E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il sito della Politica regionale della Commissione europea informa che ci si può ancora registrarti per partecipare alla 2a edizione della conferenza Cohesion for Transition (C4T) online.

Il 4 giugno 2024, la DG REGIO e il segretariato C4T ospiteranno la seconda edizione della conferenza C4T, incentrata su “Transizioni di sostenibilità nella politica di coesione: dalla politica alla pratica”.

L’evento riunirà autorità di gestione, regioni, autorità locali e altre parti interessate coinvolte negli investimenti nella transizione alla sostenibilità nell’ambito del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e del Fondo di coesione (FC) per il periodo 2021-2027.

Le discussioni chiave riguarderanno il ruolo degli attori locali e della società civile nel guidare le transizioni verso la sostenibilità, con esempi e testimonianze di vita reale per ispirare il passaggio verso un’economia più verde e a basse emissioni di carbonio.

Sono ancora aperte le iscrizioni per partecipare online. Per maggiori informazioni e per iscriverti, clicca qui.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo (PE) ha adottato nei giorni scorsi misure legislative per facilitare la diffusione di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio, compreso l’idrogeno, nel mercato del gas europeo.

La nuova direttiva e il nuovo regolamento sui mercati del gas e dell’idrogeno mirano a decarbonizzare il settore energetico dell’UE, migliorando la produzione e l’integrazione di gas rinnovabili e idrogeno. Queste misure, scrive Strasburgo, hanno anche l’obiettivo di garantire l’approvvigionamento energetico interrotto dalle tensioni geopolitiche, in particolare la guerra russa contro l’Ucraina, e per affrontare i cambiamenti climatici.

Nei negoziati con il Consiglio dell’Unione europea sulla direttiva, i deputati europei sono riusciti a includere disposizioni in materia di trasparenza, diritti dei consumatori e sostegno alle persone a rischio di povertà energetica.

Il nuovo regolamento, sottolinea la nota di Strasburgo, rafforzerà i meccanismi per un prezzo equo e un approvvigionamento energetico stabile e consentirà agli Stati membri di limitare le importazioni di gas dalla Russia e dalla Bielorussia. La legislazione introdurrà infatti un sistema comune di acquisto di gas per evitare la concorrenza tra gli Stati membri.

Il regolamento si concentra inoltre sull’aumento degli investimenti nelle infrastrutture dell’idrogeno, in particolare nelle regioni carbonifere, promuovendo una transizione verso fonti energetiche sostenibili come il biometano e l’idrogeno a basse emissioni di carbonio.

Entrambi i testi dovranno ora essere formalmente adottati dal Consiglio prima della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’UE e della loro entrata in vigore.

Il pacchetto di misure legislative riflette le crescenti ambizioni dell’UE in materia di clima, come indicato nel Green Deal europeo e nel pacchetto “Pronti per il 55%” (in inglese Fit for 55).

La direttiva aggiornata mira a decarbonizzare il settore energetico e comprende disposizioni sui diritti dei consumatori, sui gestori dei sistemi di trasmissione e distribuzione, sull’accesso di terzi, sulla pianificazione integrata delle reti e sulle autorità di regolamentazione indipendenti.

Il regolamento aggiornato spingerà le infrastrutture esistenti per il gas naturale a integrare una quota maggiore di idrogeno e gas rinnovabili, attraverso sconti tariffari elevati. Comprende disposizioni volte a facilitare la miscelazione di idrogeno con gas naturale e gas rinnovabili e una maggiore cooperazione dell’UE in materia di qualità e stoccaggio del gas.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


L’ iniziativa New European Bauhaus promuove la cooperazione tra cittadini, esperti, imprese e istituzioni, che lavorano tutti insieme per ripensare lo stile di vita sostenibile non solo in Europa ma anche come modello per il resto del mondo.

Va oltre il concetto e l’ideazione; e fornisce l’accesso ai fondi dell’UE per iniziative che siano allo stesso tempo spettacolari e rispettose dell’ambiente, con l’inclusività al centro.

L’ edizione 2024 dei Nuovi Premi Europei Bauhaus offre un elenco di 4 categorie principali, ciascuna con 2 filoni.

I 2 filoni in competizione sono:

“Campioni” indica progetti in corso o completati;

“Astri nascenti” è rivolto ai talenti emergenti e fornisce uno sfondo diversificato per la creatività ( target: giovani di -30 anni! ).

I Nuovi Premi Europei Bauhaus quest’anno abbracciano l’Ucraina, ampliando la loro portata oltre i Balcani occidentali e gli Stati membri dell’UE. I premi definiti come “Riconoscimento speciale allo sforzo di ricostruzione e ripresa dell’Ucraina” hanno lo scopo di incoraggiare il lavoro di restauro in corso in Ucraina e onorare la sua dedizione nella creazione di un futuro migliore.

