E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


​​​​In occasione del Solutions Day alla COP27, una serie di organizzazioni, tra le quali il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CEMR), il Comitato Europeo delle Regioni, l’ICLEI, le Città e Governi Locali Uniti (UCLG), EUROCITIES hanno invitato i governi nazionali, le parti e le organizzazioni internazionali a sostenere pienamente le autorità locali e regionali nella realizzazione di un’azione per il clima sul campo.

Lo rende noto il 17 novembre il sito del Comitato europeo delle Regioni.
Le città e le regioni di tutto il mondo stanno assumendo la leadership politica ai colloqui sul clima della COP27 poiché i governi nazionali non riescono a raggiungere alcun accordo significativo
.

Come ribadito nell’ultimo rapporto dell’IPCC, i governi locali e regionali hanno un ruolo crescente nell’attuazione dell’azione per il clima. Tuttavia, i governi subnazionali – unificati sotto la circoscrizione dei governi locali e delle autorità municipali (LGMA) alle Nazioni Unite – mancano ancora di un ruolo formale nei negoziati sul clima globale e nell’attuazione dell’accordo di Parigi.

Rafforzare la cooperazione multilivello, i fondi diretti e l’assistenza tecnica per i governi subnazionali e un sistema globale per raccogliere e monitorare le riduzioni delle emissioni di carbonio delle città e delle regioni sono tra le rivendicazioni chiave per le quali i governi subnazionali si stanno battendo alla COP27.

Stefano Bonaccini, Presidente del CEMR e dell’Emilia-Romagna, ha dichiarato:
“L’attuazione dell’Accordo di Parigi è in ritardo ed è fondamentale agire ora per raggiungere gli obiettivi a tutti i livelli di governo: mitigazione, adattamento, transizione energetica e salvaguardia della biodiversità. Per fare questo servono risorse adeguate, un sostegno quadro normativo e di governance, localizzazione e territorializzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, cooperazione decentrata e scambio di esperienze tra comuni e regioni di tutto il mondo: si tratta di una sfida globale che può essere affrontata al meglio se agiamo tutti a livello locale e in modo responsabile, inclusivo, equo modo equo e collaborativo.”​

Contributo alla LGMA COP28 Roadmap: Dichiarazione “EU Green Deal: from local to global”.
0

E-News, coesione, politica europea, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


I partner della Cohesion Alliance – la coalizione europea di 12.000 firmatari che si batte per una politica di coesione più forte – si sono riuniti a Bruxelles il 13 ottobre durante la 20a edizione della Settimana europea delle regioni e delle città per riaffermare il loro impegno a rafforzare la politica di coesione e aumentare l’impatto territoriale di tutti gli investimenti dell’UE per renderli idonei alle sfide a lungo termine dell’Europa.

Lo rende noto il sito del CEMR che scrive: “le conseguenze dell’emergenza climatica in corso, la pandemia di Covid-19, la guerra della Russia contro l’Ucraina e gli attuali tassi di inflazione record innescati dall’aumento dei prezzi di generi alimentari ed energetici rendono più urgente che mai il rafforzamento della coesione come valore fondamentale dell’Unione Europea“.

Attraverso una dichiarazione congiunta firmata il 13 ottobre, alla presenza del commissario Ue per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, e del presidente della commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento europeo, Younous Omarjee, il Comitato europeo delle regioni insieme alle principali associazioni europee di città e regioni (tra le quali il CEMR) si è condivisa la volontà comune di mantenere la politica di coesione come:

la più importante politica di investimento dell’UE;

lo strumento più visibile dell’UE a livello locale e regionale;

una politica di sviluppo a lungo termine basata su principi di gestione condivisa, partenariato e governance multilivello;

