E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il 17 gennaio la Commissione europea ha pubblicato un nuovo invito a presentare proposte del valore di 40 milioni di € per la sovvenzione di azioni nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF). Il bando rimarrà aperto fino al 16 maggio 2023. I beneficiari primari dei progetti sono i migranti, comprese le persone bisognose di protezione.

Le azioni da finanziare nell’ambito dell’invito comprendono quelle che promuovono i programmi di sponsorizzazione da parte delle comunità e il ruolo degli enti locali e regionali nell’inclusione e nell’integrazione dei migranti. I finanziamenti saranno inoltre disponibili per azioni volte a favorire l’integrazione nel mercato del lavoro, ad esempio incoraggiando la collaborazione tra le parti economiche e sociali, i datori di lavoro e gli enti pubblici. L’invito riguarda anche la promozione di percorsi complementari legati al lavoro e a sostegno dell’integrazione nell’istruzione, e comprende una priorità sulla protezione dei minori migranti.

L’integrazione e l’inclusione nell’UE dei cittadini di paesi terzi contribuiscono a rendere le nostre società più coese, resilienti e prospere, come indicato nel piano d’azione dell’UE per l’integrazione e l’inclusione, al quale è allineato l’invito a presentare proposte.

Gli obiettivi principali dell’invito sono stati annunciati in occasione del partenariato europeo per l’integrazione e del Forum ad alto livello sui percorsi legali di protezione.

L’invito si basa anche sugli insegnamenti appresi nel sostenere l’integrazione, come l’accoglienza delle persone in fuga dall’Ucraina.

L’impegno della comunità è fondamentale: al fine di fornire orientamenti mirati nell’organizzazione di soluzioni abitative private per coloro che fuggono dall’Ucraina, la Commissione ha pubblicato gli orientamenti “Case sicure”.

Tramite il Fondo Asilo, migrazione e integrazione la Commissione fornirà inoltre sostegno finanziario alla Federazione internazionale della Croce Rossa, allo scopo di sostenere chi offre ospitalità e sviluppare buone pratiche che possano essere replicate per esigenze future.

Maggiori informazioni sono disponibili nel programma di lavoro e sul portale Finanziamenti e appalti.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, e il commissario europeo per l’occupazione e i diritti sociali, Nicolas Schmit, hanno accolto gli esperti di migrazione e occupazione degli Stati membri dell’UE in occasione della prima riunione della piattaforma sulla migrazione dei lavoratori a Bruxelles.

La piattaforma è stata istituita per far progredire la migrazione di manodopera dai paesi terzi verso l’UE e per garantire che sia ben gestita e mirata alle esigenze di manodopera e competenze. La nuova piattaforma riunisce la Commissione e i rappresentanti degli Stati membri specializzati nella politica in materia di migrazione e occupazione per promuovere una stretta cooperazione tra i due settori, nonché tra gli Stati membri e l’UE per sostenere l’effettiva operatività delle iniziative a livello dell’UE in materia di migrazione legale e occupazione.

Il lancio della piattaforma è un’iniziativa del pacchetto competenze e talenti e sosterrà gli obiettivi e le azioni del proposto Anno delle competenze 2023.

Gli Stati membri devono far fronte a carenze di manodopera e di competenze, ad esempio nei settori della sanità e della tecnologia dell’informazione. Una forza lavoro qualificata è fondamentale per garantire la competitività futura e sfruttare al meglio le opportunità della transizione verde e digitale, scrive la Commissione nel comunicato stampa. A causa delle attuali tendenze demografiche che portano all’invecchiamento e al calo della popolazione attiva nell’UE, queste carenze aumenteranno in futuro. Una misura che può contribuire a superare questa sfida è una migrazione di manodopera ben gestita.

All’incontro del 10 gennaio i partecipanti, comprese le parti economiche e sociali, hanno discusso le sfide del mercato del lavoro e le opportunità offerte dalla migrazione per lavoro per contribuire ad affrontarle. Hanno inoltre scambiato opinioni e migliori pratiche sugli strumenti più efficaci per attrarre nell’UE persone qualificate e di talento. Per portare avanti gli sforzi congiunti, la Commissione e gli Stati membri si avvalgono della piattaforma per sostenere l’operatività delle iniziative a livello dell’UE in materia di migrazione legale e occupazione, come il futuro pool di talenti dell’UE e i partenariati dell’UE per i talenti, entrambi delineati nel documento della Commissione sulle competenze e i talenti Pacchetto.