Inoltre, un quarto dei premi sarà assegnato a progetti che hanno un impatto positivo su aree geografiche con difficoltà socioeconomiche e che necessitano urgentemente di una transizione verso un’economia a zero emissioni di carbonio.

Per saperne di più su questi premi e su come candidarti, visita la pagina dei Nuovi Premi Europei Bauhaus 2024.

Le domande possono essere presentate in inglese fino al 10 novembre alle 19.

Invia la candidatura
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del Parlamento europeo presenta un approfondimento sull’Unione europea e le energie rinnovabili.

L’energia è responsabile per più di tre quarti delle emissioni di gas ad effetto serra dell’UE. All’interno di questo comparto vi sono la produzione di elettricità, il riscaldamento e il trasporto – tutti settori essenziali per la vita di tutti i giorni. L’aumento delle energie rinnovabili è la chiave per ridurre le emissioni nel settore e raggiungere entro il 2050 gli ambiziosi obiettivi per la neutralità climatica.

Per i Paesi dell’UE, lo sviluppo delle energie rinnovabili è anche un modo per ridurre la dipendenza dall’importazione di energia e di rimanere esposti alle interruzioni delle forniture che possono incidere sui prezzi.

In parallelo, l’UE è al lavoro su alcune misure per favorire il risparmio energetico.

Approfondisci sull’azione dell’UE per ridurre le emissioni.


Nel contesto del conflitto in Ucraina e per fronteggiare la dipendenza dai combustibili fossili russi, a dicembre il Parlamento europeo dovrebbe votare misure aggiuntive per accelerare la quota di rinnovabili nell’UE. Tra le misure proposte vi sono:

la riduzione della burocrazia e dei tempi per il rilascio di autorizzazioni per progetti di rinnovabili e ripotenziamento di impianti esistenti o nuovi impianti

il graduale eliminazione dei combustibili derivati dalla biomassa legnosa primaria

l’accelerazione dell’impiego di apparecchiature per l’energia solare in strutture artificiali

l’implementazione di un gran numero di nuove pompe di calore, entro il 2030, per ridurre l’uso del gas nel settore del riscaldamento.

Approfondisci sugli obiettivi per le energie rinnovabili nell’UE

Quando l’idrogeno viene impiegato come fonte di energia, questo non emette gas ad effetto serra, ciò significa che tale risorsa potrebbe contribuire alla decarbonizzazione in quei settori in cui ridurre le emissioni di Co2 è più complicato. Si stima che l’idrogeno potrebbe fornire dal 20 al 50% del fabbisogno europeo nei trasporti e tra il 5 e il 20% nel settore industriale entro il 2050.

Tuttavia, ai fini della sostenibilità, la produzione dell’idrogeno deve avvenire per mezzo di energia elettrica. Il Parlamento europeo ha insistito sull’importanza di una chiara distinzione tra idrogeno rinnovabile e a basse emissioni, nonché sulla graduale eliminazione dell’idrogeno ricavato dai combustibili fossili.

Nei piani per l’aggiornamento delle regole sulle rinnovabili UE, il Parlamento europeo invoca un aumento dell’idrogeno insieme alla semplificazione del sistema per garantirne l’origine.

Al momento, l’eolico è l’unico tipo di risorsa rinnovabile utilizzata su scala commerciale, continua il sito del Parlamento, tuttavia l’UE sta analizzando le altre possibilità in termini di risorse, quali ad esempio l’energia delle maree e delle onde, l’energia solare galleggiante e le alghe per i biocarburanti.

La Commissione europea ha proposto una strategia a livello UE per incrementare la produzione di elettricità dalle risorse rinnovabili. Soltanto in termini di capacità eolica offshore, si passerebbe dagli attuali 12 GW a 300 GW entro il 2050. Il Parlamento definirà la propria posizione in seguito.

Poiché a livello europeo il trasporto su strada rappresenta circa un quinto delle emissioni di carbonio, l’UE vuole sostituire i combustibili fossili con combustibili rinnovabili e a basse emissioni di carbonio. Ad esempio, i combustibili rinnovabili includono combustibili da biomassa e biocarburanti, combustibili sintetici e paraffinici, compresa l’ammoniaca, prodotti da energia rinnovabile.

Inoltre, il passaggio a veicoli a emissioni zero deve andare di pari passo con un’infrastruttura completa di stazioni di ricarica e rifornimento.

Nell’ottobre 2022, il Parlamento europeo ha adottato la propria posizione sulle norme relative alle infrastrutture necessarie per rendere le stazioni di ricarica e di rifornimento più accessibili attraverso l’Europa. Entro il 2026 gli eurodeputati vogliono che 60 chilometri siano presenti aree di ricarica auto almeno ogni 60 km sulle principali strade europee.

Approfondimento sui carburanti alternativi

L’UE ha rivisto le proprie norme sul finanziamento dei progetti di infrastrutture energetiche transfrontaliere, al fine di raggiungere i propri obiettivi climatici. Le nuove norme mirano a eliminare gradualmente i finanziamenti dell’UE per i progetti sul gas naturale e reindirizzare i fondi verso le infrastrutture per l’idrogeno e la cattura e lo stoccaggio del carbonio.

Le norme sono entrate in vigore nel giugno 2022. Gli eurodeputati hanno spinto con successo per più progetti di energia rinnovabile offshore e per facilitare la loro integrazione nelle reti dell’UE. Tutti i nuovi progetti infrastrutturali devono contribuire agli obiettivi climatici dell’UE per il 2030 e il 2050, ponendo effettivamente fine al sostegno dell’UE alle infrastrutture basate sui combustibili fossili.

Approfondimento sul finanziamento delle infrastrutture energetiche transfrontaliere.

Per sostenere le famiglie vulnerabili e le piccole imprese durante la transizione energetica, l’UE vuole istituire il Fondo sociale per il clima, con un budget stimato di 16,4 miliardi di euro fino al 2027, raggiungendo potenzialmente 72 miliardi di euro entro il 2032.

Il Fondo includerebbe incentivi per il passaggio alle energie rinnovabili, nonché misure per ridurre le tasse e le tasse sull’energia, incentivi per il rinnovamento degli edifici e il car-sharing e lo sviluppo di un mercato dell’usato per i veicoli elettrici. Il Parlamento sta negoziando con i governi dell’UE sul fondo.

Maggiori informazioni sul Fondo sociale per il clima

L’energia dell’UE in cifre: portafoglio statistico 2021

Statistiche sulle energie rinnovabili

Studio: energia solare nell’UE (agosto 2022) (EN)
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nella sua ultima plenaria, il Comitato economico e sociale europeo sul proprio sito informa (CESE) di aver ribadito il suo forte sostegno agli impegni del Green Deal, anche se gli effetti economici sulla guerra in corso in Ucraina non possono essere ignorati. Il CESE ha adottato un parere di iniziativa sulle tecnologie di decarbonizzazione dell’industria dell’UE. Il CESE ribadisce la necessità di mantenere una solida base industriale nell’UE.

L’adozione della legge sul clima dell’Unione europea, scrive il CESE, ha fissato un ambizioso obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030, confermando al contempo l’obiettivo di neutralità climatica per il 2050. Il raggiungimento di questo obiettivo richiede l’impiego di tecnologie per la rimozione dell’anidride carbonica (CDR). Quanto meno rapide e rigorose sono le riduzioni delle emissioni di gas serra, tanto più forte è la dipendenza dal CDR per il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi.

La decarbonizzazione richiederà una profonda trasformazione delle attività industriali nell’arco di 30 anni”, ha affermato il parere . ”Sebbene esistano già alcune tecnologie a basse emissioni di carbonio, il loro progresso è ancora lento. Avremo bisogno di tabelle di marcia tecnologiche ambiziose per potenziare e diffondere ampiamente queste tecnologie rivoluzionarie e l’UE deve promuovere l’innovazione attraverso i fondi per il clima e l’innovazione”.

Lo sviluppo delle tecnologie, l’istruzione e la riqualificazione della forza lavoro sono vitali per la transizione verde nell’industria manifatturiera. Il dialogo sociale a livello europeo, degli Stati membri e regionale dovrebbe sostenere la consapevolezza, l’accettazione e il sostegno per una transizione verde e giusta nel settore. Il rafforzamento delle capacità e i progetti per stabilire le competenze chiave saranno essenziali al fine di garantire un’efficace transizione industriale che non lasci indietro nessuno .


Il pacchetto legislativo Fit for 55 promuove indirettamente alcune tecnologie CDR senza proporre una strategia integrata, mentre le tecnologie CDR su scala industriale saranno fondamentali per raggiungere l’obiettivo di neutralità climatica al 2050. Inoltre, queste tecnologie pongono una serie di sfide, in termini di effetti negativi e disponibilità del pubblico ad accettarli. Infine, ma non meno importante, le tecnologie CDR industriali possono creare catene del valore guida in Europa se l’UE è tra i primi a muoversi sviluppare queste soluzioni complementari.

