E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Mentre il Consiglio dell’UE ha adottato un nuovo regolamento volto a promuovere la diffusione delle energie rinnovabili attraverso procedure di autorizzazione più rapide e più semplici, il CEMR chiede il pieno coinvolgimento dei comuni e delle regioni in questo processo.

Lo rende noto il CEMR in una nota apparsa sul proprio sito.
Il CEMR apprezza l’adozione di misure di emergenza per accelerare l’autorizzazione delle rinnovabili e considera i governi locali e regionali la forza trainante per il raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo. Esprime tuttavia riserve sostanziali su una serie di punti.

In reazione all’accordo dei ministri dell’Energia dell’UE, il sindaco di Castel Maggiore e portavoce del CEMR per il clima e l’energia, Belinda Gottardi ha evidenziato la necessità di concedere tempo sufficiente ai processi per trovare soluzioni che bilancino adeguatamente i legittimi interessi locali e nazionali.

“È necessario coinvolgere pienamente i comuni e le regioni in tutte le fasi dell’autorizzazione delle energie rinnovabili. Nella maggior parte degli Stati membri dell’UE, i governi locali sono le autorità competenti per la concessione dei permessi per molte delle energie rinnovabili e delle connessioni alla rete ”, ha sottolineato. “ Devono gestire i conflitti spaziali per garantire soluzioni equilibrate con sufficiente accettazione locale.”

I comuni e le regioni dispongono di un patrimonio di esperienze e competenze preziose che fungono da risorsa chiave nella transizione energetica. Bypassarli o dedicare tempo inadeguato a questo processo potrebbe avere effetti controproducenti e ridurre l’accettazione da parte dei cittadini.”, ha concluso Gottardi.

La norma dovrà ora essere interpretata all’interno dei diversi contesti nazionali, con le necessarie modifiche dei processi per il rispetto dei termini. Saranno necessari chiarimenti, in particolare su come saranno influenzate la pianificazione territoriale e le valutazioni ambientali e quali centrali elettriche saranno incluse.

Il 19 dicembre gli Stati membri dell’UE hanno concordato la sostanza di un regolamento del Consiglio che stabilisce un quadro per accelerare la diffusione delle energie rinnovabili. Il presente regolamento fa parte di una serie di regolamenti del Consiglio ai sensi dell’art. 122 del Trattato sul funzionamento dell’UE (TFUE).

Affronta il “carattere emergenziale per accelerare il processo di rilascio dei permessi” per la generazione di energie rinnovabili nell’attuale crisi energetica, provocata dalla guerra della Russia contro l’Ucraina.

Il regolamento è di particolare interesse per il CEMR dato che in molti paesi europei, i governi locali e regionali sono le autorità competenti per la pianificazione territoriale e la concessione delle autorizzazioni per l’installazione di impianti solari fotovoltaici, pompe di calore, eolico, altri impianti di energia rinnovabile, e connessioni alla rete.

I contenuti chiave della normativa sono il concetto di interesse pubblico prevalente per la produzione di energia rinnovabile, la loro connessione alla rete e la concessione di autorizzazioni più brevi entro determinati periodi di tempo. L’interesse pubblico prevalente consente ai nuovi progetti di beneficiare di una valutazione ambientale semplificata ai sensi di specifiche direttive dell’UE.

Generalmente ciò vale anche per i rispettivi allacciamenti alla rete. Le apparecchiature a energia solare dovrebbero ricevere un’autorizzazione entro e non oltre tre mesi o essere accettate dopo 1 mese di “silenzio amministrativo positivo” per capacità inferiori a 50 kW o 10,8 kW. La norma, inoltre, introduce un massimo di sei mesi per l’iter autorizzativo relativo al repowering degli impianti a fonti rinnovabili e alla loro connessione alla rete, e tre mesi se l’incremento è inferiore al 15%. Le pompe di calore inferiori a 50 MW beneficiano di una scadenza di un mese e di un massimo di tre mesi per le pompe di calore geotermiche.

Le posizioni del CEMR

Il contributo dei governi locali e regionali al Green Deal europeo

Fit for 55: consentire transizioni climatiche locali e regionali

Risposta congiunta del CCRE – consultazioni sulla direttiva UE sull’efficienza energetica (DEE)
0

E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha approvato, ai sensi della normativa UE sugli aiuti di Stato, un regime italiano da 1,2 miliardi di euro messo a disposizione attraverso il Recovery and Resilience Facility (“RRF”) per sostenere gli investimenti in pannelli fotovoltaici nel settore agricolo. Il regime contribuirà inoltre agli obiettivi strategici dell’UE relativi al Green Deal dell’UE.

La misura notificata dall’Italia, con una dotazione di 1,2 miliardi di euro, sarà interamente finanziata tramite il RRF, a seguito della valutazione positiva da parte della Commissione del Piano per la ripresa e la resilienza dell’Italia e la sua adozione da parte del Consiglio.

Il regime, che durerà fino al 30 giugno 2026, è volto a sostenere le aziende agricole, allevatorie e agroindustriali a investire nell’uso delle energie rinnovabili. Ciò migliorerà la competitività del settore e avrà effetti positivi sul clima.

Nell’ambito del regime, il sostegno assumerà la forma di sovvenzioni dirette che coprono fino al 90 % dei costi di investimento ammissibili. Tali costi sono soggetti a massimali a seconda della capacità dell’impianto fotovoltaico. I beneficiari possono investire solo in capacità fotovoltaiche non eccedenti il ​​loro fabbisogno energetico.

La Commissione ha valutato il regime in base alle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, e in particolare agli orientamenti per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e all’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) , del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, che consente agli Stati membri di sostenere lo sviluppo di determinate attività economiche a determinate condizioni.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

L’EUSALP Energy Award riconosce le migliori pratiche che stanno contribuendo all’attuazione della transizione energetica nell’area alpina attraverso l’introduzione di misure di energia rinnovabile e di efficienza energetica. Lo rende noto il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Le Alpi sono un ambiente sensibile in cui gli impatti del riscaldamento globale stanno procedendo rapidamente. Le regioni montane sono ancor più colpite dai fenomeni legati ai cambiamenti climatici. La decarbonizzazione del settore energetico attraverso soluzioni che migliorano l’efficienza energetica e il lancio di energie rinnovabili sono necessari per mitigare il cambiamento climatico.

Le caratteristiche geografiche e strutturali delle Alpi offrono un buon potenziale per rendere la regione alpina una “regione modello per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica” europea, come previsto dalla Strategia dell’Unione europea per la regione alpina (EUSALP) Piano d’azione dell’Unione europea (UE ).

Il premio edizione 2022 premia le attività e i progetti di cittadini, comuni, start-up, imprese consolidate, istituti di ricerca e ONG che sono esemplari per il coinvolgimento dei cittadini nella transizione energetica. La giuria accoglie proposte nei seguenti campi d’azione:

Comunicazione e sensibilizzazione verso i cittadini

Approcci partecipativi per implementare l’efficienza energetica e le energie rinnovabili a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale

Modelli di finanziamento innovativi per supportare la transizione energetica e il coinvolgimento dei cittadini

Una giuria di esperti internazionali seleziona per la prima volta i progetti presentati nel 2022. I vincitori saranno invitati a una cerimonia di premiazione internazionale a Bolzano/Bozen l’11 ottobre durante la EUSALP Energy Conference (maggiori informazioni sul sito EUSALP).
0