi – Capo del distretto starosta di Novi Borovychi del comune della città di Snovsk (regione di Chernihiv.

Il CEMR rinnova il suo fermo impegno a sostenere il popolo ucraino nel perseguire la vittoria, la pace e la ricostruzione. Ci impegniamo a dare potere ai governi locali e regionali in Ucraina attraverso partenariati municipali internazionali, sottolineando il nostro sostegno nel contesto del progetto Bridges of Trust, del programma di partenariato orientale e dell’Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina.

Leggi la Dichiarazione:

Inglese<br>
francese


>Ucraino
0

E-News, coesione, vcs, bandi comunitari, footers, cplre, cooperazione, politica europea, climate change, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
La Presidente dell’AICCRE Milena Bertani sta partecipando al Retreat dell’Unione mondiale delle Città e dei Governi Locali (UCLG), che si sta svolgendo a Barcellona dal 19 al 23 febbraio.



Durante l’evento, la Presidente Bertani ha incontrato la Segretaria Generale dell’UCLG, Emilia Saiz (nella foto, da sx: Emilia Saiz, Milena Beretani), e ha preso parte a sessioni di confronto con gli altri presidenti delle associazioni di enti locali. Insieme, hanno affrontato le sfide del prossimo futuro che coinvolgono i comuni e le regioni, tra cui i cambiamenti climatici, lo sviluppo locale, il ruolo dei sindaci e l’accesso ai fondi e ai progetti europei.



La Presidente Bertani si è detta soddisfatta dei risultati del retreat, dell’importanza del dialogo e della collaborazione tra le diverse realtà locali a livello internazionale. “Grazie a questo incontro si sono poste le basi per nuovi progetti che vedranno l’AICCRE assumere un ruolo di primo piano, contribuendo attivamente alla promozione dello sviluppo sostenibile e della cooperazione tra enti locali in Europa e nel mondo”, ha sottolineato la Presidente.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 362NO NEW POSTS