E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Ucraina ha compiuto ulteriori passi verso l’integrazione nelle strutture istituzionali dell’Unione europea, con l’apertura del primo ufficio di rappresentanza di una città ucraina a Bruxelles e con le città e le regioni ucraine che per la prima volta si uniscono agli enti locali e regionali dei Balcani occidentali e Turchia per discutere le sfide del processo di adesione.

Lviv, la settima città più popolosa dell’Ucraina, gestirà il suo contatto con le istituzioni dell’UE grazie agli spazi per uffici messi a disposizione dal Comitato europeo delle regioni. Intervenendo il 4 maggio all’apertura della rappresentanza di Lviv presso l’UE, il vicesindaco Serhii Kiral ha affermato che la città è disposta a fungere da “front office” anche per altre autorità subnazionali ucraine. Il vicesindaco Kiral si trovava a Bruxelles per partecipare alla conferenza sulla Giornata dell’allargamento organizzata ogni anno dal Comitato europeo delle regioni (CdR). Il CdR sostiene l’importanza di coinvolgere le regioni e le città nel processo di allargamento, osservando che le amministrazioni locali e regionali hanno un ruolo nell’attuazione di circa due terzi delle leggi dell’UE.

La Commissione europea dovrebbe pubblicare quest’estate una revisione intermedia del bilancio a lungo termine dell’UE, il suo quadro finanziario pluriennale 2021-27. L’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia sta esercitando una pressione significativa sulle finanze dell’UE, che ha assorbito costi eccezionali a sostegno dell’Ucraina e degli Stati membri dell’UE colpiti dalla guerra.

La guerra in Ucraina ha portato a un aumento della cooperazione internazionale tra città e regioni, anche attraverso l’ Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina. L’Alleanza, creata nel giugno 2022, riunisce associazioni locali e regionali dell’Unione europea e dell’Ucraina, nonché singole città e regioni, con l’obiettivo di coordinare gli sforzi congiunti per il recupero e la ricostruzione dell’Ucraina e facilitare i contatti e cooperazione tra i suoi partner principali e le istituzioni dell’UE. Il CdR funge da segretariato dell’Alleanza.

Il 25 maggio il CdR e l’Alleanza organizzeranno un seminario congiunto con la Commissione europea, l’OCSE, nonché i governi di Ucraina, Regno Unito e Svizzera allo scopo di sottolineare l’importanza del ruolo che gli enti locali e regionali le autorità possono svolgere un ruolo nel processo di ripresa e ricostruzione dell’Ucraina e nel percorso verso l’adesione all’UE..

Il seminario intende produrre raccomandazioni da prendere in considerazione alla conferenza sulla ripresa dell’Ucraina, che si svolgerà a Londra dal 21 al 22 giugno. La conferenza di Londra si concentrerà sulla mobilitazione del sostegno internazionale per la stabilizzazione economica e sociale dell’Ucraina e la ripresa dagli effetti della guerra, anche attraverso l’assistenza di emergenza per i bisogni immediati e il finanziamento della partecipazione del settore privato al processo di ricostruzione.

Lo scorso anno ha dato nuovo slancio al processo di allargamento, con la concessione da parte dell’UE dello status di candidato a tre paesi – Ucraina, Moldavia e Bosnia-Erzegovina – e l’avvio dei negoziati con l’Albania e la Macedonia del Nord. L’UE ha inoltre deciso di concedere ai cittadini del Kosovo l’accesso all’UE senza visto, a partire dall’inizio del 2024.

La conferenza della Giornata dell’allargamento di quest’anno ha unito le discussioni sugli sviluppi politici e sui progressi verso l’adesione all’UE con un’attenzione specifica alle preoccupazioni pratiche evidenziate dalle regioni e dalle città nei paesi dell’allargamento. Il gruppo di lavoro Turchia ha discusso della cooperazione tra le autorità locali in materia di protezione civile, gestione delle crisi e processo di ricostruzione dopo i terremoti che ha colpito il sud-est del Paese a febbraio.

Il miglioramento delle competenze è stato al centro degli altri incontri, poiché il 2023 è l’Anno europeo delle competenze: nel gruppo di lavoro Balcani occidentali e nel Comitato consultivo congiunto (CCM) con il Montenegro, l’attenzione era rivolta al miglioramento delle competenze del mercato del lavoro; il gruppo di lavoro Ucraina e il CCM Macedonia del Nord hanno discusso su come potenziare la capacità delle amministrazioni locali e regionali; mentre il JCC Serbia ha affrontato la sfida di migliorare le capacità di partenariato pubblico-privato a livello locale.


Il CdR adotterà il suo parere in luglio sul pacchetto allargamento 2022, l’analisi annuale della Commissione europea sui progressi delle riforme associate all’adesione all’UE. Come negli anni precedenti, il CdR dovrebbe sostenere l’attenzione politica dell’UE sullo sviluppo economico e il Green Deal e sottolineare l’importanza delle riforme per migliorare lo Stato di diritto, le istituzioni democratiche, la lotta alla corruzione e la pubblica amministrazione. Probabilmente richiederà anche ulteriori sforzi per integrare la crescita economica, la creazione di posti di lavoro e le agende del Green Deal a livello subnazionale. Il progetto di parere riconosce gli sforzi compiuti per approfondire i preparativi per l’adesione a livello locale e regionale, attraverso l’ampliamento di una rete di punti di contatto per l’integrazione dell’UE presso i comuni e l’estensione dell’UE.

Il coinvolgimento del CdR nella mobilitazione del sostegno alla ricostruzione dell’Ucraina e la sua offerta di spazi per uffici a Lviv e ad altri enti locali e regionali in Ucraina fanno parte di un pacchetto di sostegno in 10 punti per le città e le regioni dell’Ucraina. Tra le altre richieste avanzate dalle autorità locali e regionali ucraine vi è un appello alle autorità pubbliche dell’UE affinché ospitino campi estivi per bambini ucraini . Le regioni di Podkarpackie e Baviera e le città di Atene e Tampere sono state tra gli ospiti nel 2022 .

Le informazioni di base sono disponibili qui e qui .

Per ulteriori informazioni, contattare SupportUkraine@cor.europa.eu .
0