E-News, bandi comunitari, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del Comitato Europeo delle Regioni (CdR) avverte dell’ultima edizione del Green Deal Funding Alert, una newsletter mensile che tiene informato sulle opportunità di finanziamento e sulle iniziative a sostegno dello sviluppo sostenibile e della transizione verso la neutralità climatica. Questa edizione si concentra su guide per aiutare a finanziare progetti circolari nella città e a richiedere finanziamenti per progetti verdi, nonché su inviti a partecipare a concorsi per premi Green City.

1. BEI – Finanziamenti per le città circolari – Bando rivolto ai beneficiari per ricevere finanziamenti per progetti circolari

Finanziamenti per progetto o programma circolare: consulta la Guida ai finanziamenti per le città circolari , che offre supporto a comuni, imprese e altri attori urbani nella creazione di città circolari fornendo informazioni su finanziamenti e fonti di finanziamento, linee guida per l’impostazione di programmi di finanziamento e informazioni sulle potenzialità e sui vantaggi della circolare. economia in un contesto urbano. Si trovano anche casi di studio sulle città circolari.

Se si hanno informazioni su finanziamenti/finanziamenti o un buon caso di studio da aggiungere o qualche domanda riguardante il finanziamento dei tuoi progetti circolari, contattare C3@eib.org .

2. Programma LIFE – Bandi 2024

Il programma LIFE – lo strumento di finanziamento dell’UE per l’ambiente e l’azione per il clima – pubblica inviti a presentare proposte, che dovrebbero essere pubblicati sul portale Opportunità di finanziamento e gare d’appalto il 18 aprile 2024 . Maggiori informazioni sulle scadenze per la presentazione possono essere trovate qui.

L’Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l’ambiente (CINEA) fornirà sessioni informative virtuali dal 23 al 26 aprile 2024 per guidare i potenziali candidati attraverso gli inviti a presentare proposte LIFE 2024. Consulta il canale YouTube LIFE per le registrazioni precedenti.

3. EU Green Capital e EU Green Leaf Awards 2026 – Concorso aperto

I due premi Green City della Commissione europea riconoscono e premiano l’azione locale verso una transizione verso un futuro più verde e sostenibile: la Capitale verde europea (EGC) per le città con più di 100.000 abitanti e la Foglia verde europea (EGL) per le città più piccole con oltre 20 000 abitanti.

Scadenza per le domande: martedì 30 aprile 2024

Per i dettagli sul processo di candidatura e sui criteri di ammissibilità , fare clic qui.

Per qualsiasi informazione contatta il team Green Deal all’indirizzo greendeal@cor.europa.eu .
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sono aperte le candidature per il terzo bando di C4T GROUNDWORK



C4T GROUNDWORK è uno strumento di assistenza tecnica che fornirà consulenza su misura agli Stati membri dell’UE, alle regioni, alle autorità locali e di gestione nell’affrontare questioni specifiche per l’attuazione degli investimenti della politica di coesione a sostegno del Green Deal europeo. Ciò sarà fornito attraverso un pool di esperti che lavorerà insieme ai beneficiari per affrontare le loro preoccupazioni specifiche sull’attuazione degli investimenti nell’ambito dell’OS2 nel periodo 2021-2027 dei programmi della politica di coesione.

Il gruppo target del sostegno sono in particolare le autorità di gestione e attuazione dei programmi FESR e FC che sono responsabili dell’attuazione degli investimenti relativi all’OS2 “Una transizione più verde e a basse emissioni di carbonio verso un’economia a zero emissioni di carbonio e un’Europa resiliente” nell’ambito del FESR e/o o programmi FC. Anche altre autorità pubbliche coinvolte nell’attuazione degli investimenti (ad esempio, autorità ambientali ed energetiche, governi locali e regionali) possono ricevere sostegno purché gli investimenti proposti contribuiscano all’attuazione dell’OS2.

Che tipo di supporto e servizi sono coperti da C4T GROUNDWORK?<

Il sostegno coprirà tutte le aree tematiche dell’obiettivo 2 “Una transizione più verde e a basse emissioni di carbonio verso un’economia a zero emissioni di carbonio e un’Europa resiliente” nell’ambito dei programmi FESR e/o FC. Tuttavia il bando riguarderà in particolare:

Gestione sostenibile dell’acqua e delle acque reflue
Economia circolare ed efficienza delle risorse
Tutela della biodiversità

Anche le altre aree tematiche dell’OS2 (adattamento ai cambiamenti climatici e resilienza alle catastrofi, efficienza energetica ed energie rinnovabili, reti intelligenti e stoccaggio) possono essere trattate nel presente invito e saranno considerate rispondenti alle esigenze effettive.

