E-News, coesione, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea serie C del 29 novembre è stata pubblicata la Raccomandazione del Consiglio dell’Unione del 27 novembre 2023 sullo sviluppo delle condizioni quadro dell’economia sociale

Nel documento, tra l’altro, si raccomanda agli Stati membri di riconoscere e sostenere il valore aggiunto specifico dell’economia sociale agevolando l’accesso al mercato del lavoro e promuovendo posti di lavoro di qualità per tutti, migliorando al contempo l’equità delle condizioni di lavoro, la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro, l’uguaglianza e la non discriminazione. Ciò dovrebbe avvenire nell’ambito di una crescita inclusiva, come messo in evidenza negli orientamenti 2022 per le politiche degli Stati membri a favore dell’occupazione, e in funzione delle rispettive circostanze nazionali, in particolare:

a) istituendo o incoraggiando iniziative di partenariato che coinvolgono soggetti dell’economia sociale nell’elaborazione e nell’attuazione di politiche attive del mercato del lavoro;

b) facendo in modo che le autorità pubbliche sostengano adeguatamente i soggetti dell’economia sociale al fine di integrare meglio nel mercato del lavoro le donne, nonché i gruppi svantaggiati e altri gruppi sottorappresentati (come i disoccupati di lungo periodo, le persone affette da malattie fisiche o mentali, gli inattivi, le persone scarsamente qualificate, con disabilità e provenienti da un contesto migratorio o appartenenti a minoranze razziali o etniche (come i Rom), i lavoratori giovani e anziani) mediante:

i) il riconoscimento dell’esperienza lavorativa acquisita in soggetti dell’economia sociale, comprese le imprese sociali di inserimento lavorativo, che offrono occupazione e sostegno su misura a tali gruppi;

ii) iniziative per aiutare tali gruppi di persone a prepararsi all’occupazione mediante esperienze lavorative presso imprese sociali finalizzate alla loro integrazione nel mercato del lavoro aperto;

c) sostenendo progetti di collaborazione tra servizi pubblici per l’impiego, autorità locali, soggetti dell’economia sociale, erogatori di istruzione e formazione e imprese tradizionali per offrire un orientamento professionale su misura e opportunità di apprendimento e formazione ai NEET. Tali opportunità possono comprendere apprendistati, programmi di immersione professionale, affiancamento personale e incontri con modelli di riferimento e possono essere finalizzate ad agevolare l’integrazione nel mercato del lavoro in linea con la garanzia per i giovani rafforzata;

d) promuovendo l’imprenditoria nell’economia sociale, compreso tramite le start-up, come mezzo per favorire il lavoro autonomo e altre forme di occupazione, sviluppare localmente l’attività economica e affrontare le sfide sociali tramite modelli imprenditoriali innovativi e inclusivi.

LA RACCOMANDAZIONE INTEGRALE IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Si è conclusa la 9a edizione della Settimana europea dello Sport, l’iniziativa della Commissione europea che promuove l’attività fisica.

La campagna, scrive la Commissione europea, ha coinvolto milioni di persone di tutte le età in Europa e non solo, informando sull’importanza di fare sport, perché fa bene alla salute e contribuisce al benessere psicologico.

In Italia, la collaborazione tra la Commissione europea, il Dipartimento per lo Sport e la società “Sport e Salute” ha permesso la realizzazione di numerose iniziative nelle vie e nei centri sportivi di tutto il Paese, coinvolgendo attivamente i cittadini in eventi inclusivi, sostenibili e gratuiti.

La Settimana europea dello Sport in Italia – Le cifre

1.245 organismi e associazioni sportive coinvolte

348.079 partecipanti

127 comuni coinvolti

Le attività della Settimana europea dello Sport sostengono la campagna permanente della Commissione europea #BeActive (“Siate attivi”). Le tre priorità dell’edizione 2023 sono state:

Partecipazione

L’attività sportiva migliora la nostra salute mentale e fisica: con più energie, siamo più produttivi e felici.

Inclusione

L’attività fisica non fa distinzioni ed è alla portata di tutti.