La piattaforma sulla migrazione dei lavoratori, rende noto la Commissione europea, si riunirà regolarmente per rafforzare la cooperazione e i progressi nel settore della migrazione dei lavoratori verso l’UE. A seconda degli argomenti discussi, saranno invitati a partecipare esperti e organizzazioni pertinenti oltre ai rappresentanti della Commissione e degli Stati membri. L’obiettivo sarà imparare gli uni dagli altri e progredire insieme.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo sul proprio sito ha pubblicato una nota riguardo il suo programma di lavoro nel 2023.

Cryptovalute, intelligenza artificiale, semiconduttori e condivisione dei dati, saranno oggetto di discussione da parte del Parlamento europeo nel nuovo anno.

A gennaio, gli eurodeputati concorderanno la propria posizione su un quadro giuridico per l’intelligenza artificiale che mira a introdurre una base normativa comune sull’intelligenza artificiale in linea con i valori dell’UE. L’attenzione si concentrerà su applicazioni specifiche e sui possibili rischi collegati.

In agenda per febbraio vi sono invece le norme sulle criptovalute per proteggere i consumatori e stabilire clausole di salvaguardia contro le manipolazioni di mercato e la criminalità finanziaria.

Gli eurodeputati saranno al lavoro sulla Legge sui dati per fissare regole comuni, regolare la condivisione dei dati durante l’utilizzo di prodotti connessi o servizi correlati. L’obiettivo è quello di semplificare la possibilità per gli utenti di cambiare gestore tra i fornitori di cloud storage e altri servizi di elaborazione dei dati. Tale manovra metterebbe inoltre in atto misure di salvaguardia contro l’illecito trasferimento internazionale di dati da parte di fornitori di servizi cloud.

Sulla scia della carenza di semiconduttori causata dalla pandemia di Covid-19, il Parlamento europeo definirà la propria posizione nella Legge europea sui semiconduttori, che mira a garantire che l’UE disponga delle competenze, degli strumenti e delle tecnologie essenziali per diventare un leader nel settore. L’obiettivo è quello di aiutare a raggiungere la transizione digitale e verde, nonché contribuire a incrementare la produzione ed evitare l’interruzione della catena di approvvigionamento.

Propaganda politica

I membri del Parlamento europeo discuteranno le regole per garantire un processo democratico più equo e più aperto nell’UE e prevenire i tentativi di manipolare l’opinione pubblica aumentando la trasparenza della propaganda politica sponsorizzata.

Migrazione

A seguito dell’accordo su una mappa comune per migrazione ed asilo, raggiunto tra Parlamento e Consiglio nel settembre 2022, gli eurodeputati lavoreranno sulle proposte relative al Nuovo patto sulla migrazione e l’asilo della Commissione europea. Questo include la gestione della migrazione, le procedure di controllo, il quadro di reinsediamento e le procedure di asilo dell’UE.

Decarbonizzazione

Il Parlamento europeo proseguirà la propria azione verso la neutralità climatica nell’UE attraverso la decarbonizzazione di tutti i settori dell’economia. Al fine di raggiungere gli obiettivi contenuti nel pacchetto Pronti per il 55%, gli eurodeputati voteranno i nuovi standard di Co2 per auto e furgoni, la realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi, un nuovo quadro per un mercato interno dell’idrogeno, la riduzione delle emissioni di metano e dei gas fluorurati a effetto serra, nuove norme per impedire alle imprese di eludere le norme UE sulle emissioni spostandosi altrove e obiettivi più ambiziosi per il sistema di scambio di quote di emissione.

Energia

L’energia rinnovabile gioca un ruolo fondamentale per la realizzazione del Green Deal europeo: per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 e creare una maggior indipendenza energetica. L’UE punta a innalzare la quota di energia rinnovabile nel consumo finale lordo di energia al 40% entro il 2030, al fine di raggiungere l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra. Il Parlamento lavorerà anche su obiettivi più ambiziosi di riduzione del consumo energetico a livello europeo.

