E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Nel 2021, quando la maggior parte delle misure di contenimento del COVID-19 è stata revocata dagli Stati membri dell’UE, le emissioni di anidride carbonica (CO 2) dalla combustione di combustibili fossili nell’UE (principalmente petrolio e prodotti petroliferi, gas naturale, carbone e torba) sono aumentate di 6,3% rispetto all’anno precedente. Lo scrive il sito di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea.

Le emissioni di CO 2 derivanti dall’uso dell’energia contribuiscono in modo determinante al riscaldamento globale e rappresentano circa il 75% di tutte le emissioni di gas serra di origine umana nell’UE.

Le condizioni climatiche (es. inverno freddo/lungo o estate calda), la crescita economica, la dimensione della popolazione, i trasporti e le attività industriali sono alcuni fattori che influenzano le emissioni.

Le emissioni di CO 2 da combustibili fossili hanno origine nel paese in cui i combustibili vengono bruciati per la produzione di elettricità, trasporti, produzione di acciaio, ecc., il che di conseguenza incide sulle importazioni ed esportazioni di prodotti energetici.

Ad esempio, l’importazione di carbone per la produzione di elettricità porta ad un aumento delle emissioni nel paese importatore. Al contrario, le importazioni di elettricità non incidono sulle emissioni del paese importatore, in quanto queste sono riportate nel paese esportatore in cui è stata prodotta l’elettricità.

I maggiori aumenti delle emissioni di CO 2 derivanti dal consumo di energia in Bulgaria, Estonia, Slovacchia e Italia, diminuzioni in Portogallo e Finlandia.

Secondo le stime Eurostat, le emissioni di CO 2 sono cresciute nel 2021 in quasi tutti gli Stati membri dell’UE, con l’aumento maggiore in Bulgaria (+18,0%), seguita da Estonia (+13,1%), Slovacchia (+11,4%) e Italia (+10,6%). %). Gli unici due paesi con una diminuzione stimata delle emissioni di CO 2 sono il Portogallo (-5,5%) e la Finlandia (-1,5%).

Nel 2021 l’aumento delle emissioni di CO 2 è dovuto principalmente al crescente utilizzo di combustibili fossili solidi (che hanno contribuito per oltre il 50% all’aumento). I combustibili fossili liquidi sono stati responsabili di oltre il 29% dell’aumento, mentre il 21% è da attribuire al gas naturale. L’uso ridotto di torba ha leggermente alleviato l’aumento delle emissioni di CO 2.

Per informazioni più dettagliate consultare tabella excel con gli sviluppi stimati delle emissioni di CO 2 per paese.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea per l’efficienza della giustizia (CEPEJ) del Consiglio d’Europa celebrerà il suo 20° anniversario oggi 27 giugno a La Valletta (Malta), nel corso di un evento dedicato alle sfide di un sistema giudiziario digitale e a come migliorare l’attività della CEPEJ negli anni futuri.

Rinomata soprattutto per il suo rapporto biennale sull’efficienza e la qualità della giustizia in Europa, la CEPEJ contribuisce a garantire che il servizio pubblico della giustizia sia efficiente, accessibile e di qualità migliore, ponendo i bisogni del richiedente al centro del processo giudiziario.

L’esperienza della CEPEJ fa affidamento su numerose linee guida e strumenti per i tribunali e i professionisti giudiziari di cui 16 sulla qualità e l’efficienza, 15 sulla mediazione, 5 sulla giustizia digitale; più di 20 gruppi di indicatori basati su oltre 300 domande permettono allo stesso modo di valutare in modo migliore i sistemi giudiziari. I lavori in corso e quelli futuri della CEPEJ si inseriscono nel piano d’azione 2022-2025 dedicato a “la digitalzzazione per una giustizia migliore”.

A seguito della cerimonia di celebrazione dell’anniversario, la CEPEJ darà il via alla sua sessione plenaria (27 e 28 giugno). In particolare, all’ordine del giorno vi sarà l’adozione del rapporto di valutazione della CEPEJ 2022 che fornisce le principali tendenze dei sistemi giudiziari degli Stati membri del Consiglio d’Europa e che verrà pubblicato nell’autunno del 2022.

Infine, verranno annunciati i risultati della seconda edizione del Premio Junior della Bilancia di Cristallo della Giustizia. L’evento, organizzato dalla CEPEJ e dalla Facoltà di Giurisprudenza di Strasburgo, è aperto agli studenti iscritti a un programma di Master delle facoltà di Giurisprudenza. I partecipanti dovranno difendere un progetto vincitore del Premio Bilancia di Cristallo della Giustizia, evidenziandone gli aspetti innovativi attraverso un’analisi giuridica e un lavoro di ricerca per studiarne la possibile trasposizione in un altro contesto o in un altro Paese.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale C243 del 27 giugno pubblica una Raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea relativa all’apprendimento per la transizione verde e lo sviluppo sostenibile

Nel documento, tra l’altro, il Consiglio dell’Unione raccomanda agli Stati membri “nel pieno rispetto dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità” di: Intensificare e potenziare gli sforzi volti a sostenere i sistemi di istruzione e formazione nell’adozione di misure a favore della transizione verde e dello sviluppo sostenibile, in modo che i discenti di tutte le età e di qualsiasi provenienza possano accedere a un’istruzione e a una formazione eque, inclusive e di elevata qualità in materia di sostenibilità, cambiamenti climatici, protezione dell’ambiente e biodiversità, tenendo debitamente conto delle considerazioni ambientali, sociali ed economiche.

