E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’adozione delle decisioni necessarie per avviare e far funzionare il periodo di programmazione della politica di coesione 2021-2027 è ora finalizzata e consente agli Stati membri di accelerare gli investimenti per un importo totale di 378 miliardi di EUR per promuovere la coesione economica, sociale e territoriale dell’UE.

Lo annuncia il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Queste decisioni includono i 27 accordi di partenariato conclusi tra la Commissione e ciascuno Stato membro che definiscono le loro strategie di coesione fino alla fine del decennio. Comprendono inoltre più di 380 programmi regionali e tematici che renderanno operativi gli investimenti sul campo del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), del Fondo sociale europeo + (FSE+), del Fondo di coesione e del Fondo per una transizione giusta (JTF).

Nei prossimi anni, scriva la DG, di fronte alle trasformazioni geopolitiche, la politica di coesione rimarrà fondamentale per garantire uno sviluppo armonioso e sostenibile dell’Europa attraverso:

Iniziative basate sul territorio, multilivello e guidate da partenariati, adattando il proprio sostegno ai territori più vulnerabili;

Realizzazione delle priorità dell’UE in stretta sinergia con altre politiche e strumenti dell’UE e nazionali;

Adattabilità alle sfide emergenti e inaspettate.

Coesione economica, sociale e territoriale

La politica di coesione continuerà a perseguire il suo obiettivo principale, ovvero ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali tra le regioni dell’UE e accelerare la convergenza delle regioni e degli Stati membri.

Con oltre 92 miliardi di euro, la nuova generazione di programmi della politica di coesione svolgerà un ruolo fondamentale nel sostenere il Green Deal europeo. Gli investimenti promuoveranno, ad esempio, ristrutturazioni efficienti dal punto di vista energetico di edifici pubblici e multiresidenziali, un maggiore impiego di energie rinnovabili, un migliore adattamento ai cambiamenti climatici, un’economia circolare e la protezione della natura e della biodiversità.

Inoltre, gli investimenti verdi promuoveranno una mobilità rispettosa del clima con migliori collegamenti ferroviari, mobilità urbana sostenibile e nuove infrastrutture ciclabili.

Una parte importante di questi investimenti sosterrà anche il raggiungimento degli obiettivi di REPowerEU, tra cui la decarbonizzazione e la transizione energetica attraverso il risparmio energetico, lo sviluppo delle energie rinnovabili, lo stoccaggio di energia, l’idrogeno o le infrastrutture verdi.

Da parte sua, il JTF contribuirà a realizzare una transizione climatica giusta per tutti grazie a 19 miliardi di euro che saranno investiti nelle regioni che fanno affidamento sui combustibili fossili o in attività ad alte emissioni.

13,5 miliardi di euro aiuteranno le regioni dell’UE a migliorare la loro connettività digitale. I programmi di coesione sosterranno la trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni con soluzioni TIC, servizi elettronici e applicazioni che promuovono la capacità della banda larga in Europa per i cittadini e le PMI. Di conseguenza, circa 356.500 PMI, ad esempio, dovrebbero essere dotate di una banda larga ad alta capacità che fornisca servizi migliori, più rapidi e meno costosi.

Inoltre, più di 34 miliardi di euro sosterranno la ricerca e l’innovazione, stimolando lo sviluppo economico e la competitività delle regioni.

Una parte importante dei fondi di coesione affronterà le sfide sociali, con 106 miliardi di euro a sostegno dell’accesso all’assistenza sanitaria, all’istruzione e alla formazione.

Interreg è uno degli strumenti chiave dell’UE a sostegno della cooperazione transfrontaliera. Con un budget di 10,1 miliardi di euro per 86 programmi, Interreg sosterrà la cooperazione tra regioni frontaliere, cittadini e attori economici, aiutandoli ad affrontare sfide comuni e trovare soluzioni condivise in settori quali la salute, l’ambiente, la ricerca, l’istruzione, i trasporti e l’energia sostenibile.

Per la prima volta, i fondi sono destinati a migliorare la cooperazione delle regioni ultraperiferiche dell’UE con i paesi limitrofi per stimolare gli scambi economici e lo sviluppo economico reciproco.

