E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Convenzione quadro sull’intelligenza artificiale, i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto è stata completata nei giorni scorsi dal Comitato sull’intelligenza artificiale del Consiglio d’Europa. Il progetto di testo sarà sottoposto al Comitato dei Ministri per l’adozione e sarà aperto alla firma in una fase successiva.

Di seguito, la dichiarazione della Segretaria generale Marija Pejčinović Burić in occasione del completamento della Convenzione:
Questo trattato, primo nel suo genere, assicurerà che la diffusione dell’intelligenza artificiale rispetti le norme giuridiche del Consiglio d’Europa in materia di diritti umani, democrazia e Stato di diritto. Il suo completamento da parte del Comitato sull’intelligenza artificiale (CAI) è un traguardo straordinario e dobbiamo celebrarlo come tale.

La Convenzione stabilisce un quadro giuridico che copre i sistemi di IA in tutto il loro ciclo di vita, dall’inizio alla fine.

Sebbene questo trattato sia stato elaborato dal Consiglio d’Europa con partner internazionali che condividono le stesse idee, sarà uno strumento globale, aperto al mondo. Dopo la sua adozione da parte del Comitato dei Ministri nelle prossime settimane, i paesi di tutto il mondo potranno aderirvi e rispettare gli elevati standard etici che stabilisce.

Il testo raggiunge il giusto equilibrio in ambito normativo proprio grazie al contributo di governi ed esperti, come anche del settore e della società civile. Ringraziamo tutti i partner per il loro contributo e il completamento di questo testo fondamentale. Siamo convinti che, una volta adottato, questo trattato susciterà un consenso generale quanto alla portata del suo impatto.”

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“A maggio celebreremo il 75° anniversario del Consiglio d’Europa e credo sia importante riconoscere i progressi che abbiamo compiuto. Nessun altro continente ha mai istituito un’area giuridica comune, che protegge e promuove norme comuni in materia di diritti umani, democrazia e Stato di diritto. Così facendo, abbiamo trasformato, in meglio, la vita di milioni di europei. Dobbiamo esserne soddisfatti”, ha sottolineato la Segretaria generale Marija Pejčinović Burić nel suo discorso durante la recente sessione plenaria invernale dell’APCE.

La Segretaria generale ha riepilogato i risultati conseguiti lo scorso anno ribadendo l’importanza di dare seguito al 4° Vertice dei capi di Stato e di governo di Reykjavik.

“Ma è indubbio che le norme che abbiamo stabilito sono oggetto di attacchi e insidie. Devono essere difese con forza e in modo efficace. Le nuove sfide del XXI secolo devono essere affrontate alla luce di tali norme, nell’interesse di ogni cittadino. La Dichiarazione di Reykjavík ci ha dato nuova speranza e una determinazione rinnovata”, ha sottolineato la Segretaria generale. Il discorso è stato seguito da un’animata sessione di domande e risposte.

Discorso della Segretaria generale
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Il preoccupante aumento di atti antisemiti in Europa nelle ultime settimane rappresenta una grave minaccia per tutti i nostri Stati membri. Gli attacchi a sinagoghe, a scuole, a centri comunitari e all’integrità fisica dei nostri concittadini ebrei rappresentano una sfida diretta ai nostri valori e alle nostre libertà”. Lo ha dichiarato il 15 novembre la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić.

“Accolgo con favore la determinazione dei governi dei nostri Stati membri a mettere fine a questi intollerabili casi sul suolo europeo, ha continuato la Burić. Fiché i nostri concittadini ebrei non si sentiranno di nuovo al sicuro, finché la loro vita quotidiana non sarà più segnata dalla paura e dall’apprensione, dobbiamo continuare e aumentare i nostri sforzi. Pertanto, invito le autorità nazionali a intensificare la lotta contro l’antisemitismo. Offriamo loro il nostro incessante sostegno in questo sforzo ed esprimiamo la nostra piena solidarietà alle vittime.

