E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I finanziamenti e gli investimenti negli enti locali e regionali devono essere protetti.
I partner europei del dialogo sociale settoriale per i sindacati dei governi locali e regionali sono preoccupati per la revisione delle regole di governance economica dell’UE.


Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE/CEMR) e la Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (FSESP) temono che la proposta riduzione della spesa pubblica possa avere un impatto negativo sui servizi essenziali forniti dai governi locali e regionali.

Le istituzioni dell’UE stanno attualmente riformando il quadro di governance economica dell’UE. I calcoli del Bruegel Institute indicano che diversi Stati membri dovranno ridurre la spesa pubblica nel 2025 e nei prossimi anni, spesso nell’ordine di miliardi di euro, nell’ambito di questo mandato.

Questa non sarebbe la prima volta che l’UE dà indicazioni agli Stati membri per ridurre la spesa pubblica, scrive il CCRE/CEMR sul proprio sito. Gli effetti di tali misure hanno avuto un forte impatto sui finanziamenti ai governi locali e regionali e, quindi, sulla loro capacità di fornire servizi di qualità ai cittadini. I governi locali sono i primi a rispondere ai bisogni immediati dei cittadini: forniscono servizi che consentono a tutte le nostre comunità di prosperare. Dalla pubblica amministrazione all’edilizia abitativa e ai servizi sociali, dai vigili del fuoco alla raccolta rifiuti: sottofinanziare significa mettere a repentaglio l’erogazione e la qualità dei servizi ai cittadini.

I finanziamenti insufficienti per i governi locali e regionali aggravano le disuguaglianze e le disparità tra regioni e comuni, nonché tra aree rurali e urbane. Senza risorse adeguate, gli enti locali e regionali faticano ad affrontare questioni urgenti quali la disoccupazione, la carenza di manodopera e di competenze, le condizioni di lavoro, l’inclusione sociale e la transizione digitale e verde.

Inoltre, le riduzioni della spesa pubblica colpiscono più duramente le donne. Il sottofinanziamento contribuisce alla persistenza del divario retributivo di genere nell’UE, dato che la maggioranza dei lavoratori del settore sono donne, spesso a bassa retribuzione. Inoltre, le donne dipendono maggiormente dai servizi pubblici locali.

Inoltre, i governi locali e regionali garantiscono la democrazia e la parità di accesso per tutti i cittadini. A soli due mesi dalle elezioni europee, è importante ricordare che sottofinanziare i governi locali significa sottofinanziare le nostre democrazie.

Il CCRE/CEMR Esorta i politici europei a valutare attentamente le implicazioni che la riforma del quadro di governance economica avrà sui governi locali e regionali nell’UE. “L’impatto di queste norme non può ostacolare la capacità dei governi locali e regionali di adempiere al proprio mandato e fornire servizi essenziali ai cittadini. In quanto parti sociali settoriali nei governi locali e regionali, ci impegniamo a continuare a sostenere l’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali verso un’Europa sociale per tutti. Questa riforma economica non deve limitare questa ambizione europea”, afferma il CCRE/CEMR.

Il CCRE/CEMR si aspetta “regole di governance economica che proteggano i finanziamenti e gli investimenti di cui i governi locali e regionali hanno bisogno per servire le loro comunità con i servizi che i cittadini europei meritano”.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea comunica attraverso una nota stampa che una recente indagine Eurobarometro pubblicata conferma che l’88% dei cittadini europei ritiene un’Europa sociale importante a livello personale. Ciò è coerente con i risultati di un’indagine analoga pubblicata nel 2021 che dimostra che il pilastro dei diritti sociali rimane pertinente in Europa.

Il 60% degli intervistati è inoltre a conoscenza di almeno un’iniziativa chiave recente dell’UE volta a migliorare le condizioni di vita e di lavoro, come la direttiva volta a garantire salari minimi adeguati, la direttiva sull’equilibrio tra vita professionale e vita privata a sostegno di genitori e prestatori di assistenza che lavorano, e il Fondo sociale europeo Plus, che aiuta gli Stati membri a investire sulle persone, ad esempio finanziando programmi di formazione e progetti contro l’esclusione sociale.