Altrettanto importante, il programma PEACE PLUS finanziato dal FESR continuerà a sostenere la pace e la riconciliazione tra le contee di confine dell’Irlanda e dell’Irlanda del Nord e la cooperazione nord-sud nell’ambito dell’accordo del Venerdì santo, fondamento del processo di pace nell’Irlanda del Nord.

Inoltre, con un importo totale di 665 milioni di euro, sei programmi Interreg sosterranno la cooperazione con l’Ucraina e la Moldavia.

1,1 miliardi di euro nell’ambito dei programmi di cooperazione Interreg NEXT miglioreranno anche la cooperazione con i paesi partner lungo le frontiere esterne dell’UE.

Ulteriori informazioni

Nuova politica di coesione dell’UE 2021-2027 con sottotitoli nelle lingue nazionali – YouTube

Comunicazione sull’8a relazione sulla coesione: la coesione in Europa verso il 2050

Piattaforma di dati aperti per la coesione dell’UE
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La crescente urbanizzazione, la digitalizzazione, la salute, le crisi energetiche e ambientali stanno costringendo le città a ripensare e ad adattarsi al modo in cui i cittadini vivono, lavorano e viaggiano. Il Cities Forum 2023, che si terrà a Torino, in Italia, il 16-17 marzo 2023, consentirà alle istituzioni dell’UE, alle autorità nazionali, regionali e locali di discutere su come le città possono continuare a trasformarsi pur essendo sostenibili e inclusive.

Lo rende noto il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.



Il Cities Forum è un evento biennale organizzato dalla Direzione generale della Politica regionale e urbana della Commissione europea. La quinta edizione si svolgerà all’insegna del tema “Insieme per città verdi e giuste”. I partecipanti esploreranno come la politica di coesione, così come altre politiche e iniziative, possono aiutare le città a diventare più intelligenti, digitali, circolari e climaticamente neutre.

L’evento è rivolto alle autorità locali, regionali, nazionali e ad altre organizzazioni che si occupano di sviluppo e pianificazione urbana. Oltre alle discussioni tra i responsabili politici di alto livello, ci saranno stand espositivi delle principali parti interessate urbane europee, workshop, visite in loco e opportunità di networking. L’obiettivo è promuovere la cooperazione e il dialogo, essenziali per trovare soluzioni alle crisi che attraversano le città.

Poiché l’UE è una delle aree più urbanizzate al mondo, continua la DG Regio, è fondamentale concentrare maggiori risorse sullo sviluppo delle città. Almeno l’8 % delle risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) è destinato a investimenti per lo sviluppo urbano sostenibile nei programmi della politica di coesione per il periodo 2021-2027.

Uno dei momenti salienti del Cities Forum 2023 sarà il lancio ufficiale dell’Iniziativa urbana europea (IUE), un nuovo strumento della politica di coesione per sostenere le città di tutte le dimensioni nell’attuazione delle transizioni verde e digitale e garantire un’Europa inclusiva. Il forum ospiterà il primo evento di rafforzamento delle capacità a livello europeo nell’ambito dell’IUE.

L’IUE fornisce fino all’80% di cofinanziamenti diretti e fino a 5 milioni di EUR di finanziamenti FESR per sostenere le azioni innovative nelle città. Si basa sull’esperienza acquisita nel periodo 2014-20 con le azioni urbane innovative, la rete di sviluppo urbano e il programma URBACT III e intende fare un ulteriore passo avanti aiutando le città a sviluppare politiche, aumentare le loro capacità di progettare e realizzare la realizzazione di strategie integrate e approcci partecipativi, e unire le forze per condividere le conoscenze.

Le discussioni si concentreranno sull’attuazione di politiche e iniziative come il Green Deal europeo, la rinnovata Agenda urbana per l’UE (UAEU) e il New European Bauhaus .

Nel contesto dell’obiettivo di inclusione sociale dell’UE, le misure per prevenire la segregazione e garantire l’integrazione dei gruppi emarginati e il loro accesso ai servizi a livello locale saranno discusse in due seminari dedicati.

Ogni sessione si concentrerà su uno dei quattro temi del forum: città verdi e giuste, innovazione e rafforzamento delle capacità, governance e quadri strategici e finanziamento dello sviluppo urbano sostenibile.

