E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo (PE) ha proposto il 19 luglio di rafforzare ulteriormente la protezione dei consumatori contro la volatilità dei prezzi. I consumatori dovrebbero avere il diritto a contratti a prezzo fisso, contratti a prezzo dinamico, nonché maggiori informazioni chiave sulle opzioni a cui sottoscrivono, vietando ai fornitori di modificare unilateralmente i termini di un contratto. L’obiettivo è garantire che tutti i consumatori, così come le piccole imprese, possano beneficiare di prezzi a lungo termine, accessibili e stabili e mitigare l’impatto di improvvisi shock dei prezzi.

I deputati europei hanno sostenuto inoltre che i paesi dell’UE vietino ai fornitori di interrompere la fornitura di elettricità ai clienti vulnerabili, anche durante le controversie tra fornitori e clienti, e impediscano ai fornitori di richiedere a questi clienti di utilizzare sistemi di pagamento anticipato.

Il comitato per l’energia del PE sostiene un uso più ampio dei cosiddetti “contratti per differenza” (CFD) per incoraggiare gli investimenti energetici e suggerisce di lasciare la porta aperta a regimi di sostegno equivalenti dopo l’approvazione da parte della Commissione. In un CFD, un’autorità pubblica compensa il produttore di energia se i prezzi di mercato scendono troppo bruscamente, ma riscuote i pagamenti da lui se i prezzi sono troppo alti.

I deputati europei hanno sottolineato inoltre l’importanza degli accordi di acquisto di energia (PPA) nel fornire ai consumatori prezzi stabili e ai fornitori di energia rinnovabile entrate affidabili. La Commissione europea ha il compito di istituire un mercato per i PPA entro la fine del 2024.

I deputati europei hanno adeguato i criteri per dichiarare una crisi dei prezzi dell’elettricità, per assicurarsi che ci siano misure concrete per proteggere meglio i cittadini e le imprese.

Il comitato per l’energia del PE ha sostenuto inoltre la “flessibilità non fossile” (la capacità della rete elettrica di adattarsi ai cambiamenti della domanda e dell’offerta senza fare affidamento sui combustibili fossili) e la flessibilità dal lato della domanda, ad esempio attraverso l’uso di sistemi di batterie domestiche. Ciò può aiutare a bilanciare la rete elettrica, ridurre le fluttuazioni dei prezzi e consentire ai consumatori di adattare il loro consumo energetico ai prezzi e alle loro esigenze.

0