E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Da settembre 2023 sono state assegnate 159 nuove licenze Ecolabel in una vasta gamma di gruppi di prodotti, portando il numero totale a 2 743 . Ben 6 837 nuovi prodotti hanno ottenuto il marchio Ecolabel UE, il che significa che i consumatori possono ora scegliere tra quasi 96 000 beni e servizi che hanno dimostrato le loro credenziali ambientali. Questi numeri da record sono motivo di celebrazione, poiché riflettono un crescente impegno collettivo per porre fine al greenwashing.   

Lo rende noto la Dg Ambiente dell’Unione europea.

Ecolabel UE è il marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea che contraddistingue prodotti e servizi che, pur garantendo elevati standard prestazionali, sono caratterizzati da un ridotto impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita.

É stato istituito nel 1992 dal Regolamento (CEE) n. 880/1992 ed è oggi disciplinato dal Regolamento (CE) n. 66/2010 come modificato dal Regolamento (EU) n. 782/2013. È in vigore nei 28 Paesi dell’Unione Europea e nei Paesi appartenenti allo Spazio Economico Europeo – SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein).



Il gruppo di prodotti dei servizi di ricettività turistica mantiene la leadership, con il maggior numero di licenze in assoluto. I vacanzieri potranno ora scegliere tra oltre 700 hotel e campeggi con marchio Ecolabel UE per le loro prossime avventure di viaggio, la maggior parte dei quali sono micro, piccole e medie imprese. Anche i prodotti cosmetici hanno registrato un aumento del 24% delle licenze, offrendo ai consumatori dell’UE oltre 1.000 cosmetici con marchio Ecolabel UE con ingredienti biodegradabili, meno sostanze pericolose e imballaggi più facili da riciclare con cui coccolarsi.   

Osservando i prodotti più premiati, gli appassionati del fai-da-te con una mentalità sostenibile hanno l’imbarazzo della scelta con oltre 37.000 pitture e vernici Ecolabel UE per interni ed esterni, mentre la carta velina e i prodotti in tessuto per i momenti quotidiani contano ora 16.500 prodotti. Il gruppo di prodotti tessili ha accolto 736 nuovi prodotti, estendendo il numero di prodotti a quasi 10.000 e rendendo più facile per i consumatori trovare abbigliamento, accessori e tessuti per interni realizzati con fibre sostenibili.   

Altri gruppi di prodotti che hanno continuato la loro traiettoria positiva verso l’alto da settembre 2023 includono detersivi per lavastoviglie, mobili e detersivi per bucato industriale e istituzionale – prova che sia le aziende B2C che B2B e i rivenditori di tutti i settori desiderano differenziarsi attraverso prodotti sostenibili verificati.  

I paesi con i risultati più elevati sono stati Austria, Francia e Germania, che hanno rilasciato il maggior numero di nuove licenze negli ultimi sei mesi, con i servizi di ricettività turistica uno dei principali motori. Nel complesso, Francia, Germania, Italia e Spagna rimangono i paesi che hanno ottenuto i maggiori riconoscimenti sia in termini di licenze che di prodotti, mentre la rappresentanza dei paesi extra SEE è rimasta stabile al 4 % di tutte le licenze Ecolabel UE .  

Scopri il catalogo completo dei prodotti Ecolabel UE ed esplora la suddivisione dei dati più recenti.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le elezioni del Parlamento europeo del 2024 si terranno dal 6 al 9 giugno 2024. Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE, informa di aver chiesto agli Istituti nazionali di statistica degli Stati membri dell’UE una raccolta dati dedicata sul numero di persone aventi diritto al voto.

Le stime nazionali mostrano che, nelle date delle elezioni, il maggior numero di elettori aventi diritto è previsto in Germania (64,9 milioni di persone), Francia (49,7 milioni) e Italia (47 milioni). I numeri più bassi sono attesi a Malta (0,4 milioni), Lussemburgo (0,5 milioni) e Cipro (0,7 milioni).

Per quanto riguarda gli elettori per la prima volta (persone che hanno raggiunto l’età per votare dalle ultime elezioni europee del 2019), i numeri più alti sono attesi in Germania (5,1 milioni di persone), Francia (4 milioni) e Italia (2,8 milioni). I numeri più bassi sono previsti a Malta (20.000 persone), Cipro (37.000) ed Estonia (70.000). Le quote più alte di elettori per la prima volta sono previste in Belgio, Francia e Germania con rispettivamente il 9,7%, 8,0% e 7,9% di tutti gli aventi diritto.

