E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato nei giorni scorsi i vincitori della terza edizione del premio Capitali europee dell’inclusione e della diversità. Il premio è un riconoscimento che va alle città e alle regioni dell’UE che danno il buon esempio nel settore delle politiche inclusive.

I vincitori di quest’anno sono città e comuni di Croazia, Italia, Slovenia, Spagna e Svezia per l’impegno dimostrato per costruire società più eque, promuovendo la diversità e l’inclusione indipendentemente dal sesso, dalla razza e origine etnica, dalla religione e dalle convinzioni personali, dalla disabilità, dell’età e dall’orientamento sessuale.

Nella categoria “autorità locali con meno di 50 000 abitanti” la prima classificata è la città di Corbetta, comune di 18 740 abitanti della città metropolitana di Milano, per la sua vasta gamma di azioni e iniziative con una prospettiva intersezionale e partecipativa, in particolare in relazione alle persone con disabilità, alle donne e alle persone LGBTIQ.

Corbetta si è aggiudicato anche il Premio del pubblico.

EU Diversity – iniziative e premi 2024
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I finanziamenti e gli investimenti negli enti locali e regionali devono essere protetti.
I partner europei del dialogo sociale settoriale per i sindacati dei governi locali e regionali sono preoccupati per la revisione delle regole di governance economica dell’UE.


Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE/CEMR) e la Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (FSESP) temono che la proposta riduzione della spesa pubblica possa avere un impatto negativo sui servizi essenziali forniti dai governi locali e regionali.

Le istituzioni dell’UE stanno attualmente riformando il quadro di governance economica dell’UE. I calcoli del Bruegel Institute indicano che diversi Stati membri dovranno ridurre la spesa pubblica nel 2025 e nei prossimi anni, spesso nell’ordine di miliardi di euro, nell’ambito di questo mandato.

Questa non sarebbe la prima volta che l’UE dà indicazioni agli Stati membri per ridurre la spesa pubblica, scrive il CCRE/CEMR sul proprio sito. Gli effetti di tali misure hanno avuto un forte impatto sui finanziamenti ai governi locali e regionali e, quindi, sulla loro capacità di fornire servizi di qualità ai cittadini. I governi locali sono i primi a rispondere ai bisogni immediati dei cittadini: forniscono servizi che consentono a tutte le nostre comunità di prosperare. Dalla pubblica amministrazione all’edilizia abitativa e ai servizi sociali, dai vigili del fuoco alla raccolta rifiuti: sottofinanziare significa mettere a repentaglio l’erogazione e la qualità dei servizi ai cittadini.

I finanziamenti insufficienti per i governi locali e regionali aggravano le disuguaglianze e le disparità tra regioni e comuni, nonché tra aree rurali e urbane. Senza risorse adeguate, gli enti locali e regionali faticano ad affrontare questioni urgenti quali la disoccupazione, la carenza di manodopera e di competenze, le condizioni di lavoro, l’inclusione sociale e la transizione digitale e verde.

Inoltre, le riduzioni della spesa pubblica colpiscono più duramente le donne. Il sottofinanziamento contribuisce alla persistenza del divario retributivo di genere nell’UE, dato che la maggioranza dei lavoratori del settore sono donne, spesso a bassa retribuzione. Inoltre, le donne dipendono maggiormente dai servizi pubblici locali.

Inoltre, i governi locali e regionali garantiscono la democrazia e la parità di accesso per tutti i cittadini. A soli due mesi dalle elezioni europee, è importante ricordare che sottofinanziare i governi locali significa sottofinanziare le nostre democrazie.

Il CCRE/CEMR Esorta i politici europei a valutare attentamente le implicazioni che la riforma del quadro di governance economica avrà sui governi locali e regionali nell’UE. “L’impatto di queste norme non può ostacolare la capacità dei governi locali e regionali di adempiere al proprio mandato e fornire servizi essenziali ai cittadini. In quanto parti sociali settoriali nei governi locali e regionali, ci impegniamo a continuare a sostenere l’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali verso un’Europa sociale per tutti. Questa riforma economica non deve limitare questa ambizione europea”, afferma il CCRE/CEMR.

Il CCRE/CEMR si aspetta “regole di governance economica che proteggano i finanziamenti e gli investimenti di cui i governi locali e regionali hanno bisogno per servire le loro comunità con i servizi che i cittadini europei meritano”.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 29 febbraio 2024, 4,2 milioni di cittadini di paesi terzi, fuggiti dall’Ucraina a seguito della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina iniziata il 24 febbraio 2022, avevano lo status di protezione temporanea nell’UE.Lo rende noto il sito Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.



