E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’approvazione di tutti i 28 Piani Strategici (uno per ogni Paese UE e due per il Belgio) da parte della Commissione Europea segna l’inizio della nuova Politica Agricola Comune, prevista per il 1° gennaio 2023.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

264 miliardi di euro di finanziamenti dell’UE sosterranno gli agricoltori europei nella transizione verso un settore agricolo sostenibile e resiliente e contribuiranno a preservare la vitalità e la diversità delle zone rurali. Il cofinanziamento e il finanziamento nazionale complementare porteranno il bilancio pubblico totale dedicato agli agricoltori e alle comunità rurali a 307 miliardi di euro per il periodo 2023-2027.

Altri programmi che rientrano nel mandato della PAC ma al di fuori dei piani strategici della PAC, come il programma POSEI per le regioni ultraperiferiche, il programma scolastico dell’UE, i programmi di promozione, beneficeranno di un finanziamento aggiuntivo dell’UE di 6 miliardi di EUR.

Tutti i piani strategici sostengono un reddito agricolo sostenibile e la resilienza del settore agricolo come obiettivo chiave. Ecco alcuni esempi del supporto fornito:

I pagamenti diretti della PAC restano una rete di sicurezza per gli agricoltori. Quasi 20 miliardi di euro di sostegno al reddito di base saranno distribuiti ogni anno agli agricoltori ammissibili. Tuttavia, è subordinata all’applicazione da parte degli agricoltori di standard di base rafforzati per buone condizioni agricole e ambientali (BCAA).

Si prevede che i BCAA coprano quasi il 90% dei terreni agricoli dell’UE.

La nuova PAC indirizzerà un livello più elevato di sostegno pubblico a coloro che ne hanno più bisogno. Le piccole e medie aziende agricole nei 25 paesi dell’UE riceveranno un sostegno al reddito più elevato grazie a un pagamento ridistributivo pari al 10,6% di tutti i pagamenti diretti. Ciò ammonterà a 4 miliardi di euro all’anno. Si tratta di 2,5 volte di più dei pagamenti ridistributivi previsti dall’attuale PAC (2014-2020) applicati solo da dieci Stati membri.

Per aiutare gli agricoltori ad affrontare le crisi, il 15% delle aziende agricole dell’UE riceverà sostegno per sottoscrivere premi assicurativi, partecipare a fondi di mutualizzazione o ad altri strumenti di gestione del rischio.

Il livello di sostegno per le colture proteiche/leguminose attraverso il sostegno accoppiato al reddito aumenterà del 25% rispetto al 2022. Ciò contribuirà a ridurre la dipendenza degli agricoltori dell’UE dalle importazioni e dall’uso di determinati fertilizzanti. Anche altri 17 settori in difficoltà riceveranno un sostegno accoppiato, raggiungendo il 21% delle aziende agricole dell’UE.

Tre obiettivi specifici della PAC su dieci riguardano direttamente l’ambiente e il clima. Grazie alla clausola “no backsliding”, gli Stati membri sono tenuti a dimostrare maggiori ambizioni nei loro piani PAC rispetto alla situazione attuale. Ciò si traduce nella PAC più ambiziosa di sempre dal punto di vista ambientale e climatico.

Nei piani strategici della PAC, quasi 98 miliardi di euro, corrispondenti al 32% del finanziamento totale della PAC (UE e cofinanziamenti), saranno destinati a fornire benefici per il clima, l’acqua, il suolo, l’aria, la biodiversità e il benessere degli animali, e incoraggiare pratiche oltre la condizionalità obbligatoria. Se guardiamo alla ripartizione di questo importo tra strumenti e fondi, il 24% dei pagamenti diretti è dedicato a regimi ecologici e il 48% della spesa per lo sviluppo rurale di tutti i piani sosterrà pienamente gli obiettivi ambientali e climatici.