Le città verdi e giuste parleranno di città verdi affrontando le sfide ambientali e climatiche, il nuovo Bauhaus europeo, il cambiamento sistemico affrontando la doppia transizione e l’inclusione di migranti, rifugiati e gruppi emarginati. Un gruppo di alti rappresentanti della Commissione europea, municipali e nazionali esaminerà i modi per utilizzare in modo efficace le opportunità dell’UE e l’attuazione locale del Green Deal, in particolare attraverso un maggiore utilizzo delle energie rinnovabili. Il workshop sul New European Bauhaus metterà in evidenza i progetti che incorporano con successo obiettivi di sostenibilità e inclusività.

Il lancio dell’Iniziativa urbana europea avverrà nell’ambito del blocco di sessioni sull’innovazione e il rafforzamento delle capacità. I partecipanti impareranno anche di più sulle prossime attività da proporre nell’ambito dell’IUE e sul sostegno all’UAEU. Si terranno due workshop su questi temi: come le città possono costruire capacità di sviluppo urbano sostenibile nell’ambito dell’IUE e innovazione nelle città. Quest’ultimo consentirà ai partecipanti di esplorare i fattori che promuovono la creatività e l’innovazione, come il buon governo e la prevenzione della fuga dei cervelli.

Il capitolo Governance e quadri strategici comprenderà una sessione sulla cooperazione internazionale per ispirare uno sviluppo urbano sostenibile, in cui i partecipanti potranno conoscere le buone pratiche finanziate dal programma di cooperazione urbana e regionale internazionale . Una seconda sessione discuterà della prossima generazione di partenariati UAEU. Due workshop aggiuntivi nell’ambito di questo titolo esploreranno le aree funzionali nell’UE e il ruolo delle città di piccole e medie dimensioni.

Infine, il forum affronterà il tema del finanziamento con un dibattito tra i sindaci dell’UE sul raggiungimento della coesione economica, sociale e territoriale e la ripresa da COVID-19 e un workshop sul finanziamento dello sviluppo urbano sostenibile in tempi di crisi.

Le iscrizioni al Forum si apriranno a metà gennaio.

www.citiesforum2023.eu

Evento Facebook
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 19 dicembre alla conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità COP15 a Montréal, in Canada, l’Unione europea ha aderito a 195 paesi nello storico quadro Kunming-Montreal per la biodiversità globale. Lo annuncia la Commissione europea in un comunicato.

Questo quadro contiene obiettivi e traguardi globali che mirano a proteggere e ripristinare la natura per le generazioni attuali e future, garantirne l’uso sostenibile e stimolare gli investimenti per un’economia globale verde. Insieme all’accordo di Parigi sul clima, apre la strada verso un mondo climaticamente neutro, positivo per la natura e resiliente entro il 2050.

L’accordo, secondo Bruxelles, è un quadro solido con obiettivi e traguardi chiari e misurabili , con modalità complete di monitoraggio, rendicontazione e revisione per monitorare i progressi, integrato da un solido pacchetto di mobilitazione delle risorse

Più della metà del PIL mondiale dipende dai servizi ecosistemici. Il 70% delle persone più vulnerabili del mondo dipende direttamente dalle specie selvatiche. L’accordo Kunming-Montreal accelererà politiche ambiziose in tutto il mondo e mobiliterà finanziamenti per la biodiversità da tutte le fonti – 200 miliardi di dollari all’anno entro il 2030. Impegna la comunità globale ad azioni per proteggere e ripristinare la natura e rimuovere l’inquinamento – come quelle che sono parte del Green Deal europeo. Ciò garantirà che la natura continui a sostenere le società, le economie e le comunità per i decenni a venire.

L’accordo Kunming-Montreal sulla biodiversità include obiettivi globali chiave per:

Ripristinare il 30% degli ecosistemi degradati a livello globale (su terra e mare) entro il 2030

Fermare l’estinzione delle specie conosciute ed entro il 2050 ridurre di dieci volte il rischio e il tasso di estinzione di tutte le specie (comprese quelle sconosciute)

Ridurre il rischio da pesticidi di almeno il 50% entro il 2030

Ridurre i nutrienti persi nell’ambiente di almeno il 50% entro il 2030

Ridurre i rischi di inquinamento e gli impatti negativi dell’inquinamento da tutte le fonti entro il 2030 a livelli non dannosi per la biodiversità e le funzioni degli ecosistemi