Alla fine di febbraio 2024, i paesi dell’UE che ospitavano il maggior numero di beneficiari di protezione temporanea dall’Ucraina erano la Germania (1.286.580 persone; 30,4% del totale dell’UE), Polonia (957.200; 22,6%) e Repubblica ceca (385.075; 9,1%).

Rispetto alla fine di gennaio 2024, i maggiori aumenti assoluti nel numero di beneficiari sono stati osservati in Germania (+16.430; +1,3%), Polonia (+5.640; +0,6%) e Repubblica ceca (+3.885; + 1,0%).

Il numero di beneficiari è diminuito in 5 paesi dell’UE, vale a dire Austria (-1 420 persone; -1,7%), Francia (-685; -1,1%), Estonia (-550; -1,5%), Paesi Bassi (-120; – 0,1%) e Malta (-20; -1,0%).

I dati presentati si riferiscono all’attribuzione dello status di protezione temporanea sulla base della decisione di esecuzione 2022/382 del Consiglio del 4 marzo 2022, che stabilisce l’esistenza di un afflusso massiccio di sfollati dall’Ucraina a causa della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, e avendo l’effetto dell’introduzione della protezione temporanea.

Il 28 settembre 2023 il Consiglio europeo ha deciso di estendere la protezione temporanea per le persone in fuga dalla guerra di aggressione russa contro l’Ucraina dal 4 marzo 2024 al 4 marzo 2025.

Rispetto alla popolazione di ciascun paese dell’UE, il numero più elevato di beneficiari totali di protezione temporanea per mille persone alla fine di febbraio 2024 è stato osservato in Repubblica Ceca (35,6), Lituania (26,5) e Polonia (26,0), mentre il dato corrispondente alla fine di febbraio 2024 Il livello dell’UE era di 9,4 per mille persone.

Al 29 febbraio 2024 i cittadini ucraini rappresentavano oltre il 98% dei beneficiari di protezione temporanea. Le donne adulte costituivano quasi la metà (46,0%) dei beneficiari di protezione temporanea nell’UE. I bambini rappresentavano quasi un terzo (32,9%), mentre gli uomini adulti costituivano poco più di un quinto (21,2%) del totale.

Statistiche e Spiegazione sulla protezione temporanea per le persone in fuga dall’Ucraina

Articolo Eurostat sulle statistiche mensili sull’asilo

Articolo Eurostat sulle statistiche annuali sull’asilo

Sezione tematica Eurostat sull’impatto della guerra in Ucraina

Sezione tematica Eurostat sulle statistiche sull’immigrazione e sull’asilo

Banca dati Eurostat sulle statistiche sull’asilo
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel terzo trimestre del 2023, nell’UE, la maggioranza degli occupati di età compresa tra 15 e 64 anni erano uomini, 53,5% uomini rispetto al 46,5% donne.

Tuttavia, in alcuni dei principali gruppi professionali classificati dall’International Standard Classification of Occupations (ISCO), le donne rappresentavano la quota maggiore: il 65,8% degli impiegati di supporto erano donne, il 63,5% degli addetti ai servizi e alle vendite, il 54,3% dei professionisti, ad esempio scienziati, insegnanti e il 53,0% di coloro che svolgevano professioni elementari erano donne.

Lo rende noto il sito di eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.

Tra i tecnici e i professionisti associati le donne erano equamente rappresentate quanto gli uomini (50,0%).

Osservando la classificazione ISCO più dettagliata, le donne nell’UE costituiscono la stragrande maggioranza delle persone impiegate in professioni specifiche, tra cui assistenti all’infanzia e assistenti insegnanti (92,6% del totale degli occupati in questa professione nel terzo trimestre del 2023), segretarie (89,3%), insegnanti della scuola primaria e della prima infanzia (88,2%), professionisti infermieristici e ostetrici (87,5%) e colf e aiutanti domestici, alberghieri e d’ufficio (86,5%).

Le donne rappresentavano solo una piccola minoranza tra i lavoratori del settore edilizio e affini (1,4% del totale delle persone occupate in questa professione nel terzo trimestre del 2023), tra i lavoratori impiegati nei meccanici e riparatori di macchinari (2,9%), tra gli installatori e riparatori di apparecchiature elettriche ( 3,1%), lattonieri, carpentieri, scorniciatori, saldatori e operai affini (3,7%) e autisti di autocarri pesanti e autobus (3,8%).