I piani incentiveranno i gestori del territorio a immagazzinare carbonio nel suolo e nella biomassa, ridurranno le emissioni di gas a effetto serra (GHG) e contribuiranno all’adattamento nel 35% della superficie agricola dell’UE attraverso pratiche di gestione adeguate, come la gestione dei prati estensivi, la coltivazione di leguminose e catture coltivazioni, fertilizzazione organica o agroforestale.

Sulla base dei nuovi obblighi per gli agricoltori, la rotazione delle colture è prevista su circa l’85% dei seminativi sostenuti dalla PAC dell’UE. Ciò contribuirà a interrompere i cicli di parassiti e malattie e quindi a ridurre l’uso e il rischio dei pesticidi. Per andare oltre, oltre il 26% dei terreni agricoli dell’UE riceverà sostegno, tra l’altro, per l’adozione della lotta integrata ai parassiti e l’utilizzo di metodi non chimici per il controllo dei parassiti o l’agricoltura di precisione.

Il sostegno della PAC alla produzione biologica nel 2027 sarà quasi raddoppiato rispetto alla superficie finanziata nel 2018. Ciò contribuirà in modo determinante al raggiungimento delle ambizioni nazionali degli Stati membri di aumentare la superficie biologica che va dal 5 al 30% nel 2030.

Gli investimenti previsti nella produzione di energia rinnovabile nelle aziende agricole aggiungeranno 1.556 MW alla capacità di produzione di energia dell’UE.

Le zone rurali dell’UE affrontano diverse sfide, individuate nella visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE , tra cui lo spopolamento, l’accesso e il miglioramento dei servizi di base, le opportunità di occupazione e la necessità di una migliore connettività. La PAC investirà nel tessuto sociale ed economico delle zone rurali dell’UE.

Il sostegno specifico ai giovani agricoltori occupa un posto di rilievo in ogni Piano approvato ei paesi dell’UE sono andati oltre il requisito minimo di destinare il 3% dei loro pagamenti diretti al ricambio generazionale.

Complessivamente, un totale di 8,5 miliardi di euro di spesa pubblica aiuterà i giovani agricoltori ad avviare, investire e mantenere la propria attività nei primi anni di attività. Nel periodo 2023-2027, si prevede che un totale di 377 000 nuovi giovani agricoltori si stabiliranno come agricoltori a pieno regime. Alcuni Stati membri prevedono ulteriori sforzi per incoraggiare la successione nelle aziende agricole, rafforzare la parità di genere nelle zone rurali e rafforzare la posizione delle donne nell’agricoltura.

Lo sviluppo locale è inoltre sostenuto dal 7,7% del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) dedicato alle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo (il cosiddetto approccio LEADER ). Ciò rappresenta 5 miliardi di euro. Una volta messe in atto, queste strategie dovrebbero coprire il 65% della popolazione rurale europea.

Per la prima volta, i pagamenti della PAC saranno vincolati al rispetto di determinate norme sociali e del lavoro dell’UE e i beneficiari saranno incentivati ​​a migliorare le condizioni di lavoro nelle aziende agricole.

I piani sosterranno gli investimenti per rendere più attraente la vita e il lavoro nelle zone rurali, con l’obiettivo di creare almeno 400.000 posti di lavoro . Allo stesso modo, sarà fornito sostegno agli investimenti in tecnologie e servizi digitali per ottimizzare l’efficienza delle risorse.

Più di 6 milioni di persone beneficeranno direttamente della consulenza, della formazione e dello scambio di conoscenze finanziati dalla PAC o parteciperanno a progetti di innovazione nell’ambito del partenariato europeo per l’innovazione con particolare attenzione alle prestazioni ambientali e climatiche o agli aspetti sociali e rurali.