Innovazione

L’attività fisica può fare bene anche al pianeta. Ci sono tanti nuovi modi per applicare i principi della sostenibilità nello sport, di utilizzare spazi insoliti e di scoprire metodi creativi che attirano sempre più persone verso uno stile di vita attivo.

In Italia, la Settimana europea dello Sport è stata lanciata il 15 settembre al Circolo della Stampa di Torino, alla presenza di oltre 1 000 studenti, delle autorità locali e delle istituzioni.

Dal 23 al 25 settembre, è stato aperto il Villaggio #BeActive al Foro Italico di Roma: 7 000 metri quadrati per provare gratuitamente oltre 40 discipline sportive, assieme agli Ambassador della Settimana Europea dello Sport. Lunedì 25 settembre, il Villaggio ha accolto oltre 3 000 studenti delle istituzioni scolastiche primarie e secondarie di primo e secondo grado.

Per maggiori informazioni

La Settimana europea dello Sport in Europa

La Settimana europea dello Sport in Italia

La giornata inaugurale della Settimana europea dello Sport (15 settembre a Torino)

Il Villaggio #BeActive al Foro Italico (23-25 settembre a Roma)

Foto – #BEACTIVENIGHT 2023 –ROMA COLOR RUN

Video – La Settimana europea dello Sport
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo ha adottato il 13 settembre la sua posizione su nuove misure legislative per migliorare la qualità dell’aria e creare un ambiente pulito e sano per i cittadini europei.

I deputati europei hanno fissato valori limite e obiettivi più rigorosi (da raggiungere entro il 2035), rispetto alla proposta della Commissione europea, per diversi inquinanti, tra cui particolato (PM2.5, PM10), NO2 (anidride carbonica), SO2 (anidride solforosa) e O3 (ozono). Le nuove regole mirano a garantire che la qualità dell’aria nell’UE non sia dannosa per la salute umana, gli ecosistemi e la biodiversità e ad allineare le regole UE con le più recenti linee guida per la qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Nel testo approvato, che rappresenta la posizione negoziale del Parlamento, si afferma inoltre che valori proposti dalla Commissione dovrebbero costituire un obiettivo intermedio, da raggiungere quanto prima e al più tardi entro il 2030.

Nel testo si sottolinea la necessità di aumentare il numero di punti di campionamento della qualità dell’aria. Nelle aree urbane dovrebbe esserci almeno un super-sito di monitoraggio ogni due milioni di abitanti, per poter rappresentare l’esposizione della popolazione urbana generale (la Commissione ne ha proposto uno per 10 milioni). In luoghi in cui è probabile che si verifichino alte concentrazioni di particelle ultrafine (UFP), di carbone nero, di mercurio e di ammoniaca (NH3), dovrebbe esserci un punto di campionamento ogni milione di abitanti, un numero superiore a quello proposto dalla Commissione (ogni cinque milioni e solo per l’UFP).

I deputati europei vogliono armonizzare gli indici di qualità dell’aria in tutta l’UE, attualmente frammentati e poco comprensibili. Gli indici dovranno diventare essere comparabili, chiari e disponibili al pubblico, con aggiornamenti orari in modo che i cittadini possano proteggersi durante gli alti livelli di inquinamento atmosferico prima che vengano raggiunte soglie di allarme obbligatorie. Inoltre, dovranno essere rese disponibili informazioni sui sintomi associati ai picchi di inquinamento atmosferico e sui rischi per la salute associati a ciascun inquinante, comprese informazioni specifiche per i gruppi vulnerabili.

Il Parlamento europeo vuole anche che i cittadini la cui salute è danneggiata abbiano un diritto rafforzato al risarcimento in caso di violazione delle nuove norme.

I deputati propongono che, oltre alle misure di emergenza per migliorare la qualità dell’aria, necessarie quando i paesi dell’UE superano i limiti, tutti gli Stati membri predispongano tabelle di marcia per la qualità dell’aria con azioni a breve e lungo termine per conformarsi ai nuovi valori limite.