Articolo Eurostat sulle statistiche di genere

Banca dati Eurostat sull’uguaglianza di genere
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 28 febbraio, il Parlamento europeo (PE) ha messo in guardia contro il declino democratico di molti Stati membri e hanno criticato l’inerzia della Commissione nel salvaguardare i valori dell’UE.

Nella sua valutazione del rapporto 2023 sullo Stato di diritto della Commissione europea, approvato dalla commissione per le libertà civili del PE a gennaio, il Parlamento prende atto di alcuni sviluppi positivi e concreti, tra cui gli sforzi del nuovo governo polacco per rafforzare lo Stato di diritto e la libertà dei media, sottolineando al contempo la persistente minacce alla democrazia, allo Stato di diritto e ai diritti fondamentali, nonché problemi o incidenti specifici in diversi Stati membri dell’UE.

Il Parlamento europeo rileva le differenze tra gli Stati membri in termini di indipendenza della magistratura, soprattutto per quanto riguarda la nomina dei giudici di alto livello, anche in Ungheria. I deputati europei sono preoccupati per i cambiamenti proposti nelle istituzioni e nel panorama dei media in Slovacchia, nonché per la proposta di legge sull’amnistia in Spagna. La corruzione rimane una preoccupazione significativa per Strasburgo, che condanna nuovamente le denunciate pratiche sistemiche discriminatorie, non trasparenti e sleali contro le aziende di alcuni settori in Ungheria e l’uso dei fondi UE per arricchire gli alleati politici del governo del paese, mentre persistono ostacoli per gli informatori.

I deputati europei vogliono porre fine alla cittadinanza attraverso programmi di investimento come quello di Malta e richiamano l’attenzione sul riciclaggio di denaro, una questione transfrontaliera intrinsecamente legata alla corruzione. Anche l’indipendenza delle autorità di controllo è minacciata, come nel caso della gestione dello scandalo spyware da parte della Grecia, mentre c’è ancora molto lavoro da fare per proteggere i giornalisti dagli SLAPP e da altre minacce.

La società civile deve affrontare sfide in molti paesi, inclusa la Slovacchia, dove sono stati annunciati piani per limitare il lavoro delle ONG e stigmatizzare le organizzazioni che ricevono finanziamenti esteri. I deputati europei deplorano l’uso eccessivo della forza, il trattamento discriminatorio da parte della polizia e l’uso sproporzionato della forza contro i manifestanti, facendo riferimento in particolare alle detenzioni di massa in Francia e all’uccisione di tre giovani rom in Grecia. Il Parlamento afferma che il declino dei diritti e l’indebolimento dei diritti delle minoranze hanno un impatto sulle minoranze religiose, sulle persone LGBTIQ, sulle donne, sui rifugiati e sui migranti.

Ancora una volta, il PE sottolinea che il monitoraggio della Commissione europea non è sufficiente e dovrebbe evolversi per includere azioni concrete di applicazione della normativa , condannando il mancato rispetto, a volte “aperto e spudorato”, del diritto dell’UE da parte di diversi Stati membri.

0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Se la democrazia locale verrà rafforzata, se i diritti umani saranno attuati a tutti i livelli, se i giovani riacquisteranno il gusto per il coinvolgimento politico e se le nostre democrazie metteranno in atto nuove forme di partecipazione dei cittadini, ciò significherà che stiamo garantendo un reale seguito rispettare sul campo gli impegni assunti a Reykjavik – e il Congresso è pronto ad accogliere queste grandi sfide”, ha sottolineato il Presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Congresso d’Europa Marc Cools durante il suo scambio di opinioni con i Deputati del Comitato dei Ministri svoltosi nei giorni scorsi a Strasburgo.

Il Presidente ha accolto con favore la maggiore capacità del Congresso di proteggere la democrazia locale monitorando la Carta e osservando le elezioni.

Ha fatto inoltre riferimento al dialogo rafforzato ad alto livello sul decentramento e sulle elezioni locali in Ucraina, nonché alla promozione del Registro dei danni attraverso le sue reti per garantire il contributo delle autorità locali e dei cittadini, che figura anche tra le priorità del Congresso.

