E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Vertice Mondiale per l’Ucraina si terrà a Rzeszow, in Polonia, dal 7 al 9 dicembre 2022, sotto il patrocinio della Segretaria Generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić, e con la partecipazione della Presidente del Congresso dei Poteri Locali e regionali, Leendert Verbeek.

Il vertice affronterà aspetti chiave dell’assistenza umanitaria internazionale all’Ucraina e mira a rafforzare la cooperazione tra organizzazioni non governative, autorità locali, imprese e istituzioni governative.

Riunirà più di 70 ONG, rappresentanti delle autorità nazionali, nonché sindaci di città ucraine di piccole e medie dimensioni desiderose di stabilire partenariati con città europee al fine di sviluppare progetti di ricostruzione e rafforzamento delle capacità.

Il Congresso del Consiglio d’Europa sul proprio sito incoraggia i suoi membri a partecipare a questo evento e ad impegnarsi in partenariati con le città ucraine.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Condanno con la massima fermezza gli attacchi missilistici indiscriminati che hanno colpito l’Ucraina e la Polonia. Desidero esprimere, a nome del Consiglio d’Europa, le mie condoglianze e il pieno sostegno a entrambi i Paesi. Lo spargimento di sangue deve cessare immediatamente. Gli europei hanno bisogno che la pace e la sicurezza tornino nel nostro continente senza ulteriori indugi”. Lo ha dichiarato il 16 novembre il Segretario generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nell’ambito del progetto Bridges of Trust del CEMR è stato recentemente organizzato un Forum in collaborazione con il programma U-LEAD with Europe e l’Associazione delle città polacche.

Più di 170 rappresentanti dei governi locali si sono incontrati online al Forum di solidarietà locale Polonia-Ucraina. I partecipanti hanno discusso su come aiutare i partner ucraini, ascoltato i sindaci ucraini le cui città sono state colpite dall’aggressione russa e delineato le prospettive per la futura cooperazione.

Al termine dell’evento, i comuni ucraini sono stati incoraggiati a lasciare le proprie informazioni di contatto se stavano cercando partner in Polonia. Queste informazioni sono state condivise durante il World Urban Forum (WUF) a Katowice e sul sito web dell’Associazione delle città polacche.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie
Il Parlamento europeo ritiene che gli oltre 700 miliardi di euro disponibili con i piani di ripresa dell’UE, debbano essere adattati alle nuove realtà sociali ed economiche. Lo scrive il servizio stampa del Parlamento europeo.

Più che uno strumento di soccorso a breve termine, continua il comunicato del PE, il dispositivo per la ripresa e la resilienza da 723,8 miliardi di euro è un piano orientato al futuro che finanzia le riforme e gli investimenti proposti dai paesi dell’UE in settori quali la transizione verde, la trasformazione digitale, il miglioramento della salute, la resilienza economica e il sostegno ai giovani.

In una relazione sull’attuazione di questo meccanismo, preparata dalle commissioni affari economici e bilancio del Parlamento europeo, i deputati sottolineano che il denaro debba essere utilizzato in modo efficiente al fine di garantire benefici a lungo termine per l’economia e la società dell’UE. Questo sottolinea inoltre la necessità di rafforzare l’autonomia strategica dell’UE, ridurre la dipendenza dai combustibili fossili d’importazione e diversificare le fonti energetiche.

Maggiori informazioni sul meccanismo di recupero e resilienza.

Oltre al pagamento di un prefinanziamento fino al 13% dei fondi stanziati, i paesi dell’UE ricevono il resto dei pagamenti nell’ambito del meccanismo dello strumento per la ripresa e la resilienza al raggiungimento di obiettivi e traguardi specifici.

Fino ad adesso, la maggior parte dei paesi ha ricevuto il prefinanziamento, otto paesi hanno richiesto un primo pagamento e la Spagna il secondo pagamento.

Tre paesi non hanno ottenuto l’approvazione dei propri piani nazionali: l’Olanda non ha presentato il proprio piano, mentre l’approvazione dei piani da parte di Polonia e Ungheria è stata posticipata a causa delle preoccupazioni legate allo Stato di diritto e ai rischi legati a frodi, conflitti di interesse e corruzione.

Il 1° giugno la Commissione europea ha espresso una valutazione positiva del piano nazionale di risanamento della Polonia, che deve essere approvato dal Consiglio. Il Parlamento ha criticato la decisione della Commissione in una risoluzione del 9 giugno, affermando che il pieno rispetto dei valori dell’UE è un prerequisito affinché qualsiasi paese dell’UE ottenga fondi per il recupero. I deputati hanno anche invitato il Consiglio del’Unione a non dare la sua approvazione fino a quando la Polonia non avrà soddisfatto tutte le condizioni.

I fondi di recupero vengono erogati ai paesi dell’UE sotto forma di sovvenzioni o prestiti. Gli Stati membri hanno pianificato di utilizzare quasi tutte le sovvenzioni disponibili, ma hanno affermato di voler utilizzare 166 miliardi di euro dei 385,8 miliardi di euro disponibili per i prestiti.

Gli eurodeputati invitano i paesi a utilizzare tutto il potenziale del meccanismo del dispositivo per la ripresa e la resilienza, compresi i prestiti, per contrastare gli effetti della pandemia e delle nuove sfide.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le commissioni Affari economici e monetari e Bilancio del Parlamento europeo hanno chiesto il 30 maggio che i fondi per il recupero siano vincolati al rispetto dello stato di diritto e per garantire il massimo ritorno sull’investimento. Lo rende noto il sito del Parlamento europeo.

La relazione del Parlamento europeo “intende influenzare il prossimo riesame della Commissione sull’attuazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) previsto entro il 31 luglio 2022″.

I parlamentari europei auspicano che la Commissione europea garantisca un solido meccanismo di controllo e monitoraggio per la spesa, l’attuazione e la gestione dei dati della RRF. Ciò, affermano i deputati, eviterebbe abusi, doppi finanziamenti o la sovrapposizione di obiettivi con altri programmi di finanziamento dell’UE.

La relazione parlamentare adottata sottolinea l’importanza del rispetto dello Stato di diritto e dell’articolo 2 TFUE come prerequisiti per l’accesso ai finanziamenti dell’RRF e che il meccanismo di condizionalità dello Stato di diritto dell’UE è pienamente applicabile all’RRF.

Strasburgo si aspetta che la Commissione si astenga dall’approvare i progetti di piani nazionali di Polonia e Ungheria fintanto che persistono preoccupazioni circa il rispetto dello Stato di diritto, l’indipendenza della magistratura e le misure antifrode, i conflitti di interesse e la corruzione

I deputati europei inoltre ribadiscono l’importanza del quadro di valutazione della ripresa e della resilienza nel fornire informazioni di base ai cittadini sui progressi complessivi nell’attuazione dei piani nazionali. Si aspettano un monitoraggio continuo dell’attuazione dei sei pilastri della RRF , nonché l’obiettivo del 37% per la spesa verde e del 20% per le questioni digitali. Ricordano che gli Stati membri dovrebbero raccogliere e garantire l’accesso ai dati sui beneficiari effettivi del destinatario dei fondi e sui beneficiari del programma.

Gli investimenti della RRF nella transizione verde e nella trasformazione digitale, continua il sito del PE, dovrebbero contribuire ad aumentare l’autonomia e l’indipendenza strategica dell’UE, in particolare a ridurne la dipendenza dai combustibili fossili importati.

Tuttavia, i deputati europei chiedono “più progetti transfrontalieri, come il miglioramento dell’interconnessione delle reti europee del gas e dell’energia elettrica e la piena sincronizzazione delle reti elettriche”. Strasburgo sottolinea il ruolo della RRF nel lancio di REPowerEU e affermano che i prestiti disponibili nell’ambito della RRF potrebbero essere utilizzati per integrare questi progetti e far avanzare gli investimenti nella transizione energetica dell’UE, contribuendo in modo significativo alla sovranità energetica dell’UE.

Il PE, ancora, incoraggia inoltre “gli Stati membri a utilizzare tutto il potenziale della RRF, compresi i prestiti, per contrastare gli effetti delle sfide attuali e future, in settori come le PMI, l’assistenza sanitaria, le misure a sostegno dei rifugiati ucraini e l’aiuto all’amministrazione locale e regionale nell’utilizzo dei finanziamenti effettivamente“.

Infine, i deputati di Strasburgo ritengono che, sulla base dell’esempio della RRF, nell’ambito di NextGenerationEU, “il forte valore aggiunto di una risposta comune dell’UE che può essere mobilitata rapidamente per far fronte a crisi e nuove sfide potrebbe ispirare iniziative e meccanismi futuri nell’UE”.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR affronta il tema del ruolo dei governi locali e regionali nell’accoglienza dei rifugiati ucraini.

