E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2022, l’ UE ha esportato 32,1 milioni di tonnellate di rifiuti verso paesi extra-UE. Si tratta di un leggero calo del 3% rispetto al 2021. Le importazioni di rifiuti da paesi extra-UE sono diminuite del 5% dal 2021, attestandosi a 18,7 milioni di tonnellate.

Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE. La Turchia è stata la principale destinazione dei rifiuti esportati dall’UE nel 2022
. Con un volume di 12,4 milioni di tonnellate, rappresentava il 39% del totale delle esportazioni di rifiuti. La seconda destinazione più grande è stata l’India, che ha ricevuto 3,5 milioni di tonnellate di rifiuti dall’UE nel 2022, seguita da Regno Unito (2,0 milioni di tonnellate), Svizzera (1,6 milioni), Norvegia (1,6 milioni), Egitto (1,6 milioni), Pakistan (1,2 milioni), Indonesia (1,1 milioni), Marocco e Stati Uniti (entrambi 0,8 milioni).

Nel 2022, l’UE ha esportato 17,8 milioni di tonnellate di rifiuti di metalli ferrosi (ferro e acciaio), pari al 55% di tutte le esportazioni di rifiuti dall’UE. La destinazione principale è stata la Turchia, che ha ricevuto 10,7 milioni di tonnellate, quasi due terzi (60%) di tutti i rifiuti metallici ferrosi esportati dall’UE.

Sono state esportate anche quantità considerevoli di rifiuti di carta, pari a 4,9 milioni di tonnellate, pari al 15% delle esportazioni di rifiuti dell’UE nel 2022. La destinazione principale era l’India (30% delle esportazioni totali di rifiuti di carta).

Dal lato delle importazioni, l’UE ha ricevuto 4,2 milioni di tonnellate di metalli ferrosi (il 22% di tutte le importazioni di rifiuti) e 2,4 milioni di tonnellate di carta (il 13% di tutte le importazioni di rifiuti). La maggior parte di questi rifiuti proveniva dal Regno Unito: 1,3 tonnellate o il 33% del totale dei rifiuti di metalli ferrosi e 1,2 tonnellate o il 49% del totale delle importazioni di rifiuti di carta.

Sezione tematica Eurostat sui rifiuti

Sezione tematica Eurostat sull’economia circolare

Banca dati Eurostat sui rifiuti
0