E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


L’imminente sesta edizione del Cities Forum nel 2025 è alla ricerca di una città ospitante dinamica. Si tratta di un’opportunità unica per le città di contribuire alle discussioni chiave sulla dimensione urbana della politica di coesione e di dimostrare il proprio impegno per lo sviluppo urbano sostenibile. Tutte le città dell’UE interessate sono invitate a presentare domanda.

Lo rende noto il sito Sviluppo regionale e urbano dell’UE.

L’Iniziativa Urbana Europea lancia questo invito a presentare candidature a tutte le città dell’UE con la “capacità e l’entusiasmo per sostenere l’organizzazione della prossima edizione del Forum delle Città”. L’obiettivo è selezionare una città che ospiterà l’evento nel 2025. Il Cities Forum è l’evento chiave della Direzione generale della Politica regionale e urbana della Commissione europea (DG REGIO) incentrato sulla dimensione urbana della politica di coesione dell’UE e sulle iniziative a livello dell’UE a sostegno dello sviluppo urbano sostenibile. sviluppo.

Visita la pagina dei bandi .

Periodo di candidatura: la finestra di candidatura è aperta dal 4 aprile 2024 al 13 maggio 2024. I documenti di base per i candidati e il pacchetto di candidatura sono disponibili sulla pagina del bando

Procedura di candidatura: le città devono presentare la propria candidatura tramite un modulo online, descrivendo in dettaglio la propria capacità e il proprio entusiasmo nell’ospitare l’evento.

Processo di selezione: il Segretariato Permanente dell’IUE valuterà le candidature pervenute.

La Commissione Europea – DG Regio selezionerà quindi i candidati per la selezione finale in occasione della riunione dei direttori generali per gli affari urbani del 26 giugno 2024.

Principali motivi per ospitare il Cities Forum 2025

Mettere in mostra la città: ospitare è un’importante opportunità per evidenziare le peculiarità della città e il contributo allo sviluppo urbano sostenibile.

Contribuire alle discussioni chiave: svolgere un ruolo attivo nelle discussioni essenziali sulla dimensione urbana della politica di coesione dell’UE.

Ottenere il riconoscimento dell’UE: aumenta il profilo della città sulla scena europea e si può attirare l’attenzione sui risultati e aspirazioni in termini di sviluppo urbano.

Espandere la rete: creare connessioni preziose con i decisori politici urbani, i professionisti e le parti interessate in tutta Europa, rafforzando la rete e la base di conoscenze della città.

Il Segretariato Permanente dell’IUE supporta i richiedenti. Questo supporto viene fornito tramite:

Pacchetto di domanda: il documento di base per i candidati e il documento di cortesia del modulo di domanda.

Supporto e-mail: contattaci con le tue domande tramite communications@urban-initiative.eu

Cliccare qui per candidarsi
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le strategie integrate di sviluppo territoriale promuovono una crescita sostenibile e inclusiva in contesti non urbani e numerose opportunità di sostegno sono disponibili nell’ambito della politica di coesione dell’UE (2021-2027).

Grazie allo strumento di autovalutazione delle strategie di sviluppo territoriale e locale (SAT4TER), le autorità locali e di gestione possono facilmente individuare i punti di forza delle loro strategie, identificare opportunità di miglioramento e determinare se incorporano gli elementi principali dell’approccio integrato dell’UE allo sviluppo territoriale. .



Uno strumento gratuito e anonimo, SAT4TER sarà presentato online il 23 aprile, dalle 11 alle 12:30. Durante l’evento verrà offerta una demo dal vivo e le autorità locali condivideranno approfondimenti pratici sullo strumento.

ISCRIVITI

Fonte; Dg Sviluppo regionale e urbano dell’UE
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Pubblicati i temi del terzo bando per azioni innovative dell’Iniziativa Urbana Europea (IUE). Le autorità urbane possono iniziare a preparare i loro progetti sulla “transizione energetica” o sulla “tecnologia nelle città”

L’Iniziativa urbana europea (IUE) è lo strumento dedicato nell’ambito della politica di coesione per il periodo 2021-2027 che aiuta le città dell’UE a testare, in contesti reali, soluzioni innovative trasferibili e scalabili sulle sfide urbane di rilevanza europea.

