E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Si conclude oggi 25 maggio l’ottavo forum annuale dell’UE della strategia per la regione adriatico-ionica (EUSAIR), che si tiene a Sarajevo, in Bosnia-Erzegovina.

I ministri degli Affari esteri e dello Sviluppo regionale dei paesi interessati si stanno riunendo per discutere dell’allargamento dell’UE ai Balcani occidentali, di politiche giovanili (ad esempio come evitare la “fuga di cervelli”), e delle modalità per conseguire gli obiettivi del Green Deal europeo nella macroregione adriatica e ionica.

Nell’ambito del forum si tiene inoltre la conferenza Interreg sulla gioventù, in cui i rappresentanti delle università e delle associazioni giovanili si riuniranno per discutere le priorità delle rispettive regioni e il laboratorio per l’innovazione, al fine di esplorare le possibilità di rafforzare la specializzazione intelligente a favore della sostenibilità nella macroregione.

Il forum offre una piattaforma di dialogo in cui il pubblico e le parti interessate possono condividere aspettative e idee. La presidenza della Bosnia-Erzegovina dell’EUSAIR termina ufficialmente il 31 maggio 2023, quando passerà alla Repubblica di Croazia.

L’EUSAIR, nata nell’ottobre 2014, riguarda una regione di oltre 70 milioni di abitanti in dieci paesi — quattro Stati membri (Italia, Grecia, Croazia, Slovenia), cinque paesi candidati (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia e Macedonia del Nord) e un paese terzo (San Marino) — che collaborano per affrontare sfide comuni attorno a quattro pilastri principali: “Crescita blu”, “Collegare la regione” (trasporti ed energia), “Qualità ambientale” e “Turismo sostenibile”.

Programma dell’evento.

È possibile seguire lo streaming in diretta qui.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea in un comunicato stampa informa di aver fornito il 6 febbraio fino a 100 milioni di euro in assistenza macrofinanziaria (AMF) alla Macedonia del Nord.

Con questa proposta, scrive Bruxelles, “la Commissione è al fianco della Macedonia del Nord in tempi difficili, poiché, in seguito alla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, il saldo esterno del paese si è deteriorato rapidamente a causa della sua forte dipendenza dalle importazioni di carburante ed elettricità. Anche la Macedonia del Nord deve far fronte a grandi esigenze di rimborso del debito estero nel 2023 in un contesto di difficili condizioni di finanziamento”.

L’assistenza proposta contribuirebbe a coprire il fabbisogno finanziario della Macedonia del Nord nel 2023 e nel 2024, sostenendo sia la sostenibilità di bilancio che le riforme strutturali . La proposta odierna accompagna un programma di sostegno di 24 mesi concluso con il Fondo monetario internazionale (FMI), fino a 530 milioni di euro.

L’assistenza verrebbe sotto forma di prestiti, da pagare in due tranche. Questi due pagamenti sarebbero subordinati all’attuazione di misure politiche che devono essere concordate tra la Macedonia del Nord e l’UE in un memorandum d’intesa.

È probabile che il memorandum d’intesa si concentri sulle riforme politiche nei settori della governance fiscale, della politica fiscale, della gestione degli investimenti pubblici, dei partenariati pubblico-privato, del contesto imprenditoriale, della trasparenza degli aiuti di Stato, dell’efficienza energetica, della riforma del sistema giudiziario e della lotta contro corruzione.

I pagamenti sarebbero inoltre subordinati a un track record positivo nell’attuazione del programma dell’FMI. Queste riforme sosterranno la Macedonia del Nord nel suo percorso verso l’adesione all’UE.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) ha recentemente invitato l’Unione Europea a dare nuovo slancio al processo di allargamento dei Balcani occidentali, “premiando i progressi secondo criteri” e favorendo un clima di fiducia. “Occorre non perdere il focus sui Balcani occidentali, anche se nel frattempo è emersa la necessità di sostenere le aspirazioni europee di altri Paesi, come Ucraina, Georgia e Repubblica Moldova”, hanno sottolineato i parlamentari.

La risoluzione adottata a Strasburgo in sessione plenaria afferma che dal Vertice di Salonicco del 2003 tra i Balcani occidentali e l’UE, il mancato riconoscimento dei progressi compiuti “ha indebolito lo slancio politico e entusiasmo pubblico”, e che la visione europea aveva perso il suo splendore, lasciando il posto all’etnonazionalismo.

L’APCE ha invitato le autorità di Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia e Kosovo* ad “affrontare senza indugio le sfide in sospeso”, e in particolare a migliorare la cultura politica al fine di garantire la collaborazione tra le istituzioni e le forze politiche; rafforzare l’efficienza e l’indipendenza della magistratura; migliorare il funzionamento della pubblica amministrazione; intensificare la lotta alla corruzione; astenersi da discorsi infiammatori, anche su base etnica; proteggere i diritti delle minoranze nazionali e la libertà dei media; e promuovere la riconciliazione. Infine, l’Assemblea ritiene che il Consiglio d’Europa, attingendo alle sue competenze, dovrebbe “raddoppiare i suoi sforzi” per aiutare i paesi dei Balcani occidentali a soddisfare i criteri di allargamento dell’UE e, insieme all’UE, svolgere un ruolo maggiore nella promozione di un’efficace cooperazione regionale funzionamento, la normalizzazione dei rapporti e la soluzione delle controversie bilaterali.
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Diversi paesi hanno presentato la propria domanda di adesione all’UE. Tuttavia l’adesione è processo lungo che necessita di molta preparazione.

Per scoprire come funziona e quali sono i paesi che vogliono aderire all’UE, il sito del Parlamento europeo ha pubblicato uno speciale sull’argomento dell’Allargamento dell’UE.