Panoramica dei 28 piani strategici della PAC in sintesi

La PAC 2023-2027

Piani strategici della PAC
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto attraverso un comunicato stampa di aver accolto con favore l’accordo politico provvisorio raggiunto tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione volto a rendere tutte le batterie immesse sul mercato dell’UE più sostenibili, circolari e sicure. L’accordo si basa sulla proposta della Commissione del dicembre 2020 e affronta le questioni sociali, economiche e ambientali relative a tutti i tipi di batterie.
Bruxelles sottolinea che la nuova legge porta avanti sia l’economia circolare che le ambizioni di inquinamento zero dell’UE, rendendo le batterie sostenibili per l’intero ciclo di vita, dall’approvvigionamento dei materiali alla loro raccolta, riciclaggio e riutilizzo. Nell’attuale contesto energetico, le nuove norme stabiliscono un quadro essenziale per promuovere l’ulteriore sviluppo di un’industria delle batterie sostenibile e competitiva, che sosterrà la transizione dell’Europa verso un’energia pulita e l’indipendenza dalle importazioni di carburante. Le batterie sono anche una tecnologia chiave che svolge un ruolo centrale nel promuovere la neutralità climatica dell’UE entro il 2050. Una volta entrata in vigore la nuova legge, informa la Commissione, i requisiti di sostenibilità in materia di impronta di carbonio, contenuto riciclato, prestazioni e durata saranno introdotti gradualmente dal 2024 in poi. Un quadro normativo più completo sulla responsabilità estesa del produttore inizierà ad applicarsi entro la metà del 2025, con l’ introduzione di obiettivi di raccolta più elevati nel tempo. Per le batterie portatili gli obiettivi saranno del 63% nel 2027 e del 73% nel 2030, mentre per le batterie dei mezzi di trasporto leggeri l’obiettivo sarà del 51% nel 2028 e del 61% nel 2031. Tutte le batterie raccolte devono essere riciclate e alti livelli di recupero, in particolare di materiali pregiati come rame, cobalto, litio, nichel e piombo.

Ciò garantirà, continua Buruelles, che i materiali di valore vengano recuperati al termine della loro vita utile e reimmessi nell’economia adottando obiettivi più severi di efficienza di riciclo e recupero di materia nel tempo. Gli obiettivi di recupero del materiale per il litio saranno del 50% entro il 2027 e dell’80% entro il 2031.

Le aziende che immettono batterie nel mercato interno dell’UE dovranno dimostrare che i materiali utilizzati per la loro fabbricazione sono stati acquistati in modo responsabile . Ciò significa, puntualizza Bruxelles, che i rischi sociali e ambientali associati all’estrazione, alla lavorazione e al commercio delle materie prime utilizzate per la produzione delle batterie dovranno essere identificati e mitigati.

Il Parlamento europeo e il Consiglio dovranno ora formalmente adottare il nuovo regolamento prima che possa entrare in vigore. Il nuovo regolamento sostituirà l’attuale direttiva sulle batterie dal 2006. Questo nuovo quadro normativo dalla culla alla tomba per le batterie richiederà l’adozione di molte norme più dettagliate (legislazione secondaria) dal 2024 al 2028 per essere pienamente operativo.

Comunicato stampa (10 dicembre 2020): Green Deal: batterie sostenibili per un’economia circolare e climaticamente neutra

Proposta della Commissione

Pagina web sulle batterie
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea in un comunicato stampa informa di aver accolto con favore l’accordo raggiunto recentemente tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione per contribuire a rendere il settore dell’aviazione “Fit for 55”, stabilendo per legge il suo contributo al nostro obiettivo di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030.

Le norme aggiornate sullo scambio di quote di emissione accelereranno l’attuazione del principio “chi inquina paga” eliminando gradualmente le quote gratuite per il settore dell’aviazione entro il 2026. Questo accordo aumenta il rigore del sistema esistente, che copre l’aviazione dal 2012. Ciò significa, specifica la Commissione, che l’industria avrà una maggiore responsabilità nel pagare la propria impronta di carbonio e che ci saranno più incentivi economici per ridurre le emissioni grazie a un forte segnale di prezzo.

