E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie
“La governance multilivello e il rafforzamento dell’autonomia locale hanno svolto un ruolo importante nella resilienza del Paese in tempi di guerra”, ha sottolineato il presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Marc Cools al Forum “Attuazione della riforma di decentralizzazione in Ucraina – Stato e prospettive”, organizzato dal Comitato per l’organizzazione del potere statale, dell’autogoverno locale, dello sviluppo regionale e della pianificazione urbana del Parlamento ucraino il 5 dicembre 2023, a Bucha, Ucraina.

Il presidente Cools ha elogiato gli sforzi intrapresi dalle autorità ucraine riguardo alla riforma di decentramento avviata nel 2014. Ha riconosciuto l’inevitabile processo di ricentralizzazione causato dalla guerra in corso e le restrizioni imposte alle autorità locali dalla legge marziale. Il presidente Cools ha sottolineato la necessità di allinearsi ai principi della Carta europea dell’autonomia locale, che prevede deroghe proporzionali e temporanee.

Il Presidente del Congresso ha accolto con favore il progetto di tabella di marcia per una buona governance democratica, al quale il Congresso ha contribuito. La tabella di marcia è un chiaro segno dell’impegno delle autorità nazionali ucraine a favore del decentramento e del ripristino degli enti locali civili quando le condizioni lo consentiranno. Il Presidente Cools ha ribadito l’impegno del Congresso a continuare a sostenere le autorità locali e nazionali in questo processo.
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Alla vigilia dell’adozione delle conclusioni sul futuro della politica di coesione da parte degli Stati membri, il Comitato europeo delle Regioni (CdR) esorta i governi dell’UE e la Commissione europea a riconoscere l’importanza fondamentale di questa politica per affrontare le disparità territoriali, promuovere la doppia transizione verde e digitale e difendere i valori democratici europei in tutti i territori dell’Unione.

Le proposte per il rinnovamento della politica di coesione post 2027 sono incluse in un parere elaborato dal Presidente del Comitato europeo delle regioni (CdR), Vasco Alves Cordeiro, e dal presidente della commissione COTER, Emil Boc, adottato il 29 novembre dalla plenaria del CdR.

È cominciato il dibattito su come riformare la politica di coesione al termine dell’attuale periodo di bilancio dell’UE 2021-27. Le istituzioni dell’UE stanno valutando l’impatto e i risultati della politica di coesione nell’affrontare le crisi più recenti e nello stimolare la duplice transizione verde e digitale. Il CdR ha presentato alcune richieste per ridefinire una politica che vale un terzo del bilancio dell’UE, e che dovrebbe rimanere prioritaria in quanto pietra angolare dello sviluppo economico, sociale e territoriale in tutti i territori europei.

Per affrontare crisi eccezionali e catastrofi climatiche, come alluvioni e incendi boschivi, i leader locali e regionali propongono la creazione di un meccanismo che possa essere attivato a livello territoriale. Da un lato, questo renderebbe possibile – in tali circostanze – utilizzare in modo flessibile i fondi disponibili. Dall’altro, il nuovo meccanismo eviterebbe revisioni costanti dei programmi operativi, come successo più volte nel periodo 2014-2020, salvaguardando così gli investimenti a lungo termine.

Le regioni e le città chiedono inoltre un “patto di partenariato europeo” che definisca un corpus unico di norme e obiettivi per tutti i fondi in regime di gestione concorrente – cioè condivisa fra autorità europee, nazionali e territoriali – garantendo coerenza e semplificazione. Il patto ingloberebbe il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e anche nuovi strumenti in regime di gestione ibrida, come il Fondo sociale per il clima, che dovrebbe essere istituito nel prossimo futuro.