Il CESE chiede di preservare la competitività dell’industria europea: l’UE è pioniera nella riduzione delle emissioni di CO₂, ma ha bisogno di altri attori per seguire la sua ambizione climatica. Poiché la crisi climatica è globale, la diplomazia dell’Unione europea deve intensificare i propri sforzi per persuadere efficacemente i paesi terzi a intensificare gli sforzi per combatterla. Indipendentemente dagli ambiziosi obiettivi politici dell’UE, l’UE diventerà sempre più un pioniere per la decarbonizzazione delle industrie grazie al suo sostegno politico e alla conoscenza pratica delle capacità industriali delle imprese e dei loro lavoratori, delle tecnologie e dei modi necessari per anticipare il cambiamento, consentendo pratiche misure da adottare di conseguenza.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un’azione coraggiosa e sostenuta deve iniziare ora e massimizzare l’uso di tutte le tecnologie a basse e zero emissioni di carbonio se vogliamo raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, avverte la tabella di marcia per la neutralità del carbonio per Europa, Nord America e Asia centrale pubblicata il 19 settembre dall’UNECE– Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite in in vista dei colloqui critici sul clima alla COP27.

Il rapporto, che si basa sul contributo di esperti internazionali e data scientist provenienti da tutta Europa, Nord America e Asia centrale, identifica una gamma di soluzioni tecnologiche e politiche affinché la regione raggiunga la neutralità del carbonio entro il 2050, nonostante l’attuale crisi energetica e geopolitica. Rileva che gli investimenti in energia come % del prodotto interno lordo dovrebbero aumentare dall’1,24% nel 2020 al 2,05% all’anno dal 2025 al 2050. Ciò valuta l’investimento necessario tra 44,8 e 47,3 trilioni di dollari entro il 2050, con qualsiasi ulteriore ritardo nell’agire aggiungendo al conto. Come esemplificato dai costi esponenziali degli eventi meteorologici estremi registrati quest’estate e negli ultimi anni, l’inazione ha un costo molto più elevato per la società.

Attualmente, oltre l’80% del mix di energia primaria nella regione dell’UNECE è basato sui combustibili fossili. I modelli climatici indicano che le attuali azioni nazionali e gli obiettivi internazionali sul clima stabiliti nell’accordo di Parigi e nella COP26 non riescono a garantire la neutralità del carbonio e a limitare il riscaldamento globale a 1,5-2 °C.

Per raggiungere la carbon neutrality, il rapporto mostra che la regione UNECE deve:

Diversificare la fornitura di energia primaria e finale con tutte le tecnologie a basse e zero emissioni di carbonio

Accelerare l’eliminazione graduale dei combustibili fossili senza sosta

Elettrificazione su larga scala di tutti i settori con particolare attenzione alle energie rinnovabili e al nucleare. Dovranno essere sviluppate nuove forme di accumulo di energia (elettrica, meccanica, termica, chimica) per ridurre la necessità di backup di energia fossile.

Sviluppare capacità per supportare l’innovazione diffusa di tecnologie a basse e zero emissioni di carbonio come la cattura, l’uso e lo stoccaggio del carbonio (CCUS), l’idrogeno e l’energia nucleare avanzata.

Sebbene gli approcci varino a livello subregionale, il rapporto identifica azioni politiche specifiche che i governi devono adottare. Richiede un maggiore trasferimento e dispiegamento di tecnologia e capacità istituzionale per pianificare e guidare una trasformazione ambiziosa dei sistemi energetici. Queste azioni sosterranno l’adesione e l’adozione da parte di tutte le parti interessate per costruire sistemi energetici sicuri, convenienti e a emissioni zero.

Le decisioni energetiche dei paesi dovrebbero tenere conto dell’impatto comparativo del carbonio sull’intero ciclo di vita di tutte le tecnologie di generazione e delle infrastrutture di supporto, come evidenziato nella valutazione del ciclo di vita delle fonti di elettricità pubblicata di recente.

La relazione ricorda che una cooperazione internazionale coordinata sarà essenziale per ottenere sistemi energetici a emissioni zero. L’UNECE fornisce una piattaforma inclusiva e neutrale tanto necessaria per lo sviluppo di regole, standard e norme per lo stile di vita sistemico e i cambiamenti infrastrutturali. Politiche di sostegno, incentivi e quadri normativi incoraggiano la cooperazione tecnica regionale e subregionale tra i settori dell’energia, dell’industria, dell’edilizia e dei trasporti per progetti di interesse comune e partenariati pubblico-privato.
0