Fino all’inizio del 2027, la tariffazione del carbonio dell’UE si applicherà ai voli all’interno dell’UE/SEE e ai voli in partenza per la Svizzera e il Regno Unito, mantenendo l’attuale meccanismo di “stop the clock” sull’applicazione internazionale delle norme. Nel 2026 la Commissione effettuerà una valutazione del regime di compensazione e riduzione delle emissioni di carbonio per l’aviazione internazionale ( CORSIA) istituito dall’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), per verificare se sta realizzando in misura sufficiente gli obiettivi dell’accordo di Parigi. In base all’esito di tale valutazione, la Commissione presenterà una proposta legislativa che potrebbe estendere l’ambito di applicazione dello scambio di quote di emissione dell’UE ai voli in partenza se il CORSIA non è sufficientemente allineato con l’accordo di Parigi.

L’accordo prevede anche un nuovo regime di sostegno per accelerare l’uso di carburanti sostenibili per l’aviazione, finanziato con entrate ETS dell’UE stimate a 1,6 miliardi di euro. Creerà inoltre un nuovo sistema che consentirà alle compagnie aeree di monitorare, comunicare e verificare le emissioni non di CO 2 e gli effetti climatici del trasporto aereo, che costituiscono i due terzi dell’impatto climatico totale del trasporto aereo. Con un significativo passo avanti in termini di trasparenza, saranno pubblicati più dati sulle emissioni del trasporto aereo internazionale in modo intuitivo, proteggendo al tempo stesso i dati sensibili dal punto di vista commerciale.

L’accordo politico deve ora essere adottato formalmente. Una volta completato questo processo da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed entreranno in vigore con effetto immediato.

GREEN DEAL EUROPEO

Pacchetto legislativo “Fit for 55”

Proposta di revisione delle norme ETS sull’aviazione

Proposta di decisione relativa alla notifica della compensazione relativa a una misura globale basata sul mercato per gli operatori aerei con sede nell’Unione (CORSIA)

Ridurre le emissioni del trasporto aereo
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del Parlamento europeo presenta un approfondimento sull’Unione europea e le energie rinnovabili.

L’energia è responsabile per più di tre quarti delle emissioni di gas ad effetto serra dell’UE. All’interno di questo comparto vi sono la produzione di elettricità, il riscaldamento e il trasporto – tutti settori essenziali per la vita di tutti i giorni. L’aumento delle energie rinnovabili è la chiave per ridurre le emissioni nel settore e raggiungere entro il 2050 gli ambiziosi obiettivi per la neutralità climatica.

Per i Paesi dell’UE, lo sviluppo delle energie rinnovabili è anche un modo per ridurre la dipendenza dall’importazione di energia e di rimanere esposti alle interruzioni delle forniture che possono incidere sui prezzi.

In parallelo, l’UE è al lavoro su alcune misure per favorire il risparmio energetico.

Approfondisci sull’azione dell’UE per ridurre le emissioni.


Nel contesto del conflitto in Ucraina e per fronteggiare la dipendenza dai combustibili fossili russi, a dicembre il Parlamento europeo dovrebbe votare misure aggiuntive per accelerare la quota di rinnovabili nell’UE. Tra le misure proposte vi sono:

la riduzione della burocrazia e dei tempi per il rilascio di autorizzazioni per progetti di rinnovabili e ripotenziamento di impianti esistenti o nuovi impianti

il graduale eliminazione dei combustibili derivati dalla biomassa legnosa primaria

l’accelerazione dell’impiego di apparecchiature per l’energia solare in strutture artificiali

l’implementazione di un gran numero di nuove pompe di calore, entro il 2030, per ridurre l’uso del gas nel settore del riscaldamento.

Approfondisci sugli obiettivi per le energie rinnovabili nell’UE

Quando l’idrogeno viene impiegato come fonte di energia, questo non emette gas ad effetto serra, ciò significa che tale risorsa potrebbe contribuire alla decarbonizzazione in quei settori in cui ridurre le emissioni di Co2 è più complicato. Si stima che l’idrogeno potrebbe fornire dal 20 al 50% del fabbisogno europeo nei trasporti e tra il 5 e il 20% nel settore industriale entro il 2050.

