E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nell’ambito del partenariato europeo per l’integrazione, la Commissione europea e cinque partner economici e sociali europei – CES, BusinessEurope, SGI Europe, SMEUnited ed Eurochambres – hanno rinnovato il loro impegno a integrare in modo più efficace i rifugiati e altri migranti nel mercato del lavoro dell’UE.

In una dichiarazione congiunta, la Commissione e le parti sociali ed economiche ribadiscono l’importanza di un approccio multilaterale per facilitare un’integrazione rapida e agevole nel mercato del lavoro. Tale approccio avvantaggia sia i migranti che il paese ospitante, attraverso misure mirate in modo coordinato.

I partecipanti hanno sottolineato la necessità di un sostegno coordinato per le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Il 5 aprile 2022 la Commissione ha adottato una raccomandazione sul riconoscimento delle qualifiche per le persone in fuga dall’invasione russa dell’Ucraina.

La Commissione ha inoltre pubblicato orientamenti per l’accesso al mercato del lavoro, all’istruzione e formazione professionale e all’apprendimento degli adulti per le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina.

La guida sottolinea l’importanza di evitare lo sfruttamento e il lavoro sommerso con il sostegno dell’Autorità europea del lavoro. Il 10 ottobre 2022 la Commissione ha avviato un’iniziativa pilota del pool di talenti dell’UE che mira ad aiutare i beneficiari di protezione temporanea a trovare un impiego e ad integrarsi nel mercato del lavoro dell’UE, tenendo conto delle esigenze specifiche dei richiedenti. I firmatari hanno scambiato gli insegnamenti tratti dalle loro esperienze in materia di integrazione nel mercato del lavoro per sostenere gli sfollati dall’Ucraina e altri cittadini di paesi terzi e hanno discusso ulteriori azioni e progetti.

In vista dell’Anno europeo delle competenze 2023, i firmatari concordano sulla necessità di facilitare la valutazione, il riconoscimento e la convalida delle competenze e delle qualifiche. Ciò migliorerà l’abbinamento delle competenze con i posti vacanti. Un tale approccio consentirà ai migranti e ai rifugiati di trovare lavoro al livello delle loro qualifiche e ai datori di lavoro di sfruttare appieno il potenziale dei migranti per colmare le carenze di manodopera.

Inoltre, continueranno ad agevolare l’integrazione nel mercato del lavoro dell’UE e a promuovere le pari opportunità, anche attraverso una stretta cooperazione per l’attuazione del programma pilota dell’EU Talent Pool per i beneficiari di protezione temporanea.

La Commissione informa continuerà a collaborare con le parti sociali ed economiche per implementare il Talent Pool e Talent Partnerships con i principali paesi partner, al fine di migliorare i percorsi legali per i cittadini di paesi terzi verso l’UE. I firmatari lavoreranno per sensibilizzare e condividere le migliori pratiche nell’uso dei finanziamenti dell’UE per l’integrazione nel mercato del lavoro.

In linea con il piano d’azione sull’integrazione e l’inclusione 2021-27, la Commissione sosterrà progetti che promuovono iniziative multilaterali attraverso un invito a presentare proposte sull’integrazione dei migranti nell’ambito dello strumento tematico del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF).

A partire dall’inizio del 2023, i partner e la Commissione si incontreranno almeno due volte l’anno a livello operativo, facendo il punto sui progetti pertinenti e altre azioni. Si incontreranno anche a livello politico, se del caso.

Partenariato europeo per l’integrazione – Sito web della Commissione>
Piano d’azione per l’integrazione e l’inclusione 2021-2027
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il numero di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati in tutto il mondo non è mai stato così alto come nel 2022 e donne e bambini affrontano maggiori vulnerabilità e violenze nel corso della migrazione. È quanto emerge dal rapporto sull’accoglienza delle donne e dei bambini rifugiati nelle città e nelle regioni europee, adottato recentemente dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa.

Il rapporto sottolinea i limiti delle strutture di accoglienza di massa, spesso inadatte, e propone buone pratiche per le autorità locali in materia di alloggi, assistenza sanitaria e istruzione, al fine di garantire un’accoglienza sicura e il rispetto dei diritti umani delle donne e dei bambini in fuga dai propri paesi.

Si stima che donne e bambini costituiscano il 90% degli ucraini fuggiti all’estero dall’inizio dell’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina. Il rapporto tiene conto in particolare dei risultati di una visita effettuata in Polonia a luglio per raccogliere le esperienze delle città polacche che accolgono migliaia di donne e bambini ucraini.

