E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“In considerazione della particolare situazione di vulnerabilità delle donne e delle ragazze durante il conflitto, accolgo con viva soddisfazione la notizia dell’approvazione, da parte del Parlamento ucraino, della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul). Costituisce un enorme passo avanti per la protezione delle donne e delle ragazze da ogni forma di violenza, sia in Ucraina che al di fuori dei suoi confini”. Lo ha detto la Segretaria generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić.

L’Ucraina sarà il 36° Stato membro ad avere ratificato la Convenzione di Istanbul.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, riunito a Torino il 19 maggio, ha adottato una nuova raccomandazione per tutelare i diritti delle donne e delle ragazze migranti, rifugiate e richiedenti asilo che prevede misure per rispondere meglio ai bisogni e alle sfide che devono affrontare.

Basandosi sui trattati del Consiglio d’Europa, tra cui la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la Convenzione sull’azione contro la tratta degli esseri umani, la raccomandazione affronta le questioni affrontate dalle donne e dalle ragazze: dalle adeguate strutture di transito e accoglienza, alle loro esigenze di salute o definizione di politiche di asilo sensibili al genere.

Inoltre, basandosi sui risultati del Comitato europeo per la prevenzione della tortura e dei pertinenti strumenti delle Nazioni Unite, fornisce agli Stati membri una lista di controllo delle misure per garantire che i diritti umani delle donne migranti siano meglio tutelati.

Parte del Piano d’azione del Consiglio d’Europa sulla protezione delle persone vulnerabili nel contesto della migrazione e dell’asilo in Europa (2021-2025), la raccomandazione fornisce inoltre una guida agli Stati membri per quanto riguarda i bisogni delle donne in termini di servizi sociali, occupazione, istruzione e partecipazione, garantire che le politiche pubbliche contribuiscano pienamente all’integrazione e all’emancipazione delle donne e delle ragazze migranti, rifugiate e richiedenti asilo.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dalla pandemia ombra della violenza domestica durante il blocco del COVID-19 al cyber stalking, la violenza contro donne e ragazze è endemica nella società, scrive sul proprio sito il Comitato economico e sociale europeo (CESE): “per essere veramente olistica, la proposta della Commissione europea di affrontare la questione in tutta l’UE deve concentrarsi maggiormente sui diritti umani, adottare un approccio sensibile al genere e includere le donne in situazioni vulnerabili in modo più efficace”.

L’8 marzo 2022, Giornata internazionale della donna, ricorda il CESE, la Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva che stabilisce norme minime a livello dell’UE contro tutte le forme di violenza online e offline contro donne e ragazze. La proposta integra l’acquis dell’UE esistente e la legislazione nazionale degli Stati membri nei settori coperti dalla Convenzione di Istanbul, firmata dall’UE nel 2017.

La recente audizione del CESE Verso un’Europa libera dalla violenza contro le donne ha raccolto contributi per la preparazione del suo parere sul progetto di direttiva. L’incontro ha riunito parti sociali, accademici e rappresentanti delle istituzioni dell’UE e delle organizzazioni internazionali.

Nel corso dei lavori il CESE ha sottolineato che “La violenza contro le donne e le ragazze non ha assolutamente posto nell’UE o altrove”. Si è reso omaggio al lavoro svolto dalle organizzazioni della società civile che sensibilizzano sulla violenza di genere e forniscono sostegno quotidiano alle vittime. “Abbiamo bisogno di un quadro completo per combattere efficacemente questa violenza”.

Nella relazione per il parere, il CESE ha affermato che le proposte della Commissione dovrebbero andare oltre in settori come la violenza domestica e dovrebbero inquadrare esplicitamente la violenza come una questione di genere: è di vitale importanza porre fine a questo terrorismo maschilista. La direttiva non può essere neutrale rispetto al genere. Il sostegno alle vittime non può essere neutrale. “Abbiamo bisogno di una prospettiva di genere sulla violenza da parte degli uomini”.

Si è chiesta inoltre la prevenzione attraverso l’istruzione, spazi sicuri per denunciare le violenze e che la polizia e i tribunali comprendano il legame tra violenza e controllo coercitivo. Abbiamo anche bisogno di risorse finanziarie e umane affinché le vittime abbiano accesso alla giustizia e agli strumenti per proteggere se stesse e i loro figli.

Diversi oratori hanno deplorato la mancata inclusione della violenza contro le donne e le ragazze nell’elenco dei crimini dell’UE nel trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Un’osservazione frequente è stata la necessità di adattare le misure alle donne con disabilità e ad altre donne e ragazze in situazioni vulnerabili, come i migranti privi di documenti.

Proposta della Commissione sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un servizio per le donne che affrontano situazioni di violenza fisica, economica e psicologica è stato creato da Chieri, Comune di 36mila abitanti in provincia di Torino. Inaugurato nel marzo del 2018, ed ancora pienamente attivo, il centro InRete unisce gli spazi di ascolto contro la violenza diffusi nel chierese: quelli dell’Associazione Scambiaidee presso i comuni di Chieri e di Pino, la Casa delle donne del Comune di Poirino e l’esperienza di Amaryllus a Santena. L’obiettivo è quello di aiutare le donne a prendere coscienza e ad accompagnarle nell’attivazione di percorsi individuali di soluzione del problema. Insomma, un ottimo esempio di impegno corale contro il triste fenomeno della violenza di genere.

Fonte: Le buone pratiche in Italia della Carta europea dell’uguaglianza (a cura dell’AICCRE)
0