Eurostat, Elezioni europee 2024

Eurostat e metadati nazionali sulla raccolta dati dedicataù
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha approvato, ai sensi delle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, un regime italiano da 600 milioni di € volto a promuovere gli investimenti nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

L’obiettivo del regime è promuovere la cooperazione e l’integrazione tra gli operatori del settore della pesca e dell’acquacoltura e stimolare migliori relazioni di mercato. In particolare, il regime sosterrà lo sviluppo di contratti settoriali, attraverso aiuti agli investimenti che saranno distribuiti tra diversi beneficiari operanti nei diversi segmenti del settore, dalla produzione alla trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

Il regime sarà aperto alle imprese di tutte le dimensioni attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura. Nell’ambito della misura, che durerà fino al 31 dicembre 2029, l’aiuto assumerà la forma di sovvenzioni dirette e/o di finanziamenti agevolati.

La Commissione europea ha valutato il regime alla luce delle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, in particolare dell’articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del TFUE, che consente agli Stati membri di sostenere lo sviluppo di talune attività economiche a determinate condizioni, e degli orientamenti per gli aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

La Commissione ha ritenuto che il regime sia necessario e adeguato per incoraggiare gli investimenti pertinenti nel settore della pesca e dell’acquacoltura. Inoltre, la Commissione ha ritenuto che il regime sia proporzionato in quanto limitato al minimo necessario e che avrà un impatto limitato sulla concorrenza e sugli scambi tra gli Stati membri. Su tale base, la Commissione ha approvato il regime italiano ai sensi delle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato.

La versione non riservata della decisione sarà consultabile sotto il numero SA.109663 nel registro degli aiuti di Stato sul sito web della DG Concorrenza della Commissione una volta risolte eventuali questioni di riservatezza.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa nel corso della sua 46esima sessione in corso a Strasburgo ha invitato l’Italia a riconsiderare la forza giuridica della Carta europea delle autonomie locali affinché gli enti locali possano beneficiare pienamente della sua tutela, rilevando l’attuale assenza di riconoscimento giuridico della Carta da parte degli Stati Corte Costituzionale.



Nella sua raccomandazione basata su un rapporto di Andrew Leadbetter (e Randi Mondorf, il Congresso ha constatato con soddisfazione l’aumento delle entrate locali e regionali, il miglioramento dei processi di consultazione e del sistema di perequazione, e si adopera per sviluppare le basi giuridiche per la reintroduzione delle elezioni dirette nelle province, nonché la ratifica da parte dell’Italia del Protocollo aggiuntivo alla Carta sul diritto di partecipazione agli affari degli enti locali.
il limitato raggio d’azione delle Città metropolitane e delle Province, la mancanza di risorse adeguate e commisurate per le Province, l’impossibilità per i Consigli provinciali e metropolitani di formulare un voto di dimissione o di nessuna fiducia nei confronti della loro leadership.
l’assenza di un sistema di remunerazione equa e adeguata per i rappresentanti delle province e delle città metropolitane, la persistente carenza di personale negli enti locali e regionali e le minacce e le violenze esistenti contro i rappresentanti eletti.

I relatori hanno raccomandato di modernizzare il sistema di governance dell’area metropolitana di Roma Capitale, che soffre della frammentazione delle strutture municipali e della persistente mancanza di coordinamento, attraverso lo sviluppo di forme collaborative di governance metropolitana con i diversi soggetti interessati.

Il Congresso ha invitato l’Italia ad ampliare il raggio d’azione delle Città metropolitane e delle Province, a seguito della reintroduzione degli organi eletti direttamente, e ad assicurare una remunerazione giusta e adeguata agli eletti delle Province e delle Città metropolitane.

I relatori raccomandano inoltre l’introduzione di un meccanismo che rafforzi l’azione legale ed estenda i termini di prescrizione per fornire una migliore protezione penale ai rappresentanti eletti soggetti ad attacchi e aggressioni. Infine, è stata raccomandata l’attuazione di misure aggiuntive per rafforzare la capacità dei governi locali e regionali di assumere personale altamente qualificato.