Altre richieste contenute nel parere

tutte le regioni europee devono continuare a essere ammissibili a ricevere finanziamenti;

il modello di gestione concorrente, la governance multilivello e il principio di partenariato vanno mantenuti come principi guida della politica di coesione anche dopo il 2027;

la sospensione dei fondi legati alla politica di coesione per effetto di violazioni delle norme di bilancio dell’UE da parte dei governi nazionali (la cosiddetta “condizionalità macroeconomica”) andrebbe abrogata. Gli investimenti a lungo termine non possono essere tenuti in ostaggio delle decisioni nazionali;

gli investimenti nazionali e regionali necessari per i progetti cofinanziati a titolo della politica di coesione dell’UE non dovrebbero essere equiparati a spesa – e, quindi, a debito – nel quadro delle norme di bilancio dell’UE;

l’obiettivo della coesione territoriale deve essere vincolante per tutte le politiche europee secondo il principio di “non nuocere alla coesione”; l’architettura complessiva dei finanziamenti dovrebbe essere semplificata per superare il proliferare degli strumenti d’investimento direttamente o indirettamente destinati alla coesione.

Le prossime fasi

Il parere sarà ora pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e trasmesso ai deputati al Parlamento europeo, ai commissari europei pertinenti e ai rappresentanti dei 27 Stati membri.

La commissione del Parlamento europeo competente per i problemi economici e monetari (ECON) ha in agenda il voto su un progetto di relazione che, se sostenuto dagli eurodeputati, sarà in linea con la richiesta del CdR di evitare che la riforma del Patto di stabilità e crescita porti a equiparare a spesa – e quindi includere nel calcolo del debito – gli investimenti nei progetti cofinanziati a attraverso la politica di coesione.

Il parere è stato adottato dai membri del CdR al termine di un dibattito con la commissaria europea per la Coesione e le riforme Elisa Ferreira, con la sottosegretaria del governo spagnolo per i Fondi europei Mercedes Caballero Fernández (la Spagna detiene attualmente la presidenza di turno del Consiglio dell’UE), con il presidente della commissione Sviluppo regionale del Parlamento europeo Younous Omarjee e con il presidente della regione Vallonia ed ex primo ministro belga Elio Di Rupo, il quale presiederà le riunioni dei ministri competenti in materia di coesione durante il prossimo semestre di presidenza belga del Consiglio, nella prima metà del 2024.

Insieme alle principali associazioni europee di città e regioni, il CdR è partner fondatore della #CohesionAlliance (Alleanza per la coesione) della quale il CCRE-CEMR è partner, la cui missione consiste nell’affermare la coesione quale valore fondamentale dell’Unione europea e obiettivo essenziale di tutte le sue politiche e i suoi investimenti.

Scheda informativa sul contenuto del parere (EN)

Testo del parere

0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


“La democrazia deliberativa è un metodo per promuovere ulteriormente la partecipazione dei cittadini, costruire la fiducia e migliorare la salute delle nostre democrazie”, ha sottolineato la presidente della commissione per la governance del Congresso dei poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa, Jelena Drenjanin, rivolgendosi a circa 100 partecipanti durante il recente evento volto a favorire i processi deliberativi a livello locale in Ucraina.

La presidente ha elogiato le autorità locali ucraine per aver sostenuto le iniziative di governo aperto e per il loro impegno e la co-creazione con le organizzazioni della società civile. “Il Congresso è pronto a sostenervi coinvolgendo ulteriormente tutti gli abitanti delle vostre comunità nella vita politica, sociale e culturale locale”, ha sottolineato.

Il portavoce del Congresso per l’osservazione delle elezioni, Stewart Dickson, ha sottolineato che le pratiche deliberative si sono dimostrate efficaci nel rafforzare la costruzione della democrazia inclusiva e il processo decisionale collaborativo. “Ciò porta a una maggiore responsabilità e legittimità e, in ultima analisi, a una maggiore fiducia nelle istituzioni pubbliche locali”, ha aggiunto.

Il vicesindaco di Danzica (Polonia) Monika Chabior e il primo vicedirettore delle comunicazioni pubbliche della città di Kyiv Dmytro Ruban, hanno contribuito all’evento presentando buone pratiche di approcci innovativi complementari alle forme tradizionali di partecipazione dei cittadini.