I paesi attualmente candidati includono Albania, Macedonia del Nord, Montenegro e Serbia. La Bosnia-Erzegovina, la Georgia e il Kosovo sono candidati potenziali.

Oltre ai paesi dei Balcani occidentali, anche la Turchia è un paese candidato e dal 23 giugno lo sono anche Ucraina e Moldova.

Questi paesi beneficiano dei fondi UE, di supporto nelle politiche e di accordi associazione che forniscono accesso al mercato interno dell’UE.

Nel marzo 2022 Ucraina, Georgia e Moldova hanno presentato domanda di adesione all’UE. Il Parlamento europeo ha chiesto che lo status di candidato dell’UE venisse concesso all’Ucraina e alla Moldova “senza indugio” e alla Georgia una volta completate le riforme necessarie.

Il 23 giugno 2022 la presidente del Parlamento Roberta Metsola, in un discorso rivolto ai leader dell’UE ha affermato che l’accesso di questi paesi rafforzerebbe l’UE.

Durante il vertice, i paesi dell’UE hanno riconosciuto l’Ucraina e la Moldova come paesi candidati e la Georgia e la Bosnia-Erzegovina come potenziali candidati, il che significa che è stato loro chiesto di completare ulteriori riforme.

Quali sono i criteri per diventare membri dell’Unione europea?

Il primo criterio è quello di rispettare i valori democratici su cui si basa l’Unione europea. Il paese deve avere delle istituzioni stabili che garantiscano la democrazia, lo stato di diritto, i diritti umani, il rispetto delle minoranze e la loro tutela. Per avviare un negoziato questa condizione è imprescindibile.

Ci sono inoltre criteri economici: l’esistenza di un’economia di mercato affidabile e la capacità di far fronte alla pressione concorrenziale all’interno dell’Unione. Il paese deve anche mostrare di essere in grado di accettare gli obblighi derivanti dall’adesione e di attuare efficacemente le leggi e le politiche dell’UE.

Come funziona il processo di adesione?

Il paese può essere candidato nel momento in cui soddisfa i tre criteri elencati sopra (politici, economici e di riforma). I negoziati formali includono 35 capitoli e coprono i diversi settori di cui si occupa l’UE. Se i negoziati e le riforme hanno esito positivo si passa allora al completamento del Trattato di adesione. Il Trattato di adesione deve essere ratificato da tutti i membri dell’UE e dal paese candidato prima di procedere all’adesione.

Il Parlamento europeo partecipa a dibattiti, votando le relazioni annuali sui progressi per ciascun paese candidato. Questo costituisce un’occasione per identificare le aree problematiche.

L’approvazione del Parlamento è inoltre necessaria affinchè un paese possa aderire all’UE.

L’evoluzione della situazione negli ultimi anni

Il 6 febbraio 2018 la Commissione europea ha pubblicato il suo documento strategico sull’allargamento, che indica il 2025 come possibile data di adesione per Serbia e Montenegro. Lo stesso giorno, i rappresentanti della Commissione hanno discusso la strategia con i deputati durante un dibattito in plenaria a Strasburgo.

Gli eurodeputati, pur avendo ampiamente accolto la strategia, hanno sottolineato la necessità di riforme nei Balcani occidentali.

Durante il vertice UE-Balcani occidentali a Brdo pri Kranju, tenutosi in Slovenia il 6 ottobre 2021, i leader dell’UE hanno ribadito il loro sostegno ai paesi e hanno definito una serie di iniziative per rilanciare la regione.

Il Parlamento europeo continua a sostenere l’adesione dei paesi dei Balcani occidentali all’UE. In una risoluzione adottata nel giugno 2020, i deputati hanno esortato l’UE a fare di più per rendere il processo di allargamento di questi paesi un successo.

In una risoluzione adottata nell’ottobre 2019, il Parlamento ha espresso il proprio disappunto per il fatto che Albania e Macedonia del Nord non siano state in grado di avviare i colloqui di adesione, sottolineando il ruolo decisivo che il processo di allargamento ha svolto nella stabilizzazione dei Balcani occidentali.
0

E-News, coesione, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissaria per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, ha aperto il 16 maggio con un videomessaggio il 7° Forum annuale della Strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica (EUSAIR) a Tirana, sotto la Presidenza EUSAIR dell’Albania. Lo rende noto il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Il forum di due giorni si concentrerà, tra l’altro, sulle sfide della sicurezza energetica e del cambiamento climatico, sulle politiche dei trasporti, sulle opportunità di investimento nella macroregione adriatica e ionica e su come facilitare l’allargamento dell’UE nei Balcani occidentali.

I ministri della riunione ministeriale dell’EUSAIR adotteranno la “Dichiarazione di Tirana” principalmente per esprimere la loro solidarietà all’Ucraina condannando l’invasione della Russia, invitando anche l’UE ad accelerare l’adesione all’UE dei paesi dei Balcani occidentali. Durante l’evento verrà premiato il ‘EUSAIR Young business model Popri‘ alle migliori idee imprenditoriali tra i giovani della macroregione adriatico-ionica.

L’EUSAIR, lanciato nell’ottobre 2014, copre una macroregione di oltre 70 milioni di persone in quattro Stati membri (Croazia, Grecia, Italia, Slovenia) e sei paesi non UE, di cui cinque dei Balcani occidentali (Albania, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia e San Marino) cooperando per superare le sfide comuni in quattro pilastri: “Crescita blu”, “Collegare la regione” (trasporti ed energia), “Qualità ambientale” e “Turismo sostenibile”.

Consulta il programma dell’evento. MAGGIORI INFORMAZIONI

7° Forum Annuale della Strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica

Strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica
0