Per garantire la protezione a lungo termine delle donne, dei bambini rifugiati e dei richiedenti asilo, il Congresso incoraggia le autorità locali e regionali a cooperare con gli altri livelli di governance e le organizzazioni della società civile e a sviluppare politiche di accoglienza rispettose del genere e a misura di bambino.

Il Congresso esorta le autorità nazionali a istituire meccanismi di finanziamento chiari e trasparenti in modo che le autorità locali e regionali possano fornire strutture di accoglienza di alta qualità per donne e bambini rifugiati e anche per facilitare la raccolta e la condivisione di dati rilevanti sui rifugiati in arrivo.

La Rappresentante speciale del Segretario generale del Consiglio d’Europa su migrazione e rifugiati, Leyla Kayacik, ha condiviso i risultati delle sue missioni conoscitive in diversi paesi europei. Ha chiesto che gli enti locali e regionali in Europa non siano lasciati soli nel garantire la protezione delle donne e dei bambini rifugiati. “È necessario il coinvolgimento di tutte le parti interessate”, ha concluso.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
A luglio 2022, 66 545 richiedenti asilo per la prima volta (cittadini non UE ) hanno chiesto protezione internazionale negli Stati membri dell’UE, 265 persone in più rispetto a giugno 2022, il che, in termini relativi, significa un aumento piuttosto contenuto dello 0,4%. Rispetto a luglio 2021 (44 760), si è registrato un aumento del 49% del numero totale di richieste.

Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea.
Nel luglio 2022 c’erano anche 5 860 richiedenti successivi (persone che hanno presentato nuovamente domanda di asilo dopo che era stata presa una decisione su una domanda precedente), una diminuzione del 7% rispetto a giugno 2022 e un aumento del 2% rispetto a luglio 2021.

Questa informazione arriva dai dati mensili sull’asilo pubblicati da Eurostat. >Clicca qui per articolo più dettagliato sulle statistiche mensili sull’asilo .

Nel luglio 2022, i siriani erano il gruppo più numeroso di richiedenti asilo (9 010 richiedenti per la prima volta). Sono stati seguiti dagli afgani (8 150), davanti a venezuelani (3 665), pakistani (3 555) e colombiani (3 505).

Nel marzo 2022 si è registrato un forte aumento dei richiedenti asilo ucraini per la prima volta (da 2 370 a febbraio a 12 890 a marzo) a causa dell’aggressione militare russa contro l’Ucraina. I numeri sono in diminuzione ogni mese: 1 510 ad aprile, 1 295 a maggio, 975 a giugno e 950 a luglio. Questo anche perché le persone in fuga dall’Ucraina beneficiano di una protezione temporanea.

Con 14 095 richiedenti asilo per la prima volta registrati nel luglio 2022, la Germania ha continuato a essere lo Stato membro che ha segnalato il numero più alto di richiedenti asilo per la prima volta nell’UE, rappresentando il 21% del totale. La Germania è stata seguita da Francia (10 890, 16%) e Austria (10 625, 16%), davanti a Spagna (8 745, 13%) e Italia (5 105, 8%). Questi cinque Stati membri insieme rappresentavano i tre quarti (74%) di tutti i richiedenti asilo per la prima volta nell’UE.

Nel luglio 2022, 3 400 minori non accompagnati hanno presentato domanda di asilo per la prima volta negli Stati membri dell’UE, in aumento del 60 % rispetto a luglio 2021 (2 130) e del 17 % in più rispetto a giugno 2022 (2 905). Questo è uno degli Stati membri dell’UE per i quali sono disponibili dati.

La maggior parte dei minori non accompagnati che hanno presentato domanda di asilo nel luglio 2022 proveniva da Afghanistan (1 475), Siria (735), Somalia (225) e Pakistan (140).

I tre Stati membri che hanno ricevuto il maggior numero di domande di asilo da parte di minori non accompagnati nel luglio 2022 sono stati l’Austria (1 270), con un aumento dell’11% rispetto a giugno 2022, la Germania (485), con un aumento del 9% e i Paesi Bassi ( 450), con un incremento del 70%.