Definire l’apprendimento per la transizione verde e lo sviluppo sostenibile come uno dei settori prioritari nelle politiche e nei programmi di istruzione e formazione al fine di sostenere e consentire il contributo del settore a un futuro sostenibile, integrato in una visione olistica dell’istruzione. Attuare e sviluppare ulteriormente approcci globali e collaborativi all’insegnamento e all’apprendimento per la transizione verde e lo sviluppo sostenibile che coinvolgano tutte le parti interessate del sistema di istruzione e formazione e i portatori di interessi di altri settori pertinenti.

Offrire una serie di opportunità di apprendimento in contesti formali, non formali e informali, in modo che gli individui di tutte le età possano prepararsi per la transizione verde e contribuirvi attivamente, nonché agire a favore di un’economia ecocompatibile, sostenibile, circolare e a impatto climatico zero e di società giuste, inclusive e pacifiche.

rafforzare, anche attraverso un sostegno finanziario in linea con i regimi di sostegno finanziario nazionali pertinenti, un apprendimento permanente di alta qualità per la transizione verde e lo sviluppo sostenibile, compresi tirocini, apprendistati, volontariato, attività extracurricolari, attività di animazione socioeducativa e altre forme di apprendimento formale, non formale e informale, insieme ai legami tra di esse. Incoraggiare e riconoscere le azioni e i programmi di impegno civico a tale riguardo.

LA RACCOMANDAZIONE INTEGRALE IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Secondo un comunicato stampa della Commissione europea, la nuova legislazione sullo stoccaggio adottata il 27 giugno “rafforzerà la sicurezza dell’approvvigionamento di gas dell’UE in vista del prossimo inverno”.

Di fronte alla minaccia di interruzioni dell’approvvigionamento da parte della Russia, “il regolamento dell’Unione europea sullo stoccaggio del gas richiede che le riserve di gas dell’Europa vengano riempite prima dell’inverno e la loro gestione sia protetta da interferenze esterne”.

In particolare, precisa Bruxelles, le nuove regole richiederanno agli Stati membri dell’UE di riempire gli impianti di stoccaggio all’80% della capacità entro novembre di quest’anno e al 90% negli anni successivi.

Le regole sono state adottate in tempi record, informa la Commissione, “grazie alla disponibilità del Parlamento e del Consiglio ad esaminare la proposta legislativa con urgenza, sullo sfondo della guerra della Russia contro l’Ucraina”.

In base alla nuova legislazione, i 18 Stati membri con impianti di stoccaggio del gas sotterranei sono tenuti a riempire l’80% della loro capacità di stoccaggio entro il 1° novembre e sono incoraggiati a puntare all’85%. Nei prossimi anni l’obiettivo sarà del 90%.

Gli Stati membri privi di infrastrutture di stoccaggio sono tenuti a concordare accordi bilaterali per lo stoccaggio di quantità sufficienti da utilizzare nei paesi vicini, in uno spirito di solidarietà.

Gli impianti di stoccaggio del gas saranno ora considerati infrastrutture critiche e tutti gli operatori di stoccaggio nell’UE dovranno passare attraverso un nuovo processo di certificazione per ridurre i rischi di interferenze esterne.

Per maggiori informazioni:

Sicurezza energetica

La Commissione delinea le opzioni per mitigare i prezzi elevati dell’energia

Comunicazione sulla sicurezza dell’approvvigionamento e prezzi dell’energia accessibili
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’edizione 2022 dell’Intellectual Property and Youth Scoreboard, pubblicata dall’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO), fornisce un aggiornamento sui comportamenti dei giovani nei confronti della violazione della proprietà intellettuale in un contesto post-pandemia. L’indagine esamina i due aspetti della violazione della PI: le tendenze dei giovani che acquistano beni contraffatti e accedono a contenuti piratati, valutando le tendenze dal 2016.

L’analisi quantitativa è stata condotta su un totale di 22.021 giovani di età compresa tra 15 e 24 anni nei 27 Stati membri dell’UE, tra il 7 e il 28 febbraio 2022.