L’assistenza tecnica di C4T GROUNDWORK può essere fornita alle regioni dell’UE, agli Stati membri e ad altre autorità pubbliche coinvolte nell’attuazione degli investimenti (ad esempio, autorità ambientali ed energetiche, governi locali e regionali), a condizione che gli investimenti proposti contribuiscano all’attuazione di PO2. I servizi forniti possono concentrarsi sulla governance della transizione (strategie, programmazione e pianificazione) o sull’identificazione e sviluppo di progetti, con l’obiettivo di accelerare gli investimenti verso l’implementazione del PO2.

È possibile presentare domanda utilizzando il modulo di domanda formale. Si prega di compilare il modulo di domanda in inglese. Termine ultimo per la presentazione delle candidature nell’ambito del terzo bando: 8 marzo 2024.

Scopri di più sulla comunità di pratica C4T sul suo sito web . In caso di domande, è possibile inviare un’e-mail a secretariat@cohesion4transitions.eu

Fonte: InfoRegio
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel recente dibattito in sessione plenaria, i membri del Comitato europeo delle regioni (CdR) hanno sottolineato che il successo dell’accordo di Parigi e del Green Deal europeo dipenderà da come la transizione verde andrà a vantaggio dei cittadini e delle imprese europee.

I governi nazionali, insieme all’UE, devono fornire le giuste condizioni finanziarie e legislative, compresi programmi mirati per le città e le regioni e maggiori risorse nel prossimo bilancio dell’UE, in modo che gli enti locali e regionali possano continuare a ridurre le emissioni di carbonio combattendo al tempo stesso la povertà energetica e garantendo un solo transizione. Sarà necessario ulteriore sostegno in ambiti quali la lotta alla carenza di manodopera e di competenze.

Il vertice sul clima COP28 si è concluso a Dubai a dicembre con accordi storici per l’abbandono dei combustibili fossili, per portare avanti l’obiettivo globale sull’adattamento e per istituire un fondo per perdite e danni. Per gli enti locali e regionali, la COP28 ha rappresentato un passo significativo nel far sentire la propria voce sulla scena internazionale con l’organizzazione del primo Local Climate Action Summit, il lancio della Coalition for High Ambition Multilevel Partnerships (CHAMP) e l’appello per I partiti vogliono aumentare l’ambizione attraverso un’azione multilivello.

Le regioni e le città credono fermamente che la crisi climatica e quella della biodiversità debbano essere affrontate in sinergia a livello globale, in connessione con gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Il CdR sta attualmente elaborando un parere sul tema “Verso un Green Deal globale: armonizzazione dei quadri globali per il cambiamento climatico, la biodiversità e lo sviluppo sostenibile”, che farà da sfondo alla partecipazione dei governi locali e regionali alla COP16 delle Nazioni Unite sulla biodiversità in Colombia e il clima COP29 in Azerbaigian nell’autunno 2024.

Dichiarazione della delegazione del Comitato europeo delle regioni alle conclusioni della COP28

Agiamo per il nostro pianeta – Storie di Regioni&Città (video)
>Città e regioni dell’UE alla COP28: realizziamo l’azione per il clima (video)
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il CEMR è impegnato in colloqui con la Commissione europea sull’attuazione del Green Deal a livello locale e regionale

Il Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa (CEMR) comunica di essersi recentemente riunito con Maroš Šefčovič, vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo presso la Commissione europea. L’incontro è stato un’importante opportunità per il CEMR di dialogare con la Commissione per discutere l’attuazione del Green Deal europeo a livello locale e regionale.

Alle discussioni hanno preso parte Federica Bordelot, direttrice della politica e dell’impatto, e Marlon Hilden, responsabile delle finanze sostenibili per il clima. Durante l’incontro, hanno sottolineato l’importanza del coinvolgimento dei governi locali e regionali (LRG) nella realizzazione degli obiettivi del Green Deal europeo. La delegazione del CEMR ha colto l’occasione per presentare le iniziative esemplari delineate nei loro ultimi studi, sottolineando modelli di successo che possono essere replicati nei comuni e nelle regioni europee.

Il CEMR ha inoltre sollevato preoccupazioni circa la partecipazione relativamente bassa degli enti locali e regionali ai processi decisionali e all’attuazione delle politiche. Affrontare questo problema è fondamentale per garantire l’inclusività e l’efficacia delle politiche ambientali sul campo.