Il Parlamento è ora pronto ad avviare negoziati con il Consiglio sulla forma definitiva della legge.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha adottato il 25 luglio un elenco di servizi essenziali negli undici settori contemplati dalla direttiva sulla resilienza delle entità critiche (CER), entrata in vigore il 16 gennaio 2023. Le entità critiche forniscono servizi essenziali per sostenere le funzioni sociali fondamentali, sostenere l’economia, garantire la salute e la sicurezza pubblica e preservare l’ambiente.

Gli Stati membri dovranno identificare le entità critiche per i settori stabiliti nella direttiva CER entro il 17 luglio 2026. Useranno questo elenco di servizi essenziali per effettuare valutazioni del rischio e per identificare successivamente le entità critiche. Una volta identificate, le entità critiche dovranno adottare misure per migliorare la loro resilienza.

La Commissione europea ha proposto un elenco non esaustivo di servizi che sono fondamentali per il mantenimento delle funzioni sociali vitali, delle attività economiche, della salute pubblica e della sicurezza o dell’ambiente, per gli undici settori e sottosettori contemplati dalla direttiva, come segue:

Settore energetico, con servizi quali la produzione di energia elettrica e lo stoccaggio di energia;

Settore trasporti, con servizi quali gestione e manutenzione di infrastrutture aeroportuali o ferroviarie;

Settore bancario, con servizi essenziali come la raccolta di depositi e prestiti;

Settore delle infrastrutture del mercato finanziario, con servizi quali la gestione delle sedi di negoziazione e dei sistemi di compensazione;

Settore sanitario, con distribuzione, produzione, fornitura di assistenza sanitaria e servizi medici;

Settore acqua potabile, con approvvigionamento e distribuzione di acqua potabile;

Settore acque reflue, con servizi di raccolta, trattamento e smaltimento delle acque reflue;

>Settore delle infrastrutture digitali , con servizi quali la fornitura e la gestione del servizio di punto di scambio Internet, sistema dei nomi di dominio, dominio di primo livello, cloud computing e data center; Servizi del settore della pubblica amministrazione;

Settore spaziale, con la gestione dei servizi infrastrutturali a terra;

Produzione, trasformazione e distribuzione del settore alimentare, con la produzione e la trasformazione di alimenti industriali su larga scala, servizi di filiera alimentare e servizi di distribuzione alimentare all’ingrosso.

L’atto delegato adottato dalla Commissione entrerà in vigore solo se nessuna obiezione è stata espressa dal Parlamento europeo o dal Consiglio entro un termine di due mesi dalla sua notifica o se, prima della scadenza di tale termine, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno entrambi informato la Commissione che non si opporranno. Tale termine può essere prorogato di due mesi su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno annunciato il 5 giugno il lancio di un partenariato storico per la salute digitale. Lo annuncia la Commissione europea in un comunicato stampa.

Nel giugno 2023, l’OMS adotterà il sistema di certificazione digitale COVID-19 dell’Unione europea (UE) per istituire un sistema globale che contribuirà a facilitare la mobilità globale e a proteggere i cittadini di tutto il mondo dalle minacce sanitarie attuali e future. Questo è il primo elemento costitutivo della rete globale di certificazione della salute digitale dell’OMS (GDHCN) che svilupperà un’ampia gamma di prodotti digitali per offrire una salute migliore a tutti.

Basata sulla strategia sanitaria globale dell’UE e sulla strategia globale degli Stati membri dell’OMS sulla salute digitale.

Questo partenariato includerà una stretta collaborazione nello sviluppo, nella gestione e nell’attuazione del sistema dell’OMS, beneficiando dell’ampia competenza tecnica della Commissione europea nel settore. Un primo passo consiste nel garantire che gli attuali certificati digitali dell’UE continuino a funzionare in modo efficace.