Tuttavia, ai fini della sostenibilità, la produzione dell’idrogeno deve avvenire per mezzo di energia elettrica. Il Parlamento europeo ha insistito sull’importanza di una chiara distinzione tra idrogeno rinnovabile e a basse emissioni, nonché sulla graduale eliminazione dell’idrogeno ricavato dai combustibili fossili.

Nei piani per l’aggiornamento delle regole sulle rinnovabili UE, il Parlamento europeo invoca un aumento dell’idrogeno insieme alla semplificazione del sistema per garantirne l’origine.

Al momento, l’eolico è l’unico tipo di risorsa rinnovabile utilizzata su scala commerciale, continua il sito del Parlamento, tuttavia l’UE sta analizzando le altre possibilità in termini di risorse, quali ad esempio l’energia delle maree e delle onde, l’energia solare galleggiante e le alghe per i biocarburanti.

La Commissione europea ha proposto una strategia a livello UE per incrementare la produzione di elettricità dalle risorse rinnovabili. Soltanto in termini di capacità eolica offshore, si passerebbe dagli attuali 12 GW a 300 GW entro il 2050. Il Parlamento definirà la propria posizione in seguito.

Poiché a livello europeo il trasporto su strada rappresenta circa un quinto delle emissioni di carbonio, l’UE vuole sostituire i combustibili fossili con combustibili rinnovabili e a basse emissioni di carbonio. Ad esempio, i combustibili rinnovabili includono combustibili da biomassa e biocarburanti, combustibili sintetici e paraffinici, compresa l’ammoniaca, prodotti da energia rinnovabile.

Inoltre, il passaggio a veicoli a emissioni zero deve andare di pari passo con un’infrastruttura completa di stazioni di ricarica e rifornimento.

Nell’ottobre 2022, il Parlamento europeo ha adottato la propria posizione sulle norme relative alle infrastrutture necessarie per rendere le stazioni di ricarica e di rifornimento più accessibili attraverso l’Europa. Entro il 2026 gli eurodeputati vogliono che 60 chilometri siano presenti aree di ricarica auto almeno ogni 60 km sulle principali strade europee.

Approfondimento sui carburanti alternativi

L’UE ha rivisto le proprie norme sul finanziamento dei progetti di infrastrutture energetiche transfrontaliere, al fine di raggiungere i propri obiettivi climatici. Le nuove norme mirano a eliminare gradualmente i finanziamenti dell’UE per i progetti sul gas naturale e reindirizzare i fondi verso le infrastrutture per l’idrogeno e la cattura e lo stoccaggio del carbonio.

Le norme sono entrate in vigore nel giugno 2022. Gli eurodeputati hanno spinto con successo per più progetti di energia rinnovabile offshore e per facilitare la loro integrazione nelle reti dell’UE. Tutti i nuovi progetti infrastrutturali devono contribuire agli obiettivi climatici dell’UE per il 2030 e il 2050, ponendo effettivamente fine al sostegno dell’UE alle infrastrutture basate sui combustibili fossili.

Approfondimento sul finanziamento delle infrastrutture energetiche transfrontaliere.

Per sostenere le famiglie vulnerabili e le piccole imprese durante la transizione energetica, l’UE vuole istituire il Fondo sociale per il clima, con un budget stimato di 16,4 miliardi di euro fino al 2027, raggiungendo potenzialmente 72 miliardi di euro entro il 2032.

Il Fondo includerebbe incentivi per il passaggio alle energie rinnovabili, nonché misure per ridurre le tasse e le tasse sull’energia, incentivi per il rinnovamento degli edifici e il car-sharing e lo sviluppo di un mercato dell’usato per i veicoli elettrici. Il Parlamento sta negoziando con i governi dell’UE sul fondo.