Il dialogo ha sottolineato l’importanza di uno sforzo coordinato tra la Commissione europea e gli enti locali e regionali per creare un futuro sostenibile e resiliente. Mentre le discussioni proseguono, il CEMR continua a fornire preziosi spunti e a sostenere il coinvolgimento attivo dei governi locali e regionali nella definizione e nell’attuazione delle politiche ambientali in tutta Europa.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea invita le città europee impegnate nella sostenibilità a candidarsi per l’edizione 2026 della Capitale verde europea e premio Green Leaf.

Gli Awards promuovono e premiano gli sforzi delle città europee per ridurre il loro impatto sull’ambiente locale e globale migliorando la qualità della vita dei loro abitanti. Le città vincitrici riceveranno un premio finanziario e entreranno a far parte della rete in continua crescita delle principali città europee che condividono visione e competenze comuni e ispirano gli altri a seguire le loro orme.

Il Premio Europeo Capitale Verde è aperto alle città con più di 100 000 abitanti. Le città più piccole possono candidarsi per il premio europeo Foglia Verde, aperto a tutte le città con più di 20.000 abitanti.

Il vincitore del Green Capital Award riceverà 600.000 euro e fino a due vincitori della Green Leaf riceveranno 200.000 euro ciascuno. Il premio finanziario contribuisce a sostenere le città vincitrici nell’attuazione di iniziative e misure volte a migliorare le loro prestazioni ambientali. Il premio sostiene inoltre le città nei loro sforzi volti a raggiungere i cittadini, soprattutto durante l’anno della vincita. Inoltre, tutti i candidati riceveranno un feedback personalizzato sulle loro candidature.

Le città interessate sono invitate a registrarsi al concorso tramite il sondaggio dell’UE, per garantire che abbiano accesso ai documenti pertinenti e al modulo di domanda.

Termine per presentare domanda: 30 aprile 2024

Un gruppo di esperti indipendenti di sostenibilità urbana esaminerà e valuterà le prestazioni delle città concorrenti rispetto ai seguenti sette indicatori ambientali: qualità dell’aria; acqua; biodiversità, aree verdi e uso sostenibile del territorio; rifiuti ed economia circolare; rumore; Mitigazione del cambiamento climatico; adattamento al cambiamento climatico.

Sulla base delle raccomandazioni degli esperti e dei controlli concreti, la Commissione seleziona le città finaliste (previsto intorno a giugno/luglio). La giuria chiederà ai finalisti di fornire ulteriori input sulla loro strategia di governance e comunicazione sostenibile. Saranno invitati a presentare la loro visione alla giuria, che poi selezionerà i vincitori (previsto verso ottobre). Ogni anno vengono selezionati un vincitore Green Capital e uno o due Green Leaf.

Maggiori informazioni sul processo e sulle regole

Il Premio Capitale Verde Europea è stato lanciato dalla Commissione Europea per incoraggiare le città a diventare più verdi e pulite e per migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti. Con oltre due terzi della popolazione europea che vive nelle città, le città svolgono un ruolo di primo piano nella trasformazione sociale, ambientale ed economica considerata prioritaria dal Green Deal europeo.

Candidarsi qui

Sito web Capitale Verde Europea e Leaf
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Come annunciato dalla strategia Farm to Fork, l’agenda del Green Deal europeo per l’agricoltura e la produzione alimentare sostenibili, la Commissione europea rende noto di avr proposto nei giorni scorsi la più grande riforma delle norme UE sul benessere degli animali durante i trasporti degli ultimi 20 anni. La Commissione propone inoltre, per la prima volta in assoluto, nuove norme UE sul benessere e sulla tracciabilità di cani e gatti, che vengono allevati, tenuti e scambiati come animali da compagnia a fini economici.

Il pacchetto comprende una revisione delle attuali norme UE sugli animali trasportati, che migliorerà il benessere degli 1,6 miliardi di animali trasportati ogni anno dentro e dall’UE. Le nuove regole riflettono le prove e le intuizioni scientifiche più recenti, nonché gli sviluppi tecnologici.

Le nuove norme sul benessere e sulla tracciabilità di cani e gatti stabiliranno, per la prima volta, standard UE uniformi per l’allevamento, l’alloggio e la gestione di cani e gatti negli allevamenti, nei negozi di animali e nei rifugi. La tracciabilità di cani e gatti sarà inoltre rafforzata attraverso l’identificazione e la registrazione obbligatorie nei database nazionali per combattere il commercio illegale e controllare meglio le condizioni di benessere degli animali negli stabilimenti.