Uno degli elementi chiave nel lavoro dell’Unione europea contro la pandemia di COVID-19 è stato il certificato COVID digitale. Per facilitare la libera circolazione all’interno dei suoi confini, l’UE ha rapidamente istituito certificati COVID-19 interoperabili (denominati “Certificato COVID digitale UE” o “DCC UE”). Basato su tecnologie e standard open-source ha consentito anche la connessione di paesi extra UE che rilasciano certificati secondo le specifiche EU DCC, diventando la soluzione più utilizzata in tutto il mondo.

Dall’inizio della pandemia, l’OMS si è impegnata con tutte le regioni dell’OMS per definire le linee guida generali per tali certificati. Per aiutare a rafforzare la preparazione sanitaria globale di fronte alle crescenti minacce per la salute, l’OMS sta istituendo una rete globale di certificazione sanitaria digitale che si basa sulle solide basi del quadro, dei principi e delle tecnologie aperte del DCC dell’UE. Con questa collaborazione, l’OMS faciliterà questo processo a livello globale sotto la propria struttura con l’obiettivo di consentire al mondo di beneficiare della convergenza dei certificati digitali. Ciò include la definizione degli standard e la convalida delle firme digitali per prevenire le frodi. In tal modo, l’OMS non avrà accesso a nessun dato personale sottostante, che continuerebbe ad essere dominio esclusivo dei governi.

Il primo elemento costitutivo del sistema globale dell’OMS diventa operativo nel giugno 2023 e mira a essere sviluppato progressivamente nei prossimi mesi.

Per facilitare l’adozione del DCC dell’UE da parte dell’OMS e contribuire al suo funzionamento e all’ulteriore sviluppo, la Commissione europea e l’OMS hanno deciso di collaborare alla salute digitale.

Questa partnership lavorerà per sviluppare tecnicamente il sistema dell’OMS con un approccio graduale per coprire ulteriori casi d’uso, che possono includere, ad esempio, la digitalizzazione del certificato internazionale di vaccinazione o profilassi. L’espansione di tali soluzioni digitali sarà essenziale per offrire una salute migliore ai cittadini di tutto il mondo.

Questa cooperazione si basa sui valori e sui principi condivisi di trasparenza e apertura, inclusività, responsabilità, protezione dei dati e privacy, sicurezza, scalabilità a livello globale ed equità. La Commissione europea e l’OMS lavoreranno insieme per incoraggiare la massima diffusione e partecipazione globale. Particolare attenzione sarà riservata alle pari opportunità di partecipazione dei più bisognosi: paesi a basso e medio reddito.

Per maggiori informazioni

Salute digitale (who.int)

Certificato COVID digitale dell’UE (europa.eu)
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Mentre la guerra in Ucraina si trascina, crescono le preoccupazioni per i danni ambientali transfrontalieri che ha causato. Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha adottato un parere di iniziativa nella sessione plenaria di aprile sul diritto a un ambiente sano nell’Unione europea, in particolare nel contesto della guerra in Ucraina, chiedendo la criminalizzazione delle azioni della Russia anche ai sensi del diritto europeo come protezione dell’ambiente per salvaguardare i diritti fondamentali.

La guerra sta mettendo a dura prova gli ecosistemi dell’Ucraina, con rapporti che indicano che vaste aree di foresta sono state distrutte e l’inquinamento dell’aria e dell’acqua è stato diffuso. Secondo il Segretariato della Convenzione sulla diversità biologica, l’Ucraina ospita il 35% della biodiversità europea nonostante occupi solo il 6% del suo territorio. Tuttavia, la guerra sta minacciando questo ricco patrimonio naturale, con danni ambientali che danneggiano gli ecosistemi e la salute umana e mettono in pericolo la produzione agricola.

La relazione ha affermato che il CESE sottolinea l’urgenza di migliorare la protezione dell’ambiente dal punto di vista della salvaguardia dei diritti fondamentali nell’Unione europea e oltre, e che tale necessità è aggravata dal grave danno ambientale causato dalla guerra in Ucraina.

Il Comitato economico e sociale europeo, insieme al Parlamento europeo, chiede il riconoscimento dell’ecocidio come reato ai sensi del diritto dell’UE. Il CESE ritiene che ciò contribuirebbe a ritenere la Russia responsabile delle sue azioni in Ucraina e a evitare che simili disastri ambientali si verifichino in futuro.