Molte donne, minori e uomini anziani si stanno insediando all’interno dei confini dell’Unione Europea. Ad oggi, informa il CEMR, oltre 5,5 milioni di ucraini sono stati costretti a lasciare il proprio Paese. Cercano rifugio soprattutto nei paesi di confine dell’UE, come Polonia e Romania.

L’attivazione da parte dell’UE della sua direttiva sulla protezione temporanea (TPD) all’inizio di marzo 2022 ha dimostrato la volontà unanime dei governi nazionali di accogliere i rifugiati ucraini. Garantisce protezione immediata e temporanea alle persone in fuga dalla guerra in Ucraina per un anno, prorogabile automaticamente per periodi di sei mesi fino a un massimo di tre anni.

Ma quali sono le responsabilità dei governi locali e regionali, in particolare in settori quali la salute, l’alloggio e l’occupazione?

L’analisi del ruolo degli enti locali nella Direttiva Protezione Temporanea dal sito del Progetto IncluCities.
0

In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Associazione delle città polacche ha preparato un questionario affinché i suoi membri abbiano una panoramica generale della condizione dei rifugiati ucraini in Polonia e degli aiuti forniti dalle città polacche all’Ucraina, comprese le città gemellate. Lo rende noto il sito del CEMR.

Le informazioni raccolte contribuiranno alla pianificazione a medio e lungo termine per rispondere ai bisogni dei rifugiati, ad esempio per quanto riguarda il nuovo anno scolastico, l’alloggio durante l’autunno-inverno e l’accesso a posti di lavoro permanenti.

L’ONU stima che oltre 5,3 milioni di ucraini siano fuggiti dal loro paese a causa dell’invasione russa. Di questi oltre la metà, quasi 3 milioni, sono andati in Polonia. L’accoglienza e l’integrazione di questa popolazione vulnerabile è, per le sue dimensioni, una grande sfida per il paese dell’Europa centrale.

PAGINA AICCRE SULL’UCRAINA
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’AICCRE è stata sempre in prima fila per la difesa dei diritti umani, soprattutto nelle sedi sovranazionali, come nel CCRE/CEMR e nel Consiglio d’Europa.



Crediamo infatti che essere europeisti significhi innanzitutto credere nei valori dell’uguaglianza su cui è basata l’Unione europea, che si è assunta l’impegno di promuovere e tutelare i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto non solo all’interno del Continente ma in tutto il mondo. I diritti dell’uomo rivestono un’importanza decisiva nelle relazioni dell’UE con altri paesi e regioni del mondo. La Carta dei diritti fondamentali dell’UE garantisce i diritti dei cittadini europei. Sancisce i diritti fondamentali vincolanti per le istituzioni e gli organi dell’Unione e si applica anche ai governi nazionali quando mettono in atto il diritto dell’Unione.



Per questo, noi dell’AICCRE non possiamo restare in silenzio di fronte ai ripetuti fenomeni di omofobia che stanno avvenendo in Polonia dove, purtroppo, molti enti locali hanno assunto decisioni discriminatorie nei confronti delle comunità LGBT.

Sia con dichiarazioni di Carla Rey, Segretario generale, che del Presidente Stefano Bonaccini che con inchieste sull’argomento pubblicate sul nostro sito, abbiamo fermamente condannato questi gravi ed anti-storici episodi, che rischiano di portare indietro in modo drammatico le lancette dell’orologio della storia.



Il CCRE/CEMR si è mobilitato attraverso una lettera aperta firmata dal Segretario generale Vallier e da Broberg, uno dei due portavoce sulla gender equality, (l’altro è la nostra Silvia Baraldi, delegata AICCRE), nella quale, tra l’altro, si esprime il sostegno per i governi locali e regionali polacchi che resistono e continuano a rispettare e promuovere i valori europei fondamentali comuni di libertà e diritti umani.

La lettera fino ad oggi è stata sottoscritta da un centinaio di sindaci europei. Vi invitiamo a sottoscriverla. Occorre mantenere alta la guardia sui diritti umani. In tutta Europa, nel periodo del Covid-19, sono aumentati gli episodi di violenza nei confronti non solo delle comunità LGBT ma anche nei confronti delle donne.

Questo è inaccettabile.

Sottoscrivi la lettera cliccando qui e riempiendo il form a fondo pagina
0