Il 37% dei giovani ha acquistato intenzionalmente uno o più prodotti contraffatti negli ultimi 12 mesi
Il 21% dei giovani tra i 15 e i 24 anni afferma di utilizzare intenzionalmente fonti illegali di contenuti digitali negli ultimi 12 mesi
Il 60% dei giovani europei ha dichiarato di preferire l’accesso ai contenuti digitali da fonti legali, rispetto al 50% del 2019
Prezzo e disponibilità rimangono i fattori principali per l’acquisto di prodotti contraffatti e per la pirateria digitale
Per paese (% ha acquistato intenzionalmente almeno un articolo contraffatto negli ultimi 12 mesi), è stato il più alto in Grecia (62%), seguita da Cipro (53%), Lettonia (46%), Spagna (45%)
Per sesso, l’acquisto intenzionale di merci contraffatte era più alto tra i maschi (40% contro il 34% delle femmine)
Per quanto riguarda l’uso intenzionale di contenuti piratati, Malta (43%), Belgio (29%) e Francia (29%) registrano la percentuale più alta nell’UE
Tutti i dati, riepilogo e studio completo
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea e l’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza hanno presentato il 24 giugno la rinnovata agenda dell’UE sulla governance internazionale degli oceani (IOG), proponendo azioni per un oceano sicuro, pulito e gestito in modo sostenibile. Lo rende noto in un comunicato la Commissione europea.

Con questa politica, continua il comunicato stampa, “l’UE conferma il suo ruolo attivo nella governance internazionale degli oceani e il suo impegno a rafforzare l’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e del suo obiettivo di sviluppo sostenibile 14 sulla vita sott’acqua<“. La nuova agenda ha un ruolo importante nel realizzare la parte blu del Green Deal europeo.

In vista della 2a Conferenza delle Nazioni Unite sull’Oceano (27 giugno – 1 luglio 2022, Lisbona) e della Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità (COP15) (5-17 dicembre 2022 a Montreal) e insieme alla proposta della Commissione di obiettivi giuridicamente vincolanti per ripristinare gli ecosistemi, anche in mare, l’UE “dimostra il suo forte impegno per l’oceano”.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea informa della nuova edizione 2022 delle “Storie di Cooperazione Europea”! Quest’anno la pubblicazione è dedicata ai giovani e al loro coinvolgimento nei programmi e progetti Interreg!

Il 2022 è l’Anno Europeo della Gioventù ed è quindi il momentoper seguire l’andamento del Manifesto for Youth by Youth to Shape the European Territorial Cooperation, pubblicato dalla Commissione Europea in occasione del 30° anniversario di Interreg.

I giovani hanno elaborato 12 raccomandazioni per migliorare concretamente la loro partecipazione a tutti i livelli decisionali. Negli ultimi due anni, la DG REGIO ha fatto del suo meglio per attuare di pari passo con i programmi Interreg e le strategie macroregionali quanto richiesto dai giovani e questo lavoro continua.

Questa edizione delle “Storie di cooperazione europea” illustra buoni esempi di progetti Interreg che affrontano le priorità dei giovani.

Scarica la pubblicazione Storie di cooperazione: giovani che costruiscono insieme un’Europa migliore
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Andrew Boff, relatore del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa sulle questioni LGBTI, ha partecipato alla prima riunione della Piattaforma parlamentare PACE per i diritti delle persone LGBTI in Europa il 20 giugno 2022 a Strasburgo.

“Come sindaci, consiglieri comunali e rappresentanti regionali, possiamo garantire la sicurezza e il rispetto dei cittadini LGBTI sul campo”, ha affermato, sottolineando l’importante e proficua collaborazione tra PACE e Congresso per proteggere i diritti delle persone LGBTI.

“Le autorità locali e regionali sono nella posizione migliore per capire perché c’è un sentimento anti-LGBTI nelle nostre città e proporre soluzioni”. ha proseguito, sottolineando l’importanza delle città e delle regioni nella lotta all’odio contro le persone LGBTI. “Con alcuni governi nazionali che si sono allontanati sui diritti delle persone LGBTI, le città e le regioni sono la prima linea di difesa per la protezione dei diritti LGBTI e spesso vanno oltre gli standard nazionali per farlo”.

Il Congresso dei poteri locali e regionali si occupa di questioni LGBTI dal 2007, compresa la libertà di riunione e di espressione. Nel giugno 2021, il Congresso ha adottato il rapporto “Protecting LGBTI people in the context of rising hate speech and anti-LGBTI discriminazione: the role of local and regional authority” .

Inoltre, la Commissione Attualità ha svolto una missione conoscitiva online sulla situazione dei diritti LGBTI a livello locale e regionale in Polonia, le cui conclusioni sono state approvate il 10 febbraio 2021. Il Congresso ha successivamente adottato il rapporto “Il ruolo degli enti locali e regionali rispetto alla situazione e ai diritti delle persone LGBTI in Polonia” nel giugno 2021.

Il lavoro del Congresso a sostegno delle persone LGBTI
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 115NO NEW POSTS