Economia circolare

Nell’ambito del passaggio a un’economia circolare, il Parlamento lavorerà su nuovi requisiti di progettazione ecocompatibile per gruppi specifici di prodotti, come elettrodomestici da cucina, computer e server, motori elettrici e pneumatici, per renderli più durevoli, riutilizzabili e meno dannosi per l’ambiente. I deputati lavoreranno anche sugli obiettivi dell’UE per ridurre gli sprechi alimentari e su una nuova strategia per rendere i prodotti tessili più riutilizzabili e riciclabili, per fronteggiare il problema dei rifiuti tessili.

Diritti dei lavoratori A inizio 2023, gli eurodeputati discuteranno delle nuove norme per migliorare le condizioni lavorative degli impiegati che operano nell’UE attraverso piattaforme digitali di lavoro. Attualmente il diritto del lavoro dell’UE non fornisce tutela dei diritti dei lavoratori delle piattaforme. La proposta prevede la garanzia di uno status occupazionale legale che corrisponda alle effettive modalità di lavoro, di promuovere e migliorare la trasparenza, l’equità e la responsabilità del lavoro su piattaforma.

Riciclaggio di denaro

Il Parlamento lavorerà altresì su nuove regole per fronteggiare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Eventi Il Parlamento europeo inoltre inviterà i giovani a partecipare all’evento europeo per la gioventù che si terrà a Strasburgo e online il 9-10 giugno 2023 .
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nell’ambito del partenariato europeo per l’integrazione, la Commissione europea e cinque partner economici e sociali europei – CES, BusinessEurope, SGI Europe, SMEUnited ed Eurochambres – hanno rinnovato il loro impegno a integrare in modo più efficace i rifugiati e altri migranti nel mercato del lavoro dell’UE.

In una dichiarazione congiunta, la Commissione e le parti sociali ed economiche ribadiscono l’importanza di un approccio multilaterale per facilitare un’integrazione rapida e agevole nel mercato del lavoro. Tale approccio avvantaggia sia i migranti che il paese ospitante, attraverso misure mirate in modo coordinato.

I partecipanti hanno sottolineato la necessità di un sostegno coordinato per le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Il 5 aprile 2022 la Commissione ha adottato una raccomandazione sul riconoscimento delle qualifiche per le persone in fuga dall’invasione russa dell’Ucraina.

La Commissione ha inoltre pubblicato orientamenti per l’accesso al mercato del lavoro, all’istruzione e formazione professionale e all’apprendimento degli adulti per le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina.

La guida sottolinea l’importanza di evitare lo sfruttamento e il lavoro sommerso con il sostegno dell’Autorità europea del lavoro. Il 10 ottobre 2022 la Commissione ha avviato un’iniziativa pilota del pool di talenti dell’UE che mira ad aiutare i beneficiari di protezione temporanea a trovare un impiego e ad integrarsi nel mercato del lavoro dell’UE, tenendo conto delle esigenze specifiche dei richiedenti. I firmatari hanno scambiato gli insegnamenti tratti dalle loro esperienze in materia di integrazione nel mercato del lavoro per sostenere gli sfollati dall’Ucraina e altri cittadini di paesi terzi e hanno discusso ulteriori azioni e progetti.

In vista dell’Anno europeo delle competenze 2023, i firmatari concordano sulla necessità di facilitare la valutazione, il riconoscimento e la convalida delle competenze e delle qualifiche. Ciò migliorerà l’abbinamento delle competenze con i posti vacanti. Un tale approccio consentirà ai migranti e ai rifugiati di trovare lavoro al livello delle loro qualifiche e ai datori di lavoro di sfruttare appieno il potenziale dei migranti per colmare le carenze di manodopera.

Inoltre, continueranno ad agevolare l’integrazione nel mercato del lavoro dell’UE e a promuovere le pari opportunità, anche attraverso una stretta cooperazione per l’attuazione del programma pilota dell’EU Talent Pool per i beneficiari di protezione temporanea.

La Commissione informa continuerà a collaborare con le parti sociali ed economiche per implementare il Talent Pool e Talent Partnerships con i principali paesi partner, al fine di migliorare i percorsi legali per i cittadini di paesi terzi verso l’UE. I firmatari lavoreranno per sensibilizzare e condividere le migliori pratiche nell’uso dei finanziamenti dell’UE per l’integrazione nel mercato del lavoro.