Ridurre l’impronta globale dei consumi entro il 2030, anche riducendo significativamente il consumo eccessivo e la produzione di rifiuti e dimezzando lo spreco alimentare

Gestire in modo sostenibile le aree destinate all’agricoltura, all’acquacoltura, alla pesca e alla silvicoltura e aumentare sostanzialmente l’ agroecologia e altre pratiche rispettose della biodiversità

Affrontare il cambiamento climatico attraverso soluzioni basate sulla natura Ridurre il tasso di introduzione e insediamento di specie esotiche invasive di almeno il 50% entro il 2030

Garantire l’uso e il commercio sicuri, legali e sostenibili delle specie selvatiche entro il 2030

Rinverdire gli spazi urbani.

L’accordo aumenterà in modo significativo la mobilitazione di finanziamenti per la biodiversità da tutte le fonti, nazionali e internazionali, sia pubbliche che private, mobilitando almeno 200 miliardi di dollari all’anno entro il 2030. Creerà incentivi per fonti nazionali e internazionali, compresi gli investimenti delle imprese.

Nell’ambito dell’accordo, l’UE ha sottoscritto un pacchetto di solidarietà internazionale , in particolare per i paesi più vulnerabili e più ricchi di biodiversità. Il nuovo Global Biodiversity Framework Fund istituito nell’ambito del Global Environment Facility sarà aperto a finanziamenti da tutte le fonti.

Prima della prossima COP nel 2024, tutti i paesi devono preparare strategie e piani d’azione nazionali aggiornati per la biodiversità, nonché strategie nazionali di finanziamento della biodiversità. Le prossime COP valuteranno se l’impatto cumulativo delle azioni nazionali è sufficiente per raggiungere gli obiettivi e i traguardi globali per il 2030 e il 2050.

Ue alla conferenza COP15 sulla biodiversità
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Unione europea investirà 602 milioni di € provenienti dal meccanismo per collegare l’Europa in otto progetti transfrontalieri di infrastrutture energetiche per conseguire gli obiettivi fissati dal piano REPowerEU e dal Green Deal europeo. Lo rende noto il sito della Rappresentanza italiana della Commissione europea.
L’investimento è il risultato di un invito a presentare progetti pubblicato il 18 maggio, parallelamente al piano REPowerEU.

I fondi finanzieranno progetti nel settore dell’elettricità, riguardanti in particolare le reti elettriche intelligenti, le reti di CO2, lo stoccaggio sotterraneo del gas e un terminale di GNL offshore. Sono divisi tra nove Stati membri (Austria, Belgio, Croazia, Francia, Irlanda, Italia, Polonia, Romania e Slovenia) e Tunisia.

Maggiori informazioni sui progetti
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea in un comunicato stampa informa di aver accolto con favore l’accordo raggiunto recentemente tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione per contribuire a rendere il settore dell’aviazione “Fit for 55”, stabilendo per legge il suo contributo al nostro obiettivo di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030.

Le norme aggiornate sullo scambio di quote di emissione accelereranno l’attuazione del principio “chi inquina paga” eliminando gradualmente le quote gratuite per il settore dell’aviazione entro il 2026. Questo accordo aumenta il rigore del sistema esistente, che copre l’aviazione dal 2012. Ciò significa, specifica la Commissione, che l’industria avrà una maggiore responsabilità nel pagare la propria impronta di carbonio e che ci saranno più incentivi economici per ridurre le emissioni grazie a un forte segnale di prezzo.

Fino all’inizio del 2027, la tariffazione del carbonio dell’UE si applicherà ai voli all’interno dell’UE/SEE e ai voli in partenza per la Svizzera e il Regno Unito, mantenendo l’attuale meccanismo di “stop the clock” sull’applicazione internazionale delle norme. Nel 2026 la Commissione effettuerà una valutazione del regime di compensazione e riduzione delle emissioni di carbonio per l’aviazione internazionale ( CORSIA) istituito dall’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), per verificare se sta realizzando in misura sufficiente gli obiettivi dell’accordo di Parigi. In base all’esito di tale valutazione, la Commissione presenterà una proposta legislativa che potrebbe estendere l’ambito di applicazione dello scambio di quote di emissione dell’UE ai voli in partenza se il CORSIA non è sufficientemente allineato con l’accordo di Parigi.

L’accordo prevede anche un nuovo regime di sostegno per accelerare l’uso di carburanti sostenibili per l’aviazione, finanziato con entrate ETS dell’UE stimate a 1,6 miliardi di euro. Creerà inoltre un nuovo sistema che consentirà alle compagnie aeree di monitorare, comunicare e verificare le emissioni non di CO 2 e gli effetti climatici del trasporto aereo, che costituiscono i due terzi dell’impatto climatico totale del trasporto aereo. Con un significativo passo avanti in termini di trasparenza, saranno pubblicati più dati sulle emissioni del trasporto aereo internazionale in modo intuitivo, proteggendo al tempo stesso i dati sensibili dal punto di vista commerciale.

L’accordo politico deve ora essere adottato formalmente. Una volta completato questo processo da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed entreranno in vigore con effetto immediato.

GREEN DEAL EUROPEO

Pacchetto legislativo “Fit for 55”

Proposta di revisione delle norme ETS sull’aviazione

Proposta di decisione relativa alla notifica della compensazione relativa a una misura globale basata sul mercato per gli operatori aerei con sede nell’Unione (CORSIA)

Ridurre le emissioni del trasporto aereo
0

E-News, bandi comunitari, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


A partire dal 6 dicembre, la Commissione europea apre le candidature per i nuovi premi Bauhaus europei 2023. Lo annuncia un comunicato stampa della Commissione europea. Dopo il successo delle ultime due edizioni che hanno ricevuto oltre 3.000 iscrizioni da tutti gli Stati membri dell’UE, il concorso 2023 premierà 15 iniziative esemplari che collegano sostenibilità, estetica e inclusività: i tre valori fondamentali del Nuovo Bauhaus europeo.

Nel contesto dell’Anno europeo delle competenze, l’edizione di quest’anno avrà una parte incentrata sull’istruzione e l’apprendimento.

Per la prima volta, saranno accolte anche candidature per progetti e concetti nei Balcani occidentali.

Come l’anno scorso, sono previsti premi specifici per le persone sotto i 30 anni.

Il bando è aperto fino al 31 gennaio 2023.

I Premi 2023 premieranno progetti esistenti e concetti sviluppati da giovani talenti in quattro categorie:

Riconnettersi con la natura

Ritrovare il senso di appartenenza

Dare priorità ai luoghi e alle persone che ne hanno più bisogno

La necessità di pensare al ciclo di vita a lungo termine nell’ecosistema industriale


In ciascuna categoria, i candidati possono scegliere tra tre filoni di concorso paralleli:

Strand A: “New European Bauhaus Champions”, dedicato a progetti esistenti e completati con risultati chiari e positivi.

Strand B: “New European Bauhaus Rising Stars” dedicato ai concetti presentati da giovani talenti di età pari o inferiore a 30 anni. I concetti possono trovarsi in diverse fasi di sviluppo, da idee con un piano chiaro al livello di prototipo.

Filone C: “New European Bauhaus Education Champions” dedicato a iniziative incentrate sull’educazione e l’apprendimento. Sono ammissibili sia i progetti completati, sia le iniziative con un livello minimo di maturità.

I premi 2023 saranno assegnati a 15 vincitori che riceveranno un premio in denaro fino a 30.000 euro, oltre a un pacchetto di comunicazioni per aiutarli a sviluppare e promuovere ulteriormente i loro progetti e concetti.

Il New European Bauhaus è un’iniziativa creativa e interdisciplinare che collega il Green Deal europeo agli spazi abitativi e alle esperienze. L’iniziativa invita tutti gli europei a immaginare e costruire insieme un futuro sostenibile e inclusivo che sia bello per i nostri occhi, le nostre menti e le nostre anime.

I candidati di tutte le nazionalità e background devono presentare le loro candidature tramite il sito Web ufficiale dei premi NEB.

LA GUIDA ALLE CANDIDATURE IN ITALIANO

Sito dei premi

Nuovo sito web del Bauhaus europeo

Comunicazione della Commissione sul nuovo Bauhaus europeo
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europa in un comunicato stampa informa di aver proposto il 30 novembre nuove norme a livello di UE sugli imballaggi, per affrontare questa fonte di rifiuti in costante crescita e di frustrazione dei consumatori. In media, sottolinea Bruxelles, ogni europeo genera quasi 180 kg di rifiuti di imballaggio all’anno. L’imballaggio è uno dei principali utilizzatori di materiali vergini poiché il 40% della plastica e il 50% della carta utilizzati nell’UE sono destinati all’imballaggio. Senza azione, l’UE vedrebbe un ulteriore aumento del 19% dei rifiuti di imballaggio entro il 2030, e per i rifiuti di imballaggi in plastica addirittura un aumento del 46%.