Per maggiori informazioni:

Articolo Eurostat sulle statistiche mensili sull’asilo

Articolo Eurostat sulle statistiche annuali sull’asilo

Articolo Eurostat sugli ucraini concessi protezione temporanea ad agosto

Sezione Eurostat dedicata alle statistiche sulla migrazione e l’asilo

Banca dati Eurostat sulle statistiche sull’asilo
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Per aiutare i cittadini e le PMI ad affrontare le sfide derivanti dall’attuale crisi energetica e dai prezzi elevati del gas nell’UE, la Commissione europea ha presentato misure nuove, mirate ed eccezionali nell’ambito del quadro della politica di coesione 2014-2020. Lo annuncia il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Le misure permetterebbero agli Stati membri e alle regioni di reindirizzare fino a 40 miliardi di EUR di finanziamenti inutilizzati dal periodo di programmazione 2014-2020. Gli Stati membri e le regioni potrebbero anche applicare tassi di cofinanziamento del 100%, il che significa che il bilancio dell’UE coprirebbe interamente i costi.

Caratteristiche principali della proposta:

Gli Stati membri possono fornire più facilmente sostegno alle piccole e medie imprese (PMI), alle famiglie vulnerabili, ai dipendenti e ai lavoratori autonomi

Il Fondo sociale europeo (FSE) può fornire sostegno alle famiglie vulnerabili per coprire i costi del consumo di energia.

Può anche sostenere programmi di lavoro a orario ridotto per aiutare i dipendenti e i lavoratori autonomi. Il Fondo europeo regionale e di sviluppo (FESR) può sostenere il capitale circolante delle PMI fortemente colpite dall’aumento dei prezzi dell’energia.

Tutti i fondi della politica di coesione (FESR, FSE e Fondo di coesione) possono essere utilizzati per offrire sostegno a queste misure attraverso il cosiddetto finanziamento incrociato e utilizzando le risorse REACT-EU.

Le risorse per tutte e tre le categorie di regioni (più sviluppate, in transizione e meno sviluppate) possono essere utilizzate per sostenere queste misure.

Tutte le azioni proposte possono beneficiare di un cofinanziamento del 100%.

Le spese saranno ammissibili a partire dal 1 febbraio 2022

Possono essere supportate anche le operazioni già completate

Il budget per queste misure eccezionali può ammontare al 10% della dotazione totale dei fondi nazionali della politica di coesione per il periodo 2014-2020 (ossia quasi 40 miliardi di euro).

La Commissione europea ha presentato queste misure ai colegislatori nel quadro dei negoziati legislativi in ​​corso sulla proposta di regolamento che modifica il regolamento sul dispositivo per la ripresa e la resilienza per quanto riguarda i capitoli REPower dell’UE nei piani di ripresa e resilienza degli Stati membri.

Questi cambiamenti mirati si basano sugli stessi meccanismi delle recenti flessibilità offerte dall’Azione di coesione per i rifugiati in Europa (CARE) e dalle proposte di Assistenza flessibile ai territori (FAST-CARE) nel contesto della crisi dei rifugiati ucraini.
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 10 ottobre, nella conferenza stampa di apertura della XX Settimana europea delle regioni e delle città, il commissario europeo per la Coesione e le riforme, Elisa Ferreira, e il presidente del Comitato europeo delle regioni, Vasco Alves Cordeiro, hanno ricordato l’importanza della risposta emergenziale della politica di coesione all’inter crisi correlate L’Europa ha dovuto affrontare e ha sottolineato la sua centralità per il futuro come parte fondamentale del modello di crescita dell’Europa. Lo comunica la Commissione europea attraverso un comunicato stampa.

Secondo l’ ottava relazione sulla coesione e il nuovo documento di lavoro sull’impatto della politica di coesione nel periodo 2014-2020 appena pubblicato, scrive Bruxelles, “la politica di coesione ha un impatto significativo sulla crescita regionale. Grazie al suo sostegno, nel 2019 il divario PIL dei paesi centro-orientali che sono diventati membri dopo il 2004 si è dimezzato (dal 59% della media UE al 77%). I finanziamenti della politica di coesione aumenteranno il PIL pro capite delle regioni meno sviluppate fino al 5% entro il 2023”.

A lungo termine, la politica di coesione avvantaggia anche le regioni sviluppate grazie alle ricadute interregionali. Ogni euro speso per progetti sostenuti dalla Politica ha generato 2,70 euro di PIL aggiuntivo nell’UE.

La politica di coesione è stata in prima linea nella lotta contro le crisi, come la pandemia di Covid e la brutale invasione russa dell’Ucraina.