La salute ambientale, umana e animale non può essere separata. Inoltre, il diritto a un ambiente sano è essenziale per il benessere sociale ed economico delle persone in Europa e nel mondo. Ad esempio, l’ILO stima che circa il 40% dei posti di lavoro nel mondo dipenda da un clima salubre.

Il CESE invita tutti gli Stati membri e le istituzioni dell’UE a migliorare l’efficacia degli strumenti giuridici esistenti e ad intensificare gli sforzi per garantire il rispetto del diritto a un ambiente sano. Con il conflitto in corso in Ucraina che evidenzia la fragilità dei nostri ecosistemi, è più importante che mai proteggere il nostro patrimonio naturale e salvaguardare la salute e il benessere dei nostri cittadini. (ks)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le caratteristiche sociali e ambientali delle aree urbane sembrano giocare un ruolo importante nel determinare lo stato di salute della popolazione.

Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea.

Nel 2021, a livello UE, il 43% delle persone di età pari o superiore a 65 anni che vivono in città ha dichiarato di avere uno stato di salute buono o molto buono; questo era di 2 punti percentuali (pp) superiore alla media nazionale per tutte le persone di questa fascia di età (41%).

Otto membri dell’UE hanno riferito quote superiori al 50% di persone di età pari o superiore a 65 anni che vivono in città con uno stato di salute buono o molto buono. Le percentuali più elevate sono state registrate in Irlanda (66%), Svezia (64%) e Belgio (60%). Le percentuali più basse sono state registrate in Lituania (11%), Lettonia (15%) e Portogallo (21%).

Tra i paesi dell’UE, la differenza maggiore nella percentuale di anziani che vivono nelle città che dichiarano uno stato di salute buono o molto buono rispetto alla media nazionale è stata registrata in Slovenia (+7 punti percentuali rispetto alla media nazionale), seguita da Bulgaria e Croazia ( +5pp).

Al contrario, la differenza è stata più bassa in Lussemburgo (-2 punti percentuali), Paesi Bassi e Francia (-1 punto percentuale). In questi paesi, la percentuale di persone di età pari o superiore a 65 anni che riportava uno stato di salute buono o molto buono era inferiore nelle città rispetto a livello nazionale.

Sezione tematica Eurostat su regioni e città

Sezione tematica Eurostat sulla salute

Banca dati Eurostat sulla salute
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea presenta una interessante pubblicazione interattiva sulla vita delle donne e degli uomini in Europa che mette a confronto le donne e gli uomini nella loro vita quotidiana. Mostra anche quanto sia simile o diversa la vita quotidiana delle donne e degli uomini nei paesi europei.

La pubblicazione comprende tre capitoli:

Vita e invecchiamento: questo capitolo si concentra su demografia e salute, includendo ad esempio dati sull’aspettativa di vita, madri e padri single e come percepiamo la nostra salute. Questo capitolo mostra anche che, nonostante le nostre differenze, sia le donne che gli uomini in Europa sono ugualmente soddisfatti della propria vita.

Apprendimento e guadagno: questo capitolo include i dati sui livelli di istruzione, la conciliazione tra lavoro e vita familiare, il lavoro a tempo pieno e part-time, il divario retributivo di genere, i dirigenti donne e uomini, ecc. Evidenzia non solo le differenze strutturali ma anche le disuguaglianze tra donne e uomini.

Mangiare e navigare: questa parte si concentra su alimentazione, pratica sportiva e pratiche online, includendo ad esempio dati sul consumo di frutta e verdura, consumo di alcol, indice di massa corporea, utilizzo dei social network e acquisti online.

La pubblicazione interattiva contenente brevi testi, strumenti di visualizzazione interattivi e infografiche è stata sviluppata da Eurostat in collaborazione con gli istituti nazionali di statistica degli Stati membri dell’UE e dei paesi EFTA.

VAI ALLA PUBBLICAZIONE INTERATTIVA
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 5NO NEW POSTS