A seguito degli scambi, le autorità locali ucraine hanno espresso forte interesse e disponibilità a introdurre modelli di democrazia deliberativa nelle loro comunità locali. Lo scambio ha permesso ai partecipanti di conoscere meglio gli ingredienti chiave che un processo deliberativo dovrebbe incorporare, vale a dire trasparenza e inclusività. Hanno anche discusso i modi per introdurre questo approccio pionieristico in tempo di guerra e le crescenti sfide che devono affrontare.

L’evento è stato organizzato nell’ambito del progetto “Rafforzare la governance multilivello, la democrazia e i diritti umani a livello locale in Ucraina” attuato dal Congresso dei poteri locali e regionali nell’ambito del Piano d’azione del Consiglio d’Europa per l’Ucraina “Resilienza, ripresa e ricostruzione” per il 2023-2026 . Il progetto mira a rafforzare il dialogo, il partenariato e la consultazione tra i diversi livelli di governo; rafforzare la governance collaborativa e la partecipazione dei cittadini in linea con i principi della democrazia locale e del governo aperto; e promuovere e garantire il diritto all’uguaglianza e alla non discriminazione a livello locale, per il recupero e la ricostruzione dell’Ucraina.

Relazione del Congresso “Oltre le elezioni: l’uso di metodi deliberativi nei comuni e nelle regioni europee” ENG / UKR

Opuscolo sulla democrazia deliberativa ENG / UKR
0

E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


​​​​In occasione del Solutions Day alla COP27, una serie di organizzazioni, tra le quali il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CEMR), il Comitato Europeo delle Regioni, l’ICLEI, le Città e Governi Locali Uniti (UCLG), EUROCITIES hanno invitato i governi nazionali, le parti e le organizzazioni internazionali a sostenere pienamente le autorità locali e regionali nella realizzazione di un’azione per il clima sul campo.

Lo rende noto il 17 novembre il sito del Comitato europeo delle Regioni.
Le città e le regioni di tutto il mondo stanno assumendo la leadership politica ai colloqui sul clima della COP27 poiché i governi nazionali non riescono a raggiungere alcun accordo significativo
.

Come ribadito nell’ultimo rapporto dell’IPCC, i governi locali e regionali hanno un ruolo crescente nell’attuazione dell’azione per il clima. Tuttavia, i governi subnazionali – unificati sotto la circoscrizione dei governi locali e delle autorità municipali (LGMA) alle Nazioni Unite – mancano ancora di un ruolo formale nei negoziati sul clima globale e nell’attuazione dell’accordo di Parigi.

Rafforzare la cooperazione multilivello, i fondi diretti e l’assistenza tecnica per i governi subnazionali e un sistema globale per raccogliere e monitorare le riduzioni delle emissioni di carbonio delle città e delle regioni sono tra le rivendicazioni chiave per le quali i governi subnazionali si stanno battendo alla COP27.

Stefano Bonaccini, Presidente del CEMR e dell’Emilia-Romagna, ha dichiarato:
“L’attuazione dell’Accordo di Parigi è in ritardo ed è fondamentale agire ora per raggiungere gli obiettivi a tutti i livelli di governo: mitigazione, adattamento, transizione energetica e salvaguardia della biodiversità. Per fare questo servono risorse adeguate, un sostegno quadro normativo e di governance, localizzazione e territorializzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, cooperazione decentrata e scambio di esperienze tra comuni e regioni di tutto il mondo: si tratta di una sfida globale che può essere affrontata al meglio se agiamo tutti a livello locale e in modo responsabile, inclusivo, equo modo equo e collaborativo.”​

Contributo alla LGMA COP28 Roadmap: Dichiarazione “EU Green Deal: from local to global”.
0

E-News, coesione, politica europea, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


I partner della Cohesion Alliance – la coalizione europea di 12.000 firmatari che si batte per una politica di coesione più forte – si sono riuniti a Bruxelles il 13 ottobre durante la 20a edizione della Settimana europea delle regioni e delle città per riaffermare il loro impegno a rafforzare la politica di coesione e aumentare l’impatto territoriale di tutti gli investimenti dell’UE per renderli idonei alle sfide a lungo termine dell’Europa.