Grazie all’assistenza alla ripresa per la coesione e i territori d’Europa (REACT-EU), prosegue la Commissione, gli Stati membri hanno già programmato 45,2 miliardi di euro per la loro ripresa dopo la pandemia e stanno avviando un’attuazione concreta sul campo.

Con l’ Azione di coesione per i rifugiati d’Europa (CARE), la Commissione ha erogato una liquidità aggiuntiva di 10 miliardi di euro per aiutare gli Stati membri ad accogliere i rifugiati dall’Ucraina. Sono previsti ulteriori 330 milioni di euro di finanziamento della politica di coesione per sostenere i bisogni dei rifugiati.

Nel periodo 2014-2020, la politica di coesione ha investito circa 27,5 miliardi di euro in tutta l’UE direttamente in progetti energetici chiave e infrastrutture critiche nel settore del gas e dell’elettricità. Ciò include i terminali GNL in Polonia e Grecia, i principali gasdotti, gli impianti di stoccaggio del gas e le reti elettriche nell’Europa centrale.

La politica di coesione, conclude Bruxelles, ha sostenuto progetti di efficienza energetica , con circa 19,2 miliardi di euro, di cui 15 miliardi di euro per la ristrutturazione degli edifici.

Inoltre, il meccanismo di transizione giusta aiuterà a sfruttare gli investimenti privati ​​tanto necessari per i prossimi progetti di efficienza energetica riducendo la dipendenza dell’Europa dal gas russo.

Tutti questi investimenti aiutano a mitigare l’impatto della crisi energetica odierna.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa di aver presentato il 6 ottobre il Rapporto 2022 su migrazione e asilo. La relazione presenta gli sviluppi chiave nel settore della migrazione e dell’asilo e fa il punto sui progressi compiuti nell’ultimo anno con il Nuovo Patto sulla migrazione e l’asilo. Identifica le principali sfide future, sottolineando la necessità di ulteriori progressi verso un sistema di gestione della migrazione responsabile ed equo nell’UE.

Dalla guerra della Russia contro l’Ucraina che ha causato il più grande sfollamento forzato di persone in Europa dalla seconda guerra mondiale, alla strumentalizzazione della migrazione per scopi politici da parte del regime bielorusso, attraverso una pandemia e restrizioni di viaggio senza precedenti, il tutto insieme a una pressione continua e persino crescente sui tradizionali rotte migratorie: nell’ultimo anno l’UE ha dovuto affrontare una serie di sfide con importanti ripercussioni sulla migrazione, l’asilo e la gestione delle frontiere. “In ogni caso, scrive Bruxelles, l’UE si è dimostrata in grado di reagire rapidamente, con solidarietà concreta e coordinamento efficace. Tuttavia, questi sviluppi sono stati anche un chiaro promemoria del fatto che sono necessarie riforme strutturali del sistema di asilo e migrazione dell’UE per preparare l’UE ad affrontare sia le situazioni di crisi che le tendenze a lungo termine“.

La Commissione continua a monitorare gli sviluppi lungo le principali rotte migratorie:

La rotta del Mediterraneo centrale rimane la più utilizzata. Quasi tutti gli arrivi sono stati in Italia, con Malta che ha registrato un calo sostanziale. Gli arrivi irregolari lungo la rotta del Mediterraneo orientale sono raddoppiati rispetto al 2021, principalmente a causa dell’accresciuta pressione migratoria a Cipro, che attualmente rappresenta circa il 60% degli arrivi lungo la rotta.

Sulla rotta Mediterraneo occidentale/Atlantico, Algeria e Marocco/Sahara occidentale rimangono i principali paesi di partenza verso la Spagna continentale e le Isole Canarie.

Lungo la rotta dei Balcani occidentali, nei primi otto mesi del 2022 sono stati rilevati oltre 86 000 attraversamenti irregolari di frontiera, quasi tre volte di più rispetto al 2021 e più di dieci volte il totale nello stesso periodo del 2019. Dato il forte aumento degli arrivi, la Commissione sta monitorando la situazione tramite la Blueprint Network con maggiore vigilanza e sta intensificando il dialogo con i partner dei Balcani occidentali e con gli Stati membri dell’UE più colpiti per affrontare la situazione.

La situazione al confine orientale con la Bielorussia continua a essere stabile, con un numero significativamente inferiore di valichi di frontiera irregolari rispetto al culmine della crisi della strumentalizzazione nel 2021.