“Il Consiglio d’Europa, ha precisato il Segretario generale, continuerà a essere in prima linea nella lotta contro l’antisemitismo e contro tutte le forme di odio, compreso l’odio per i musulmani, nello spirito della Dichiarazione del 4° Vertice dei capi di Stato e di governo. Le nostre convenzioni, le nostre istituzioni e i nostri meccanismi di monitoraggio sono e resteranno al servizio dei nostri Stati membri e di tutti gli europei nella lotta contro l’odio e contro ogni forma di discriminazione etnica o religiosa, nonché nella difesa dei nostri valori sanciti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo”.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Segretario generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić ha rilasciato nei giorni scorsi una dichiarazione in cui esprime seria preoccupazione “per i tentativi sempre più repressivi di mettere a tacere le legittime critiche di oppositori, attivisti e comuni cittadini mentre la Russia continua la sua brutale aggressione contro l’Ucraina . Il Consiglio d’Europa continuerà a essere pienamente solidale con loro e a sostenere i loro diritti umani in tutte le i modi in cui può in linea con il suo mandato. “Come il Consiglio d’Europa ha ribadito in diverse occasioni, Alexei Navalnyy – ai sensi delle misure provvisorie della Corte europea dei diritti dell’uomo del 16 febbraio 2021 – e Vladimir Kara-Murza devono essere rilasciati senza indugio. Le autorità russe rimangono inoltre sotto l’obbligo incondizionato di far luce sui precedenti attentati alla loro vita. “Sono sgomento per la misura in cui le garanzie del giusto processo e del giusto processo, nonché altri diritti dei due politici dell’opposizione, continuano a essere manifestamente violati dalle autorità russe. La costante incapacità di amministrare la giustizia in modo imparziale mette a nudo la natura arbitraria e infondata dei procedimenti lasciando pochi dubbi sull’obiettivo politicamente retributivo dietro le loro condanne”.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Ci sono buone ragioni per credere che il recente Vertice di Reykjavik verrà ricordato come un punto di svolta”, ha sottolineato la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić rivolgendosi agli studenti, all’accademia diplomatica e a un pubblico più ampio all’Università Comenius a Bratislava.

Nel corso della sua conferenza “Diritti umani, democrazia e Stato di diritto in Europa: minacce e opportunità”, la Segretaria generale ha fornito una panoramica completa dell’esito del 4° Vertice dei capi di Stato e di governo a Reykjavik (16-17 maggio), sottolineando l’istituzione di un Registro dei danni causati dall’aggressione da parte della Federazione russa contro l’Ucraina.

Il Vertice ha rappresentato un’opportunità storica per riaffermare l’impegno comune ai valori fondamentali del Consiglio d’Europa.

“I leader hanno riconosciuto la portata del problema e si sono impegnati in un decisivo cambio di rotta. L’accordo raggiunto è di ampia portata, lungimirante e ambizioso per le persone nel nostro continente. Se verrà messo in pratica, garantirà che i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto siano più profondamente radicati nelle nostre società”, ha sottolineato Marija Pejčinović Burić.

La Segretaria generale ha anche rimarcato la più ampia sfida di invertire la regressione democratica in Europa, la prospettiva dei diritti umani sulle norme in materia di intelligenza artificiale e il diritto politico a un ambiente pulito, sostenibile e sano.

“Gli Stati membri faranno in modo che Reykjavik sia ricordato come il punto di partenza per un rinnovo democratico in Europa. Una risposta chiara, positiva e duratura alle sfide che dobbiamo affrontare ora e negli anni a venire. Questa eredità verrà trasmessa alla vostra generazione. E alle generazioni che verranno dopo di voi. Vi invito a tenerla stretta”, ha affermato la Segretaria generale del Consiglio d’Europa.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Non può esserci una pace giusta e sostenibile senza il riconoscimento delle responsabilità. Questo è il motivo per cui l’Ucraina e il riconoscimento delle responsabilità dei reati commessi dalla Russia saranno temi centrali al prossimo 4° Vertice di capi di Stato e di governo a Reykjavik il 16 e 17 maggio”, ha dichiarato la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić prendendo la parola durante il vertice online dei leader degli Stati membri della coalizione (Core Group) sulla creazione di un Tribunale speciale sul reato di aggressione contro l’Ucraina.