L’IUE lancerà il suo terzo invito a presentare proposte nel maggio 2024 con un budget di 90 milioni di euro provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). Le descrizioni dei due temi sono state pubblicate sul sito web dell’IUE (Terzo invito a presentare proposte EUI – Azioni innovative | EUI (urban-initiative.eu) per consentire alle città di iniziare già a preparare i propri progetti e a mobilitare i propri partner. Nelle prossime settimane seguiranno ulteriori informazioni su come e quando presentare domanda.



L’Iniziativa urbana europea (IUE) è stata istituita nel 2022 per sostenere l’innovazione, lo sviluppo di capacità e conoscenze sullo sviluppo urbano sostenibile nell’ambito della politica di coesione per il periodo 2021-2027

L’IUE viene utilizzato per fornire alle città o ai loro raggruppamenti (per un totale di almeno 50.000 abitanti) finanziamenti per testare soluzioni innovative trasferibili e scalabili sulle sfide urbane di rilevanza europea, sulla base di inviti a presentare proposte e temi definiti dalla Commissione.

L’IUE sostiene progetti con una forte dimensione integrata, partecipativa e basata sul territorio, fino a un massimo di 5 milioni di EUR del FESR ciascuno. L’IUE si basa sulle Azioni innovative urbane 2014-2020 e si concentra ancora di più sull’innovazione, sulla sostenibilità e sulla replicabilità guidate dalle città. La novità più importante è che parte della sovvenzione FESR destinata a ciascun progetto è destinata al finanziamento di partenariati transnazionali tra le autorità urbane beneficiarie e altre tre città dell’UE (due provenienti da regioni meno sviluppate o in transizione). L’obiettivo è trasferire esperienze ed esplorare la possibilità di adattare e replicare, in tutto o in parte, soluzioni testate in altri contesti urbani, anche avvalendosi dei finanziamenti disponibili dai programmi della politica di coesione per l’espansione.

Ad oggi sono stati lanciati due bandi dell’IUE per le autorità urbane: uno per i dimostratori del Nuovo Bauhaus europeo e un secondo che copre tre aree: “Città più verdi”, “Turismo sostenibile” e “Sfruttare i talenti nelle città in contrazione”.

Ulteriori informazioni sui temi del prossimo terzo invito e sui risultati dei precedenti inviti

Fonte: Sito Sviluppo regionale e urbano dell’UE
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha pubblicato il 27 marzo il suo nono rapporto sulla coesione, dimostrando che la politica di coesione sta adempiendo alla sua missione di ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali nell’UE.

Lo rende noto un comunicato della Commissione.

Sono stati fatti grandi passi avanti per ridurre il divario esistente tra gli Stati membri e le regioni, scrive Bruxelles, rafforzando il mercato unico dell’UE e assicurando che l’UE continui a investire nel capitale umano e nello sviluppo sostenibile. Sfruttare appieno il potenziale di ogni regione rafforza la competitività e la resilienza dell’Unione nel suo complesso.

La politica di coesione è un importante motore dello sviluppo sostenibile e della crescita economica, sottolinea la Commissione. “Nel lungo termine, si prevede che ogni euro investito attraverso la politica di coesione sarà triplicato, entro il 2043, il che equivale a un tasso di rendimento annuo di circa il 4%. Grazie alla politica, si stima che entro il 2027 verranno creati nell’UE 1,3 milioni di posti di lavoro aggiuntivi, con un’ampia quota nei settori legati alle transizioni verde e digitale”. La politica di coesione garantisce inoltre che lo sviluppo economico nelle regioni abbia ricadute positive sul mercato unico dell’UE, grazie ai collegamenti commerciali e di investimento.

Alla fine del 2022, i finanziamenti della politica di coesione tra il 2014 e il 2020 avevano sostenuto oltre 4,4 milioni di imprese, creato 370.000 posti di lavoro in queste imprese e costituivano circa il 13% degli investimenti pubblici totali nell’UE, raggiungendo il 51% per gli Stati membri meno sviluppati.