La relazione fa il punto sui progressi compiuti e sui principali sviluppi nel settore della migrazione e dell’asilo nell’ultimo anno, evidenziando in particolare:

Solidarietà senza precedenti con l’Ucraina: l’Europa ha offerto un’accoglienza senza precedenti a milioni di persone in fuga dalla guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, attraverso la prima attivazione in assoluto della direttiva sulla protezione temporanea; la creazione di una piattaforma di solidarietà e l’attuazione di un piano in 10 punti per una risposta europea coordinata (vedi scheda informativa).

Forte gestione delle frontiere esterne: come parte fondamentale dell’approccio del Patto, è stata prestata una forte attenzione a garantire la gestione delle frontiere esterne attraverso l’attuazione della nuova architettura informatica e dell’interoperabilità; passi importanti nella costruzione di un sistema di rimpatrio comune dell’UE, anche attraverso la nomina di un coordinatore per i rimpatri; e l’applicazione di una politica dei visti strategica e strutturata.

Collaborare con i partner internazionali: nell’ultimo anno, l’UE ha intensificato il proprio lavoro per perseguire una cooperazione reciprocamente vantaggiosa nel settore della migrazione. L’UE è un attore e donatore leader a livello mondiale nel miglioramento della protezione e dell’assistenza agli sfollati forzati e ai loro ospiti, nel salvare vite umane e nel gettare le basi per soluzioni durature. Allo stesso tempo, sono stati compiuti progressi nell’affrontare questioni relative a rimpatri, riammissione, gestione delle frontiere e reti di trafficanti in partenariato con paesi terzi chiave che rispecchiano un equilibrio tra le loro esigenze e gli interessi dell’UE.
>Contrastare le minacce ibride: un’azione tempestiva, risoluta e unita dell’UE ai partner può portare a risultati impressionanti, come dimostrato dalla risposta alla strumentalizzazione dei migranti da parte del regime bielorusso. La Commissione ha collaborato con i paesi di origine e di transito, nonché con le compagnie aeree e le autorità dell’aviazione civile, per costruire una coalizione per contrastare questo attacco ibrido.

Le istituzioni dell’UE, continua il comunicato della Commissione, sono sulla buona strada per compiere progressi sul nuovo patto su migrazione e asilo, sostenuto anche dalle presidenze del Consiglio e dal Parlamento europeo. Il Patto offre l’approccio globale necessario per gestire la migrazione in modo efficace e umano.  

L’Agenzia dell’UE per l’asilo, succedendo all’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo, ha intensificato le sue operazioni nel gennaio 2022 quando è entrato in vigore il regolamento che istituisce l’Agenzia.

Al Consiglio informale “Giustizia e affari interni” del 3 febbraio 2022, la presidenza ha proposto un approccio graduale volto a portare in definitiva a una politica europea globale in materia di migrazione, frontiere e asilo. Nel maggio 2022 il coordinatore dei rimpatri si è insediato presso la Commissione per promuovere un approccio più coerente ed efficace ai rimpatri.

Nel giugno 2022, sotto la presidenza francese, gli Stati membri hanno concordato mandati negoziali per i regolamenti Screening ed Eurodac. Si tratta di proposte chiave per procedure migliori e più efficaci per aiutare a contrastare la migrazione irregolare, migliorare i rimpatri e sostenere meglio il sistema di asilo.

Sempre nel giugno 2022 è stato accolto con favore l’accordo politico degli Stati membri in seno al Consiglio per avviare l’attuazione del meccanismo di solidarietà volontaria. Ciò garantisce che i paesi con capacità di accoglienza disponibili esprimano la loro solidarietà accogliendo le persone. Il meccanismo è già in fase di attuazione e la prima ricollocazione è già avvenuta.

La Commissione europea ha accolto con favore l’accordo politico del 7 settembre tra il Parlamento europeo e il Consiglio. Ora abbiamo una tabella di marcia comune sul sistema europeo comune di asilo e sul patto sulla migrazione e l’asilo.

Maggiori dettagli nel rapporto.