Infine, la Commissione propone ulteriori passi per affrontare l’iniziativa dei cittadini europei (ICE) “Fur Free Europe” , che chiede un divieto dell’UE sull’allevamento di animali da pelliccia e sulla vendita di prodotti contenenti tale pelliccia nel mercato unico. La Commissione accoglie con favore l’iniziativa e riconosce che il benessere degli animali resta una forte preoccupazione per i cittadini europei.

Regolamento sul benessere dei cani e dei gatti e sulla loro tracciabilità.

Regolamento sulla protezione degli animali durante il trasporto
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 28 novembre il Parlamento europeo e la presidenza spagnola del Consiglio UE hanno concordato piani per facilitare l’assorbimento di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio, compreso l’idrogeno, nel mercato del gas dell’UE.

La nuova direttiva mira a decarbonizzare il settore energetico dell’UE aumentando la produzione di gas rinnovabili e idrogeno e facilitando la loro integrazione nelle reti energetiche dell’UE. Contribuirà inoltre a garantire l’approvvigionamento energetico, al fine di affrontare sia il cambiamento climatico che l’interruzione dei flussi di gas causata dall’aggressione russa all’Ucraina.

Durante i negoziati, i deputati europei hanno spinto per misure forti sulla trasparenza dei prezzi, sul diritto dei consumatori a essere adeguatamente informati e sul sostegno ai consumatori vulnerabili, al fine di proteggere coloro che sono a rischio di povertà energetica durante la transizione energetica. Gli Stati membri saranno obbligati ad adottare misure per prevenire le disconnessioni. I deputati hanno inoltre garantito prezzi chiari ed equi per il gas rinnovabile e a basse emissioni di carbonio e un approvvigionamento energetico coerente durante la transizione.

Gli Stati membri decideranno se i gestori della rete per l’idrogeno, il gas naturale e l’elettricità potranno appartenere alla stessa società. Mentre la separazione legale orizzontale – la separazione legale – sarà lo scenario predefinito, gli Stati membri potranno concedere deroghe sulla base di un’analisi costi-benefici accessibile al pubblico.

La direttiva dovrà ora essere formalmente approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio UE per diventare legge. La commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento europeo voterà il dossier in una delle prossime riunioni.

Il Parlamento di Strasburgo sta negoziando in parallelo su un atto legislativo separato, la regolamentazione del mercato del gas, su cui si svolgerà un altro ciclo di negoziati con gli Stati membri l’8 dicembre.

Il pacchetto legislativo riflette le crescenti ambizioni climatiche dell’UE, come stabilito nel Green Deal europeo e nel pacchetto “Fit for 55”. La direttiva aggiornata mira a decarbonizzare il settore energetico e comprende disposizioni sui diritti dei consumatori, sugli operatori dei sistemi di trasmissione e distribuzione, sull’accesso di terzi e sulla pianificazione integrata della rete e sulle autorità di regolamentazione indipendenti.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 28 novembre la Commissione europea comunica di aver compiuto un ulteriore passo avanti per rendere il sistema energetico dell’UE adatto al futuro adottando il primo elenco di progetti di interesse comune (PCI) e progetti di mutuo interesse (PMI) che è pienamente in linea con il Green Deal europeo. Questi importanti progetti infrastrutturali transfrontalieri aiuteranno l’UE a raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi energetici e climatici. I progetti beneficeranno di procedure di autorizzazione e regolamentazione semplificate e diventeranno ammissibili al sostegno finanziario dell’UE da parte del meccanismo per collegare l’Europa (CEF).

Questo elenco è adottato nell’ambito della revisione della regolamentazione delle reti transeuropee per l’energia (TEN-E) che pone fine al sostegno alle infrastrutture per i combustibili fossili e si concentra sulle infrastrutture energetiche transfrontaliere del futuro. Comprende i PIC, che sono progetti all’interno del territorio dell’UE, e per la prima volta i PMI, che collegano l’UE con altri paesi. La Commissione garantirà che i progetti siano completati rapidamente e possano contribuire a raddoppiare la capacità della rete dell’UE entro il 2030 e a raggiungere l’obiettivo del 42,5% di energia rinnovabile.

Regolamento delegato sul primo elenco dell’Unione di progetti di comune e reciproco interesse

Allegato sul primo elenco dell’Unione di progetti di comune e reciproco interesse
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 8NO NEW POSTS