Marija Pejčinović Burić ha sottolineato l’incessante azione del Consiglio d’Europa che segue un triplice approccio:

Il sostegno dell’Ufficio del Procuratore generale nelle indagini sui crimini di guerra e su gravi violazioni dei diritti umani;

L’istituzione di un Registro dei danni, componente necessaria di un meccanismo di risarcimento globale;

Il sostegno a sforzi internazionali per istituire un Tribunale speciale sul reato di aggressione.

“Il Consiglio d’Europa si mobilita e continuerà a mobilitarsi per riconoscere le responsabilità della Russia per i reati e le azioni illegali che ha commesso. Operando insieme, garantiremo che venga fatta giustizia”, ha concluso la Segretaria generale Pejčinović Burić.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel suo intervento del 24 gennaio all’Assemblea parlamentare la Segretaria generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić, ha affermato:
“L’Ucraina deve assumere un ruolo centrale” al vertice del Consiglio d’Europa che si terrà il 16 e 17 maggio a Reykjavik. Evidenziando che la “responsabilità per la morte e la distruzione causate dall’aggressione russa è di vitale importanza”, ha ribadito il sostegno del Consiglio d’Europa all’indagine del procuratore generale ucraino sui crimini di guerra russi e sottolineato l’importanza dei piani dell’Organizzazione per favorire la resilienza e la ricostruzione attraverso il suo dettagliato piano d’azione per l’Ucraina.

La Segretaria generale ha chiesto che il prossimo vertice in Islanda sia ambizioso e che gli Stati membri “riconoscano, fermino e ribaltino la regressione democratica che ha caratterizzato gli ultimi anni”. Gli Stati membri dovrebbero rafforzare le istituzioni che proteggono i diritti umani sia a livello nazionale che internazionale, soprattutto portando a termine l’adesione dell’Unione europea alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Il vertice è un’occasione per gli Stati membri “di dire ciò che faranno per ripristinare i diritti specifici, le libertà e le caratteristiche della vita democratica che sono in declino nel nostro continente”, ha affermato.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Applicare gli strumenti giuridici alla prevenzione della violenza sulle donne nel mondo digitale, alla protezione delle vittime e alla persecuzione degli autori di reato è il tema centrale della conferenza che si è svolta il 6 dicembre a Strasburgo nel quadro della Presidenza islandese del Consiglio d’Europa.

Marija Pejčinović Burić, Segretaria generale del Consiglio d’Europa, ha sottolineato che gli abusi online nei confronti delle donne “non mostrano segni di arresto”. Le donne e le ragazze colpite da tale violenza potrebbero sentirsi fisicamente insicure, potrebbero perdere la stima e la fiducia in se stesse e potrebbero soffrire di stress mentale ed emotivo.

“I principali bersagli sono le donne che operano nella politica, nel giornalismo e nella difesa dei diritti umani, donne dedicate a difendere e migliorare la vita di altre persone all’interno delle nostre società”, ha sottolineato la Segretaria generale. Questo abuso online potrebbe costringere le donne a interrompere il loro contributo ai dibattiti e all’attivismo online e questo “è esattamente il risultato che auspicano molte delle persone che commettono tali abusi”.

Per porre fine a tutto ciò, il Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (GREVIO) ha elaborato nel 2021 una raccomandazione per gli Stati parte della Convenzione di Istanbul sulla dimensione digitale della violenza contro le donne, per fornire orientamenti all’applicazione delle disposizioni della Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa alla violenza contro le donne commessa in ambito digitale.

La Convenzione di Budapest e il suo Secondo protocollo addizionale sulla cooperazione rafforzata e la divulgazione delle prove elettroniche offrono strumenti per indagare sui reati, ottenere prove a livello transfrontaliero e assicurare la necessaria cooperazione internazionale, non solo sui reati commessi online, ma nell’affrontare tutti i reati per i quali esistono prove elettroniche.

“È essenziale utilizzare entrambi questi strumenti, per combattere la criminalità informatica e la violenza contro le donne, al fine di garantire alle donne un ambiente online che sia il più sicuro possibile”, ha osservato la Segretaria generale.

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS