E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha approvato, ai sensi della normativa UE sugli aiuti di Stato, un regime italiano da 1,2 miliardi di euro messo a disposizione attraverso il Recovery and Resilience Facility (“RRF”) per sostenere gli investimenti in pannelli fotovoltaici nel settore agricolo. Il regime contribuirà inoltre agli obiettivi strategici dell’UE relativi al Green Deal dell’UE.

La misura notificata dall’Italia, con una dotazione di 1,2 miliardi di euro, sarà interamente finanziata tramite il RRF, a seguito della valutazione positiva da parte della Commissione del Piano per la ripresa e la resilienza dell’Italia e la sua adozione da parte del Consiglio.

Il regime, che durerà fino al 30 giugno 2026, è volto a sostenere le aziende agricole, allevatorie e agroindustriali a investire nell’uso delle energie rinnovabili. Ciò migliorerà la competitività del settore e avrà effetti positivi sul clima.

Nell’ambito del regime, il sostegno assumerà la forma di sovvenzioni dirette che coprono fino al 90 % dei costi di investimento ammissibili. Tali costi sono soggetti a massimali a seconda della capacità dell’impianto fotovoltaico. I beneficiari possono investire solo in capacità fotovoltaiche non eccedenti il ​​loro fabbisogno energetico.

La Commissione ha valutato il regime in base alle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato, e in particolare agli orientamenti per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e all’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) , del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, che consente agli Stati membri di sostenere lo sviluppo di determinate attività economiche a determinate condizioni.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

L’EUSALP Energy Award riconosce le migliori pratiche che stanno contribuendo all’attuazione della transizione energetica nell’area alpina attraverso l’introduzione di misure di energia rinnovabile e di efficienza energetica. Lo rende noto il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Le Alpi sono un ambiente sensibile in cui gli impatti del riscaldamento globale stanno procedendo rapidamente. Le regioni montane sono ancor più colpite dai fenomeni legati ai cambiamenti climatici. La decarbonizzazione del settore energetico attraverso soluzioni che migliorano l’efficienza energetica e il lancio di energie rinnovabili sono necessari per mitigare il cambiamento climatico.

Le caratteristiche geografiche e strutturali delle Alpi offrono un buon potenziale per rendere la regione alpina una “regione modello per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica” europea, come previsto dalla Strategia dell’Unione europea per la regione alpina (EUSALP) Piano d’azione dell’Unione europea (UE ).

Il premio edizione 2022 premia le attività e i progetti di cittadini, comuni, start-up, imprese consolidate, istituti di ricerca e ONG che sono esemplari per il coinvolgimento dei cittadini nella transizione energetica. La giuria accoglie proposte nei seguenti campi d’azione:

Comunicazione e sensibilizzazione verso i cittadini

Approcci partecipativi per implementare l’efficienza energetica e le energie rinnovabili a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale

Modelli di finanziamento innovativi per supportare la transizione energetica e il coinvolgimento dei cittadini

Una giuria di esperti internazionali seleziona per la prima volta i progetti presentati nel 2022. I vincitori saranno invitati a una cerimonia di premiazione internazionale a Bolzano/Bozen l’11 ottobre durante la EUSALP Energy Conference (maggiori informazioni sul sito EUSALP).
0