Le nuove regole mirano a fermare questa tendenza, scrive la Commissiobne. Per i consumatori, garantiranno opzioni di imballaggio riutilizzabili, elimineranno gli imballaggi non necessari, limiteranno il sovraimballaggio e forniranno etichette chiare per supportare il corretto riciclaggio. Per l’industria, creeranno nuove opportunità commerciali , in particolare per le aziende più piccole, ridurranno la necessità di materiali vergini , aumentando la capacità di riciclaggio dell’Europa e rendendo l’Europa meno dipendente dalle risorse primarie e dai fornitori esterni. Metteranno il settore degli imballaggi sulla buona strada per la neutralità climatica entro il 2050.

La Commissione fa inoltre chiarezza ai consumatori e all’industria sulla plastica a base biologica, compostabile e biodegradabile, stabilendo per quali applicazioni tali materie plastiche sono veramente vantaggiose per l’ambiente e come dovrebbero essere progettate, smaltite e riciclate.

Le proposte sono elementi fondamentali del piano d’azione per l’economia circolare del Green Deal europeo e del suo obiettivo di rendere i prodotti sostenibili la norma. Rispondono anche a richieste specifiche degli europei espresse alla Conferenza sul futuro dell’Europa.

Quadro politico dell’UE sulla plastica a base biologica, biodegradabile e compostabile

Proposta di revisione della normativa UE sugli imballaggi ei rifiuti di imballaggio
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto in un comunicato stampa di aver approvato, in base alle norme dell’UE sugli aiuti di Stato, un regime italiano da 500 milioni di euro per aiutare le aziende del settore del trasporto marittimo ad acquisire navi pulite e a emissioni zero, nonché per adattare le navi più inquinanti. La misura contribuisce al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo e del pacchetto “Fit for 55” della Commissione europea.

Il regime notificato dall’Italia, con una dotazione di 500 milioni di euro, sarà finanziato attraverso il suo Fondo complementare istituito con risorse nazionali a integrazione del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza dell’Italia nell’ambito di una più ampia strategia di modernizzazione dell’economia del Paese.

Il programma mira a incoraggiare le compagnie di navigazione a sostituire le navi esistenti con basse prestazioni ambientali e a ridurre l’uso di combustibili fossili nel settore del trasporto marittimo. Il regime sosterrà progetti volti a migliorare le prestazioni ambientali e l’efficienza energetica delle navi che effettuano servizi di lungo, medio e corto mare per il trasporto passeggeri, merci e combinato, nonché di altre navi che operano nei porti italiani.

In particolare, l’aiuto sosterrà l’acquisizione di navi pulite e a zero emissioni, comprese le navi alimentate da elettricità e idrogeno, e l’adeguamento delle navi. L’adeguamento consentirà alle navi di: utilizzare o aumentare l’uso di biocarburanti e combustibili sintetici (ad es. combustibili liquidi rinnovabili, gassosi per autotrazione di origine non biologica) in aggiunta o in alternativa ai combustibili fossili; e utilizzare la propulsione eolica come alternativa ad altri sistemi di propulsione. La misura sostiene un’ampia gamma di tecnologie che vanno dall’installazione di batterie e celle a combustibile ai sistemi di propulsione eolica.

Il regime sarà aperto alle compagnie di navigazione registrate in Italia che forniscono collegamenti di trasporto marittimo tra un porto italiano e porti europei e/o mediterranei, o operano all’interno dei porti italiani. I beneficiari saranno selezionati inuna procedura aperta, non discriminatoria e trasparente.

L’aiuto assumerà la forma di sovvenzioni dirette. L’importo massimo dell’aiuto per beneficiario è del 40% dei costi ammissibili, che può essere aumentato fino al 60% per le piccole e medie imprese e al 45% per i progetti riguardanti navi a emissioni zero.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 4NO NEW POSTS