Lo rende noto il sito del CEMR che scrive: “le conseguenze dell’emergenza climatica in corso, la pandemia di Covid-19, la guerra della Russia contro l’Ucraina e gli attuali tassi di inflazione record innescati dall’aumento dei prezzi di generi alimentari ed energetici rendono più urgente che mai il rafforzamento della coesione come valore fondamentale dell’Unione Europea“.

Attraverso una dichiarazione congiunta firmata il 13 ottobre, alla presenza del commissario Ue per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, e del presidente della commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento europeo, Younous Omarjee, il Comitato europeo delle regioni insieme alle principali associazioni europee di città e regioni (tra le quali il CEMR) si è condivisa la volontà comune di mantenere la politica di coesione come:

la più importante politica di investimento dell’UE;

lo strumento più visibile dell’UE a livello locale e regionale;

una politica di sviluppo a lungo termine basata su principi di gestione condivisa, partenariato e governance multilivello;

​una politica che segue un approccio basato sul luogo e affronta la diversità territoriale dell’Unione;​​

uno strumento chiave per sostenere la cooperazione territoriale e promuovere la solidarietà e l’integrazione.
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C375 del 30 settembre pubblica la Risoluzione del Comitato europeo delle regioni (CdR)— Esito e follow-up della Conferenza sul futuro dell’Europa

Il CdR si rallegra che la Conferenza sul futuro dell’Europa abbia riconosciuto la natura multilivello della democrazia rappresentativa europea e abbia proposto di riformare il CdR conferendogli «un ruolo più incisivo nell’architettura istituzionale, quando sono in gioco questioni che hanno un impatto sui territori». Il CdR ritiene che tale riforma debba ampliare gli ambiti di intervento di rilevanza territoriale per i quali la sua consultazione diviene obbligatoria; ciò comporta la revisione degli articoli 43 (politica agricola comune/pesca), 79 (migrazione) e 114 (clausola di salvaguardia del mercato interno) TFUE, nonché la revisione dell’articolo 13 TUE e degli articoli 294, 300 e 307 TFUE.

Il Comitato accoglie con favore la proposta della Conferenza sul futuro dell’Europa di modificare le denominazioni delle istituzioni dell’UE per chiarirne, agli occhi dei cittadini, le funzioni e il rispettivo ruolo nel processo decisionale dell’UE; a tal fine, il Comitato propone di modificare la sua denominazione in maniera da rispecchiare meglio le responsabilità politiche e giuridiche dei suoi membri, nonché il suo ruolo di assemblea europea delle regioni e dei comuni.

Il CdR inoltre plaude al riconoscimento che «la sussidiarietà attiva e la governance multilivello sono principi basilari e caratteristiche fondamentali del funzionamento dell’UE e della responsabilità democratica», all’appello per un «utilizzo sistematico di una definizione di sussidiarietà concordata congiuntamente da tutte le istituzioni dell’UE» per precisare il livello — europeo, nazionale, regionale o locale — al quale si devono adottare le decisioni, e alla proposta di estendere il meccanismo di allarme in materia di sussidiarietà «a tutti i parlamenti regionali dell’UE dotati di poteri legislativi». Concorda con la richiesta che i parlamenti nazionali e regionali dotati di poteri legislativi possano in futuro proporre iniziative legislative a livello europeo. Queste proposte dovrebbero contribuire a chiarire che lo scopo della sussidiarietà non è quello di impedire l’azione a livello europeo, bensì quello di individuare il livello di governo che dovrebbe assumere il ruolo guida, tramite poteri formali esclusivi o condivisi, mentre gli altri livelli sosterrebbero gli obiettivi politici.