In linea con il piano d’azione sull’integrazione e l’inclusione 2021-27, la Commissione sosterrà progetti che promuovono iniziative multilaterali attraverso un invito a presentare proposte sull’integrazione dei migranti nell’ambito dello strumento tematico del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF).

A partire dall’inizio del 2023, i partner e la Commissione si incontreranno almeno due volte l’anno a livello operativo, facendo il punto sui progetti pertinenti e altre azioni. Si incontreranno anche a livello politico, se del caso.

Partenariato europeo per l’integrazione – Sito web della Commissione>
Piano d’azione per l’integrazione e l’inclusione 2021-2027
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie
L’Union europea e i partner africani hanno lanciato il 12 dicembre due iniziative Team Europe (TEI) incentrate sulle rotte migratorie dell’Atlantico/Mediterraneo occidentale e del Mediterraneo centrale per garantire gli sforzi congiunti degli Stati membri e dell’UE per affrontare le sfide migratorie che l’UE e i suoi partner del nord L’Africa si confronta con l’aumento dei flussi irregolari e degli abusi da parte delle reti di contrabbando. Le iniziative contribuiranno ad attuare la dimensione esterna del nuovo patto sulla migrazione e l’asilo e combineranno le attività degli Stati membri con la cooperazione e il coordinamento a livello dell’UE attraverso un approccio globale.  

Le due iniziative riuniscono paesi africani ed europei di origine, transito e destinazione. Creeranno nuove opportunità di coordinamento con i paesi partner, i partner internazionali e le pertinenti agenzie delle Nazioni Unite. Il TEI per la rotta del Mediterraneo centrale sosterrà l’attuazione di azioni operative per gestire la migrazione nell’ambito del piano d’azione dell’UE per il Mediterraneo centrale.  

Queste iniziative prevedono l’intensificazione del lavoro congiunto sui cinque ambiti prioritari del piano d’azione congiunto La Valletta, che mira a sostenere i partner africani ed europei migliorando la governance della migrazione.

Nuovo patto su migrazione e asilo

Piano d’azione dell’UE per il Mediterraneo centrale
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo ha ospitato il 2 dicembre a Bruxelles l’evento di feedback sulla Conferenza sul futuro dell’Europa, a cui hanno partecipato rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio dell’Unione e della Commissione europea, oltre ai cittadini che sono stati al centro dei lavori della Conferenza. I partecipanti hanno esaminato in che modo le istituzioni europee stiano dando seguito alle proposte della Conferenza.

In apertura dell’evento, la Presidente del Parlamento Roberta Metsola ha dichiarato: “Il Parlamento europeo è pronto a fare la sua parte per realizzare le proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa, nell’interesse dei 450 milioni di europei che rappresenta. La visione richiede coraggio. Quando si tratta di attuare le proposte dei cittadini, nessun suggerimento di cambiamento dovrebbe essere off-limits. La Conferenza sul futuro dell’Europa e le proposte presentate non sono la fine. Non c’è una data di scadenza per il futuro. Non ci sono caselle da spuntare. Il futuro è un lavoro in corso. Così come la nostra Unione”.

Guy Verhofstadt, in qualità di ex copresidente della Conferenza, ha commentato: “In tempi di insicurezza, la politica ha bisogno di una visione futura. Con la Conferenza sul futuro dell’Europa, i cittadini hanno indicato la strada da seguire. L’evento di feedback è il momento per discutere ciò che noi politici abbiamo fatto con le conclusioni raggiunte insieme l’anno scorso e per guardare avanti. Perché il nostro impegno non è ancora finito: dobbiamo continuare a realizzare non solo le proposte ma anche lo spirito con cui sono state scritte: una nuova idea di Europa adatta alle sfide future.”

In rappresentanza del Consiglio, hanno partecipato il ministro per gli affari europei Mikuláš Bek della Presidenza ceca.

In rappresentanza della Commissione, hanno preso parte all’evento i vicepresidenti Maroš Šefčovič, Dubravka Šuica e Margaritis Schinas.