Secondo l’indagine, a livello nazionale, quasi la metà degli intervistati (48%) ritiene che la lotta contro l’elevato costo della vita dovrebbe essere una priorità nel loro paese, seguita dalla questione dei salari bassi (35%).

L’indagine chiede anche quali priorità sociali siano più importanti per gli intervistati. A livello europeo gli intervistati ritengono che il tenore di vita (45%), condizioni di lavoro giuste (44%) e l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità (44%) siano elementi chiave per lo sviluppo sociale ed economico dell’UE.

Alla domanda su quali ambiti l’UE dovrebbe intervenire con misure concrete per preparare il futuro dell’Europa, gli intervistati si sono espressi a favore di iniziative volte a migliorare l’assistenza sanitaria (38%), i salari (34%) e reddito e pensioni di vecchiaia (30%). Il 74% ritiene inoltre che l’UE dovrebbe promuovere condizioni di lavoro migliori e norme sociali nei paesi terzi con cui ha in atto scambi, anche se ciò comportasse un leggero aumento dei prezzi per i cittadini europei.

I risultati dell’indagine sono presentati in vista della conferenza ad alto livello sul pilastro europeo dei diritti sociali del 15 e 16 aprile, organizzata dalla presidenza belga del Consiglio dell’Unione europea, con la partecipazione della Commissione, allo scopo di discutere delle priorità sociali future.

La Commisione europea mette a disposizione un’infografica con i risultati principali dell’indagine e a breve verrà pubblicata una relazione completa contenente i risultati dettagliati e una ripartizione dei risultati per paese.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea comunica di aver pubblicato il 14 febbraio la nuova relazione annuale sul mercato unico e sulla competitività.

Il rapporto descrive nel dettaglio i punti di forza competitivi e le sfide del mercato unico europeo, monitorando gli sviluppi annuali secondo i nove fattori di competitività individuati nella comunicazione dell’UE sulla competitività a lungo termine del 2023 . Si tratta del funzionamento del mercato unico, dell’accesso al capitale privato, degli investimenti e delle infrastrutture pubblici, della ricerca e dell’innovazione, dell’energia, della circolarità, della digitalizzazione, dell’istruzione e delle competenze, del commercio e dell’autonomia strategica aperta. La comunicazione del 2023 ha stabilito una serie di indicatori chiave di prestazione che fungono da quadro di riferimento dei progressi relativi a tali fattori. Sebbene sia troppo presto per stabilire tendenze stabili, il rapporto rileva che 9 KPI sono migliorati, contro 5 che non sono migliorati; 3 sono stabili e 2 non hanno ancora nuovi dati.

La relazione ricorda che il mercato unico è una delle aree di mercato integrate più grandi del mondo e che dà impulso all’economia dell’UE con un ampio bacino di domanda, fonti di approvvigionamento diversificate, opportunità di innovazione e aumento della produzione, forti diritti sociali e condizioni di lavoro eque, fungendo al tempo stesso da leva geopolitica. Sottolinea la necessità di rafforzare l’applicazione delle norme concordate e di semplificarne l’attuazione.

Per quanto riguarda gli investimenti, il rapporto conclude che gli investimenti pubblici si sono ripresi dai bassi livelli registrati dopo la crisi finanziaria, in parte grazie al dispositivo per la ripresa e la resilienza, mentre gli investimenti privati ​​rimangono elevati. Per aumentare la disponibilità di finanziamenti in capitale di rischio e di rischio e far crescere le imprese innovative, il rapporto raccomanda di rafforzare ulteriormente l’Unione dei mercati dei capitali, basandosi sulle iniziative già approvate a partire dal 2020. Indica inoltre gli appalti pubblici come strumento per sostenere il nostro ambiente verde e sostenibile. transizioni digitali in modo strategico.