​una politica che segue un approccio basato sul luogo e affronta la diversità territoriale dell’Unione;​​

uno strumento chiave per sostenere la cooperazione territoriale e promuovere la solidarietà e l’integrazione.
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C375 del 30 settembre pubblica la Risoluzione del Comitato europeo delle regioni (CdR)— Esito e follow-up della Conferenza sul futuro dell’Europa

Il CdR si rallegra che la Conferenza sul futuro dell’Europa abbia riconosciuto la natura multilivello della democrazia rappresentativa europea e abbia proposto di riformare il CdR conferendogli «un ruolo più incisivo nell’architettura istituzionale, quando sono in gioco questioni che hanno un impatto sui territori». Il CdR ritiene che tale riforma debba ampliare gli ambiti di intervento di rilevanza territoriale per i quali la sua consultazione diviene obbligatoria; ciò comporta la revisione degli articoli 43 (politica agricola comune/pesca), 79 (migrazione) e 114 (clausola di salvaguardia del mercato interno) TFUE, nonché la revisione dell’articolo 13 TUE e degli articoli 294, 300 e 307 TFUE.

Il Comitato accoglie con favore la proposta della Conferenza sul futuro dell’Europa di modificare le denominazioni delle istituzioni dell’UE per chiarirne, agli occhi dei cittadini, le funzioni e il rispettivo ruolo nel processo decisionale dell’UE; a tal fine, il Comitato propone di modificare la sua denominazione in maniera da rispecchiare meglio le responsabilità politiche e giuridiche dei suoi membri, nonché il suo ruolo di assemblea europea delle regioni e dei comuni.

Il CdR inoltre plaude al riconoscimento che «la sussidiarietà attiva e la governance multilivello sono principi basilari e caratteristiche fondamentali del funzionamento dell’UE e della responsabilità democratica», all’appello per un «utilizzo sistematico di una definizione di sussidiarietà concordata congiuntamente da tutte le istituzioni dell’UE» per precisare il livello — europeo, nazionale, regionale o locale — al quale si devono adottare le decisioni, e alla proposta di estendere il meccanismo di allarme in materia di sussidiarietà «a tutti i parlamenti regionali dell’UE dotati di poteri legislativi». Concorda con la richiesta che i parlamenti nazionali e regionali dotati di poteri legislativi possano in futuro proporre iniziative legislative a livello europeo. Queste proposte dovrebbero contribuire a chiarire che lo scopo della sussidiarietà non è quello di impedire l’azione a livello europeo, bensì quello di individuare il livello di governo che dovrebbe assumere il ruolo guida, tramite poteri formali esclusivi o condivisi, mentre gli altri livelli sosterrebbero gli obiettivi politici.

Il CdR sostiene le proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa volte a integrare la democrazia rappresentativa intensificando la partecipazione dei cittadini alla democrazia europea a tutti i livelli. Tale obiettivo dovrebbe essere realizzato istituzionalizzando nuove forme di partecipazione dei cittadini a livello dell’Unione europea attraverso dialoghi con cittadini selezionati in modo casuale in merito a temi specifici. Il CdR rinnova l’invito a istituire un meccanismo permanente e basato sul territorio per il dialogo con i cittadini, sostenuto dagli enti locali e regionali, che garantisca una comunicazione biunivoca tra i cittadini e le istituzioni dell’UE, promuovendo in tal modo una migliore comprensione dell’impatto locale e regionale delle politiche dell’Unione in tutta l’UE; pone in evidenza la necessità di garantire che tale meccanismo raggiunga i cittadini di ogni fascia di età, origine e provenienza; sottolinea inoltre che nelle regioni di confine il dialogo deve essere impostato secondo un orientamento transfrontaliero onde creare un vero e proprio valore aggiunto europeo; ritiene che la razionalizzazione dei meccanismi esistenti di partecipazione dei cittadini richieda la modifica dell’articolo 11 TUE, nonché degli articoli 24 e 227 TFUE.

Il Comitato si impegna tra l’altro a continuare a organizzare dialoghi locali con i cittadini, nonché iniziative strutturate di democrazia partecipativa che potrebbero alimentare il meccanismo permanente.