Dibattito con i cittadini

Il dibattito che ne è seguito si è focalizzato sulle sfide principali che l’Unione deve affrontare attualmente, tra cui l’attacco della Russia all’Ucraina e le conseguenze sulla vita quotidiana degli europei, nonché la necessità di accelerare il processo d’indipendenza energetica dell’UE. Molti oratori hanno posto l’accento sulle riforme istituzionali necessarie per attuare le proposte della Conferenza nella loro totalità, comprese quelle sulla tassazione delle multinazionali e sulla cooperazione nella dimensione esterna degli affari UE.

Nel corso della giornata, i cittadini hanno posto domande sull’intera gamma di argomenti trattati nelle proposte della Conferenza, tra cui: cambiamento climatico e ambiente, salute fisica e mentale, istruzione e cultura, transizione digitale, le sfide legate alla migrazione, le minacce ai valori europei e al bilancio UE, lo stato dell’economia europea e il ruolo dei giovani in tutti questi settori.

Inoltre, è stata ripetutamente menzionata la prospettiva di lanciare una Convenzione per la revisione dei Trattati UE, oltre alla possibile attivazione di clausole passerella nel quadro giuridico esistente e la necessità di migliorare ulteriormente la comunicazione tra le istituzioni UE. La discussione si è incentrata anche sulle lezioni di democrazia partecipativa tratte da questo esercizio senza precedenti, durato un anno, inclusa l’intenzione della Commissione di avviare consultazioni con i cittadini prima di importanti proposte legislative. Inoltre, i cittadini hanno avanzato delle proposte su come garantire che tutte le voci dei partecipanti siano ascoltate in egual misura, malgrado le barriere linguistiche e strutturali.

I deputati europei hanno sottolineato che il Parlamento europeo continuerà a fare tutto il necessario per garantire l’adempimento della sua missione fondamentale, che è quella di garantire la credibilità dell’UE nei confronti di tutti gli europei, offrendo al contempo, e in linea con le priorità personali e di ciascun gruppo politico, degli esempi concreti di come le proposte della Conferenza siano diventate fattori chiave nel lavoro del PE.

Molti deputati hanno ribadito la richiesta del Parlamento di istituire una Convenzione per la revisione dei Trattati UE, mentre alcuni di loro hanno evidenziato che sono in corso lavori in sede di commissione parlamentare volti a finalizzare le proposte per una risoluzione legislativa in tal senso.

Alcuni oratori hanno espresso un parere contrario, mettendo in dubbio l’utilità della Conferenza, denunciando l’uso del denaro dei contribuenti e opponendosi alla direzione dell’UE nel suo complesso.

Le 49 proposte della Conferenza includono più di 300 provvedimenti su come realizzarle suddivise in nove temi, e sono basate sulle raccomandazioni formulate dai panel europei e nazionali dei cittadini e sui contributi degli eventi nazionali, della piattaforma digitale multilingue e dalle discussioni della Plenaria e i nove gruppi di lavoro tematici. Le tre istituzioni hanno avviato il processo di attuazione e di verifica delle proposte della Conferenza, secondo le rispettive competenze.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, ha ospitato il 29 novembre un forum ad alto livello per promuovere una più stretta cooperazione con i paesi e le organizzazioni partner al fine di ampliare le vie sicure e legali per le persone bisognose di protezione.Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Rappresentanti di alto livello degli Stati membri dell’UE, degli Stati Uniti, del Canada e del Regno Unito hanno partecipato, insieme all’UNHCR e all’OIM, alle organizzazioni della società civile, ai rifugiati e alle imprese coinvolte nei percorsi complementari per il lavoro. Il Forum ha affermato la volontà comune di sostenere la protezione alla luce dei conflitti in corso in tutto il mondo. Le discussioni si sono incentrate sulla creazione di programmi più resilienti e sull’offerta di percorsi innovativi legati al lavoro, oltre al reinsediamento.

16 Stati membri dell’UE hanno promesso più di 29 000 posti per il reinsediamento e l’ammissione umanitaria per il 2023, compreso il sostegno continuato e ampliato agli afgani bisognosi di protezione. Una volta attuati, questi impegni attiveranno il sostegno finanziario dell’UE per i programmi di reinsediamento e ammissione umanitaria degli Stati membri. La Commissione ha stanziato a tal fine 480 milioni di euro nel periodo 2023-2025.