Il Presidente ha concluso sottolineando che quest’anno, che segna il 30° anniversario del Congresso e il 10° anniversario dell’iniziativa dei Delegati della Gioventù, si porrà l’accento sull’importanza di un maggiore coinvolgimento di tutte le forze che muovono il livello territoriale: autorità elette, associazioni, società civile, giovani e donne, con l’organizzazione in particolare della conferenza delle associazioni nazionali degli enti locali e regionali per diffondere il lavoro e i valori dell’Organizzazione a tutte le comunità locali e regioni d’Europa.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Neva Tölle, una cittadina croata che ha trascorso quasi tutta la sua vita adulta lavorando per proteggere le donne dalla violenza domestica, ha ricevuto il Premio Raoul Wallenberg 2024 del Consiglio d’Europa in riconoscimento del suo ruolo pionieristico, del suo coraggio e della sua determinazione nel fornire assistenza alle vittime e nel promuovere un cambiamento nella percezione pubblica, nella legislazione e nelle politiche per prevenire e combattere la violenza domestica. Alla cerimonia di premiazione a Strasburgo, la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić ha dichiarato: “Combattere una battaglia come questa significa superare molti ostacoli. So che ha subito minacce, intimidazioni e impedimenti di vario genere nel corso degli anni. Ma lei ha perseverato. Il suo coraggio e la sua determinazione hanno aiutato chi ne aveva bisogno e hanno contribuito a cambiare l’opinione pubblica e a garantire leggi migliori e giuste. Ha letteralmente salvato delle vite”.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un dibattito organizzato dal Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha evidenziato che, nonostante le recenti iniziative, gli uomini continuano a essere la maggioranza nei settori delle scienze, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica. L’UE deve adottare nuove misure specifiche per promuovere la partecipazione delle donne e garantire così una transizione verde e digitale giusta.

I settori all’avanguardia delle nuove tecnologie continuano a essere tra gli ambiti di lavoro a minor tasso di diversità e inclusione. Le scienze, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica, le cosiddette “STEM”, sono ancora a predominanza maschile, e le attuali politiche in materia di occupazione verde rischiano di rafforzare ulteriormente le disuguaglianze di genere nel mercato del lavoro e di ostacolare una transizione giusta.

Il dibattito tematico sul tema Le donne in una transizione equa sotto il profilo del genere, organizzato recentemente dalla sezione Trasporti, energia, infrastrutture e società dell’informazione (TEN) del CESE, ha messo in luce dati allarmanti.

La ricerca dimostra che nel settore dell’energia circa l’80 % della forza lavoro è costituito da uomini. Per quanto riguarda in particolare le energie rinnovabili, le donne rappresentano in media il 35 % della manodopera, una quota leggermente più elevata ma ancora significativamente squilibrata.

Questo divario non riflette necessariamente la mancanza di partecipazione femminile all’istruzione nelle discipline STEM. La maggior parte degli studenti di master nelle materie scientifiche sono donne, ma rispetto agli uomini esse tendono ad abbandonare il settore in percentuali più elevate, un fenomeno noto con il termine leaky pipeline (“conduttura che perde”).

Inoltre, come nel resto del mercato del lavoro, permangono i consueti divari di genere, e le donne sono ancora sovrarappresentate nei settori a bassa retribuzione e sottorappresentate nelle posizioni decisionali.

Nel complesso, sebbene esistano ancora disuguaglianze, negli ultimi anni l’UE ha compiuto progressi significativi. Nel 2020 la Commissione europea ha adottato la strategia per la parità di genere 2020‑2025, nella quale si evidenziano le norme sociali discriminatorie e gli stereotipi sulle competenze delle donne e degli uomini e si mette in rilievo la sottovalutazione del lavoro femminile in determinati settori.

L’obiettivo finale è quello di un’Europa equa dal punto di vista del genere, un’Unione in cui le donne e gli uomini siano liberi di seguire il percorso scelto nella vita in tutta la loro diversità e abbiano pari opportunità nella società europea.

Inoltre, nel contesto dell’Anno europeo delle competenze 2023, la Commissione ha fissato l’obiettivo di abbinare le aspirazioni e le competenze delle persone alle opportunità sul mercato del lavoro, invitando a colmare il divario tra le donne laureate e la loro occupazione nelle carriere STEM.

Analogamente, nella revisione del 2023 dei piani nazionali per l’energia e il clima, gli Stati membri sono stati invitati a indicare piani d’azione specifici per promuovere posti di lavoro per le donne nel campo dell’energia pulita e ridurre gli squilibri di genere in tale settore.

L’UE ha un ruolo fondamentale da svolgere nel rafforzamento della parità di genere e dell’inclusione, e necessita di maggiori iniziative su questo percorso, in particolare per contrastare il fenomeno della leaky pipeline e garantire una transizione giusta sotto il profilo del genere.

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 4NO NEW POSTS