SCARICA E LEGGI LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In occasione della Giornata Internazionale della Democrazia, celebrata ogni anno il 15 settembre, il Presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Leendert Verbeek, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Quest’anno celebriamo la Giornata Internazionale della Democrazia poiché le nostre società si trovano a dover affrontare enormi tensioni a causa di molteplici crisi che le colpiscono: le conseguenze della pandemia, la guerra in Ucraina, la continua minaccia del cambiamento climatico e del degrado ambientale, la migrazione, i problemi sociali ed economici e la crescente polarizzazione delle nostre società. Più che mai, queste crisi mettono in primo piano l’urgente necessità di costruire una più forte resilienza democratica delle nostre società, la necessità di sostenere i nostri valori democratici e di portare avanti il ​​nostro lavoro di rafforzamento delle istituzioni e dei processi democratici a tutti i livelli di governance e di coinvolgere i cittadini nella per riconquistare la loro fiducia in queste istituzioni.

Queste crisi sono anche un chiaro promemoria del fatto che il lavoro di costruzione della democrazia non è mai finito. Nel Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, siamo convinti che questo lavoro debba essere portato avanti nelle nostre comunità, per incorporare i valori democratici e ancorare la democrazia al livello più vicino ai cittadini. Siamo inoltre convinti che la resilienza democratica si costruisca dal basso verso l’alto, a livello dei nostri villaggi, paesi, città, province e regioni, delle nostre comunità territoriali, e che una forte democrazia locale si traduca in una più forte democrazia a tutti i livelli.

La governance multilivello fornisce le risposte alle crisi più adatte ai bisogni e alle aspettative dei cittadini, e pertanto gli enti locali e regionali devono essere dotati delle risorse necessarie e della libertà di agire, come previsto dalla Carta Europea delle Autonomie Locali. In questa Giornata internazionale della democrazia, il Congresso si impegna a perseguire la sua missione di promuovere e rafforzare la democrazia locale e regionale nel continente europeo, che è una caratteristica fondamentale del modello democratico europeo”.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“I governi locali e regionali di tutta Europa stanno giocando un ruolo cruciale nella gestione di questa nuova ondata migratoria e nel processo di integrazione dei nuovi arrivati. Questa crisi dei rifugiati non solo richiede una gestione dell’emergenza, ma ci ricorda anche l’urgenza di stabilire strategie di integrazione meglio coordinate e più sostenibili che tengano in considerazione la prospettiva locale come quella più rilevante”, scrive il sito del CEMR.

Per questo motivo, la prossima serie di dibattiti di IncluCities su questioni fondamentali legate all’attuale crisi migratoria, informa il CEMR, metterà in luce l’importanza di un’efficace governance multilivello come strumento chiave per far fronte alle emergenze migratorie. L’evento Una governance multilivello efficace come strumento chiave per affrontare le emergenze migratorie si svolgerà il 21 giugno a Bruxelles con gli eurodeputati: Birgit Sippel, Fabienne Keller, Damian Boeselager e Thomas Liebeig dell’OCSE.

Registrati per seguire l’evento di persona o online.

L’AGENDA DELL’EVENTO
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Guerra in Ucraina, pandemia di Covid 19, cambiamento climatico, polarizzazione delle società – “tutte queste crisi mettono a dura prova le basi democratiche delle nostre società”, ha sottolineato il 17 maggio Bernd Vöhringer, Presidente della Camera del Congresso dei poteri locali del Consiglio d’Europa, alla Conferenza politica della Confederazione europea di Enti Locali Intermedi (CEPLI).

Intervenendo online in un panel su “Gestire le trasformazioni sociali fondamentali – Costruire comunità locali resilienti”, ha sottolineato che la capacità di prevenire, resistere e adattarsi alle conseguenze delle crisi nelle comunità territoriali, e riprendersi rapidamente, dovrebbe essere al centro della governance democratica odierna.