Maggiori informazioni sul Fondo sociale per il clima

L’energia dell’UE in cifre: portafoglio statistico 2021

Statistiche sulle energie rinnovabili

Studio: energia solare nell’UE (agosto 2022) (EN)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europa in un comunicato stampa informa di aver proposto il 30 novembre nuove norme a livello di UE sugli imballaggi, per affrontare questa fonte di rifiuti in costante crescita e di frustrazione dei consumatori. In media, sottolinea Bruxelles, ogni europeo genera quasi 180 kg di rifiuti di imballaggio all’anno. L’imballaggio è uno dei principali utilizzatori di materiali vergini poiché il 40% della plastica e il 50% della carta utilizzati nell’UE sono destinati all’imballaggio. Senza azione, l’UE vedrebbe un ulteriore aumento del 19% dei rifiuti di imballaggio entro il 2030, e per i rifiuti di imballaggi in plastica addirittura un aumento del 46%.

Le nuove regole mirano a fermare questa tendenza, scrive la Commissiobne. Per i consumatori, garantiranno opzioni di imballaggio riutilizzabili, elimineranno gli imballaggi non necessari, limiteranno il sovraimballaggio e forniranno etichette chiare per supportare il corretto riciclaggio. Per l’industria, creeranno nuove opportunità commerciali , in particolare per le aziende più piccole, ridurranno la necessità di materiali vergini , aumentando la capacità di riciclaggio dell’Europa e rendendo l’Europa meno dipendente dalle risorse primarie e dai fornitori esterni. Metteranno il settore degli imballaggi sulla buona strada per la neutralità climatica entro il 2050.

La Commissione fa inoltre chiarezza ai consumatori e all’industria sulla plastica a base biologica, compostabile e biodegradabile, stabilendo per quali applicazioni tali materie plastiche sono veramente vantaggiose per l’ambiente e come dovrebbero essere progettate, smaltite e riciclate.

Le proposte sono elementi fondamentali del piano d’azione per l’economia circolare del Green Deal europeo e del suo obiettivo di rendere i prodotti sostenibili la norma. Rispondono anche a richieste specifiche degli europei espresse alla Conferenza sul futuro dell’Europa.

Quadro politico dell’UE sulla plastica a base biologica, biodegradabile e compostabile

Proposta di revisione della normativa UE sugli imballaggi ei rifiuti di imballaggio
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo ha recentemente approvato nuove norme sulla responsabilità d’impresa, che obbligheranno le più grandi aziende ad affrontare aspetti delle loro catene produttive, che potrebbero incidere sui diritti umani, sull’ambiente e sugli standard sociali.

Il Parlamento conta di porre fine al fenomeno del greenwashing (la pubblicità ambientale fuorviante) attraverso l’introduzione di requisiti di rendicontazione aziendali più dettagliati, fissati sulla base di criteri comuni in linea con gli obiettivi climatici dell’UE.

Tali requisiti dovrebbero contribuire a rafforzare l’economia sociale di mercato dell’UE e gettare le basi per standard di rendicontazione sulla sostenibilità a livello globale.

Le norme si applicheranno a tutte le grandi imprese dell’UE, indipendentemente dal fatto che siano quotate in borsa o meno.

Queste misure interesseranno anche le piccole e medie imprese quotate in borsa, queste ultime avranno tuttavia più tempo per adeguarsi alle nuove regole.

Il Parlamento insiste sull’applicabilità delle norme anche oltre i confini dell’UE, ovvero alle imprese extracomunitarie che svolgono un’attività consistente nell’UE (con fatturato superiore a 150 milioni di euro).

Nel febbraio 2020, la Commissione europea ha pubblicato uno studio, dal quale è emerso che nell’UE soltanto una società su tre stava adottando una qualche forma di due diligence (diligenza dovuta), mentre il 70% delle imprese europee sosteneva le norme di due diligence a livello dell’UE.

Nel marzo 2021 il Parlamento ha invitato la Commissione a presentare una legge per proteggere meglio i diritti umani e le vittime nei paesi terzi e vietare le importazioni legate a gravi violazioni dei diritti umani come il lavoro forzato o minorile.