Approfondimenti

Rapporto 2022 su migrazione e asilo

Solidarietà dell’UE con l’Ucraina

Nuovo Patto su Migrazione e Asilo

Strategia Schengen

Strategia dell’UE sul rimpatrio volontario e il reinserimento
Piano d’azione dell’UE 2021-2025 contro il traffico di migranti
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I mercati degli affitti e degli alloggi nelle città e nelle regioni europee hanno subito forti pressioni dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina. I membri della Commissione per la politica di coesione territoriale e il bilancio dell’UE (COTER) del Comitato europeo delle regioni (CdR) chiedono un maggiore sostegno alle regioni e città europee in prima linea nel reddito dei rifugiati per garantire l’integrazione a lungo termine attraverso alloggi accessibili a tutti i cittadini.

Lo rende noto il sito del CdR.

​ Le sfide immediate e a lungo termine relative all’alloggio dei 7,3 milioni di rifugiati ucraini registrati nelle città e nelle regioni dell’UE sono state oggetto di dibattito il 29 settembre in una riunione della commissione del CdR per la politica di coesione territoriale e il bilancio dell’UE (COTER). Le sfide a lungo termine sono state sottolineate in particolare da Jan Fluxa, viceministro per lo sviluppo regionale della Repubblica ceca, che attualmente detiene la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea. Molti dei profughi rimarranno “più a lungo, se non per sempre” ed è necessario allentare il loro passaggio da soluzioni abitative “immediate ma a breve termine” – che, ha detto il viceministro Fluxa, avevano creato una “situazione molto imprevedibile” – ad “alloggio standard”.

Le questioni toccate includevano la dipendenza continua dell’UE dalle famiglie per ospitare i rifugiati ucraini, i timori che l’impennata dei prezzi dell’energia renderà più difficile mantenere questo livello di sostegno volontario durante l’inverno, le difficoltà a trovare appartamenti sul mercato, l’importanza di sovvenzionare i ristrutturazione del patrimonio abitativo inutilizzato al fine di trovare case per i rifugiati e se delimitare l’edilizia sociale al fine di garantire che le esigenze abitative preesistenti siano inalterate.

I membri del COTER hanno inoltre adottato un progetto di parere in cui si chiede un maggiore sostegno alla politica di coesione per i territori con svantaggi geografici e demografici, comprese le zone rurali, le regioni insulari, transfrontaliere e di montagna. Le nuove strategie dell’UE, come la visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE, devono definire proposte chiaramente definite per queste zone al fine di garantire uno sviluppo equilibrato e un’equa ripresa in tutte le regioni europee.

0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Una delegazione del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa ha effettuato una visita in Polonia il 4 e il 5 luglio al fine di raccogliere le esperienze vissute dalle città polacche che ospitano i rifugiati ucraini. La Polonia ha accolto più rifugiati ucraini di qualsiasi altro Stato membro, di cui più del 90% è composto da donne e minori. La delegazione ha incontrato un gran numero di parti interessate e ha visitato i centri di accoglienza temporanea a Varsavia e Lublino in vista della preparazione di un rapporto per il Congresso.

“Le città e le regioni si trovano in prima linea, possono reagire rapidamente e adattarsi alle esigenze realistiche delle donne e dei minori sul territorio. Nel corso di questi due giorni, abbiamo avuto modo di vedere quanto un governo locale forte, in cooperazione con una società civile attiva, faccia davvero la differenza”, hanno dichiarato i relatori Bernd Vöhringer e Annika Vaikla.

“Siamo rimasti davvero colpiti dal modo in cui le ONG e le amministrazioni locali hanno collaborato per proteggere le persone vulnerabili. Costruire fiducia tra la società civile e le autorità locali richiede tempo e sforzi, ma è cruciale in situazioni come queste”, ha aggiunto Thomas Andersson, Presidente della Commissione sulle Questioni di attualità del Congresso, che ha guidato la delegazione.

“Le città polacche hanno dimostrato determinazione e impegno nell’affrontare questa sfida. Siamo testimoni dei loro sforzi nell’offrire non solo un alloggio temporaneo, ma anche un sostegno e un aiuto psicologico alle donne e ai minori ucraini”, ha concluso la delegazione.

Le autorità locali e regionali di tutta Europa hanno bisogno di sostegno e orientamento per fare in modo che ogni donna e ogni minore rifugiato – a prescindere dal suo background o dal Paese di origine – possa essere accolto in completa sicurezza nelle città e regioni d’Europa. Questo è l’obiettivo del rapporto su ”L’accoglienza di donne e minori rifugiati nelle città e nelle regioni d’Europa” che verrà presentato per adozione durante la 43esima sessione del Congresso nel mese di ottobre 2022.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS