E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il 23 novembre la Commissione europea ha lanciato la Harnessing Talent Platform, un nuovo hub per la condivisione delle migliori pratiche, che aiuterà le regioni dell’UE ad attrarre e trattenere persone dotate delle competenze necessarie per mitigare l’impatto della transizione demografica.

Aprendo l’evento di lancio, la Commissaria per la Coesione e le Riforme Elisa Ferreira ha dichiarato: “Non lasciare nessuno indietro: questo è il nostro mantra chiave e un obiettivo fondamentale della politica di coesione! Grazie ai fondi di coesione possiamo fornire alle regioni gli strumenti necessari per combattere la cosiddetta “trappola dello sviluppo dei talenti”. Investendo tali fondi per affrontare le disparità e migliorare l’attrattiva delle regioni, possiamo sostenere le persone che desiderano lavorare e vivere nelle loro regioni di origine. La nuova piattaforma sta avvicinando le regioni al trattenimento e allo sfruttamento dei talenti esistenti nelle loro aree”.

L’evento di lancio ha inoltre annunciato le 10 regioni vincitrici selezionate nell’ambito del bando del Pilastro 1 del Talent Booster Mechanism, che ora riceveranno l’assistenza tecnica e le competenze per attrarre, sviluppare e trattenere i talenti. Nel dicembre 2023, la Commissione lancerà un bando nell’ambito del Pilastro 2 , che si rivolgerà a 36 regioni che rischiano di cadere nella “trappola dello sviluppo dei talenti”: un calo della popolazione in età lavorativa e un numero stagnante di persone con un’istruzione terziaria.

Per costruire una società giusta e resiliente che non lasci indietro nessuna regione o individuo, nel 2023 la Commissione ha lanciato il meccanismo di potenziamento dei talenti. La nuova piattaforma contribuirà a raggiungere questi obiettivi e fungerà da hub per la collaborazione e la comunicazione.

Sfruttare la piattaforma dei talenti

Evento di lancio della piattaforma per i talenti
0

E-News, coesione, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, politica europea, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato Europeo delle Regioni ha pubblicato il Rapporto annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città 2023

Il 2023 è stato un anno di sfide e crisi per tutte le regioni e città dell’Unione europea, si legge nella prefazione, ma anche un anno di pieno impegno da parte di oltre un milione di rappresentanti eletti nei comuni e nei parlamenti regionali per fornire soluzioni concrete e tangibili ai loro cittadini.
In vista delle prossime elezioni europee, la relazione fornisce ai lettori gli argomenti che conterranno nelle città e nelle regioni, in cui i cittadini voteranno.
Come nel quadro di una lente di ingrandimento, il 2 023 ha dimostrato dove la nostra Unione europea deve trovare risposte comuni, soluzioni migliori e settori in cui la nostra cooperazione deve essere rafforzata.
In Ucraina, la guerra portata dalla Russia sta ancora imperversando, portando distruzione e costringendo milioni di persone lontano dalle loro case. Fin dal primo giorno, le regioni e le città europee hanno aperto le loro porte, offrendo protezione agli ucraini, con servizi essenziali al centro.
Anche le stesse regioni e città si stanno preparando a contribuire agli sforzi di ricostruzione, accompagnando gli enti locali e regionali ucraini sulla strada della pace e dell’adesione all’UE, insieme ad altri paesi candidati. Le conseguenze sociali ed economiche della guerra, unite alle crisi in corso, sono state un peso pesante sulle spalle delle famiglie europee.
La crisi climatica è ovunque, ogni giorno, prendendo vite attraverso disastri naturali e mettendo a dura prova le nostre economie. Garantire la nostra energia e la sicurezza alimentare è stata una missione fondamentale, dal momento che milioni di europei erano e non sono ancora in grado di mantenere la loro casa al caldo o mettere il cibo sul tavolo.
Qualunque sia la portata delle sfide che affrontiamo, ci impegniamo a non lasciare indietro nessuno e a mantenere forte il nostro tessuto sociale. Possiamo solo uscire più forti da queste crisi, con l’impegno a garantire il progresso e il benessere dei nostri cittadini. Per questo motivo le regioni e le città hanno intrapreso pienamente le transizioni verde e digitale, trasformando le nostre società, in quanto attori chiave dell’agenda per lo sviluppo sostenibile.
Fondamentale per questa trasformazione strutturale e a lungo termine è la politica di coesione, la principale politica di investimento nell’UE per aiutare le regioni e le città a garantire un futuro migliore, sbloccando il loro potenziale, indipendentemente dal fatto che siano centri urbani o rurali, centrali o periferici, o anche regioni ultraperiferiche, come la mia regione d’origine delle Azzorre.
Ancora una volta, mentre progettiamo le politiche e gli investimenti per il futuro, non lasciando indietro nessuno e da nessuna parte rimane la nostra bussola.

Rapporto annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città 2023 completo PDF
0

E-News, cooperazione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


Il sito di PLATFORMA, la coalizione paneuropea di città e regioni – e le loro associazioni nazionali, europee e globali – attive nella cooperazione allo sviluppo città-città e regione-regione, informa che più di 50 sindaci e vicesindaci hanno già firmato la Carta delle Giornate Europee di Solidarietà Locale (EDLS) per dimostrare il loro impegno nei confronti della cooperazione decentralizzata e della solidarietà a livello globale.



Dal 15 al 30 novembre, comuni, province e regioni di tutta Europa organizzeranno eventi per spiegare meglio ai propri cittadini l’importanza dei partenariati che hanno in tutto il mondo.

Maggiori informazioni su localsolidaritydays.eu

Le Giornate europee di solidarietà locale è una campagna di due settimane per promuovere la cooperazione internazionale tra città e regioni di tutto il mondo.

PLATFORMA e i suoi partner (tra i quali il CEMR) invitano i funzionari eletti a livello locale e regionale europeo a sensibilizzare sulle loro azioni di cooperazione internazionale.

La cooperazione internazionale tra città e regioni crea un legame politico, culturale e sociale unico che rappresenta un esempio di solidarietà e rispetto. Ci connette con altre comunità nel mondo.

Radicata nella diversità culturale delle città e delle regioni, la cooperazione allo sviluppo contribuisce a promuovere l’impegno dei cittadini ad affrontare la povertà, l’ingiustizia e le disuguaglianze sia in patria che all’estero.La cooperazione decentrata è anche un’opportunità per promuovere la coesione sociale, l’integrazione e la solidarietà su scala europea e globale.

REGISTRA LA TUA ATTIVITA’
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea informa in un comunicato che offrirà assistenza tecnica a 11 regioni dell’UE per aiutarle a sfruttare il loro potenziale per attrarre, trattenere e sviluppare talenti. Per selezionare le regioni, la Commissione ha pubblicato un invito a manifestare interesse rivolto a tutte le regioni dell’UE che registrano un rapido calo della popolazione in età lavorativa e bassi livelli di istruzione superiore.

Nell’attuale contesto di aumento delle disparità territoriali e di crescente divario tra zone urbane e rurali, scrive Bruxelles, diverse regioni dell’UE sono gravemente colpite dalla diminuzione della popolazione in età lavorativa, con una perdita di 3,5 milioni di persone tra il 2015 e il 2020 nell’UE, e un ulteriore calo di 35 milioni di persone previsto entro il 2050. Alcune di queste regioni registrano inoltre una bassa percentuale di laureati e diplomati dell’istruzione superiore e una mobilità negativa della popolazione di età compresa tra i 15 e i 39 anni, trovandosi così nella cosiddetta “trappola per lo sviluppo dei talenti”.

46 regioni in 11 Stati membri (Bulgaria, Cechia, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Portogallo, Romania e Ungheria) possono rispondere all’invito a manifestare interesse. Il termine per la presentazione delle candidature è il 20 ottobre 2023.

L’invito fa seguito alla comunicazione sull’utilizzo dei talenti nelle regioni d’Europa, in cui la Commissione ha presentato le cause e gli effetti delle disparità regionali derivanti dalle sfide demografiche e con cui ha introdotto il meccanismo di incentivazione dei talenti. Il meccanismo aiuta le regioni dell’UE colpite dal rapido calo della popolazione in età lavorativa a formare, trattenere e attrarre le persone, sviluppandone le abilità e competenze necessarie per affrontare la transizione demografica. Si tratta di un’iniziativa importante nel contesto dell’Anno europeo delle competenze.

È possibile candidarsi sulla piattaforma per l’utilizzo dei talenti, dove sono reperibili maggiori informazioni.
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 19 giugno, alla vigilia della Giornata mondiale del rifugiato (20 giugno), la relatrice del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa Annika Vaikla, ha sottolineato il ruolo delle città e delle regioni per l’integrazione dei rifugiati durante una tavola rotonda organizzata dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR ) a Bratislava.

Soddisfare i bisogni immediati dei rifugiati, delineando contemporaneamente il percorso per l’integrazione a lungo termine e fornendo servizi pubblici all’intera comunità, rappresenta una sfida enorme per le autorità locali e regionali. Il relatore del Congresso sulle donne e i bambini rifugiati ha sottolineato l’importanza della sensibilizzazione del pubblico, nonché dell’apprendimento tra pari e del rafforzamento delle capacità per gli agenti coinvolti nell’accoglienza dei rifugiati.

Sottolineando che tutti i livelli di governo svolgono un ruolo nel consentire il successo dell’integrazione dei rifugiati, Annika Vaikla ha evidenziato la recente Raccomandazione del Congresso sulle donne e i bambini rifugiati che ha invitato le autorità nazionali a fornire risorse adeguate alle città e alle regioni per l’integrazione dei rifugiati, a cooperare con loro nella raccolta e condivisione dei dati sugli arrivi dei rifugiati e nell’investire nello sviluppo delle aree rurali per facilitare l’integrazione dei rifugiati nelle comunità più piccole.

Attualmente, il Congresso sta portando avanti un progetto di cooperazione multilaterale su migrazione e diritti umani con il sostegno della Germania. Il progetto mira a fornire sostegno agli enti locali e regionali e alle loro associazioni nazionali in Polonia, Repubblica di Moldova e Romania, che dal febbraio 2022 stanno affrontando una nuova ondata migratoria senza precedenti, derivante dalla guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina.

Ogni anno il 20 giugno si celebra la Giornata mondiale del rifugiato che, nel 2023, si concentra sul potere dell’inclusione e sulle soluzioni per i rifugiati sotto il tema “Speranza lontano da casa. Un mondo in cui i rifugiati sono sempre inclusi”.

La dichiarazione del Congresso dello scorso anno in occasione della Giornata mondiale del rifugiato 2022 è disponibile qui .
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In una Raccomandazione sui diritti umani e sulla protezione dell’ambiente, il Consiglio d’Europa chiede ai suoi 46 Stati membri di considerare attivamente il riconoscimento, a livello nazionale, del diritto a un ambiente pulito, sano e sostenibile come diritto umano.

Considerando che misure per affrontare la triplice sfida planetaria del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e dell’inquinamento sono essenziali per un migliore godimento dei diritti umani, il Comitato dei Ministri pone in evidenza il maggiore riconoscimento di una forma di diritto a un ambiente pulito, sano e sostenibile negli strumenti giuridici internazionali (compresi gli strumenti sui diritti umani regionali) e nelle costituzioni, legislazioni e politiche nazionali.

Secondo il Comitato, nell’attuazione di questa Raccomandazione, gli Stati membri dovrebbero assicurare il rispetto di una serie di principi: i principi generali del diritto ambientale internazionale, come il principio del non nuocere, il principio della prevenzione, il principio della precauzione e il principio “chi inquina paga”, la necessità di uguaglianza intergenerazionale, il principio di non discriminazione, l’accesso senza discriminazione alle informazioni e alla giustizia per questioni legate all’ambiente, la partecipazione al processo decisionale in materia ambientale e l’educazione all’ambiente.