Scheda informativa sul 9° rapporto sulla coesione

Piattaforma dati aperti sulla coesione
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il CCRE/CEMR ospita un dibattito di alto livello sul tema “Percorsi verso la resilienza: prospettive locali e regionali sulla struttura per la ripresa e la resilienza”

Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE/CEMR) ha annunciato sul proprio sito un prossimo dibattito dal titolo “Percorsi verso la resilienza: prospettive locali e regionali sulla struttura per la ripresa e la resilienza (RRF)”, in programma il 16 aprile, dalle 9e 30:00 alle 12:15. L’evento si terrà presso la Segreteria del CCRE/CEMR in Square de Meeûs, Bruxelles.

I partecipanti possono iscriversi e registrarsi entro l’11 aprile tramite il seguente collegamento: https://forms.office.com/e/qbbVqMrZjp

Il dibattito consentirà di andare oltre la narrazione delle tappe fondamentali e degli obiettivi della RRF e valutare l’impatto del programma a livello locale e regionale. Le lezioni apprese saranno condivise durante il panel, mentre si discuterà del suo potenziale per modellare i futuri programmi di investimento dell’UE, in particolare le future iniziative della politica di coesione.

Tra i relatori confermati per l’evento figurano:
Kamila Bláhová, vicepresidente per gli affari europei, SMOCR (CZ)
Maria Teresa Fernandez, Direttore della DG RECOVER della Commissione Europea
Monika Hohlmeier, presidente della commissione per il controllo dei bilanci (CONT), Parlamento europeo
Ivana Maletic, Membro croato della Corte dei conti europea
Christophe Rouillon, membro del CdR, relatore sul progetto di parere del CdR sulla relazione intermedia sull’attuazione del RRF
0

E-News, coesione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE/CEMR) ha annunciato sul proprio sito il lancio dell’appello congiunto dell’Alleanza per la Coesione, “Una politica di coesione rinnovata post-2027 che non lasci nessuno indietro”. Questa Dichiarazione riunisce i rappresentanti eletti delle regioni e delle città di tutta Europa per sostenere un’agenda globale dell’UE che dia priorità alla coesione sociale, economica e territoriale.

In uno sforzo congiunto, il CCRE/CEMR, il Comitato delle Regioni e le organizzazioni dell’Alleanza per la Coesione invitano le istituzioni europee e i governi nazionali a elaborare un’agenda europea inclusiva che ponga al centro il rafforzamento della coesione sociale, economica e territoriale, come affermato nel documento la posizione del CCRE/CEMR sul futuro della politica di coesione.

Christoph Schnaudigel, copresidente del CCRE/CEMR, ha rimarcato: “Abbiamo bisogno di una politica di coesione che metta al centro i servizi pubblici locali e regionali e gli investimenti per rendere i nostri territori resilienti per affrontare le prossime crisi. Ciò consentirà ai cittadini di vedere che l’UE li sta mettendo al centro.”

Riconoscendo che la politica di coesione funge da collante dell’azione europea, Fabrizio Rossi, segretario generale del CCRE/CEMR, ha aggiunto: “Il CCRE/CEMR sostiene un commissario dedicato allo sviluppo territoriale nella prossima Commissione europea, riconoscendo l’interconnessione vitale tra le varie politiche dell’UE e i loro effetti tangibili a livello locale e regionale. Tale nomina favorirebbe una crescita coesa e sostenibile che risuoni in ogni angolo d’Europa.”

L’invito congiunto delinea diversi principi chiave per una politica di coesione rinnovata dopo il 2027:

Inclusività: garantire che tutte le regioni, le città e i comuni abbiano accesso alla politica di coesione, indipendentemente dal loro status economico o dalla loro posizione geografica.

Allineamento al Green Deal e all’Agenda digitale: ancorare la coesione sociale, economica e territoriale all’interno della politica industriale e dell’autonomia strategica del Green Deal dell’UE.

Transizione giusta: dare priorità a soluzioni su misura basate sui principi di una transizione giusta per affrontare le sfide della neutralità climatica.

Soluzioni basate sul luogo: riconoscere la diversità dei territori e consentire strategie a livello locale all’interno di un quadro stabile e prevedibile.

Principio di gestione condivisa: rafforzare la gestione condivisa, il partenariato e la governance multilivello per superare la frammentazione e migliorare l’efficacia.

Cultura della fiducia: promuovere una nuova cultura della fiducia tra i diversi livelli di governo dell’UE per garantire l’effettivo impatto della politica di coesione sulla vita degli europei.

Cooperazione territoriale: sostenere la cooperazione transfrontaliera e interregionale per apportare miglioramenti concreti nella vita quotidiana delle persone.

Non nuocere alla coesione: garantire la coerenza tra tutte le politiche dell’UE per rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale.

L’appello completo all’azione può essere firmato tramite questo link: Invito congiunto dell’Alleanza per la Coesione (europa.eu)

Alleanza per la Coesione – Documento di invito congiunto

L’Alleanza per la Coesione invita il pubblico in generale, i sindacati, le imprese e le organizzazioni non governative e della società civile a unirsi nei loro sforzi per garantire un solo l’Europa che non lascia indietro nessuno.
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sei pronto a dare forma alla EURegionsWeek2024? Le candidature per partecipare a EURegionsWeek2024 sono aperte.

La Settimana europea delle regioni e delle città (#EURegionsWeek) è il più grande evento annuale con sede a Bruxelles dedicato alla politica di coesione.

È cresciuto fino a diventare una piattaforma neutrale per discutere le sfide comuni per le regioni e le città europee riunendo una comunità diversificata di relatori e partecipanti.

Qual è lo scopo della EURegionsWeek?
Discutere le sfide comuni per le regioni e le città europee ed esaminare le possibili soluzioni riunendo politici, decisori, esperti e professionisti della politica di coesione, nonché portatori di interessi del mondo imprenditoriale, bancario, organizzazioni della società civile, mondo accademico, istituzioni dell’UE e media

Fornire una piattaforma per lo sviluppo di capacità, l’apprendimento e lo scambio di esperienze e buone pratiche per coloro che attuano la politica di coesione dell’UE e ne gestiscono gli strumenti finanziari Facilitare la cooperazione e il networking tra regioni e città

Alimentare il dibattito sulla politica di coesione dell’UE in un contesto più ampio, includendo ricerche recenti e opinioni di paesi terzi e organizzazioni internazionali

Candidati qui

Nel sito dell’evento troverete tutte le informazioni utili.

Guida su come candidarsi per diventare partner

Se si desidera rimanere aggiornato, iscriversi alla newsletter, seguire #EURegionsWeek sui social media o contatta il team organizzatore.

Scadenza 2 aprile 2024
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Da ieri è possibile candidarsi al 17° concorso REGIOSTARS i progetti sostenuti dalla politica di coesione.

I candidati possono scegliere tra cinque aree tematiche:

Categoria 1: Un’Europa competitiva e intelligente – Promuovere la competitività, l’innovazione e la resilienza economica;

Categoria 2: Un’Europa verde – La transizione verde come fattore abilitante dello sviluppo regionale;

Categoria 3: Un’Europa connessa – Migliorare la mobilità e la connettività tra le regioni;

Categoria 4: Un’Europa sociale e inclusiva – Realizzare un’Europa più inclusiva sfruttando i talenti regionali;

Categoria 5: Un’Europa più vicina ai cittadini – Promuovere lo sviluppo sostenibile di tutti i tipi di territori.

Come negli anni precedenti, il pubblico avrà la possibilità di votare il finalista preferito per il Public Choice Award. Il periodo di presentazione delle domande è aperto fino al 31 maggio 2024.

Tutti i vincitori saranno annunciati durante la Settimana delle regioni dell’UE a ottobre. Dal 2008, i REGIOSTARS sono i premi annuali europei per progetti finanziati dalla politica di coesione che dimostrano l’eccellenza e il nuovo approccio nello sviluppo regionale. Proponendo soluzioni alle sfide comuni e sfruttando le maggiori opportunità, REGIOSTARS ha ispirato le regioni a realizzare una politica regionale dell’UE sempre più incisiva. Tutti i dettagli del concorso sono disponibili su https://regiostarsawards.eu/ .

Maggiori informazioni

17 ° Concorso REGIOSTARS
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 9NO NEW POSTS