Relazione annuale sul mercato unico e sulla competitività (ASMCR)

Documenti di lavoro del personale che accompagnano l’ASMCR

Quadro di valutazione del mercato unico

Relazione della task force per l’applicazione del mercato unico (SMET)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Una nuova pubblicazione di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’Unione europea, Key figures on European living conditions offre un’ampia panoramica delle condizioni di vita in Europa nel 2023.

La pubblicazione presenta visualizzazioni intuitive e i dati più recenti, per aiutare i lettori ad approfondire le principali caratteristiche delle famiglie e degli individui dell’UE in termini di reddito, inclusione sociale e condizioni di vita. Comprende anche indicatori per monitorare i progressi verso gli obiettivi del piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali.

Cifre chiave sulle condizioni di vita in Europa – edizione 2023

Sezione tematica sul reddito e sulle condizioni di vita<br>
Banca dati sul reddito e sulle condizioni di vita

Il piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato europeo dei diritti sociali (CEDS) ha presentato il suo Rapporto d’attività annuale 2022, mettendo in luce le questioni più pressanti in materia di diritti sociali in Europa. Lo rende noto il sito del Consiglio d’Europa.

L’anno 2022 è stato segnato dall’aggressione militare russa contro l’Ucraina, che ha avuto notevoli ripercussioni sulle attività del CEDS. Ciò ha portato all’esclusione della Russia dal Consiglio d’Europa, la quale, di conseguenza, ha cessato di essere Stato aderente alla Carta sociale europea. Tale aggressione ha avuto un impatto profondo sulla vita e sui diritti umani dei cittadini ucraini, in particolare sul loro accesso ai diritti sociali garantiti dalla Carta sociale europea.

Il rapporto è stato presentato durante una giornata a porte aperte sulla riforma del sistema della Carta. In tale occasione, il Vice Segretario generale Bjørn Berge ha sottolineato il fatto che “i diritti sociali sono il fondamento stesso di una società democratica. Garantiscono l’accesso all’alloggio e all’assistenza sanitaria, all’istruzione e all’impiego, nonché la protezione contro la povertà e l’esclusione sociale. Questi diritti sono fondamentali per la nostra dignità umana. E, laddove vengono rispettati, vediamo democrazie più forti, inclusive e sostenibili: società di cui possiamo essere orgogliosi”.

Nell’introduzione del rapporto annuale, la Presidente del CEDS Aoife Nolan ha sottolineato che “il CEDS elogia in particolare il dialogo rafforzato con gli Stati aderenti previsto dal Comitato dei Ministri e desidera portarlo avanti in modo costruttivo e in uno spirito di cooperazione. Ciò arriva in un momento in cui il contributo della Carta sociale europea alla promozione dell’uguaglianza e della giustizia sociale, quindi alla sicurezza e alla stabilità democratiche, è quanto mai chiaro e importante”.

Un significativo traguardo raggiunto nel 2022 è stata l’adozione da parte del Comitato dei Ministri di decisioni operative (riportate dettagliatamente nel rapporto CM(2022)114-final). Tali decisioni hanno apportato delle modifiche alla procedura di rapporto ai sensi della Carta, stabilendo delle disposizioni per i nuovi rapporti ad hoc che vertono in modo specifico su questioni cruciali o emergenti.

Durante il 2022, nel quadro della procedura di rapporto, il CEDS ha esaminato 33 rapporti presentati dagli Stati aderenti, giungendo all’adozione di 611 conclusioni. I problemi di non conformità individuati riguardavano orari e settimane di lavoro troppo lunghi, nonché una remunerazione inadeguata, la lotta contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro e le restrizioni al diritto di organizzazione e negoziazione collettive, compreso il diritto allo sciopero.