0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


MUNIWORD 2022 è un brainstorming globale sull’innovazione urbana a cui parteciperanno centinaia di rappresentanti locali. In programma dal 6 all’8 dicembre, a Tel-Aviv e Gerusalemme, MUNIWORD 2022 è l’evento di riferimento per chiunque sia coinvolto nell’innovazione locale e nelle città intelligenti.Lo rende noto il sito del CEMR.

Questa conferenza, unica nel suo genere, fungerà da piattaforma per condividere visioni, metodologie e migliori pratiche per promuovere la sostenibilità, la resilienza e l’innovazione municipali e globali che serviranno i comuni di tutto il mondo.

L’evento è organizzato dalla Federazione delle autorità locali in Israele (FLAI), Masham, in collaborazione con la città di Gerusalemme.

MUNIWORLD 2022 fa parte di MUNIEXPO 2022, l’evento annuale sull’Innovazione Municipale organizzato dalla FLAI.

Con la partecipazione di 9.000 direttori generali e dirigenti di 258 autorità locali in Israele, l’Expo offre una piattaforma per collaborazioni che hanno un impatto diretto sulla vita quotidiana di milioni di cittadini.

I partecipanti internazionali di MUNIWORLD hanno pieno accesso a tutti gli eventi di MUNIEXPO 2022 e potranno godere di tour esclusivi dell’esposizione e di speciali eventi di networking.

La FLAI fornirà a tutti i Sindaci due pernottamenti nell’Orient Hotel di Gerusalemme, oltre all’esenzione dalle quote di iscrizione. Tale esonero dalle quote di iscrizione sarà concesso anche ad un ulteriore componente della delegazione di ciascun Sindaco.

La partecipazione all’evento comprende una serata di gala di apertura alla presenza del Primo Ministro e del Presidente dello Stato di Israele, tour di innovazione urbana su misura a Gerusalemme, una sessione plenaria internazionale e panel a Tel Aviv su temi dell’agenda municipale globale, una visita guidata alla mostra, un incontro esclusivo presso la President’s House for Mayors e una cena festiva offerta da Moshe Lion, sindaco di Gerusalemme.

Scopri il MuniWorld dell’anno scorso con un breve video.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web di MuniWorld 2022 o contattare la Federazione delle autorità locali in Israele: saray@masham.org.il
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Noi al Congresso siamo convinti che sia essenziale costruire resilienza e inclusività in modo sostenibile. Per raggiungere questo obiettivo, gli enti locali devono essere dotati delle competenze pertinenti, di risorse finanziarie adeguate per svolgere i loro compiti e della necessaria autonomia decisionale”, ha affermato il Vicepresidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Xavier Cadoret, alla 13a sessione plenaria dell’Assemblea regionale e locale euromediterranea (ARLEM), svoltasi nei giorni scorsi a Izmir, in Turchia.

“Solo rafforzando l’autonomia locale attraverso il decentramento del potere e l’equa distribuzione delle risorse tra i diversi livelli di governance possiamo aumentare la resilienza e l’inclusività a livello locale”, ha sottolineato Cadoret.

Affrontando il tema dell’azione per il clima nella regione, il Vicepresidente ha evidenziato il rapporto del Congresso su “Un diritto fondamentale all’ambiente: una questione per gli enti locali e regionali”, adottato nella sua 43a sessione in ottobre, e la proposta di revisione del Congresso della Carta Urbana II .

La vicepresidente del Congresso ha sottolineato che “le sfide affrontate oggi dagli Stati membri del Consiglio d’Europa sono interconnesse con le sfide del Mediterraneo meridionale e la loro complessità richiede un approccio globale”. Il Congresso si impegna a rendere le comunità più resilienti e sostenibile su entrambe le sponde del Mediterraneo, come dimostrano gli scambi tra pari e la condivisione di esperienze tra le autorità territoriali europee e le loro controparti del Marocco e della Tunisia che hanno lo status di Partner per la Democrazia Locale con il Congresso.

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 5NO NEW POSTS