E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea in un comunicato stampa informa che ha deciso di destinare finanziamenti specifici agli Stati membri dell’UE per le sfide migratorie.

Questo sostegno finanziario rientra nelle misure individuate nella lettera della Presidente Ursula von der Leyen in vista del Consiglio europeo di febbraio 2023 per sostenere gli Stati membri a rafforzare la protezione delle frontiere e i sistemi di asilo e accoglienza. In tale contesto, la Commissione ha rivolto agli Stati membri dell’UE due inviti a presentare richieste di finanziamento nell’ambito dei fondi per gli affari interni.

La Commissione finanzierà con 141 milioni di € software e fibra ottica per migliorare lo scambio e il trattamento dei dati tra posti di frontiera e centri di comando (Bulgaria, Croazia, Grecia, Lituania e Ungheria), attrezzature per la sorveglianza elettronica ai posti di frontiera (Bulgaria, Lettonia e Lituania) e l’impiego di dispositivi mobili di controllo (Bulgaria, Lituania e Grecia), nell’ambito dell’invito a presentare proposte relativo allo Strumento di sostegno finanziario per la gestione delle frontiere e la politica dei visti.

azioni di finanziamento sono state definite per gli Stati membri dell’UE che necessitano di sostegno (Romania, Polonia, Estonia, Bulgaria, Spagna e Lituania), che sarà fornito dalla Commissione in base alla disponibilità di finanziamenti nell’ambito dello Strumento di sostegno finanziario per la gestione delle frontiere e la politica dei visti.

L’invito a presentare proposte nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF), dal valore di 118 milioni di €, sosterrà i minori non accompagnati finanziando personale supplementare, la formazione per i tutori (Belgio, Cipro, Slovacchia e Spagna), l’accoglienza/l’assistenza familiare, l’assistenza nell’ambito della comunità e modalità di vita semiautonoma per gli adolescenti (Bulgaria, Cipro, Grecia, Italia e Spagna). Rafforzerà inoltre le strutture di accoglienza alle frontiere, finanziando la ristrutturazione dei centri di accoglienza esistenti (Italia, Lettonia, Lituania e Polonia) e la costruzione di nuovi centri di accoglienza (Cipro e Italia).

Il finanziamento farà parte dei programmi degli Stati membri. Le azioni possono iniziare immediatamente e saranno attuate dalle agenzie degli Stati membri o dalle organizzazioni partner della società civile, come le ONG e le Nazioni Unite.
0