Il CdR sostiene le proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa volte a integrare la democrazia rappresentativa intensificando la partecipazione dei cittadini alla democrazia europea a tutti i livelli. Tale obiettivo dovrebbe essere realizzato istituzionalizzando nuove forme di partecipazione dei cittadini a livello dell’Unione europea attraverso dialoghi con cittadini selezionati in modo casuale in merito a temi specifici. Il CdR rinnova l’invito a istituire un meccanismo permanente e basato sul territorio per il dialogo con i cittadini, sostenuto dagli enti locali e regionali, che garantisca una comunicazione biunivoca tra i cittadini e le istituzioni dell’UE, promuovendo in tal modo una migliore comprensione dell’impatto locale e regionale delle politiche dell’Unione in tutta l’UE; pone in evidenza la necessità di garantire che tale meccanismo raggiunga i cittadini di ogni fascia di età, origine e provenienza; sottolinea inoltre che nelle regioni di confine il dialogo deve essere impostato secondo un orientamento transfrontaliero onde creare un vero e proprio valore aggiunto europeo; ritiene che la razionalizzazione dei meccanismi esistenti di partecipazione dei cittadini richieda la modifica dell’articolo 11 TUE, nonché degli articoli 24 e 227 TFUE.

Il Comitato si impegna tra l’altro a continuare a organizzare dialoghi locali con i cittadini, nonché iniziative strutturate di democrazia partecipativa che potrebbero alimentare il meccanismo permanente.

SCARICA E LEGGI LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In occasione della Giornata Internazionale della Democrazia, celebrata ogni anno il 15 settembre, il Presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Leendert Verbeek, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Quest’anno celebriamo la Giornata Internazionale della Democrazia poiché le nostre società si trovano a dover affrontare enormi tensioni a causa di molteplici crisi che le colpiscono: le conseguenze della pandemia, la guerra in Ucraina, la continua minaccia del cambiamento climatico e del degrado ambientale, la migrazione, i problemi sociali ed economici e la crescente polarizzazione delle nostre società. Più che mai, queste crisi mettono in primo piano l’urgente necessità di costruire una più forte resilienza democratica delle nostre società, la necessità di sostenere i nostri valori democratici e di portare avanti il ​​nostro lavoro di rafforzamento delle istituzioni e dei processi democratici a tutti i livelli di governance e di coinvolgere i cittadini nella per riconquistare la loro fiducia in queste istituzioni.

Queste crisi sono anche un chiaro promemoria del fatto che il lavoro di costruzione della democrazia non è mai finito. Nel Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, siamo convinti che questo lavoro debba essere portato avanti nelle nostre comunità, per incorporare i valori democratici e ancorare la democrazia al livello più vicino ai cittadini. Siamo inoltre convinti che la resilienza democratica si costruisca dal basso verso l’alto, a livello dei nostri villaggi, paesi, città, province e regioni, delle nostre comunità territoriali, e che una forte democrazia locale si traduca in una più forte democrazia a tutti i livelli.

La governance multilivello fornisce le risposte alle crisi più adatte ai bisogni e alle aspettative dei cittadini, e pertanto gli enti locali e regionali devono essere dotati delle risorse necessarie e della libertà di agire, come previsto dalla Carta Europea delle Autonomie Locali. In questa Giornata internazionale della democrazia, il Congresso si impegna a perseguire la sua missione di promuovere e rafforzare la democrazia locale e regionale nel continente europeo, che è una caratteristica fondamentale del modello democratico europeo”.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“I governi locali e regionali di tutta Europa stanno giocando un ruolo cruciale nella gestione di questa nuova ondata migratoria e nel processo di integrazione dei nuovi arrivati. Questa crisi dei rifugiati non solo richiede una gestione dell’emergenza, ma ci ricorda anche l’urgenza di stabilire strategie di integrazione meglio coordinate e più sostenibili che tengano in considerazione la prospettiva locale come quella più rilevante”, scrive il sito del CEMR.

Per questo motivo, la prossima serie di dibattiti di IncluCities su questioni fondamentali legate all’attuale crisi migratoria, informa il CEMR, metterà in luce l’importanza di un’efficace governance multilivello come strumento chiave per far fronte alle emergenze migratorie. L’evento Una governance multilivello efficace come strumento chiave per affrontare le emergenze migratorie si svolgerà il 21 giugno a Bruxelles con gli eurodeputati: Birgit Sippel, Fabienne Keller, Damian Boeselager e Thomas Liebeig dell’OCSE.

Registrati per seguire l’evento di persona o online.

L’AGENDA DELL’EVENTO
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS