E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

Violenza di genere: studio del PE svela dati drammatici

Il 33% delle donne nell’Unione europea ha subito almeno una volta violenza fisica e/o sessuale dall’età di 15 di anni in poi. I casi di violenza sono aumentati sia in numero che in gravità durante la pandemia, come denunciato più volte da Silvia Baraldi, AICCRE, portavoce CEMR sul gender equality.

Particolarmente colpite anche le persone Lgbtiq, il 38% di loro infatti ha subito molestie nei soli 12 mesi precedenti al sondaggio, l’11% di loro ha subito un aggressione fisica, dato che sale al 17% tra gli individui transgender. Per quanto riguarda i casi di femminicidio, stando allo studio, il 38% a livello globale è perpetrato dal partner intimo, e anche nel caso delle lesioni nel 42% dei casi il colpevole è il partner. Sono alcuni dei risultati di uno studio del Parlamento europeo sulla violenza di genere.

Secondo i dati dell’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere, i costi annuali totali della violenza di genere contro le donne in Ue ammontano a 290 miliardi di euro. La cifra è a sua volta divisa in in tre macro-categorie: il 56% della cifra totale è è attribuibile alla perdita di qualità della vita delle vittime monetizzabile attraverso gli impatti fisici ed emotivi sulle donne coinvolte, seguono (30%) la perdita economica delle società private di forza lavoro e capacità produttive a causa dell’isolamento delle vittime e, con poco meno del 15%, il costo diretto dei servizi come il sistema giudiziario, ospedaliero o assistenziale necessario per far fronte ai casi di violenza di genere.

In Italia, secondo uno studio pubblicato dall’associazione Intervita, il costo totale della violenza di genera sarebbe quantificabile a 24,5 miliardi di euro all’anno, riferibile a categorie simili a quelle dello studio europeo.

fonte: ANSA Redazione Ansa

Author