I relatori hanno accolto con favore il dibattito in corso in Italia sul concetto di “autonomia differenziata” volto a ridurre il divario di risorse tra regioni ordinarie e speciali. “La nostra visione di come dovrebbe essere articolata l’autonomia territoriale in Italia e l’idea del Consiglio d’Europa di come dovrebbero essere articolate le relazioni tra i diversi livelli territoriali coincidono sotto molti aspetti perché questa è la visione corretta di come dovrebbe essere realizzata l’autonomia regionale e locale.” Lo ha sottolineato al riguardo il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Roberto Calderoli intervenendo on line alla sessione del Congresso. “In effetti, non c’è altra strada se vogliamo avere paesi più democratici e istituzioni più efficienti, dove le decisioni, attuando il principio di sussidiarietà, siano prese il più vicino possibile ai cittadini”, ha aggiunto.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto in un comunicato di aver selezionato il 26 marzo una nuova serie di 170 progetti nell’ambito dello strumento di sostegno tecnico (STI), per aiutare gli Stati membri a progettare e attuare un totale di 307 riforme nel 2024, che rafforzeranno la competitività, la resilienza e la modernizzazione degli Stati membri.

Queste riforme riguarderanno un’ampia gamma di settori che incidono sulla vita dei cittadini nell’UE, precisa la Commissione, dall’applicazione dell’intelligenza artificiale nelle imprese e nelle pubbliche amministrazioni, all’attuazione del piano industriale Green Deal e ad altre riforme strumentali alla transizione verso un’economia a zero emissioni nette, sostenendo l’uguaglianza di genere e contrastando la fuga dei cervelli e fornendo servizi di assistenza sanitaria mentale a giovani e bambini.

Basandosi sulle riforme già attuate nell’ambito della STI nei suoi quattro anni di storia – per un totale di circa 780 progetti per circa 1.200 riforme – la nuova tornata di riforme fornirà un supporto tecnico su misura agli Stati membri, per aiutarli a progettare e attuare le riforme riforme di cui hanno bisogno, realizzando così le priorità nazionali e dell’UE sul campo.

Le riforme continueranno a dare priorità alla modernizzazione delle pubbliche amministrazioni degli Stati membri, in linea con la comunicazione della Commissione sul rafforzamento dello spazio amministrativo europeo (ComPAct), adottata alla fine del 2023.

Nel 2024, la STI sosterrà gli scambi di dipendenti pubblici nell’ambito dell’Iniziativa di cooperazione nella pubblica amministrazione (PACE), un’iniziativa lanciata per promuovere l’apprendimento tra pari tra i dipendenti pubblici di diversi Stati membri. Questi scambi coinvolgeranno 200 dipendenti pubblici di 12 Stati membri, per migliorare le loro competenze in settori chiave come la finanza sostenibile, la digitalizzazione dell’amministrazione, l’uso dei fondi UE e l’alfabetizzazione dei dati.

LA SCHEDA INFORMATIVA SULL’ITALIA

Programma di lavoro annuale della STI 2024

Sito web di sostegno alla riforma
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Come utilizzare le forze locali per innovare e crescere? Affrontare sfide complesse richiede strumenti, mentalità e approcci diversi da quelli tradizionalmente utilizzati.



Innovazione per trasformazioni basate sul luogo. ACTIONbook, pratiche e strumenti è un set completo di risorse pratiche per consentire alle parti interessate locali, regionali e nazionali in tutta Europa di promuovere il benessere sociale e lo sviluppo resiliente al clima.

Più di 70 territori, tra cui città, regioni, Stati membri e reti, lo stanno scrivendo e utilizzandolo per disegnare insieme la mappa dei territori innovativi, condividendo le proprie esperienze, imparando gli uni dagli altri e con gli altri.

Il 9 aprile sarà presentato in un evento in diretta streaming con il Presidente del Comitato Europeo delle Regioni, i Commissari europei per la Coesione e le Riforme e la Ricerca, Scienza e Innovazione e diversi deputati al Parlamento europeo.

Si Visiterà Kera, un futuro distretto sostenibile in Finlandia dove viene prodotto cemento a basse emissioni di carbonio. Ci si fermerà anche a Medimurje, in Croazia, per capire come hanno trasformato un’ex caserma in un centro di conoscenza dove i bambini possono imparare la robotica e la scienza.

Si andrà anche in Toscana per vedere come un distretto tessile tradizionale può diventare circolare grazie alla digitalizzazione.

Sono tutti ottimi esempi di utilizzo delle forze locali per innovare e crescere.

Servizio Streaming della Commissione Europea

Fonte: Sviluppo regionale e urbano dell’UE
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Negli ultimi anni i social network hanno avuto un’influenza crescente sulla nostra vita quotidiana. Le persone che partecipano ai social network (creando un profilo utente, pubblicando messaggi o altri contributi su Facebook, X, Instagram, Snapchat, TikTok, ecc.) erano in media del 59% tra gli individui dell’UE. Lo rende noto Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.

Quando si tratta della percentuale di individui dell’UE che hanno partecipato ai social network, la Danimarca è stato il paese che ha riportato la quota più alta con il 91%, seguito da Cipro (83%) e Ungheria (81%).

Le percentuali più basse di partecipazione ai social network sono state segnalate da Francia (44%), Germania (49%) e Italia (53%).

In 224 regioni dell’UE su 273, la partecipazione ai social network è stata superiore al 50%. Le quote più alte sono state registrate in 6 regioni danesi: Midtjylland (93%), Hovedstaden (la regione della capitale) (92%), Syddanmark (90%), Nordjylland e Sjælland (entrambi 89%).

Anche altre regioni dell’UE hanno segnalato quote elevate di utilizzo di Internet per i social media, come nelle tre regioni ungheresi di Budapest (86%), Közép-Magyarország (85%) e Pest (84%), nonché Flevoland (84 %) In Olanda.

Le quote più basse, uguali e inferiori al 40%, si sono registrate soprattutto in Francia e Germania. In Francia si tratta della Guyana (22%), della Martinica (29%), della Guadalupa (30%), della Bretagna (38%), dell’Alta Normandia (39%) e della Borgogna (40%). In Germania si tratta delle regioni Sachsen-Anhalt (35%), Brandeburgo (36%), Thüringen (38%) e Meclemburgo-Pomerania Anteriore (40%).

Articolo Eurostat sull’economia digitale e le statistiche della società: famiglie e individui

Sezione tematica Eurostat su economia e società digitale

Banca dati Eurostat sull’economia e la società digitale
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto attraverso un comunicato stampa di aver approvato l’8 marzo uno schema italiano da 1,1 miliardi di euro per sostenere gli investimenti per la produzione di attrezzature necessarie a favorire la transizione verso un’economia a zero emissioni, in linea con il Piano Industriale Green Deal. Il regime è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo di crisi e transizione per gli aiuti di Stato , adottato dalla Commissione il 9 marzo 2023 e modificato il 20 novembre 2023, per sostenere misure in settori fondamentali per accelerare la transizione verde e ridurre la dipendenza dai combustibili.

L’Italia ha notificato alla Commissione, nell’ambito del quadro temporaneo di crisi e transizione, un regime di 1,1 miliardi di euro per sostenere gli investimenti per la produzione di attrezzature, componenti chiave e materie prime essenziali necessari per favorire la transizione verso un’economia a zero emissioni nette.

Nell’ambito di questa misura, che sarà parzialmente finanziata attraverso il Recovery and Resilience Facility (“RRF”), gli aiuti assumeranno la forma di sovvenzioni dirette . L’importo massimo dell’aiuto per beneficiario sarà pari a 150 milioni di euro, che potrà essere aumentato a 200 milioni di euro per i beneficiari situati in regioni ammissibili agli aiuti ai sensi dell’articolo 107, paragrafo 3, lettera c), TFUE (le cosiddette zone “c”) e a 350 milioni di euro milioni per i beneficiari situati in regioni ammissibili agli aiuti ai sensi dell’articolo 107, paragrafo 3, lettera a), TFUE (le cosiddette zone “a”).

La misura sarà aperta alle aziende che producono apparecchiature pertinenti, vale a dire batterie, pannelli solari, turbine eoliche, pompe di calore, elettrolizzatori, apparecchiature per la cattura e lo stoccaggio del carbonio, nonché componenti chiave progettati e utilizzati principalmente come input diretto per la produzione di tali attrezzature o le relative materie prime critiche necessarie per la loro produzione.

La Commissione ha ritenuto che il regime italiano sia in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo di crisi e transizione. In particolare, gli aiuti i) incentivino la produzione di attrezzature necessarie per la transizione verso un’economia a zero emissioni nette; e (ii) sarà concesso entro il 31 dicembre 2025.

La Commissione ha concluso che il regime italiano è necessario, appropriato e proporzionato per accelerare la transizione verde e facilitare lo sviluppo di determinate attività economiche, che sono importanti per l’attuazione del piano industriale Green Deal, in linea con l’ articolo 107, paragrafo 3( c) TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo di crisi e transizione.

Su questa base, la Commissione ha approvato la misura di aiuto ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 15NO NEW POSTS