Inoltre, le conclusioni del CEDS riguardanti il monitoraggio da parte degli Stati delle decisioni sul merito dei reclami collettivi si sono incentrate, tra l’altro, sulle violazioni in materia di diritti del lavoro, sulle disparità salariali tra donne e uomini, sulle punizioni fisiche inflitte ai minori, sull’alloggio e sui diritti in materia di salute.

Il numero di reclami collettivi ha continuato a crescere, ponendo sfide alla capacità del CEDS di ridurre l’arretrato accumulato, nonostante il suo impegno risoluto. Nel contesto delle iniziative di riforma in corso, il CEDS ha sottolineato la necessità urgente di risorse adeguate per accelerare il trattamento dei reclami collettivi e ridurre l’arretrato.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2022, il 2,4% della popolazione dell’UE non poteva permettersi una connessione a Internet. Più alta, invece, la quota per le persone a rischio di povertà, pari al 7,6%. Rispetto al 2021, la situazione è migliorata di 0,3 punti percentuali (2,7%) per la popolazione totale e di 0,8 (8,4%) per le persone a rischio di povertà.Lo rende noto il sito di Eurostat, l’ufficio statistiche dell’UE.

Nel 2022, la differenza tra la popolazione totale e quella a rischio di povertà in termini di capacità di permettersi una connessione a Internet era visibile anche nei paesi dell’UE: la percentuale più alta di persone a rischio di povertà che non potevano permettersi una connessione a Internet è stata registrata nel Romania (25,0%), seguita da Bulgaria (20,5%) e Ungheria (16,5%). Le quote più basse sono state invece registrate in Danimarca e Finlandia (entrambe 1,0%), seguite da Cipro e Lussemburgo (entrambe 1,5%).

La capacità di permettersi una connessione internet per uso personale è tra le voci osservate a livello familiare per calcolare il tasso di grave deprivazione materiale e sociale. Questo è uno degli indicatori principali del pilastro europeo dei diritti socialiQuadro di valutazione sociale degli indicatori.

Sezione tematica Eurostat su reddito e condizioni di vita

Banca dati Eurostat sul reddito e sulle condizioni di vita

Sezione tematica Eurostat sul pilastro europeo dei diritti sociali

Banca dati Eurostat sul pilastro europeo dei diritti sociali

Piano d’azione UE per il pilastro europeo dei diritti sociali
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Unione europea ha celebrato il 17 novembre il quinto anniversario del pilastro europeo dei diritti sociali, in occasione del primo forum europeo sull’occupazione e i diritti sociali, facendo il punto sui progressi compiuti e guardando al futuro.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Sono trascorsi cinque anni dalla proclamazione del pilastro europeo dei diritti sociali al vertice sociale di Göteborg del 2017 da parte del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione. Da allora, questo impegno è stato ribadito al vertice sociale di Porto del 2021 dai leader dell’UE, dalle parti sociali e dalle organizzazioni della società civile. La Commissione ha presentato più di 130 iniziative per attuare il pilastro negli Stati membri e realizzare un’Europa sociale equa, inclusiva e ricca di opportunità.

Queste iniziative, scrive Bruxelles, spaziano dalla trasparenza e parità retributiva tra donne e uomini, salari minimi e investimenti nelle competenze, alla lotta alla povertà infantile, al reddito minimo e alla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori.

Dopo una forte ripresa socioeconomica dalla pandemia di COVID-19, precisa la Commissione, i principi del pilastro rimangono molto pertinenti nel contesto attuale, in cui molte famiglie stanno lottando per sbarcare il lunario, di fronte all’aumento dei prezzi esacerbato dall’invasione russa dell’Ucraina.

Nel marzo 2021 la Commissione ha presentato il piano d’azione per il pilastro europeo dei diritti sociali. Ad oggi, la grande maggioranza delle misure previste nel piano è già stata adottata o varata dalla Commissione.

I governi dell’UE hanno approvato gli obiettivi sociali UE 2030 inclusi nel piano d’azione del pilastro e hanno presentato i loro contributi nazionali al raggiungimento di tali obiettivi. Combinati, gli impegni degli Stati membri mettono l’UE fermamente sulla strada per il raggiungimento o addirittura il superamento degli obiettivi a livello di UE. Gli obiettivi nazionali sono il risultato di un intenso processo di consultazione da parte degli Stati membri, comprese le consultazioni interne con i principali attori sociali come le parti sociali, le organizzazioni non governative e le autorità locali.

I tre obiettivi a livello UE, da raggiungere entro il 2030, sono:

Almeno il 78% delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni dovrebbe essere occupato.

Almeno il 60% di tutti gli adulti dovrebbe partecipare alla formazione ogni anno.

Il numero di persone a rischio di povertà o esclusione sociale dovrebbe essere ridotto di almeno 15 milioni, di cui almeno 5 milioni di bambini, rispetto al 2019.

0

E-News, cplre, Ultime Notizie, Notizie
Alla 3a Conferenza Europea su Democrazia e Diritti Umani, organizzata a Kristiansand, Norvegia, il 5 maggio scorso, giorno in cui è ricorso il 73° anniversario della fondazione del Consiglio d’Europa,la Vicepresidente del Congresso Gunn Marit Helgesen ha sottolineato l’importanza della difesa dei diritti umani, in particolare sullo sfondo della guerra della Russia contro l’Ucraina che scuote l’ordine in Europa. La sig.ra Helgesen, che è anche presidente dell’Associazione norvegese degli enti locali e regionali (KS), ha sottolineato il ruolo specifico degli enti locali al riguardo.

“Nelle loro diverse funzioni, sindaci e consiglieri sono responsabili di una varietà di servizi pubblici legati, tra le altre cose, all’istruzione, alla sanità, all’edilizia abitativa, alle infrastrutture. Ciò comporta il loro obbligo di rispettare una serie di diritti umani. Devono garantire il rispetto dei principi di non discriminazione, uguaglianza e partecipazione democratica”, ha affermato.

Il contributo specifico del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa è quello di fornire ai governi locali e alle loro amministrazioni gli strumenti per adottare un approccio basato sui diritti umani alle politiche locali, ha spiegato il Vicepresidente, evidenziando la serie di Manuali sui diritti per gli enti locali e regionali”, pubblicato dal Congresso. “Si tratta di uno strumento concreto per incoraggiare comuni e regioni a sfruttare la loro vicinanza ai cittadini attraverso esempi di buone pratiche e raccomandazioni pratiche”.

Finora sono stati pubblicati due volumi dei manuali del Congresso sui diritti umani, incentrati sulla non discriminazione e sui diritti sociali. Un terzo volume, la cui pubblicazione è prevista per ottobre 2022, affronterà il ruolo degli enti locali nella lotta ai cambiamenti climatici. L’impatto delle nuove tecnologie e dell’intelligenza artificiale sui diritti umani a livello locale sarà al centro di un quarto volume previsto per il 2023.

Infine, la vicepresidente ha sottolineato l’importanza di difendere i diritti umani in Europa e di essere fermamente solidale con l’Ucraina e il suo popolo . “Il nostro ordine europeo – basato sulla pace, l’unità, i diritti umani e la democrazia – non è mai stato messo in discussione in modo così profondo come attraverso la guerra russa condotta contro l’Ucraina”, ha sottolineato. “Le grandi crisi che stiamo attraversando, in particolare l’attuale pandemia e la guerra di Putin in Ucraina, hanno sottolineato il ruolo preminente di sindaci, consiglieri comunali e governatori regionali in Europa”, ha concluso il vicepresidente del Congresso.

CONGRESSO, MANUALE DEI DIRITTI UMANI, vol. 1

CONGRESSO, MANUALE DEI DIRITTI UMANI, vol. 2
0