Per realizzare società resilienti, è essenziale rafforzare la governance multilivello e ripristinare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nella politica, ha proseguito il presidente Vöhringer. “Ogni livello di governance dovrebbe essere dotato di competenze, mezzi e risorse adeguati per rispondere alle preoccupazioni dei cittadini, come sancito dalla Carta Europea delle Autonomie Locali. La governance multilivello è un modo più adatto per fornire soluzioni su misura per esigenze specifiche”, ha affermato, aggiungendo che la governance multilivello ha il potenziale per aumentare la qualità delle decisioni e consentire una maggiore flessibilità nell’affrontare le emergenze.

Secondo Presidente, ripristinare la fiducia delle persone nelle decisioni prese dalle autorità pubbliche richiede nuove modalità di coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali e di governo, in particolare a livello locale e regionale.

A questo proposito, “l’uso dei metodi deliberativi come prezioso complemento alla democrazia rappresentativa nella fase preparatoria del processo decisionale è stato riconosciuto in una relazione del Congresso sulla democrazia deliberativa , adottata lo scorso marzo”, ha sottolineato il presidente Vöhringer.

“La guerra in Ucraina dimostra che, forse, abbiamo dato per scontata la democrazia per troppo tempo, spingendoci a riconsiderare la situazione e riflettere sul futuro della democrazia in Europa. Gli sforzi degli enti locali e regionali, delle loro reti e dei loro partenariati, per proteggere il nostro patrimonio democratico e salvaguardare i diritti dei cittadini, ci consentiranno di gestire meglio l’uscita dalle crisi fondamentali e multiple che stiamo affrontando oggi”, ha concluso.

La guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina: fascicolo speciale del Congresso

PAGINA SITO AICCRE SULL’UCRAINA
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Viviamo in un momento caratterizzato da crisi multiple che pongono l’esercizio della democrazia locale sotto crescenti vincoli e pressioni”, ha affermato la Vicepresidente del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa Aleksandra Maletic in apertura della XVII Assemblea Generale del la Rete delle Associazioni degli Enti Locali del Sud-Est Europa (NALAS) recentemente svoltasi a Belgrado.

“Dopo aver superato il punto critico della pandemia, ci siamo trovati in una grande tribolazione. Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa è con il popolo ucraino”, ha sottolineato il vicepresidente. “I recenti sviluppi hanno evidenziato l’importanza di salvaguardare la pace e proteggere i valori fondamentali europei. I valori del Consiglio d’Europa sono i nostri valori comuni come europei e devono essere preservati più che mai”.

La Vicepresidente ha sottolineato la fondamentale necessità di rafforzare la resilienza e la sostenibilità dei comuni e delle città per rispondere meglio alle crisi, riferendosi a questo proposito al lavoro svolto dal Congresso e da reti come NALAS, in particolare per quanto riguarda il decentramento e il rafforzamento delle democrazia, all’interno del sistema di governance multilivello.

Una forte governance multilivello, ha proseguito Maletic, implica forti autorità locali, con competenze adeguate e livello di autonomia decisionale, comprese le risorse finanziarie sufficienti per attuare queste decisioni. Un dialogo inclusivo e trasparente dei governi nazionali con le autorità locali e le loro associazioni nazionali è fondamentale per raggiungere questo obiettivo, ha sottolineato la vicepresidente.

Dobbiamo portare avanti e perseverare nel nostro lavoro di costruzione della democrazia e di buon governo, a beneficio dei nostri cittadini e della loro fiducia nelle autorità regionali e locali. Tuttavia, gli enti locali non possono agire da soli, ma in collaborazione e con responsabilità condivisa con altri livelli di governo. Uniti supereremo le difficoltà di oggi e costruiremo un futuro pacifico”, ha concluso la vicepresidente Maletic.
0