E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) della Commissione europea ha lanciato un invito aperto a manifestare interesse per aderire all’Alleanza per i farmaci critici. Lo rende noto una comunicazione della Commissione. La creazione dell’Alleanza è una delle azioni chiave per prevenire e affrontare la carenza di farmaci critici annunciata dalla Commissione nell’ottobre 2023.

L’Alleanza riunirà tutte le parti interessate e lavorerà per rafforzare la cooperazione tra la Commissione, i governi nazionali, l’industria e la società civile. Identificherà le sfide, le priorità d’azione e le possibili soluzioni politiche al problema della carenza di farmaci critici nell’UE. L’Alleanza è un meccanismo consultivo che fungerà anche da rete per accelerare la realizzazione dell’azione dell’UE in questo campo.

La Critical Medicines Alliance diventerà il braccio industriale di una forte Unione sanitaria europea. Svilupperà raccomandazioni e fornirà consulenza alla Commissione, agli Stati membri e ad altri decisori dell’UE su come affrontare le carenze di medicinali di lunga data. Basandosi sull’elenco dell’Unione dei medicinali critici pubblicato dall’Agenzia europea per i medicinali nel dicembre 2023, si concentrerà sui medicinali con il più alto rischio di carenza e il maggiore impatto sui sistemi sanitari e sui pazienti.

L’Alleanza contribuirà a sbloccare soluzioni produttive, contrattuali o finanziarie per consentire una migliore autonomia strategica per i farmaci critici, nell’interesse dei cittadini europei.

Si baserà sull’esperienza di altre alleanze dell’UE che affrontano le principali sfide industriali (come le alleanze per le batterie e le materie prime critiche) e potrà fare affidamento su una serie diversificata di misure politiche, come:

Esplorare come diversificare le catene di fornitura globali attraverso partenariati strategici internazionali;

Rafforzare la capacità dell’Europa di produrre e innovare nella produzione di farmaci critici e dei loro ingredienti, in modo coordinato;

Sviluppare un approccio strategico comune allo stoccaggio delle scorte di medicinali nell’UE;

Contribuire a sfruttare e allineare i finanziamenti UE e nazionali per attuare soluzioni alla carenza di medicinali.

L’Alleanza per i medicinali critici è aperta a tutte le aziende e organizzazioni, agli Stati membri, alle autorità locali e regionali e alle loro agenzie, alle parti sociali, alla società civile, agli operatori sanitari, ai pazienti, ai consumatori e ad altri gruppi di parti interessate, organismi e agenzie dell’UE.

Coloro che sono interessati devono compilare il modulo di interesse disponibile sul sito web dell’Alleanza.

L’Alleanza durerà 5 anni. Si prevede che inizierà i suoi lavori la prossima primavera e pubblicherà le prime raccomandazioni sulle azioni da intraprendere per migliorare la fornitura di farmaci critici entro questo autunno.

Il 24 ottobre 2023 la Commissione ha adottato una comunicazione che presenta azioni per prevenire e mitigare meglio le carenze critiche di medicinali nell’UE per questo inverno e oltre. Le recenti carenze critiche, tra cui quelle di alcuni antibiotici, dimostrano che è necessaria un’azione continua e coordinata per rendere le catene di approvvigionamento farmaceutiche europee più resilienti nel lungo periodo.

La comunicazione pone un’attenzione particolare sui farmaci più critici, per i quali deve essere garantita in ogni momento la sicurezza dell’approvvigionamento nell’UE.

La comunicazione si basa sul lavoro svolto nell’ambito dell’Unione sanitaria europea, in particolare sul mandato rafforzato dell’Agenzia europea per i medicinali e sulla riforma farmaceutica recentemente pubblicata. Ciò fa seguito a un forte appello lanciato dagli Stati membri al Consiglio europeo di giugno 2023, confermato a Granada nell’ottobre 2023, e dal Parlamento europeo
.

Per maggiori informazioni

Sito dell’Alleanza

Il sito dell’HERA

Comunicazione su come affrontare la carenza di medicinali nell’UE

Elenco dei medicinali critici dell’Agenzia europea per i medicinali
0