Dal febbraio 2022, le persone in Europa hanno aperto le loro case per ospitare coloro che fuggono dall’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia. Questa è stata una dimostrazione di solidarietà senza precedenti. Per fornire orientamenti mirati nell’organizzazione di iniziative di alloggi privati ​​per coloro che fuggono dall’Ucraina, la Commissione ha pubblicato gli orientamenti Case sicure.

Basandosi su questa esperienza, la Commissione europea “continuerà a lavorare per espandere i programmi di sponsorizzazione della comunità per sostenere il reinsediamento, l’ammissione umanitaria e altri percorsi complementari”. La Commissione fornirà sostegno finanziario tramite il Fondo Asilo, migrazione e integrazione alla Federazione internazionale della Croce Rossa (IFRC) per l’attuazione di un progetto per sostenere gli ospiti e sviluppare buone pratiche che possano essere replicate per esigenze future.

Oltre al reinsediamento, il Forum ha sottolineato le opportunità di percorsi complementari legati al lavoro. Questi offrono ai rifugiati qualificati un percorso innovativo verso la protezione e l’accesso al mercato del lavoro dell’UE, contribuendo così a far fronte allo stesso tempo a gravi carenze di manodopera. Gli Stati membri sono stati incoraggiati a sviluppare tali percorsi complementari. La Commissione fornirà nuovi finanziamenti per i progetti transnazionali legati a questa priorità.

La Commissione continuerà a lavorare per sfruttare l’esperienza dei paesi partner internazionali e di altre parti interessate chiave sui programmi di mobilità del lavoro. Ciò include una collaborazione più stretta con la Global Taskforce on Refugee Labour Mobility, una coalizione di partner che mira a promuovere percorsi di lavoro complementari.

All’inizio del 2023 la Commissione pubblicherà un invito a presentare proposte per azioni transnazionali dell’Unione nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione per sostenere la condivisione delle migliori pratiche e la creazione di partenariati per l’integrazione. Ciò includerà il finanziamento di progetti incentrati sulla sponsorizzazione della comunità e percorsi complementari legati al lavoro. Maggiori informazioni saranno disponibili nel programma di lavoro e sul Portale Finanziamenti e Gare.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Se si hanno tra i 18 e i 30 anni e si cerca un’opportunità per aiutare la comunità più ampia, in Europa e oltre si può trovare con i finanziamenti e il sostegno del Corpo europeo di solidarietà, che aiuta i giovani a prendere parte a progetti a beneficio delle comunità, all’estero o nel loro paese.

Queste informazioni si trovano sul portale europeo della gioventù della Commissione europea.

Questi progetti offrono un’esperienza stimolante e la possibilità di apportare cambiamenti sviluppando le capacità e le competenze.

In generale, si può essere coinvolto in:

volontariato

tirocini (mentre i tirocini possono ancora essere svolti quest’anno finanziati dal budget del programma precedente, tieni presente che nel nuovo programma 2021-2027 sono interrotti)

posti di lavoro (mentre quest’anno i lavori possono ancora essere eseguiti finanziati dal budget del programma precedente, tenere presente che nel nuovo programma 2021-2027 sono interrotti)

Progetti di solidarietà locale

Volontariato umanitario (Corpo Volontario Europeo di Aiuto Umanitario)

Questi possono essere in una vasta gamma di campi: istruzione e formazione, cittadinanza e partecipazione democratica, ambiente e protezione naturale, migrazione, cultura, aiuti umanitari e molti altri.

Come funziona?
Il finanziamento del Corpo europeo di solidarietà è fornito sotto forma di sovvenzioni alle organizzazioni tramite inviti a presentare proposte.

I giovani che desiderano impegnarsi in tali attività devono registrarsi nel portale del Corpo europeo di solidarietà . Il portale del Corpo europeo di solidarietà offre uno spazio per i giovani e le organizzazioni, titolari di una sovvenzione, di realizzare attività e di ritrovarsi.

Il Corpo europeo di solidarietà è gestito dalla Commissione europea.

È implementato sul campo da una varietà di organismi:

Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura (EACEA)
Agenzie nazionali in ogni paese partecipante
SALTO
Centro risorse del Corpo europeo di solidarietà.

AGENZIA PER L’ITALIA:
Agenzia nazionale per i giovani (ANG) Via Sabotino 4
I-00195 Roma
Italia
+39 06 37 59 12 01
direzione@agenziagiovani.it
Sito internet
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 3NO NEW POSTS