E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In vista della Giornata europea contro la tratta (oggi, 18 ottobre), il Gruppo di esperti sulla lotta contro la tratta di esseri umani (GRETA) del Consiglio d’Europa ha messo in guardia contro il maggiore rischio di tratta di esseri umani creato dalle politiche di immigrazione restrittive e dalla mancata considerazione delle vulnerabilità dei migranti e dei richiedenti asilo.

Il monitoraggio da parte del GRETA dell’attuazione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani ha messo in evidenza importanti lacune nell’identificazione e nella protezione delle vittime della tratta fra i migranti e i richiedenti asilo. Le politiche di immigrazione sono troppo spesso disconnesse dall’obbligo giuridico di identificare e assistere le vittime della tratta di esseri umani e di fornire loro un periodo di recupero e riflessione, il che ha delle conseguenze negative sul perseguimento e sulla punizione dei trafficanti. La pratica dei respingimenti alle frontiere comporta il rischio che le persone vittime di tratta non siano identificate e che i rimpatri conducano a nuovi casi di tratta [vedere il 10° rapporto generale del GRETA].
0