E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il perdurare della pandemia di Covid-19, che ha contribuito a emarginare ulteriormente i gruppi vulnerabili, il persistente problema del razzismo all’interno delle forze dell’ordine e l’aumento dei discorsi pubblici ostili nei confronti delle persone LGBTI sono state le tendenze principali riscontrate nel 2021, ha dichiarato la Commissione del Consiglio d’Europa contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI) nel suo rapporto annuale.

Il perdurare della pandemia di Covid-19 nel 2021 ha portato a un’accresciuta digitalizzazione dei servizi (in particolare nel settore dell’istruzione, delle cure mediche o di altri servizi, quali il rilascio dei permessi di soggiorno o di lavoro), provocando un’ulteriore emarginazione dei gruppi vulnerabili che non erano in grado di utilizzare le tecnologie digitali. Le persone di origine immigrata sono spesso sovra rappresentate nei settori dei servizi in cui non è possibile lo smart-working o il lavoro da remoto e rischiano quindi di essere maggiormente esposte al virus.

Nel settore dell’istruzione, le varie restrizioni legate al Covid imposte negli istituti scolastici hanno avuto effetti negativi sugli allievi che già dovevano affrontare maggiori difficoltà, quali i bambini migranti e rom: l’insegnamento online è stato spesso per loro difficoltoso, a causa dell’assenza di spazi adeguati, di attrezzature o di collegamento a internet. Se è vero che in alcuni paesi le autorità hanno adottato misure per aiutare gli allievi svantaggiati a recuperare il loro ritardo scolastico, non è stato sempre il caso in tutti gli Stati membri del Consiglio d’Europa.

Il razzismo nell’ambito delle attività delle forze dell’ordine è rimasto un problema in un certo numero di paesi, compreso nel contesto dell’applicazione delle restrizioni legate alla pandemia (coprifuoco, lockdown). Nel suo rapporto, l’ECRI cita in particolare la profilazione razziale durante i controlli di polizia, l’uso di un linguaggio razzista e il ricorso eccessivo alla forza nei confronti di certi individui, i cui effetti non colpiscono soltanto le vittime, ma tendono a stigmatizzare le loro comunità nel loro insieme. Le vittime di tali pratiche si sono sovente sentite insufficientemente sostenute dalle autorità.

La situazione delle persone LGBTI e delle loro comunità resta molto variabile sul continente, e la crisi causata dal Covid-19 ha avuto su di loro ripercussioni negative. I giovani LGBTI che vivevano ancora con i genitori sono stati sovente esposti al disprezzo e alle intimidazioni. Il sostegno psicosociale personale fornito dalle ONG è diventato limitato durante la pandemia. In modo generale, in numerosi Stati si è assistito a una forte retorica politica contro quello che viene percepito come una “ideologia LGBTI” o una “ideologia del genere”, che è stata amplificata nei mass media e nel discorso pubblico generale. Tali atteggiamenti si sono ancora rafforzati con l’adozione di leggi che prendevano specificamente di mira le persone LGBTI e i loro diritti o la diffusione di informazioni sull’omosessualità e l’identità di genere nelle istituzioni o negli ambienti pubblici, quali gli istituti scolastici, o la pubblicità. La condanna di tali attacchi o il contrasto pubblico chiaro e determinato da parte di responsabili politici e funzionari di alto livello sono ancora rari e sporadici.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio d’Europa ha inaugurato un nuovo sito per fornire informazioni necessarie per lavorare al suo fianco. Lo rende noto il servizio stampa del Consiglio d’Europa. “Essendo una grande organizzazione cresciuta nel corso degli anni, a prima vista può sembrare complessa. Ma ci sono molti modi in cui la società civile e le ONG – in particolare le ONG internazionali (INGO) – possono essere coinvolte, dal partenariato vero e proprio, alla fornitura di informazioni a diversi organismi come la Corte europea dei diritti dell’uomo o il Commissario per i diritti umani, all’aiuto alla lavoro degli organismi di monitoraggio mentre svolgono il loro lavoro in diversi paesi. Fornisce inoltre indicazioni sulle risorse disponibili e descrive i modi in cui i difensori dei diritti umani possono chiedere aiuto se sono minacciati”.

Navigando nel nuovo sito, si troveranno tutte le informazioni sulla cooperazione del Consiglio d’Europa con la società civile nei suoi settori chiave di protezione dei diritti umani, costruzione di società democratiche e garanzia del rispetto dello stato di diritto. Unisciti a noi per costruire un’Europa migliore.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Un comunicato stampa della DG Politica Regionale della Commissione europea informa che la quinta edizione del Just Transition Platform Meeting – Coal Regions in Transition virtual week e seminari sulle regioni ad alta intensità di carbonio si è svolta dal 10 al 12 maggio.

Oltre 1.300 le persone iscritte all’evento, con sessioni tematiche a cui hanno partecipato centinaia di partecipanti. Hanno rappresentato parti interessate come sindacati, organizzazioni non governative, imprese e autorità dell’UE, nazionali, locali e regionali, provenienti da regioni europee ad alta intensità di carbone e carbonio che riceveranno sostegno dal meccanismo di transizione giusta.

“Oltre alla crisi energetica e alle questioni ambientali come l’economia circolare e il ripristino delle torbiere, scrive la DG, le discussioni si sono concentrate fortemente sulle persone, tra cui la comunicazione, le competenze, il lavoro e il ruolo dei giovani”.

In questa ultima edizione del meeting JTP, l’attenzione si è spostata sull’implementazione, opportunità concrete e soluzioni pratiche. I quattro gruppi di lavoro JTP hanno fornito aggiornamenti sul loro lavoro da quando sono stati costituiti a novembre, comprese le aree di interesse individuate nella loro fase di definizione dell’ambito.

L’evento si è svolto nel difficile contesto della guerra in Ucraina, delle relative crisi umanitarie ed energetiche e degli effetti in corso della pandemia. Nonostante queste sfide, continua la Dg Politica Regionale, le discussioni hanno mostrato che vi è motivo di ottimismo, poiché la preparazione dei TJTP accelera e i territori entrano nella fase di attuazione.

Per rivedere le sessioni, le registrazioni video vai su Swapcard entro questa settimana. I materiali saranno caricati anche sul sito web JTP appena lanciato . Il prossimo incontro JTP si svolgerà nell’autunno 2022 e coinvolgerà nuovamente tutte le parti interessate, compresi i giovani e i sindacati.
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La distinzione Siti della democrazia europea è stata lanciata nel 2022, su iniziativa del Parlamento europeo. L’obiettivo della distinzione è premiare e onorare i siti degli Stati membri dell’Unione Europea, che sono stati importanti per il consolidamento della democrazia europea nel processo di integrazione europea.

L’onorificenza ha valore simbolico e consiste in una targa da esporre a cura dei vincitori. Il processo di nomina e selezione coinvolge un pool di storici indipendenti. Ogni anno il premio sarà assegnato ad almeno un sito per stato membro dell’Unione Europea. L’assegnazione di una serie di riconoscimenti ogni anno consentirà il processo di costruzione della rete europea dei siti della democrazia.

La Casa della storia europea prevede di rendere questi siti “siti viventi” attraverso una forte programmazione e lavorando a stretto contatto con le rispettive comunità intorno ai siti, le loro istituzioni educative locali, le organizzazioni giovanili e le ONG.

La distinzione dei Siti della democrazia europea integra la programmazione educativa esistente dell’Aula, che si concentra sull’educazione alla democrazia e mira a rendere il suo pubblico cittadini attivi. Questo impegno attivo significa anche promuovere i valori europei e la conoscenza condivisa sull’integrazione europea tra individui e Stati membri.

Almeno tre dei seguenti criteri di ammissibilità devono essere soddisfatti dal sito per poter beneficiare dell’attribuzione del premio:

l’importanza paneuropea del sito nel collegare la democrazia europea e l’unità europea, compresi i collegamenti pertinenti a specifici eventi storici, fenomeni o personalità;

l’influenza del sito nel promuovere i valori, i principi e gli obiettivi stabiliti negli articoli 2 e 3 del Trattato sull’Unione Europea su base locale, regionale, nazionale o transnazionale;

il contributo del sito alla pace, al dialogo interculturale, all’uguaglianza e alla solidarietà transfrontaliera nel quadro dell’unità europea;

l’impegno del sito per essere accessibile e coinvolgere un pubblico vario nella promozione e nel progresso della democrazia europea:

l’impegno del sito nei confronti dei principi dell’obiettività storica e dell’accuratezza.

VAI AL SITO PER TUTTE LE INFORMAZIONI
0

E-News, coesione, vcs, cooperazione, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
/>


“E’ fondamentale il dialogo fra governo centrale e governi locali per raggiungere gli obiettivi dello sviluppo sostenibile (SDGs) e garantire i necessari finanziamenti. L’AICCRE supporta i sindaci nel raggiungimento degli SDGs: ci sono molti esempi di città che stanno facendo progetti, aiutiamoli con gli indicatori. La cittadinanza attiva è cruciale per raggiungere gli obiettivi di Agenda 2030. Occorre co-creare politiche pubbliche locali e monitorare i progressi. Sono molte le iniziative in tante città italiane di tutte le dimensioni e regioni nel segno dell’ uguaglianza di genere, dell’economia circolare e dell’ occupazione giovanile: così Carla Rey, Segretario generale dell’AICCRE, nel suo intervento sostenuto il 16 luglio nel corso del side event “Finanziamento degli SDG a livello locale” nato dall’iniziativa del Governo italiano con la collaborazione dell’AICCRE, e svoltosi presso la Sala Conferenze 8 dello United Nations Headquarters.
Ascoltare i Governi locali inizia ad essere sentita come priorità. “Per aiutare lo sviluppo sostenibile, c’è bisogno di stare vicini alle Comunità, con esempi e progetti concreti. Le autorità locali detengono la chiave e hanno bisogno di un ambiente favorevole per mobilitare risorse pubbliche e private. L’assistenza e il sostegno pubblici possono essere un catalizzatore, ma saranno necessari investimenti”. Ha rimarcato Stefano Manservisi, Direttore generale della DG Cooperazione internazionale e sviluppo della Commissione europea.
Lo sviluppo sostenibile è imprescindibile dal coinvolgimento delle autorità locali. “Generare cambiamento significa agire sui territori, conoscerli e favorire un confronto vivo tra conoscenza locale e conoscenza globale. È quello che da molti è chiamato “place-based approach”, che permette il coinvolgimento di tutte le realtà presenti sul territorio, urbane e rurali, rispettando il famoso principio dell’Agenda 2030, che nessuno sia lasciato indietro”, ha detto il ministro per l’Ambiente Sergio Costa. “Le autorità locali vanno sempre ascoltate e coinvolte. Sono gli enti locali – ha continuato Costa – i soggetti pubblici vicini ai cittadini che quindi non possono essere esclusi nell’ambito delle strategia per lo sviluppo sostenibile”.
Mariangela Zappia, Ambasciatrice, Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite, ha sottolineato come “per l’Italia sia fondamentale rafforzare la partnership con paesi Africani per raggiungere gli obiettivi di Agenda 2030” ed ha ringraziato l’AICCRE “per il forte coinvolgimento degli enti locali”.
Secondo Maimunah Mohd Sharif, direttrice esecutiva di UN HABITAT, per il raggiungimento degli SDGs “è fondamentale coinvolgere e rendere protagonisti, insieme agli enti locali, il settore privato e la società civile”.
Emilia Saiz, Segretario generale dell’UCLG ha sottolineato come “i governi locali sono convinti che vi sia bisogno di riforme fiscali e di sviluppo di capacità ma è fondamentale che i governi nazionali li includano nelle loro strategie per migliorare la mobilitazione delle risorse nazionali”.
Al side event hanno partecipato anche delegazioni dei governi di Camerun, Madagascar e Marocco.
L’evento rientrava dell’ High level political forum dell’ONU, organo sussidiario dell’ONU e del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, responsabile per l’intera politica dell’organizzazione sullo sviluppo sostenibile, che si sta svolgendo a New York dal 9 al 18 luglio e che all’interno ha ospitato una “tre giorni” (15-17 luglio) dedicata agli enti locali.
L’iniziativa del 16 luglio è nata dalla strategia italiana “Venice City Solutions 2030” che AICCRE ha sviluppato grazie al network PLATFORMA finanziato dalla DG DEVCO . Nei tre anni di lavoro del progetto PLATFORMA in Italia si è sviluppata una strategia di sensibilizzazione e lobby tra gli enti locali per poter raggiungere obiettivi di awareness raising degli enti locali sull’Agenda 2030 e sulla cooperazione decentrata, formazione degli enti locali sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, creazione di piattaforme di governance multilivello per avviare una partnership tra enti locali, governo nazionale e dimensione internazionale, creazione di nuove forme inclusive di partenariato con settore privato, università, terzo settore, ONG, associazionismo e società civile.


0

E-News, vcs, cooperazione, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


“Un esempio di eccellenza del nostro Paese che tra l’altro segue le indicazioni dell’obiettivo 17 degli SDG, quello sul partenariato. Il Governo italiano riconosce l’importanza della collaborazione con gli enti locali e regionali per gli obiettivi di Agenda 2030, essendo gli enti più vicini ai cittadini. L’evento con il Governo italiano, oltretutto in un contesto internazionale come quello dell’ONU, nasce dalla consapevolezza comune che obiettivi così ambiziosi e vitali per il futuro del Pianeta e dell’umanità, dalla lotta alla povertà alla sostenibilità, dalla parità di genere alla lotta contro il cambiamento climatico, possono essere raggiunti solo con una azione multilivello a livello istituzionale”, così il 12 luglio in un comunicato stampa Carla Rey, Segretario generale dell’AICCRE, che guiderà la delegazione italiana, ha commentato il side event “Finanziamento degli SDG a livello locale” che nasce dall’iniziativa del Governo italiano con la collaborazione dell’AICCRE, che si svolgerà a New York Il 16 luglio presso la Sala Conferenze 8 dello United Nations Headquarters.

L’evento farà parte dell’ High level political forum dell’ONU, organo sussidiario dell’ONU e del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, responsabile per l’intera politica dell’organizzazione sullo sviluppo sostenibile, che si sta svolgendo a New York dal 9 al 18 luglio e che all’interno ospiterà una “tre giorni” (15-17 luglio) dedicata agli enti locali.

L’iniziativa del 16 luglio nasce dalla strategia italiana “Venice City Solutions 2030” che AICCRE ha sviluppato grazie al network PLATFORMA finanziato dalla DG DEVCO .

Tra le presenze annunciate quella del Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, insieme a Stefano Bonaccini, Presidente Presidente AICCRE e del CCRE/CEMR, e di Stefano Manservisi, Direttore generale per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo dell’Unione europea.

Le raccomandazioni finali della I edizione saranno il tema del side event ed il contributo italiano alla discussione che vedrà a New York, insieme al Governo italiano e AICCRE, anche UNDP, UN-Habitat, UNCDF, UCLG di i governi del Camerun e del Marocco.

Nei tre anni di lavoro del progetto PLATFORMA in Italia si è sviluppata una strategia di sensibilizzazione e lobby tra gli enti locali per poter raggiungere i seguenti obiettivi: – awareness raising degli enti locali sull’Agenda 2030 e sulla cooperazione decentrata; – formazione degli enti locali sugli obiettivi di sviluppo sostenibile; – creazione di piattaforme di governance multilivello per avviare una partnership tra enti locali, governo nazionale e dimensione internazionale; – creazione di nuove forme inclusive di partenariato con settore privato, università, terzo settore, ONG, associazionismo e società civile.
0

News Platforma, E-News, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


Un side event dell’”High-level political forum on sustainable development” (HLPF) del Governo italiano organizzato da AICCRE con UNDP e UN-Habitat: si è svolto il 16 luglio scorso a New York, presso la Sala Conferenze 8 dello United Nations Headquarters.

L’iniziativa è nata dalla strategia italiana “Venice City Solutions 2030” che AICCRE ha sviluppato grazie al network PLATFORMA finanziato dalla DG DEVCO.

Nei tre anni di lavoro del progetto PLATFORMA SGA I in Italia si è sviluppata una strategia di sensibilizzazione e lobby tra gli enti locali per poter raggiungere i seguenti obiettivi:
– awareness raising degli enti locali sull’Agenda 2030 e sulla cooperazione decentrata;
– formazione degli enti locali sugli obiettivi di sviluppo sostenibile;
– creazione di piattaforme di governance multilivello per avviare una partnership tra enti locali, governo nazionale e dimensione internazionale;
– creazione di nuove forme inclusive di partenariato con settore privato, università, terzo settore, ONG, associazionismo e società civile;
– raccolta di dati sulla cooperazione decentrata sviluppata dagli enti locali italiani.

Venice City Solutions 2030 (VCS2030) rappresenta il risultato delle attività che si sono sviluppate negli ultimi anni e che hanno portato ai seguenti risultati:
– riconoscimento da parte del Governo italiano del ruolo degli enti locali e di AICCRE quale rappresentante di Comuni, Province, Regioni impegnati nell’Agenda 2030;
– organizzazione di un side event per l’HLPF di New York sponsorizzato dal Governo italiano sui risultati del dialogo multilivello;
– organizzare a Venezia un appuntamento annuale con la collaborazione delle Agenzie delle Nazioni Unite e dell’Associazione mondiale Città Unite e Governi Locali in cui si ritrovino i Governi e gli enti locali di tutto il mondo per finalizzare strategie utili per gli enti locali per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 e per sviluppare progetti di cooperazione decentrata.

L’evento VCS2030 del 2018 si era focalizzato sul tema che gli enti locali italiani sentivano come più urgente: il finanziamento delle azioni di implementazione degli SDGs a livello locale. All’evento hanno partecipato UCLG, UNDP, UN-Habitat e UNCDF con la presenza della Banca Mondiale: 140 partecipanti rappresentanti di 39 paesi del mondo si sono trovati a Venezia a discutere di nuovi modelli di finanziamento per le città e le regioni.

Le raccomandazioni finali sono state il tema del side event ed il contributo italiano alla discussione che ha visto a New York il Governo italiano, AICCRE, UNDP, UN-Habitat, UCLG ed il governo del Camerun.


LEGGI IL PROGRAMMA
0

E-News, cooperazione, SDG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il 19 giugno a Bologna si è svolta una giornata di studio organizzata dall’AICCRE, nell’ambito di PLATFORMA, che ha avuto come tema “Gli SDGs nella pianificazione locale, una opportunità per le città”.

L’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, adottata dai leader mondiali nel 2015, costituisce il nuovo quadro di sviluppo sostenibile globale e stabilisce 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs). L’impegno si incentra sul conseguire uno sviluppo sostenibile entro il 2030 a livello mondiale, garantendo l’inclusione di tutti.

I lavori si sono articolati in 3 tavoli in parallelo, 2 politici e 1 tecnico con un referente AICCRE e un ospite esperto esterno per tavolo. Tra i partecipantiStefano Bonaccini, Presidente AICCRE e CRRE/CEMR, Carla Rey, segretario generale dell’AICCRE.

Gli SDGs, interconnessi e indivisibili, bilanciano le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: crescita economica, inclusione sociale, tutela dell’ambiente, estendendo l’Agenda 2030 dal solo pilastro sociale previsto dagli Obiettivi del Millennio agli altri due pilastri, economico ed ambientale. All’interno dell’AGENDA 2030, i poteri locali occupano un posto centrale quali strumenti per la crescita, l’uguaglianza e le opportunità. Secondo le agenzie delle Nazioni Unite, l’investimento a livello locale produce anche uno dei più alti ritorni negli investimenti e tocca direttamente la vita delle persone.
Il 65% degli obiettivi fissati dall’Agenda 2030 sono una responsabilità diretta dei governi locali e regionali. Il finanziamento della localizzazione degli SDGs significa dunque finanziare il 65% dell’Agenda 2030.
Per questo gli SDGs sono anche un’opportunità per gli enti locali in termini di pianificazione politica e di sviluppo integrato, inclusivo e sostenibile del territorio. Grazie agli SDGs, infatti, è possibile rendere partecipi tutti gli attori che operano sul territorio (imprese, associazioni, scuole, etc), coinvolgendo così tutti i cittadini in un rapporto osmotico e costruttivo con l’ente locale. A Bologna l’AICCRE cercherà di armonizzare discussione politica, confronti, tavoli tecnici e di formazione.

I tavoli di lavoro si sono occupati di: sviluppo sostenibile inclusivo (focus sulle persone): diritti umani, integrazione, migrazioni, eguaglianza di genere, servizi pubblici, educazione, ecc. e i “goals” coinvolti sono stati 1 -2 – 3 – 4 – 5; “Sviluppo sostenibile economico ed ambientale” (focus su pianeta e crescita sostenibile) ha coinvolto i seguenti temi: città resilienti ed inclusive, politiche territoriali, sviluppo urbano e rurale, contrasto ai cambiamenti climatici e riguarderà i “goals” 6 – 8 – 9 – 11 – 12; Sviluppo sostenibile integrato, ha toccato i temi: del valore del partenariato, della governance multilivello, della definizione di cooperazione internazionale e decentrata (“goals” 16 e 17). SDGs nella pianificazione strategica comunale, coordinato da Carla Rey, ha svolto un training per amministratori e funzionari sull’implementazione degli SDGs nella programmazione degli enti locali.

GUARDA IL VIDEO DEI LAVORI


SCARICA LA LOCANDINA

0