Il Comitato esprime inoltre preoccupazione per l’effetto sproporzionato che potrebbe avere il degrado ambientale e chiede agli Stati membri di prendere misure adeguate per proteggere i diritti delle persone più vulnerabili o più a rischio di fronte a danni ambientali.

Inoltre, la Raccomandazione sottolinea l’importanza per i governi di cooperare con le entità subnazionali, la società civile, le istituzioni nazionali per i diritti umani, le istituzioni regionali per la protezione e la promozione dei diritti umani, i difensori dei diritti umani ambientali, gli attori economici, gli autoctoni e le comunità locali, le città e le regioni.

Infine, gli Stati membri sono invitati a chiedere alle imprese commerciali di agire in conformità alle loro responsabilità per i diritti umani in relazione all’ambiente.

Contesto La Risoluzione 48/13 dell’8 ottobre 2021 del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha riconosciuto il diritto a un ambiente pulito, sano e sostenibile come diritto umano.

L’impegno di lunga data del Consiglio d’Europa per la protezione dell’ambiente ha portato all’adozione della Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell’ambiente naturale in Europa (“Convenzione di Berna”), della Convenzione sulla responsabilità civile dei danni derivanti da attività pericolose per l’ambiente.

Il Manuale sui diritti umani e l’ambiente del Consiglio d’Europa contiene i principi che emergono dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e dalle decisioni e conclusioni del Comitato europeo dei diritti sociali
.

Maggiori informazioni:

Raccomandazione CM/Rec(2022)20 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui diritti umani e la tutela ambientale

Relazione illustrativa della Raccomandazione
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea sta lavorando a un progetto per affrontare il problema della contrazione della popolazione giovanile nelle regioni europee. Lo rende noto il Portale europeo della gioventù della commissione europea. La perdita di giovani è dannosa per una regione, in particolare per il suo sviluppo economico ma anche per il suo progresso sociale, la diversità, la capacità di innovazione e così via. Per affrontare il problema, dobbiamo prima identificare il motivo per cui i giovani lasciano le loro regioni e quali potrebbero essere le potenziali soluzioni.

L’obiettivo generale del progetto della Commissione è quello di sviluppare un toolkit con raccomandazioni politiche che le parti interessate regionali, come i decisori locali, gli istituti di istruzione superiore, le imprese ecc., possano utilizzare per trattenere e attirare i giovani (in particolare dai 15 ai 29 anni) in i loro territori.

Nell’ambito del progetto, la Commissione ha sviluppato un breve questionario per comprendere i fattori di spinta e attrazione che alcune regioni potrebbero avere per i giovani nell’UE Il questionario è disponibile in tutte le 24 lingue ufficiali dell’UE.

La Commissione vuole raggiungere il maggior numero possibile di giovani di tutta l’UE e invita a partecipare al sondaggio e condividerlo.

Clicca qui per accedere al questionario

Per domande o ulteriori chiarimenti: EU-YOUTH4REVIVINGTERRITORIES@ec.europa.eu .
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La direzione generale per la politica regionale e urbana (DG REGIO) della Commissione europea informa sul proprio sito che sta lavorando a un progetto per affrontare il problema della contrazione della popolazione giovanile nelle regioni europee.

L’obiettivo generale di questo progetto è quello di sviluppare un kit di strumenti con raccomandazioni politiche che le autorità regionali e locali possano utilizzare con l’obiettivo di trattenere e attrarre i giovani (in particolare dai 15 ai 29 anni) nei loro territori.

Nell’ambito del progetto, la DG REGIO della Commissione europea ha sviluppato un breve questionario per comprendere i fattori di spinta e attrazione che alcune regioni potrebbero avere per i giovani nell’UE. Raccogliendo il contributo, la DG REGIO desidera assicurarci di basare le raccomandazioni politiche di questo progetto sulle opinioni e prospettive dei cittadini.

Il questionario richiede circa 5 minuti per essere compilato ed è disponibile in tutte le 24 lingue ufficiali dell’UE.

ACCEDI AL QUESTIONARIO
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS